Corro da te

Film 2022 | Commedia, +13 113 min.

Regia di Riccardo Milani. Un film con Pierfrancesco Favino, Miriam Leone, Pietro Sermonti, Vanessa Scalera, Pilar Fogliati. Cast completo Genere Commedia, - Italia, 2022, durata 113 minuti. Uscita cinema giovedì 17 marzo 2022 distribuito da Vision Distribution. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,79 su 24 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Corro da te tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 16 marzo 2022

Single e affascinante seduttore, Gianni è un seduttore seriale. La sua vita però è destinata a cambiare quando conosce Chiara, una donna solare e dinamica che un incidente ha reso paraplegica. Ha vinto 2 Nastri d'Argento, In Italia al Box Office Corro da te ha incassato 2,4 milioni di euro .

Powered by  
Consigliato sì!
2,79/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,81
PUBBLICO 3,05
CONSIGLIATO SÌ
Una commedia garbata sul tema delicato della disabilità dal tono troppo altalenante.
Recensione di Paola Casella
giovedì 10 marzo 2022
Recensione di Paola Casella
giovedì 10 marzo 2022

Gianni ha quasi 50 anni e passa da un'amante all'altra, fingendo con ognuna di essere una persona diversa. Alla morte della madre si reca nella modesta casa in cui è cresciuto e incontra la vicina Alessia, che per sbaglio lo crede confinato ad una sedia a rotelle. Gianni alimenta l'equivoco perché Alessia si occupa di disabili e lui cerca di aggiungerla alla sua lista di conquiste. Ma la ragazza ha altri progetti: gli presenta la sorella Chiara, davvero paraplegica, sperando che fra i due scocchi la scintilla. Cosa che puntualmente succede anche se Gianni, che ha sempre evitato qualsiasi prossimità alle limitazioni fisiche, si auto convince che conquistare Chiara sarà un ennesimo modo per ribadire agli amici la sua fama di tombeur des femmes.

Corro da te è il remake italiano della commedia francese Tutti in piedi, che ha conquistato il pubblico d'oltralpe con un mix di political incorrectness e afflato romantico.

Dietro la riuscita di una storia fortemente improbabile c'era la vis comica e la reputazione trasgressiva del regista-sceneggiatore-interprete Franck Dubosc, che tenevano in piedi (perdonate il gioco di parole) il film e riuscivano a camminare sul filo teso di una comicità lievemente surreale e basata sul desiderio di trattare argomenti delicati come la disabilità senza moralismi e falsi pudori.

La versione italiana ha invece un problema di tono, perché alterna bruscamente le vicende e le caratterizzazioni dei personaggi - in particolare Gianni, che passa rapidamente dall'essere un cinico sguaiato alla Vittorio Gassman ad un tenero romantico - senza la necessaria gradualità e senza quella capacità tutta francese di rompere le righe mantenendo saldo lo schieramento. Un problema di tono rifratto in tante piccole disattenzioni che minano ulteriormente la credibilità dell'insieme, già messa fortemente in dubbio dalla premessa narrativa.

È chiaro che in una commedia la sospensione dell'incredulità è un requisito richiesto al pubblico, ma all'interno di questa sospensione bisogna potersi ancorare alla verità emotiva della storia, e in questo Corro da te è altalenante, benché i due attori protagonisti, Pierfrancesco Favino e Miriam Leone, facciano del loro meglio per dare credibilità ai loro personaggi.

Più riusciti i "caratteri" minori, come la segretaria Luciana (Vanessa Scalera) e l'amico Dario (Pietro Sermonti). Un passo sopra gli altri Piera Degli Esposti, alla sua ultima interpretazione, che in poche battute riesce a toccare la corda giusta, ovvero quella che avrebbe dovuto sottendere tutto il percorso funambolico del film: cinica ma di cuore, realista ma capace di riconoscere al volo il potere salvifico dell'amore.

Riccardo Milani dirige con il suo consueto garbo e la sua solida professionalità ma sacrifica il mordente insito in questa storia e si muove con troppa circospezione intorno ad una materia infiammabile.La commedia, anche quella romantica, non può camminare sulle uova, deve riuscire a romperle senza per questo fare di tutto una frittata. E qui i temi dolorosi cari alla commedia all'italiana c'erano tutti: non solo la disabilità, ma anche la paura della vecchiaia e della morte, e il desiderio di essere amati per quello che si è, senza doversi continuamente spacciare per qualcun altro.

Sei d'accordo con Paola Casella?

CORRO DA TE disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€14,99
€14,99
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 24 marzo 2022
thomas

Se è vero che, nel pendolo che regola la storia dell’umanità, i rapporti uomo donna pare stiano raggiungendo la massima oscillazione verso la loro misurazione in centimetri e ore, “Corro da te” ci racconta l’altra parte dell’oscillazione, quella un po’ démodé, che misura quei rapporti in empatia, abnegazione e, soprattutto “sacrificio”, una parola oggi quasi esecrabile.

sabato 16 luglio 2022
M. Giambrone

Una storia molto bella scritta da Dubosc, una pellicola interpretata da bravi attori. Mi riferisco al film originale "Tout le monde debout". Il senso di questo remake francamente mi sfugge. Nulla aggiunge infatti alla versione originale, che rimane altamente preferibile per la maggiore delicatezza della trama e la capacità degli attori di essere credibili sia nei momenti di comicità che in quelli drammatici [...] Vai alla recensione »

martedì 16 agosto 2022
andymerlino

Avevo visto l'originale francese "Tutti in piedi" ed è un film godibilissimo che mi era molto piaciuto. A parte il fatto che fare un remake italiano di un film francese così recente ha poco senso secondo me, ma questo clone l'ho trovato molto più banale e molto meno coinvolgente. La scelta degli attori è poco azzeccata, il film perde molto in credibilità [...] Vai alla recensione »

sabato 9 luglio 2022
Lizzy

Chiariamo una cosa: non metto una punto per il film in se...si tratta di una commedia divertente e recitata come si può... A parte la Leone che ormai la mettono pure sulla carta igienica e domani ce la ritroveremo a fare gli annunci in tv (ma non ci sono altre aspiranti attrici in Italia) e che ha la stessa espressività di un mattone forato in attesa di essere utilizzato, non posso dire [...] Vai alla recensione »

sabato 26 marzo 2022
Carlo

 Sono uscito dal cinema soddisfatto e orgoglioso delle idee cinematografiche, dei soggetti di noi italiani.... e poi scopro che si tratta di un film fotocopia! Anche le battute dei passaggi cruciali sono identiche! Mah... comprendo che sia giusto sostenere la cinematografia italiana, ma che c'è di nostro in questo film? L'interpretazione? La regia? Cose che non mi hanno convinto: [...] Vai alla recensione »

martedì 22 marzo 2022
Dario B8S

A prescindere dall'eventuale bravura dei protagonisti, con un Favino che si muove tra i ruoli del cinico e del patetico, tipici della commedia all'italiana, il film ricalca un format ormai abbastanza frusto del cinema francese, sul modello di "Quasi amici". Il messaggio che passa non è dei più esaltanti: la disabilità è accettabile in un contesto nel quale [...] Vai alla recensione »

sabato 29 ottobre 2022
carlo

Solita commedia, solito argomento, poche novità. Purtroppo in assenza di idee e di scrittori ci teniamo questi film che, seppur ben girati e di alta qualità (e sicuramente costo) produttiva, sembrano girati per far girare le solite facce al cinema. Non c'è scrittura, si offende il pubblico che ancora una volta deve masticare chewingum col cervello e aspettare che il film finisca. Andiamo avanti.

lunedì 15 agosto 2022
MAE

Commedia gradevole che deve molto alla bravura degli attori, Favino, come sempre bravo. Miriam Leone, deliziosa. La Scalera si conferma un'attrice capace, divertente, ironica, strafottente quanto basta. Piera Degli Esposti sempre una eccellenza, peccato che compaia poco nel film.

martedì 5 aprile 2022
Umberto

CORRO DA TE... Niente di nuovo dalla vena creativa di Riccardo Milani. Una commedia romantica classica che, come ormai troppo spesso accade, tratta un classico tema sociale, in cui il valore aggiunto viene dato dalla coppia Favino-Leone, ma soprattutto da una superba Vanessa Scalera, l'unica capace di dare brio a tutta la storia. Voto: 7

martedì 5 aprile 2022
Umberto

CORRO DA TE... Niente di nuovo dalla vena creativa di Riccardo Milani. Una commedia romantica classica che, come ormai troppo spesso accade, tratta un classico tema sociale, in cui il valore aggiunto viene dato dalla coppia Favino-Leone, ma soprattutto da una superba Vanessa Scalera, l'unica capace di dare brio a tutta la storia. Voto: 7

domenica 20 marzo 2022
Fabiuz62

È un remake, ma ha una freschezza tutta propria, derivata probabilmente da un ottimo cast dove tutti sono al posto giusto, dalla bellissima Miriam Leone, al sempre ottimo Favino, alla brillante Fogliati, ecc... Tratta il tema della disabilità senza luoghi comuni sapendo anche divertire. non posso che consigliarlo..l

martedì 5 luglio 2022
Fabio Silvestre

L'inizio di questo film non mi ha particolarmente entusiasmato ritrovando Pierfrancesco Favino nel ruolo di Gianni 49enne proprietario di High Speed (casa di produzione di scarpe sportive) intento ad andare a letto con diverse donne creando su sé stesso diversi personaggi pur di conquistare le "prede" per poi vantarsi al circolo con gli amici.

lunedì 21 marzo 2022
danielecollegno82

Lo consiglio a tutti !

Frasi
Bella persona che sei...
Una frase di Dario (Pietro Sermonti)
dal film Corro da te - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 24 aprile 2022
Giovanni Spagnoletti
Close-up

Evidentemente la commedia in Italia è a corto di idee, visto che si ricorre sempre più spesso a remake, riattati per il nostro paese, di film stranieri, in particolare francesi o spagnoli. Tale "moda" che non saprei come definire se non una semplice ma banale penuria di efficaci copioni originali e/o buone idea a disposizione, ha contagiato anche un bravo professionista come Riccardo Milani che nel [...] Vai alla recensione »

sabato 2 aprile 2022
Francesca Monti
L'Osservatore

Gianni è un seduttore seriale, cinico e menzognero. Chiara è una violinista che non rinuncia a nessuna delle sue passioni, inclusa quella sportiva, nonostante un incidente l'abbia costretta su una sedia a rotelle. Come da manuale, pur di soddisfare il desiderio di conquista lui si fingerà paraplegico, dando vita a ima sequela di malintesi e colpi di scena.

venerdì 1 aprile 2022
Sylvia Bartyan
Ciak

Gianni, conquistatore seriale e poco selettivo di ragazze, ha una tecnica particolare di seduzione: finge di essere persona diversa da sé inventando identità, professioni, interessi e storie di vita non sue per far invaghire le sue prede amorose. Ogni sua avventura diventa un divertente passatempo per gli amici di sempre che vivono vite meno movimentate e partecipano con interesse ai racconti variopinti [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 marzo 2022
Fabio Canessa
Il Tirreno

Un ricco e cinico imprenditore, dongiovanni ancora più spietato, per una scommessa con gli amici decide di sedurre una ragazza disabile costretta sulla sedia a rotelle fingendosi anche lui paralitico. Il soggetto sarebbe degno di una commedia all'italiana di Risi o Monicelli o del geniale Marco Ferreri, invece oggi è copiato da un film francese di successo del 2018.

lunedì 21 marzo 2022
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

Gianni (Pierfrancesco Favino) è un dongiovanni seriale che usa ogni trucco per conquistare le donne. Ricco, bugiardo, privo di scrupoli morali, l'uomo ama le sfide seduttive, per raccontarne poi l'esito a un ristretto gruppo di amici. Un giorno, mentre rovista nella casa della defunta madre, viene scambiato per un disabile in sedia a rotelle da una vicina di casa e decide di coltivare l'equivoco: è [...] Vai alla recensione »

sabato 19 marzo 2022
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Il futuro della cinema italiano è finito nel remake di una commedia francese (neanche il primo, e per un po' ci sono stati anche gli spagnoli da copiare). Son cose incomprensibili: non sono film tanto lontani nel tempo che uno non se li ricorda, e non si capisce neanche il gusto di vedere i soliti attori italiani che si rincorrono da un film all'altro, per non parlare delle comparsate promozionali [...] Vai alla recensione »

sabato 19 marzo 2022
Nicolò Barretta
La Voce di Mantova

Gianni è un quasi cinquantenne in carriera che ha tutto quello che un uomo potrebbe desiderare dalla vita: un fisico aitante e sportivo, una posizione sociale invidiabile e un talento unico nel conquistare le donne. Ma quando l'uomo incontra Chiara, una donna paraplegica solare e dinamica, musicista per lavoro e tennista per passione, inizia a provare per lei un sentimento che fino ad ora, in cerca [...] Vai alla recensione »

sabato 19 marzo 2022
Lara Ampollini
La Gazzetta di Parma

Fit, smart, young. Sono le parole d'ordine dell'azienda di Gianni, che produce scarpe da running, ma anche i pilastri su cui si fonda la sua vita di seduttore quasi cinquantenne. E' il perfetto rappresentante di una generazione che corre per inseguire la forma fisica ma anche per fuggire da impegni e responsabilità. Camicia slim, auto sportiva, repertorio pronto effetto per l'acchiappo sicuro.

venerdì 18 marzo 2022
Serena Nannelli
Il Giornale

Corro da te, la nuova commedia di Riccardo Milani appena uscita al cinema, è un delizioso mix di comicità politicamente scorretta e romanticismo. Protagonista è l'inedita coppia attoriale formata da Miriam Leone e Pierfrancesco Favino, impegnata a rendere credibile una vicenda che sa ironizzare con garbo su un argomento delicato come quello della disabilità.

venerdì 18 marzo 2022
Marco Contino
Il Mattino di Padova

Gianni (Pierfrancesco Favino) ha 50 anni (anzi 49, preciserebbe lui). È il prototipo dell'uomo ricco e cinico, che ama le donne per una sera, bugiardo patologico, ego smisurato. Per un equivoco, si fa credere paraplegico e conosce Chiara (Miriam Leone) che su una sedia a rotelle ci sta per davvero, fa la violinista ed ha imparato ad accettare la propria condizione di disabile.

giovedì 17 marzo 2022
Alessio Baronci
Sentieri Selvaggi

Quello di Riccardo Milani è sempre più un cinema attratto dallo spazio sociale, che prova a riflettere su alcune delle questioni centrali del contesto civile in cui si inserisce. Dopo il confronto tutto politico tra periferia/centro di Come un gatto in tangenziale: Ritorno a Coccia Di Morto, al centro di Corro da te c'è infatti il delicato racconto della disabilità e la necessità di costruire narrazioni [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 marzo 2022
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Non ci sono dubbi sul fatto che Riccardo Milani sia il regista più in palla quando si tratta di girare una commedia nazional-popolare. Basta rileggere la sua cinematografia degli ultimi anni, contrassegnata da titoli come Benvenuto Presidente!, Scusate se esisto!, Mamma o papà?, Ma cosa ci dice il cervello e, di recente, i due Come un gatto in tangenziale e il sequel Ritorno a Coccia di Morto.

giovedì 17 marzo 2022
Alberto Crespi
La Repubblica

Yuppy e dongiovanni si finge disabile per conquistare una bellissima ra-gazza che, disabile, lo è davvero. Miracolo di Milani (Riccardo, regista): rifacendo il francese Tutti in piedi riesce a disegnare un ritratto di "maschio alfa italiano" fra i più feroci e disturbanti dai tempi di Gassman e di Sordi (che avrebbero potuto fare un ruolo simile nei loro primi 40 anni).

giovedì 17 marzo 2022
Alessandra De Luca
Avvenire

Alla soglia dei cinquant'anni Gianni, proprietario di un celebre brand di scarpe da corsa, in- segue carriera, donne e forma fisica. Complice un equivoco, nel- l'appartamento della madre appena defunta, l'uomo viene ritenuto disabile da Alessia, giovane e bella vicina di casa, che lo invita dai genitori per presentargli la sorella Chiara, costretta su una sedia a rotelle, ma talentosa violinista e [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 marzo 2022
Francesca Filiasi
Cult Week

Gianni lo conosciamo tutti: è uno di quei bellimbusti che, a cavallo dei cinquant'anni, ci danno dentro come matti a danno di ogni donna che respiri. Insomma, fra un'assonanza e l'altra, avete capito. Belloccio, anzi più che belloccio, simpatico e sicuro di sé, Gianni è affetto da quello che definirei un moderato disturbo da deficit di attenzione e iperattività, che se da una parte gli consente di [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 marzo 2022
Giulia Lucchini
La Rivista del Cinematografo

Da Correre contro (1997) a Corro da te (2022) non è la prima volta che Piefrancesco Favino affronta la disabilità al cinema. Si può dire che non è nuova all'argomento neanche Miriam Leone, che da poco in Marilyn ha gli occhi neri ha interpretato una ragazza con un disagio psichico in un centro diurno (2021). Una novità però c'è: la coppia Favino-Leone è inedita sul grande schermo e funziona, anzi, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 marzo 2022
Tiziana Morganti
Asbury Movies

Gianni ha 49 anni, un fisico atletico ed una faccia da schiaffi. Nella vita è un uomo di successo, titolare di un'azienda che produce scarpe sportive, ma nella vita privata non conosce stabilità. Il suo sport preferito, oltre alla corsa, è la conquista compulsiva che persegue con un costante cambiamento d'identità donna dopo donna. Il suo desiderio di piacere e conquistare l'attenzione femminile è [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 marzo 2022
Giovanna Asia Savino
Cineclandestino

L'amore, quello vero, non conosce ostacoli e barriere. Capita a tutti di innamorarsi, prima o poi. È quel che accade a Gianni (Pierfrancesco Favino), cinquantenne, single incallito, che colleziona relazioni di una notte, protagonista di Corro da te, l'undicesimo lungometraggio di Riccardo Milani, che dopo i due capitoli di Come un gatto in tangenziale, campioni di incasso al botteghino, ritorna al [...] Vai alla recensione »

martedì 15 marzo 2022
Ilaria Falcone
NonSoloCinema

Andate, o correte, al Cinema a gustarvi questa divertente commedia, scritta con affetto e ironia e interpretata da un'affiatata ed eccellente compagnia di attori. "È un film che racconta la civilta` del nostro tempo - afferma il regista Riccardo Milani - che purtroppo spesso si esprime attraverso un modello di societa` che seleziona e coltiva la bellezza fisica, aspirando ad una comunita` in cui sono [...] Vai alla recensione »

martedì 15 marzo 2022
Simone Emiliani
Film TV

Tutto parte dai piedi, dalle scarpe. Da lì Corro da te segna la velocità, gli scatti, gli arresti. Gianni, quasi cinquantenne, è un uomo in carriera e un single che passa da una conquista all'altra. A causa di un fraintendimento, è costretto a usare la sedia a rotelle ogni volta che vede Chiara, una ragazza paraplegica piena di vita da cui resta subito affascinato.

sabato 12 marzo 2022
Raffaele Meale
Quinlan

Per arrivare a Corro da te forse può essere utile partire da due date, il 21 settembre 2007 e il 21 marzo 2013, vale a dire le uscite in sala rispettivamente di Piano, solo e Benvenuto Presidente!: lo spazio che intercorre tra questi due giorni è quello che vede Riccardo Milani lontano dal grande schermo, impegnato a lavorare in televisione su serialità di enorme successo, da Tutti pazzi per amore [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 marzo 2022
Michele Anselmi
Cinemonitor.it

C'era bisogno di rifare una commedia francese del 2018, in Italia uscita col titolo "Tutti in piedi", per estrarne qualcosa, uguale e diverso, più in linea con i nostri gusti? Dipende. Vision Distribution e Wild Side avranno pensato che, visti gli scarsi incassi dell'originale, ci fossero margini per una rilettura affidata a un esperto regista pop come Riccardo Milani e a due attori sulla cresta dell'onda [...] Vai alla recensione »

martedì 1 febbraio 2022
Alessandra De Luca
Ciak

Alla soglia dei cinquant'anni Gianni, proprietario di un celebre brand di scarpe da corsa, insegue la carriera, molte donne e la forma fisica, alle quali dedica tutte le proprie energie. A causa di un equivoco, nell'apparta-mento della madre appena defunta, l'uomo casualmente seduto su una sedia a rotelle viene ritenuto disabile da Alessia, giovane e bella vicina di casa, che lo invita dai genitori [...] Vai alla recensione »

NEWS
HOMEVIDEO
martedì 5 luglio 2022
 

Il remake italiano del film francese di successo Tutti in piediVai all'articolo »

BOX OFFICE
lunedì 28 marzo 2022
Andrea Chirichelli

Una domenica povera di incassi, riserva almeno una bella sorpresa al cinema italiano: Corro da te ottiene 177mila euro, vola a 1,4 milioni e supera per la prima volta The Batman, che si ferma a 162mila euro, per un totale di 9,2 milioni.

BOX OFFICE
venerdì 18 marzo 2022
Andrea Chirichelli

Il primo posto rimane saldamente nelle mani di The Batman che raggiunge i 7,4 milioni complessivi. Scopri la classifica »

POSTER
lunedì 21 febbraio 2022
 

Basato sul film Tout le Monde Debout scritto e diretto da Franck Dubosc. Un film di Riccardo Milani con Pierfrancesco Favino e Miriam Leone. Guarda il poster »

NEWS
venerdì 28 gennaio 2022
 

Single e affascinante seduttore, Gianni è un seduttore seriale. La sua vita però è destinata a cambiare quando conosce Chiara, una donna solare e dinamica che un incidente ha reso paraplegica. Vai all'articolo »

TRAILER
martedì 11 gennaio 2022
 

Regia di Riccardo Milani. Un film con Pierfrancesco Favino, Miriam Leone, Vanessa Scalera, Michele Placido, Giulio Base. Da giovedì 10 febbraio al cinema. Guarda il trailer »

winner
miglior commedia
Nastri d'Argento
2022
winner
miglior attrice commedia
Nastri d'Argento
2022
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati