L'amore criminale

Un film di Denise Di Novi. Con Rosario Dawson, Katherine Heigl, Geoff Stults, Whitney Cummings, Cheryl Ladd.
continua»
Titolo originale Unforgettable. Thriller, Ratings: Kids+13, durata 100 min. - USA 2017. - Warner Bros Italia uscita giovedì 27 aprile 2017. MYMONETRO L'amore criminale * 1/2 - - - valutazione media: 1,63 su 5 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente no!
1,63/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * 1/2 - - -
 critica * 1/2 - - -
 pubblicon.d.
Una donna decide di rendere un inferno la vita della nuova moglie del suo ex-marito.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Il film si accontenta di essere un thriller molto già visto e troppo involontariamente comico
Paola Casella     * 1/2 - - -

Julia è la brillante caporedattrice di un web magazine e sta per sposarsi con David, giovane imprenditore di successo. Tutto sembrerebbe andare a gonfie vele ma c'è un fantasma del suo recente passato: l'ex compagno Miguel, incarcerato per violenza domestica ed appena uscito di prigione, minacciando di sconvolgere di nuovo la vita di Julia. Ma c'è un'altra minaccia, ben più oscura, all'orizzonte ed è Tessa, ex moglie di David e madre della piccola Lily. Quando Julia si trasferisce a casa di David, Tessa si vede portar via la sua (ex) vita e l'affetto della figlia, e mette in cantiere una serie di azioni di sabotaggio contro la nuova arrivata.
L'amore criminale si inserisce nel filone cinematografico assai ricco e ben codificato che mette al centro la rivalità fra un'ex moglie e una nuova compagna, da Rebecca, la prima moglie fino al recente La ragazza del treno. Ma L'amore criminale dimentica di inserire due elementi chiave: la profondità psicologica e l'ironia. Sul primo fronte Denise Di Novi, alla prima prova come regista dopo una lunga e illustre carriera come produttrice, utilizza in modo insufficiente la sottotrama che vede Julia rifiutare il proprio ruolo di vittima.
L'insicurezza che le ha inoculato Miguel è il suo tallone d'Achille, ma la sceneggiatura (scritta da David Leslie Johnson e Christina Hodson) non mostra traccia del coraggio con cui la donna ha denunciato il suo ex compagno: quando incomincia a ricevere telefonate anonime, ad esempio, Julia non pensa nemmeno di rivolgersi alla polizia, seppur di nascosto da David. Anche la spiegazione della follia di Tessa come il frutto di un'infanzia nelle grinfie di una "mammina cara" che pare uscita da La fabbrica delle mogli è ridotta ad un paio di cenni en passant. Nessuna delle due donne, tra l'altro, sembra avere altro da fare che indulgere nella reciproca antipatia: Julia non scrive più un rigo da quando si è trasferita da David (ma non era una brillante caporedattrice?) e Tessa trascorre le sue giornate (e nottate) a fare hackeraggio al computer o ad appostarsi sotto casa della rivale.
Ma è sul fronte dell'ironia che L'amore criminale perde la sua occasione d'oro: sembrerebbe infatti fatto apposta per collocarsi nell'universo camp, e invece sceglie di mantenere un tono medio(cre). Il fatto che dietro la cinepresa (e per metà alla scrittura) ci sia una mano femminile avrebbe potuto dare luogo ad una satira feroce, capace di fare leva sugli stereotipi di genere (sia sessuale che cinematografico) per creare qualcosa di veramente nuovo. In questa chiave il film avrebbe potuto permettersi di essere fortemente metaforico, richiamando in superficie alcune paure profonde legate al femminile: essere soppiantata da un modello più nuovo e compiacente, o viceversa non reggere il confronto con una ex bellissima e investita della "sacralità materna". Infine L'amore criminale ignora completamente quello che avrebbe potuto essere uno dei punti cardine della storia, ovvero il fatto che Julia è ispanica e proviene da un quartiere povero in quella California che Trump vorrebbe separare con un muro dal Messico, mentre Tessa è la quintessenza della ricca wasp nata e cresciuta nel benessere.
La contrapposizione fra una figlia di immigrati vitale e sanguigna e una bramina algida e intenzionata a non cedere nessuno dei propri privilegi "di nascita" sarebbe stata orttima materia per un film sui rapporti interraziali negli Stati Uniti (alla Scappa!, per intenderci) dalle potenti sfumature politiche. Invece L'amore criminale si accontenta di essere un thriller molto già visto e troppo involontariamente comico (senza arrivare al deliziosamente trash). Ciò che salva il film è la confezione glamour, una certa capacità registica, e soprattutto l'appeal delle due attrici protagoniste, che si propongono come modelli di femminilità contrapposta ma egualmente arrapante: Katherine Heigl è la stronza fighetta che al liceo non degnava nessuno di uno sguardo, Rosario Dawson la latina dolce e caliente capace di trasformarsi in una tigre (anche a letto). E pur nello stereotipo rampante, le due interpreti sono infinitamente guardabili. In mezzo, più stereotipato di tutti, c'è l'anonimo Geoff Stults nei panni del classico maschio frescone: sarebbe stato molto più divertente se il suo David avesse mantenuto una maggiore ambivalenza nei confronti di quelle due gnocche spaziali che la sorte gli ha dato per compagne, senza che lui possieda alcuna virtù (salvo, forse, gli addominali scolpiti) per meritarsele.

Stampa in PDF

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film L'amore criminale adesso. »

Lui, lei, l'altra il solito triangolo con maschio così così

di Paolo D'Agostini La Repubblica

Di vicende coniugali sinistre dove uno dei due perseguita l'altro cercando talvolta di farlo passare per pazzo (ma di solito la vittima è femmina e il carnefice è lui), è pieno il cinema. Rebecca e Notorius di Hitchcock come Angoscia di Cukor con la medesima Ingrid Bergman, per il passato; in tempi più prossimi Le verità nascoste di Zemeckis, L'amore bugiardo di Fincher, La ragazza del treno con Emily Blunt. Ora, a sfigurare al confronto, il banale horror (tale in fondo è) L'amore criminale. La variante c'è. »

Non togliete al soldato Dawson la sua anima guerriera

di Fulvia Caprara La Stampa

Gli uomini preferiscono le bionde. E sbagliano. Almeno quando si imbattono in quelle algide e vendicative come Tessa (Katherine Heigl), antagonista di Julia (Rosario Dawson) nel thriller di Denis Di Novi L'amore criminale. La contrapposizione tra le due, un'ex-moglie che non demorde e una nuova compagna con qualche scheletro nell'armadio, è un classico tema del cinema. Sicuramente accattivante, e sempre suscettibile di nuovi sviluppi. Stavolta, però, la tensione si scioglie nella comicità involontaria e il gioco sadico di Tessa, sostenuto dall'uso spericolato dei social, è più prevedibile che avvincente. »

Rozzo dramma della gelosia

di Massimo Bertarelli Il Giornale

Indecente giallo psicologico, tanto prevedibile quanto rozzo, per di più rigonfio di inutile violenza. L'imprenditore David vive felice con la fidanzata Julia e la figlia di primo letto Lily. La perfida Tessa, gelosa moglie defenestrata, e madre della bambina, si rode il fegato. Adesso te la farò pagare. Se la smorfiosa strega Katherine Heigl è di un'antipatia stratosferica, Rosario Dawson è di una cretineria commovente. Da Il Giornale, 27 aprile 2017 »

Se la moglie è una dark lady il divorzio diventa una sfida

di Francesco Alò Il Messaggero

La produttrice di quasi tutto Tim Burton esordisce alla regia con un film dal sapore di cronaca nera. Cronaca perché sembra che a Hollywood stia tornando una paranoia afroamericana legata all'attualità post-obamiana e soprattutto post-trumpiana (il successone Scappa: Get Out segnerà la nostra estate?). Nera perché la protagonista è la divina Rosario Dawson, black star qui nei panni di una signora in procinto di sposarsi con un simpatico imprenditore bianco nella ricca California del Sud. E se l'ex moglie wasp (Katherine Heigl), bianca come il latte di carnagione ma dark lady nel profondo dell'anima, non fosse d'accordo a farsi sostituire nel talamo e nei salotti bene da quella sventola di colore? Bravissime le attrici con la Dawson sempre più matura e una strepitosa Heigl, algida e manipolatoria come la Marcia Cross di Desperate Housewives (le somiglia molto). »

L'amore criminale | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Trailer
1 | 2 |
Immagini
1 | 2 |
Link esterni
Uscita nelle sale
giovedì 27 aprile 2017
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità