•  
  •  
Apri le opzioni

Tim Robbins

Tim Robbins (Timothy Francis Robbins) è un attore statunitense, regista, produttore, scrittore, sceneggiatore, è nato il 16 ottobre 1958 a West Covina, California (USA).
Nel 2004 ha ricevuto il premio come miglior attore non protagonista al Golden Globes per il film Mystic River. Dal 1992 al 2004 Tim Robbins ha vinto 6 premi: Festival di Cannes (1992), Festival di Venezia (1993), Golden Globes (1993, 2004), Premio Oscar (2004), SAG Awards (2004). Tim Robbins ha oggi 64 anni ed è del segno zodiacale Bilancia.

Un uomo dall'animo libero

A cura di Francesca Pellegrini

Interprete, sceneggiatore, producer, regista e compositore dal fascino magnetico, Tim Robbins, grazie a quella sua sensibilità e vivida intelligenza, a metà degli anni Novanta è stato eletto dall'Empire Magazine uno degli uomini più sexy del cinema, nonché inserito nella lista delle100 star di maggior rilievo.
La notte del 29 Febbraio 2004, inoltre, corona la luminosa carriera con l'Academy Awards come Miglior Attore non Protagonista, ricevuto per la toccante-straziante prova in Mystic River. Il tormentato personaggio di Dave Boyle è stato creato da Robbins miscelando sapientemente le due anime che da sempre hanno caratterizzato le sue performance: l'ingenuità da un lato (Genio per Amore), e la l'ambiguità dall'altro (Arlington Road).

Gli inizi
Ultimo di quattro figli - David, Adele e Gabrielle - Tim nasce a West Covina da Gil, cantante folk, e Mary, impiegata presso una casa editrice. Poco dopo la sua venuta, la famiglia Robbins, di impostazione cattolico-liberale, si stabilisce al Greenwich Village della Grande Mela: è qui che il padre del bimbo entra a far parte della celebre band degli Highwaymen.
Il debutto nel mondo dello showbiz avviene proprio con papà, cantando la canzone di protesta "Ink is Black but the Page is White". Appena dodicenne marcia su Washington per protestare contro la guerra in Vietnam ed entra nella compagnia Theatre for the New City, dove vi rimane sino al 1970. Nel frattempo frequenta la scuola di arte drammatica alla Stuyvesant High School. Durante il liceo, viene cacciato dal team di hockey per aver causato una rissa.
Conseguito il diploma, il ragazzo studia per un breve periodo alla State University di Plattsburgh. Ben presto però, cambia idea e si trasferisce a Los Angeles dove si iscrive alla UCLA: per mantenersi lavora come cameriere allo Hillcrest Country Club. Giocatore di softball nella squadra dell'università, il giovane, laureatosi nel 1981, fonda con i suoi compagni la Actor's Gang: un gruppo di recitazione davvero all'avanguardia che metterà in risalto la figura di Tim anche come regista teatrale.

L'amore con Susan Sarandon e la notorietà
Dopo aver ottenuto particine in produzioni televisive come A cuore aperto e Santa Barbara, ed essere stato scritturato in film quali Top Gun e Howard... e il destino del mondo, Robbins nel 1988 gira Bull Durham - Un gioco a tre mani: il set fu galeotto. Nel corso delle riprese infatti, il divo incontra la splendida Susan Sarandon: tra i due è amore a prima vista. La coppia, convolata a nozze in quello stesso anno, ha due figli: Jack Henry e Miles Guthrie. Ma a fine 2009 l'idillio tra i due si infrange e, attraverso un comunicato stampa, annunciano la loro separazione. Arriva la notorietà e con essa i tanto agognati ingaggi dai cineasti più prestigiosi: è il1992 quando Robert Altman lo dirige ne I Protagonisti, pellicola che vale all'attore un Golden Globe, nonché il premio speciale al Festival di Cannes. Tra Robbins e Altman nasce un forte sodalizio che si concretizza in opere corali come America Oggi e Prêt-à-Porter. In seguito Tim si trova dietro la macchina da presa della pluri-insignita parodia politica Bob Roberts. Nel 1993 è co-presentatore della cerimonia degli Oscar: quella sera è riuscito con la moglie ad attirare l'attenzione del pubblico sul problema dei centinaia di haitiani malati di AIDS internati nella base americana di Cuba, Guantanamo Bay.
Dodici mesi dopo, ci incanta nelle candide vesti di Mister Hula Hoop nel cult di Joel ed Ethan Coen.

Le ali della libertà e Dead Man Walking
Siamo nel 1994, ed è qui che vediamo la nostra poliedrica stella di Hollywood incarnare in modo sublime e ipnotico l'astuto detenuto Andy Dufresne nel capolavoro di Frank Darabont: Le Ali della Libertà. Basato su un racconto di Stephen King, il lungometraggio racconta le strazianti ma tuttavia sorprendenti vicissitudini di un timido bancario, accusato di aver ucciso la moglie e quindi obbligato a scontare la sua esistenza nella prigione di Stato "Shawshank".
L'anno seguente, Robbins partorisce lo struggente Dead man walking - Condannato a morte, tratto dal romanzo di Sister Prejean. L'opera è un'aspra denuncia contro la pena di morte e conferma, ancora una volta, il forte impegno politico dell'artista. Il dramma carcerario da lui diretto riscuote un successo sbalorditivo tanto da fargli conseguire, tra gli altri, una candidatura agli Academy per la miglior regia, nonché la statuetta per la Migliore Attrice Protagonista, destinata alla consorte Susan Sarandon.

Gli anni Duemila
Alle porte del nuovo millennio, il divo schizza nello spazio di Brian De Palma in Mission to Mars e, al fianco dei vecchi amici John Cusack e Jack Black, si mette di fronte all'obiettivo di Stephen Frears nel frizzante Alta Fedeltà. Successivamente lo troviamo nel cast del fantascientifico La Guerra dei Mondi, in quello di Catch a Fire, nonché in quello della commedia Noise.
Negli ultimi anni alterna blockbuster (come Lanterna verde) a film d'autore come La vita segreta delle parole di Isabel Coixet e Perfect Day, dello spagnolo Fernando Léon de Aranoa (presentato nel 2015 al Festival di Cannes). Democratico e conservatore, Robbins, oltre a profondersi in campo politico e umanitario, è famoso anche per essere un tifoso sfegatato di baseball e di hockey sul ghiaccio. In entrambi gli sport, la squadra del cuore è naturalmente quella della sua città, New York: stiamo parlando dei Mets e dei Rangers.

Ultimi film

Drammatico, (USA - 2019), 126 min.
Drammatico, (Spagna - 2015), 106 min.

Focus

CELEBRITIES
giovedì 16 ottobre 2008
Tirza Bonifazi Tognazzi

È tutta una questione di "altezza" Con il suo metro e novantaquattro Tim Robbins è l'attore più alto della storia del cinema ad avere ricevuto un Oscar. Ma a Hollywood è riconosciuto soprattutto per il suo impegno politico - già da bambino affiancava il padre marciando su Washington D.C. intonando canzoni di protesta contro la guerra in Vietnam - oltre che per la capacità di passare da un genere all'altro e da una maschera all'altra risultando sempre estremamente credibile

I film più famosi

Fantascienza, (USA - 2005), 116 min.
Drammatico, (USA - 2003), 137 min.
Drammatico, (USA - 1994), 139 min.
Avventura, (USA - 1986), 110 min.
Drammatico, (USA - 2019), 126 min.
Azione, (USA - 2011), 114 min.
Commedia, (USA - 2000), 113 min.

News

Le immagini di Hector Hammond prima e dopo l'incidente.
L'attore ha negato i rumor dell'anno scorso su una sua possibile partecipazione.
Nel film ci sarà un collegamento con i film di The Avengers.
La nostra è l'unica luce in un mondo di tenebre.
Tim Robbins compie 50 anni: auguri e cento di questi film.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati