Un'ombra sulla verità

Film 2021 | Commedia, Drammatico, +13 114 min.

Regia di Philippe Le Guay. Un film con François Cluzet, Jérémie Renier, Bérénice Bejo, Jonathan Zaccaï, Denise Chalem. Cast completo Titolo originale: L'homme de la cave. Genere Commedia, Drammatico, - Francia, 2021, durata 114 minuti. Uscita cinema mercoledì 31 agosto 2022 distribuito da Bim Distribuzione. Oggi tra i film al cinema in 7 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,15 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Un'ombra sulla verità tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento domenica 28 agosto 2022

Simon ed Hélène vendono una cantina nel palazzo in cui abitano. La acquisterà un uomo misterioso che sconvolgerà pian piano la vita della coppia. In Italia al Box Office Un'ombra sulla verità ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 120 mila euro e 77,9 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,15/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,96
PUBBLICO 4,00
CONSIGLIATO SÌ
Le Guay mette in scena i conflitti che animano la società francese le fragili convinzioni della sua borghesia.
Recensione di Roberto Manassero
lunedì 22 agosto 2022
Recensione di Roberto Manassero
lunedì 22 agosto 2022

Simon, un architetto di Parigi, vende la cantina dello stabile in cui vive a Jacques Fonzic, un uomo di una sessantina d'anni che dice di passare un periodo difficile dopo la morte della madre. Pochi giorni dopo la transazione, però, Simon scopre che l'acquirente è in realtà uno storico negazionista, escluso dall'insegnamento e trasformatosi in una sorta di paria sociale. Impossibilitato ad annullare la vendita, Simon entra in conflitto con la moglie medico Hélène, la quale si interessa a sua volta alle idee di Fonzic e scopre nella famiglia di origine ebraica del marito un episodio poco chiaro avvenuto durante l'occupazione nazista di Parigi. Che ne sarà della famiglia di Simone, così solida eppure così fragile da sfaldarsi di fronte alla semplice presenza di Fonzic?

Come nel suo film più famoso, Le donne del 6° piano, Philippe Le Guay usa un edificio parigino come innesco e rappresentazione dei conflitti che attraversano la società francese: là il classismo (valido oggi come negli anni '60), qui l'antisemitismo e più in generale le fragili convinzioni della classe borghese.

«L'uomo della cantina» è il titolo originale di Un'ombra sulla verità, adattamento italiano che suggerisce da subito la lettura simbolica del film, laddove al contrario Le Guay intende riflettere sulla moralità della borghesia francese a partire dalla falsa pista del giallo, con uno spazio sotterraneo rappresentato come un luogo da horror e l'antieroe Fonzic di François Cluzet, trasandato, arrogante e untuoso, è raffigurato come una presenza incongrua e distruttrice. La vicenda ruota soprattutto (e in modo prevedibile) sulla coppia di professionisti parigini, il biondo Simon di Jérémie Renier e la splendida Hélène di Bérénice Bejo, e usa lo scomodo Fonzic come l'innesco di una crisi di coscienza che scaturisce dai non-detti di una relazione tradizionale.

Il riferimento principale di Un'ombra sulla verità diventa chissà quanto consapevolmente Cape Fear - Il promontorio della paura, dove l'ingresso di un uomo pericoloso nella vita della coppia benestante (in quel caso un ritorno dal passato rimosso) portava alla distruzione di fragili equilibri familiari.

Jacques Fonzic non è però ambiguo e attraente come Max Cady e al contrario finisce per essere la figura meno approfondita del film, dal momento che le sue tesi sull'Olocausto non sono mai messe in discussione, ma anzi sono rilanciate dai dubbi e dalle crisi dei personaggi. Se Hélène finisce per interessarsi al suo lavoro e la figlia della coppia, l'adolescente Justine, ha bisogno di un'imbeccata di Fonzic per venire a conoscenza dello sterminio dei nativi americani (cosa piuttosto improbabile, nel 2021...), Simon è chiamato ad affrontare le conseguenze di una colpa che viene da lontano e che coinvolge le sue origini ebraiche.

Il dito puntato sui privilegi della borghesia parigina (la casa di Simon, ampia e luminosa, è significativamente messa in contrasto con l'oscurità della cantina in cui vive Fonzic), finisce per rendere piuttosto superficiale e confusa la sceneggiatura delle stesso Le Guay e di Marc Weitzmann, i quali non propendono naturalmente per le tesi negazioniste, ma compiono l'errore di trasformarle nel McGuffin del film.

Fonzic, insomma, dall'oscurità della sua cantina (un'altra forma di rimosso, proveniente non dal passato ma dal sottosuolo) non sarebbe altro che l'elemento incongruo pronto a smontare con la sua semplice presenza il castello di carta della Francia repubblicana, democratica, liberale e con la coscienza pulita per essersi liberata del nazismo, ma mai disposta a fare i conti con le proprie colpe.

Tutto vero, insomma, per quanto anche tutto già noto. Ci si chiede, insomma, di fronte a un film pretestuoso come Un'ombra sulla verità, se fosse davvero il caso di dare a un negazionista un ruolo così determinante e non, invece, approfittarne per smontare razionalmente tesi da tempo ridotte a ciarpame storiografico e lasciare per una volta la famiglia borghese alle sue classiche miserie e meschinità.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 6 settembre 2022
Giovanni_B_southern

Fidarsi troppo non conviene. Molto bello : da vedere.

FOCUS
INCONTRI
sabato 30 ottobre 2021
Giovanni Bogani

Ospite del festival del cinema francese France Odéon, Bérénice Bejo porta a Firenze il suo sorriso, il lampo dei suoi occhi, la sua vitalità. 

L’attrice, premio César per The Artist, miglior attrice al festival di Cannes per Le passé di Ashgar Farhadi, presenza luminosa e travolgente nel cinema internazionale – e anche in quello italiano – presenta oggi a Firenze, in anteprima nazionale, L’homme de la cave, il film di Philippe Le Guay che interpreta insieme a François Cluzet e Jérémie Renier. La storia è quella di una coppia che vende la propria cantina ad un distinto, tranquillo, gentilissimo signore un po’ malmesso, vagamente patetico. Che si rivela, insospettabilmente, un revisionista antisemita, che fa di quella cantina un luogo da cui irradiare nel mondo, via web, il suo veleno. 
 

Un film nel quale si parla di negazionismo, di antisemitismo. Come ha lavorato sul suo personaggio, Bérénice?
Insieme a Philippe, il regista, ho cercato di costruire una donna che non fosse solamente passiva, spettatrice di ciò che accade. E alla fine è venuto fuori il personaggio di una donna combattiva, che non lascia passare le cose. Perché questa donna ha paura per sua figlia, la più esposta alla seduzione, alle parole di quest’uomo, al suo veleno. Come si può insegnare ai nostri ragazzi il modo di non cadere in certe trappole?

A lei è accaduto di incontrare persone del genere?
Come no! E non certo lontano da me: ci sono dei fascisti del mio condominio, addirittura degli spagnoli franchisti, nostalgici della dittatura di Franco! Devo sempre stare attenta, controllarmi, perché tendo a perdere le staffe, a mettermi dalla parte del torto: se mio figlio gioca a pallone e sbadatamente colpisce il portone del palazzo, se mi tocca di discutere con questa gente, divento subito aggressiva, vado fuori di me.

Come potrà recepire il pubblico questo tema?
Io penso che non dobbiamo avere paura dei temi ‘importanti’, o forti. Proprio in questo momento, nel quale stiamo uscendo da una pandemia, nel quale stiamo tornando a vivere insieme, a discutere, a confrontarci, parlare di temi che riguardano il nostro vivere comune, il nostro rapporto con la Storia e con il presente, mi sembra importante.

L’homme de la cave uscirà nel 2022 in Italia, distribuito da Bim, in data ancora da definire. Intanto, è ancora nelle sale Il materiale emotivo, settimo film da regista di Sergio Castellitto. In cui Bérénice è la donna che arriva, come un turbine, a sconvolgere la vita del libraio malinconico e polveroso interpretato da Castellitto. Un film tratto da una storia scritta da Ettore Scola, trasformata poi in graphic novel, ma mai diventata un film. Un legame di più, per Bérénice, con la tradizione del grande cinema italiano, nel quale lei è stata immersa fin da piccola. “Mio padre, appassionato di cinema fin nelle ossa, ci faceva vedere sempre i film italiani: ho imparato ad amare l’Italia attraverso i film, e anche attraverso di essi ho imparato a capire l’italiano”. 

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 6 settembre 2022
Paolo Fossati
Giornale di Brescia

Un uomo apparentemente perbene acquista una cantina in un palazzo parigino borghese. È un professore di storia e racconta al venditore - che abita nello stesso stabile con moglie e figlia adolescente - di essere in aspettativa per motivi di salute e che utilizzerà il locale per conservare gli effetti personali della propria madre, da poco deceduta. Tutte fandonie: a sorpresa inizierà a vivere nello [...] Vai alla recensione »

domenica 4 settembre 2022
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Il cappotto è liso, i modi cortesi, lo sguardo febbrile. Si capisce: quello sconosciuto di mezz'età deve sgombrare la casa della madre morta, alcuni imprevisti rendono il compito ancora più ingrato. Dunque affare fatto: ecco l'assegno, ecco la cantina, porti pure subito le sue cose, concede il venditore. Così il pacato monsieur Fonzic, che insegna storia in un liceo della banlieue, si piazza armi e [...] Vai alla recensione »

sabato 3 settembre 2022
Andrea Frambrosi
L'Eco di Bergamo

«Il direttore della fotografia di un film viene spesso definito tecnico delle luci - scrive Antonio Costa in apertura del suo "Il richiamo dell'ombra - Il cinema e l'altro volto del visibile" (Einaudi) -. Non capita mai che si parli di lui come tecnico delle ombre. Ed è comprensibile. Le ombre si fanno con le luci, opportunamente orientate e regolate.

venerdì 2 settembre 2022
Nicola Falcinella
La Provincia di Como

Che cos'è il negazionismo? Come si presenta? Come può diventare accettabile in una società democratica? Come si può reagire a provocazioni evidenti e insistite? Sono domande che si pone e pone "Un'ombra sulla verità", un thriller francese firmato da Philippe LeGuay. Una storia che rasenta l'incredibile e che è invece ispirata a fatti realmente accaduti.

venerdì 2 settembre 2022
Guillemette Odicino
Télérama

Simon (Jérémie Renier) ed Hélène (Bérénice Bejo) sono una coppia borghese parigina. Decidono di vendere la cantina del loro appartamento. Si accordano con un certo signor Fonzic (François Cluzet) e vi-sto che Simon è uno che si fida, gli dà le chiavi prima di redigere l'atto notarile. Quando scopre che non solo Fonzic abita nella cantina, ma che è un ex professore di storia radiato per le sue posizioni [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 settembre 2022
Vania Amitrano
Ciak

Simon ed Hélène vivono con la loro figlia in un decoroso palazzo di Parigi. Quando decidono di vendere la loro cantina fanno la conoscenza del signor Fonzic, un uomo all'apparenza gentile e innocuo, ma dal passato torbido. Fonzic riesce ad acquistare la cantina per andarci a vivere. La sua presenza sconvolgerà la vita della coppia e stravolgerà le dinamiche dell'intero condominio.

giovedì 1 settembre 2022
Marina Visentin
Cult Week

Il signor Jacques Fonzic (François Cluzet), protagonista di Un'ombra sulla verità di Philippe Le Guay, ha l'aria tranquilla e rassicurante del vicino ideale. Educato, sorridente, cerca una cantina da acquistare per poter conservare i tanti cari ricordi di una madre morta da poco. Nulla nel suo comportamento può far presagire la più piccola forma di devianza, la minima minaccia alle regole e alle abitudini [...] Vai alla recensione »

mercoledì 31 agosto 2022
Marco Minniti
Asbury Movies

Il tema dei negazionismi e dei complottismi, tornato prepotentemente alla ribalta negli ultimi due anni a causa della pandemia di Covid-19, è stato affrontato dal cinema, finora, in modo solo occasionale e intermittente. Una considerazione vera in particolare per il negazionismo più odioso, ovvero quello della Shoah, un po' in controtendenza rispetto alla grande mole di opere audiovisive che sono state [...] Vai alla recensione »

mercoledì 31 agosto 2022
Fabio Fulfaro
Sentieri Selvaggi

Iniziamo sgombrando ogni dubbio. Anche se il titolo italiano sembra evocare ascendenze hitchcockiane, l'ultima fatica di Philippe Le Guay (Le donne del 6° piano, Molière in bicicletta) è più ascrivibile al dramma sociale con qualche sfumatura noir. Simon (Jérémie Renier) ebreo spinto da buonismo piccolo borghese vende la propria cantina a Jacques Fonzic (François Cluzet), ex professore di storia al [...] Vai alla recensione »

martedì 30 agosto 2022
Mauro Gervasini
Film TV

Un'ombra sulla verità è quella che allunga un uomo, François Cluzet, lo stesso che nel titolo originale (L'homme de la cave) sta in cantina. Succede questo: in un palazzo della Parigi borghese Jérémie Renier, di origine ebraica a differenza della moglie Bérénice Bejo (non sono dettagli), affitta una cantina a un professore di storia che solo dopo si scoprirà estromesso dall'insegnamento per le sue [...] Vai alla recensione »

domenica 28 agosto 2022
Ilaria Falcone
NonSoloCinema

Parigi. Simon (Jérémie Renier) ed He´le`ne (Bérénice Bejo) decidono di vendere una cantina nello stabile dove abitano. Trovano un acquirente, il signor Fonzic (François Cluzet), un uomo all'apparenza per bene, un tipo affabile insomma, tanto che Simon si fida a lasciargli le chiavi di un piccolo appartamento nello stesso palazzo, quando scopre che è senza un tetto sulla testa.

sabato 22 gennaio 2022
Francesco Bonfanti
Close-up

Alcune verità non fanno dormire. Le negazioni di verità, invece, arrivano a non far vivere. È questione di mostri, non quelli sotto il letto, ma quelli sepolti in cantina e che il posto, a dirla tutta, l'hanno regolarmente acquistato. Un'ombra sulla verità, titolo originale L'Homme de la cave, per la regia di Philippe Le Guay è una pellicola intelligente che sfrutta il classico umorismo francese, freddo [...] Vai alla recensione »

NEWS
[LINK] EVENTO
giovedì 28 luglio 2022
 

A Parigi, Simon ed Hélène decidono di vendere una cantina nello stabile dove abitano. Un uomo l'acquista e ci va a vivere. Piano piano la sua presenza sconvolgerà la vita della coppia. Scopri le anteprime »

NEWS
lunedì 11 aprile 2022
 

Simon ed Hélène vendono una cantina nel palazzo in cui abitano. La acquisterà un uomo misterioso che sconvolgerà pian piano la vita della coppia. Vai all'articolo »

TRAILER
martedì 18 gennaio 2022
 

Il regista francese torna a un tema aspro e contemporaneo, che si mette sulla scia di Trois Huit. Dal 31 agosto al cinema. Guarda »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati