The Artist

Film 2011 | Drammatico 100 min.

Regia di Michel Hazanavicius. Un film Da vedere 2011 con Jean Dujardin, Bérénice Bejo, John Goodman, James Cromwell, Penelope Ann Miller. Cast completo Genere Drammatico - Francia, 2011, durata 100 minuti. Uscita cinema venerdì 9 dicembre 2011 distribuito da Bim Distribuzione. - MYmonetro 4,19 su 170 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Artist tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Jean Dujardin e Berenice Bejo sono i protagonisti di una storia ambientata durante il passaggio tra il cinema muto e quello sonoro. Il film è stato presentato in concorso al Festival di Cannes 2011. Il film ha ottenuto 10 candidature e vinto 5 Premi Oscar, Il film è stato premiato al Festival di Cannes, ha vinto un premio ai Nastri d'Argento, 1 candidatura a David di Donatello, 6 candidature e vinto 3 Golden Globes, 14 candidature e vinto 7 BAFTA, 4 candidature e vinto un premio ai European Film Awards, 10 candidature e vinto 6 Cesar, ha vinto 2 NYFCCA. In Italia al Box Office The Artist ha incassato 2,8 milioni di euro .

The Artist è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,19/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 4,22
PUBBLICO 4,02
ASSOLUTAMENTE SÌ
Un film 'muto' che appassiona e diverte.
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 15 maggio 2011
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 15 maggio 2011

Hollywood 1927. George Valentin è un notissimo attore del cinema muto. I suoi film avventurosi e romantici attraggono le platee. Un giorno, all'uscita da una prima, una giovane aspirante attrice lo avvicina e si fa fotografare sulla prima pagina di Variety abbracciata a lui. Di lì a poco se la troverà sul set di un film come ballerina. È l'inizio di una carriera tutta in ascesa con il nome di Peppy Miller. Carriera che sarà oggetto di una ulteriore svolta quando il sonoro prenderà il sopravvento e George Valentin verrà rapidamente dimenticato.
Anno Domini 2011, era del 3D che invade con qualche perla e tante scorie gli schermi di tutto il mondo. Michel Hazanavicius porta sullo schermo, con una coproduzione di rilievo, un film non sul cinema muto (che sarebbe già stato di per sé un bel rischio) ma addirittura un film 'muto'. Cioé un film con musica e cartelli su cui scrivere (neanche tanto spesso) le battute dei personaggi. Si potrebbe subito pensare a un'operazione da filologi cinefili da far circuitare nei cinema d'essai. Non è così. La filologia c'è ed è così accurata da far perdonare l'errore veniale dei titoli di testa scritti con una grafica e su uno sfondo che all'epoa erano appannaggio dei film noir. Hazanavicius conosce in profondità il cinema degli Anni Venti ma questa sua competenza non lo ha raggelato in una riesumazione cinetecaria. Si ride, ci si diverte, magari qualcuno si commuove anche in un film che utilizza tutte le strategie del cinema che fu per raccontare una storia in cui la scommessa più ardua (ma vincente perlomeno al festival di Cannes) è quella di di-mostrare che fondamentalmente le esigenze di un pubblico distante anni luce da quei tempi sono in sostanza le stesse. Al grande schermo si chiede di raccontare una storia in cui degli attori all'altezza si trovino davanti una sceneggiatura e un sistema di riprese che consentano loro di 'giocare' con i ruoli che gli sono stati affidati. Se poi il film può essere letto linguisticamente anche a un livello più alto (come accade in questa occasione in particolare con l'uso della colonna sonora di musica e rumori) il risultato può dirsi completo. Per una volta poi si può anche parlare con soddisfazione di un attore 'cane'. Vedere per credere.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
THE ARTIST
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €11,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 26 dicembre 2011
mahleriano

Con un film muto all'interno di un film altrettanto muto inizia The Artist, storia di un artista del cinema di quel periodo che all'apice del successo cade rapidamente in disgrazia per l'avvento del sonoro. E storia di una giovane attrice, i cui esordi si intrecciano brevemente, ma emotivamente in modo intenso, con quelli del protagonista, e che parallelamente ascende invece all'olimpo come nuova stella [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 marzo 2012
Michela Siccardi

 La sala non è mai stata così silenziosa, i pop corn non sono mai stati più fuori luogo. Tutto è muto eppure difficilmente potrebbe essere più eloquente. La dote espressiva degli attori è disarmante, con infantile stupore si segue incantati il movimento delle mani, i balzi degli occhi, l’arricciarsi del naso, le più marginali incurvature [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 dicembre 2011
pepito1948

Un’attempata passante incontra per strada George Valentin (cognome non proprio casuale), ex divo del cinema muto in piena crisi professionale ed umana, e commenta la vivace reattività del cagnolino che lo sfortunato attore tiene in braccio con un “gli manca la parola”. Ecco riassunto il tema di fondo del film di Hazanavicius: con l’avvento del sonoro (siamo alla fine degli anni ’20), il cinema muto [...] Vai alla recensione »

martedì 7 febbraio 2012
SteelyBread

Film riuscito, ma solo in parte. Grande bianco e nero, anche se non siamo ai livelli de "L'uomo che non c'era", attori strepitosi e visibilmente innamorati del proprio ruolo, musiche finalmente degne di far parte di quella dovrebbe essere una vera colonna sonora, e non, come spesso accade, mero esercizio di stile.

lunedì 26 dicembre 2011
francesca romana cerri

Alla prima impressione si assiste a qualcosa di diverso di originale, paradossalmente, per i tempi di oggi.. Non c'è affanno nel film, non c'è sovrabbodanza di stimoli, ma c'è un ritorno all'essenziale, al necessario. Grazie al muto, emerge un attenzione ai particolari dell'espressività, degli occhi, del volto, della gestualità, di quella comunicazione non verbale che da sola regala emozioni profonde [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 febbraio 2012
osteriacinematografo

“The artist” narra la storia di George Valentin, divo del cinema muto degli anni venti americani.  Nel 1927 Valentin è al’apice del successo e della carriera, e i suoi film impazzano nelle sale cinematografiche. L’attore, in mezzo alla folla che lo acclama, conosce Peppy Miller, una ragazza che poi, casualmente, ritroverà come ballerina sul set di uno dei [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 maggio 2012
EvilNightmare 90

1927, George Valentin, affascinante divo del cinema dell'epoca, è all'apice della sua carriera. Con l'arrivo del sonoro nei cinema e con la difficoltà di allontanarsi dalle proprie origini di attore muto, l'uomo perderà la fama che prima lo circondava. Grazie ad una sua vecchia conoscenza, Peppy Miller da sempre innamorata di lui, riuscirà [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 marzo 2013
Tom87

“The Artist” è un’opera elegante. Da molti, però, è stata definita come un operazione antiprogressista che riproponendo il cinema delle origini rischia di far regredire la 7^ arte. Ma è realmente così? Se si analizza il suo tratto distintivo, quel geniale paradosso di raccontare l’avvento del sonoro attraverso il muto, non si può non [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 dicembre 2011
Il Re Censore

L'amore dei francesi per il cinema è noto e ogni tanto produce atti di passione totale com'è questo The Artist di Hazanavicius. Film tributo ad un'epoca, ad un genere, storia d'amore dura e pura ma non intesa come commedia romantica bensì come dono emotivo da parte di un regista che ha voluto giocare pesante, rischiando.

mercoledì 8 febbraio 2012
Fabio2

La storia è una favola a lieto fine, tutto il resto è altrettanto da favola. Altri film ci avevano abituato al bello del bianco e nero (Good Night Good Luck, Toro Scatenato) ma il riscoprire il dialogo muto è stata impresa difficile ma riuscita. La sala era ai piedi di George Valentin e Peppy Miller. Straordinarie inquadrature d'epoca, sapiente scelta delle musiche e sequenze che fanno già la storia [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 dicembre 2011
Filippo Catani

Nella Hollywood pre crollo del '29 brilla incontrastata la stella di un brillante attore di film muti. A contrastarne l'ascesa sarà una giovane ragazza che non solo si imporrà alle cronache per la sua bellezza ma anche per la sua bravura e per le recite nei nuovissimi film con il sonoro. Per l'attore avrà così inizio una pesantissima crisi di identità. Eccoci [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 gennaio 2012
fabrizio dividi

Celebrato dai critici e osannato dal pubblico ne prendiamo atto, "the artist" sprizza intelligenza, è puro godimento intellettuale e accende la mente del cinefilo (soprattutto) e del semplice innamorato di cinema. La trama e semplice ma sovraccarica di allegorie: tempo che fugge, dissoluzione, romanticismo, riscatto, ascesa e declino e potremo continuare; ma il vero tema è senza alcun dubbio l'amore [...] Vai alla recensione »

martedì 3 gennaio 2012
olgadik

The Artist, un piccolo miracolo di garbo, passione professionale e sapienza di chi il cinema bello di molti decenni fa l’ha frequentato con amore. Così il sospetto iniziale che si trattasse di un cinepanettone d’alto livello, ma pur sempre commerciale, s’è immediatamente dileguato e quasi mi vergogno di volerne parlare usando le… parole. Poiché si tratta di un film muto, che non è un’operazione a freddo, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 28 dicembre 2011
Beatrice Fiorentino

L’avvento del sonoro nel cinema ha determinato una vera e propria rivoluzione linguistica, sancendo la fine di un’epoca per gli attori e i registi che non hanno saputo coglierne fin da principio le enormi potenzialità. Alla grammatica ormai affermata con il muto, il sonoro introduce significativi cambiamenti: realismo, fluidità del racconto, maggiore peso alla sceneggiatura, e non ultimo il cambiamento [...] Vai alla recensione »

martedì 27 dicembre 2011
Flyanto

Film ideato e strutturato come un film muto dei primi decenni del '900. Perfetto per ciò che riguarda la recitazione, la riproduzione di un'epoca ormai passata e le coreografie. Un omaggio al mondo del cinema in generale ed al suo rapido evolversi nel corso degli anni. Commovente e nostalgico. Uno dei migliori films degli ultimi tempi.

domenica 11 marzo 2012
sileo

Dopo essere restato entusiasta di Tree of Life ed essendo restato interdetto dai 5 oscar vinti da the Artist a discapito del film di Malick sono andato a vederlo con un misto di scetticismo e curiosità. Ebbene, sono rimasto totalmente rapito e affascinato da quest'ultimo: al di là del tributo al cinema passato e dell'esperimento retrò, questo film ha infatti una portata emozionale straordinaria. Vai alla recensione »

domenica 19 febbraio 2012
Luis23

Dove uno sguardo vale più di mille parole. Una storia davvero ben costruita e tecnicamente molto godibile . A mio modestissimo parere Lei merita una menzione speciale. Berenice Bejo sembra nata per fare l'attrice... Paradossalmente questo "tuffo" in bellissimo stile nel passato ci racconta di quando dal cinema muto si passò al sonoro.

mercoledì 28 dicembre 2011
melandri

Hollywood,1927.Il divo del cinema muto Georges Valentin è scettico sull'imminente avvento del sonoro e continua testardamente (arrivando anche a prodursi da se i propri film)sulla strada che lo porterà a breve alla bancarotta.Finito nel dimenticatoio, ritroverà la speranza proprio grazie alla giovane star del cinema sonoro Peppy Miller,da sempre sua fan ed innamorata di lui ,della quale Valentin era [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 dicembre 2011
francesca romana cerri

Alla prima impressione si assiste a qualcosa di diverso di originale, paradossalmente, per i tempi di oggi.. Non c'è affanno nel film, non c'è sovrabbodanza di stimoli, ma c'è un ritorno all'essenziale, al necessario. Grazie al muto, emerge un attenzione ai particolari dell'espressività, degli occhi, del volto, della gestualità, di quella comunicazione non verbale che da sola regala emozioni profonde [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 settembre 2012
trimegisto85

 Hazanavicius (il regista) ci racconta la storia di George Valentin (Dujardin), stella del film muto della Hollywood degli anni '20, che riscuote grandi successi proprio quando il cinema sta per cambiare, passando al sonoro. Proprio in uno di quei suoi ultimi muti incontrerà Peppy Miller (Bejo), la futura stella del nuovo che avanza.

sabato 10 marzo 2012
sebastiano.lorusso

Ciò che si è sentito dire di The Artist fin dalla sua comparsa nelle sale sono sue due caratteristiche effettivamente poco usuali per il cinema contemporaneo, è in bianco e nero ed è muto. Sembra essere questo ad aver colpito irreversibilmente l’immaginario del pubblico, le obsolete tecniche cinematografiche, portandolo ad apprezzare la pellicola per quell’inesorabile [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 dicembre 2011
sassolino

Hollywood, 1927: George Valentin, smagliante attore del muto è all'apice del successo coi suoi ruoli disinvolti quando un bel giorno, quasi per caso, incontra una sua ammiratrice che gli cambierà la vita. Peepy Bloom, neanche 1/4 del talento di George, ha occhi da cerbiatta che forano gli schermi e soprattutto ha voce, quintessenza vitale di un nuovo corso cinematografico.

venerdì 24 febbraio 2012
Gianluca78

Scoprire,coNoscere e apprendere nuove realtà, nuovi mondi,o addirittura rivedere alcuni punti fermi,è l'ardua impresa dell'uomo attuale. Questo gioiello inestimabile,che ci appare sotto forma di film,non è altro che una visione del mondo attuale,con occhi diversi,più ingenui,senza l'obbligo di dover a tutti i costi ascoltare,Hazanavicius ci appassiona con [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 gennaio 2012
michela papavassiliou

Il fim si apre con la scena di una tortura. Un uomo legato viene intimato a confessare ." Parla!!" si legge nei sottotitoli. George Valentin si sveglia di soprassalto. E' stato solo un incubo. Siamo ad Hollywood e' il 1927 e lui e' l' attore piu' amato del cinema muto, re indiscusso dei lungometraggi in bianco e nero. Con George  una vanita' tutta da star e un simpatico cagnolino che lo segue ovunque [...] Vai alla recensione »

domenica 3 giugno 2012
1962thor

Sapere di andare a vedere un film muto e in bianco e  predispone ad un pregiudizio che dimezza gli spettatori che vedranno questo film. Peccato !!! Perderanno uno spettacolo di film !!! Una retrospettiva filologica dei tempi del muto che però non induce un grande Hazanavicius a perdersi nel tecnicicismo. Una soria bella e semplice raccontata con delicatezza fa da sfondo a due grandi [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 marzo 2012
Jayan

Il regista, creatore di questo bellissimo capolavoro del film muto, è riuscito a realizzare un film anche superiore a quello sonoro, un'opera eccelsa di cinematografia, regia, interpretazione, fotografia, sceneggiatura e tanto altro. A chi pensa che vedere un film muto sia vedere qualcosa di deprivato di un valore importante del cinema, io rispondo di no, almeno per quanto riguarda questo [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 gennaio 2012
control91

Vari film hanno trattato la crisi di un personaggio del cinema muto costretto a farsi da parte di fronte all' avvento del sonoro ma tutti questi erano film parlati che vedevano in questa innovazione un enorme passo avanti per la storia del cinema. Trovo coraggioso il fatto di averne realizzato uno nell' era del digitale e del 3d ma non penso che con questo Hazanavicius voglia buttar via tutto quello [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 agosto 2012
Knox7

Un grande e romantico omaggio al "cinema di un tempo che fu", utilizzando i medesimi mezzi espressivi uniti a qualche dovuta contaminazione moderna. Fin dalla prima volta che ne sentii parlare fui ansioso di immedesimarmi in un sognante spettatore dell'epoca in cui il cinema era soprattutto arte pura e magica...questo è stato per me un evento cinematografico di per sè "unic [...] Vai alla recensione »

martedì 28 febbraio 2012
annalisarco

Bombardati da nuove tecnologie, da trame sempre più fantascientifiche e immagini che sembrano volerci trascinare dentro lo schermo con un 3D sempre più presente, The Artist segna il trionfo della semplicità. George Valentin è un grande attore del cinema muto del 1927, ma la sua carriera viene messa a dura prova dall'avvento del sonoro nel 1929. Testardo e orgoglioso, non ben disposto a un cambiamento [...] Vai alla recensione »

domenica 19 febbraio 2012
hollyver07

Ciao. Film drammatico, muto ed in bianco e nero il quale, nella sostanza, mi porta a considerarlo come una pellicola virata al "sentimentale" nei confronti del cinema stesso al quale accostare il blues ed il soul non mi pare così azzardato. Il film, in pratica, credo sia una particolare celebrazione dell'amore verso l'arte cinematografica, il suo mondo ed i suoi [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 agosto 2013
the_film_collector

Sublime pellicola dal sapore classico , un riuscito e degno tributo al grande cinema muto. Originale sceneggiatura che mostra contemporaneamente l'ascesa e il declino di due star cinematografiche ( George Valentine e Peppy Miller , magistralmente interpretate dagli attori Jean Dujardin e Bérénice Bejo ) le quali dopo essersi incontrate per puro caso , intraprendono due strade parallele che dapprima [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 ottobre 2012
Simona Tudisco

Il film va assolutamente visto al cinema, perchè richiede una capacità di concentrazione a cui noi spettatori del 2000 non siamo più abituati. A casa basterebbero i primi dieci minuti per avere la tentazione di pigiare tutti i tasti del telecomando. Il film, ormai lo sapete tutti, è un film muto e in bianco e nero. Questo si traduce in una necessaria attenzione a ciò che avviene sullo schermo, non [...] Vai alla recensione »

mercoledì 22 agosto 2012
Liuk

Eccoci davanti ad uno di quei rarissimi film che rendono il mondo un posto migliore, se pur di poco! Per gli amanti del cinema The Artist è una vera perla, poche sono le parole per descriverlo e per rappresentarne la grandezza, bisogna solo vederlo. l'idea è originale, un film muto basato sulla morte del film muto e l'avvento di quello parlato, con tutti gli attori, la regia [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 marzo 2012
Edwood87

Nell'era in cui tutto è già stato scritto, già stato detto e addirittura già stato girato, nasce l'ultimo capolavoro cinematografico targato Michel Hazanavicius: "The Artist". L'opera si contraddistingue per la scelta stilistica riportando nelle sale cinematografiche il cinema muto. Acclamato dalla critica e con ottime impressioni di pubblico, questo [...] Vai alla recensione »

martedì 13 marzo 2012
Tuesday

A me è piaciuto molto e lo consiglio volentieri a chi vuole vedere, finalmente, un film rincuorante e di indiscutibile qualità. Certo, non è un capolavoro del cinema, ma c'è bisogno anche di questi prodotti ben confezionati che fanno sognare lo spettatore traghettandolo nelle magiche e frivole atmosfere del cinema hollywoodiano degli anni '20 e '30.

venerdì 24 febbraio 2012
anty_capp

Eccellente sceneggiatura e film coraggioso in un panorama contemporaneo colmo di nomi altisonanti, soprattutto americani, poveri di idee e ricchi solo di danaro. Con un  film muto, anche se non completamente, Hanovicius, riempie comunque le orecchie degli spettatori di un silenzio colmo della recitazione ottima degli attori e una fotografia che straripa dagli occhi.

venerdì 7 dicembre 2012
RinoGaetanoforever

L'emblema del cinema moderno,in chiave retrò,ma che più moderno non si può.Gioia per gli occhi,sublime armonia per l'anima,dolce fuga dal mondo ormai arido,per la mente.Tutto perfetto,e lo è acor di più se poi,questa Meraviglia, oltre a deliziarci, sa farci divertire.Come infatti accade.Da non perdere

giovedì 29 marzo 2012
Diego P.

THE ARTIST CRITICA DI: Diego Pigiu III VOTO: 9 Nel 2011 realizzare un film sul cinema muto sarebbe già stato interessante, ma trovare un film in bianco e nero MUTO sul cinema muto è stata davvero una grande scommessa, scommessa che ha ottenuto tutto il mio consenso. Il film parla del cinema degli anni venti in quel momento particolare in cui si affaccia al parlato, sino a quel [...] Vai alla recensione »

venerdì 2 marzo 2012
Giorgio Mancinelli

Chissà come se la riderebbe oggi Chaplin nel vedere che si fa la fila per entrare nei cinema dove si proietta The Artist, un film muto, in bianco e nero, che parla di cinema, ricreato dall’ “intelligenza” registica di Michel Hazanavicious (...per non dir del cane!). Tutto questo proprio mentre il sonoro si avvia alla tridimensionalità degli effetti speciali e della motion [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 febbraio 2012
annalisarco

 Bombardati da nuove tecnologie, da trame sempre più fantascientifiche e immagini che sembrano volerci trascinare dentro lo schermo con un 3D sempre più presente, The Artist segna il trionfo della semplicità. George Valentin è un grande attore del cinema muto del 1927, ma la sua carriera viene messa a dura prova dall'avvento del sonoro nel 1929.

mercoledì 25 gennaio 2012
michela papavassiliou

Il fim si apre con la scena di una tortura. Un uomo legato viene intimato a confessare ." Parla!!" si legge nei sottotitoli. George Valentin si sveglia di soprassalto. E' stato solo un incubo. Siamo ad Hollywood e' il 1927 e lui e' l' attore piu' amato del cinema muto, re indiscusso dei lungometraggi in bianco e nero. Con George  una vanita' tutta da star e un simpatico cagnolino che lo segue ovunque [...] Vai alla recensione »

sabato 17 marzo 2012
cristiana narducci

In 100 minuti, l'intera gamma di evoluzioni e involuzioni di un percorso umano: l'illusione, la speranza, l'ambizione, la vanità, la salita, la gloria, l'esaltazione, la disillusione, il fallimento, la caduta, la miseria morale, lo straniamento, il possesso, la perdita, l'annientamento, il riscatto, la catarsi per opera dell'Amore, quello con la A maiuscola, potente e [...] Vai alla recensione »

sabato 25 febbraio 2012
noodles76

Avete un nonno o un parente 90enne? Allora prendetelo e accompagnatelo a vedere questo film. Ma non raccontategli niente. Non si accorgerà che quello che sta vedendo è un film fatto e pensato nel 2000... Ma penserà che quello che sta apprezzando è un film dei suoi indimenticabili anni...e di essere magicamente tornato indietro nel tempo.

martedì 27 dicembre 2011
angelo umana

Se il cinema è emozione il cinema muto è emozione pura, senza interferenze o distrazioni. Si vedono in bianco e nero solo “facce che parlano” e, come dice il protagonista George Valentin, gli spettatori “non hanno mai avuto bisogno di sentirmi”, le parole non occorrevano. Il senso dell’udito dello spettatore non è quasi per niente impegnato nel cinema muto e và da sé che si impegni di più il senso [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 aprile 2012
gabriella

“Anche noi abitiamo in un cinema e siamo in bilico ogni minuto tra la gloria il successo, un amore frenetico e il ricordo del cinema muto, e dalle panchine vediamo passare delle folle accaldate di gioia per il futuro mondo fantascientifico e il suo meccanismo che uccide la noia e il corteo è annunciato da angeli che buttano fiato dentro una tromba, questo futuro, si dice, farà l’effetto di una bomba”, [...] Vai alla recensione »

domenica 11 marzo 2012
Costantino Rover

Film strepitoso e di qualità elevatissima in tutto: musiche, fotografia, regia e recitazione. Persino nel… colore. Tiene incollati fino all'ultimo istante grazie anche a colpi di scena ed alla suspance davvero eccezionali pur nella loro semplicità "d'epoca". Intenso e ricco di inquadrature da classico del noir (da qui anche l'azzeccata scelta dei caratteri di inizio film).

mercoledì 12 settembre 2012
AudreyandGeorge

 Un film sul cinema muto? No.. un film muto. Questo è The Artist, la scommessa vinta di Michel Azanavicius che ha sbancato gli Oscar 2012 e si attesta come uno dei film francesi più premiati di tutti i tempi. Il film racconta la vita di un attore di successo, la cui carriera viene bruscamente interrotta a causa del grande cambiamento che nel 1929 sconvolge il cinema con l'introd [...] Vai alla recensione »

domenica 29 aprile 2012
Alessandra A.

Ammettendo che forse la trama non è proprio il massimo dell'originalità, tanti i film hanno avuto il compito di raccontare il dramma provocato dal passaggio dal cinema muto al sonoro (Viale del tramonto, Cantando sotto la pioggia...), non si può negare che il film sia un vero colpo di genio! L'originalità poi non è da ricercare nel contenuto, una volta tanto, ma nella forma il che ogni tanto ci ricorda [...] Vai alla recensione »

domenica 4 marzo 2012
Domenico Maria

"I am big!....is the pictures that became small":IO SONO GRANDE...SONO I FILMS CHE SONO DIVENUTI PICCOLI.Scolpita nel marmo,e nella mente,questa epigafre cimiteriale sulla pellicola di Gloria Swanson in VIALE DEL TRAMONTO(1951 in Italia).Nel 1953 LA TUNICA("The Robe"),inaugura il Cinemascope.E' un inizio?E' una fine?E' una nuova creatura?E' la pietra tombale su una genìa di giganti?Con alcuni anni [...] Vai alla recensione »

domenica 11 ottobre 2015
Portiere Volante

Personalmente ho sempre apprezzato i film muti,ne ho visti molti del mitico Charlie Chaplin e aggiungo con grande soddisfazione. Dico subito che questo prodotto non li supera e non riesce a raggiungere quel fascino irrestibile,proprio per motivi anagrafici,tuttavia sento di dovergli dedicare un grande applauso. Hazanavicius ha fatto una scommesa coraggiosa e credo che in buona parte l'abbia [...] Vai alla recensione »

Frasi
Doris: "Caro, sono una donna infelice!" George: "Come milioni di persone…"
Dialogo tra Doris (Penelope Ann Miller) - George Valentin (Jean Dujardin)
dal film The Artist - a cura di Sabato
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Valerio Caprara
Il Mattino

Può un film in bianco e nero e (quasi) interamente muto, proiettato in formato quadrato nonché lievemente accelerato (22 fotogrammi al secondo invece dei consueti 24) rompere il tacito patto tra il critico e lo spettatore? Certamente sì, nel caso di «The Artist» del francese Hazanavicius (candidato non a caso a cinque Golden Globes): rinunciando al dovere professionale di mediare tra i diversi gusti [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

A volte, si attribuisce troppo spesso, ad un film, l’etichetta di capolavoro ma per questa stupenda pellicola non si rischia di abusare del termine. Che poi il lungometraggio probabilmente più bello di questo 2011 non sia parlato e a colori la dice lunga su cosa si intenda per «magia del cinema». Certo, l’idea è originale. Fare un film Muto che racconti l’avvento del Sonoro è da applausi.

Dario Zonta
L'Unità

Da quando è stato visto la prima volta a Cannes, The Artist ha fatto molto parlare di sé, tanto che – cosa incredibile solo a pensarci – lo troveremo distribuito nelle nostre sale in un dei periodi più difficili per il cinema che non sia «panettone». Vi chiederete la ragionedi tanto scetticismo, eppure se sapeste di che tipo di film stiamo parlando, sgranereste anche voi gli occhi! Come devono aver [...] Vai alla recensione »

Roberta Ronconi
Liberazione

Una volta il cinema era puro gioco, stupore, divertimento. Era ai suoi inizi, era in bianco e nero, era muto, si basava su storie scritte su tovagliolini da bar. Eppure i padri di quel cinema (Murnau, Lang, Ford, Chaplin) sono di fatto rimasti ineguagliati, primi creatori dell'essenzialità dell'avventura umana al cinema. L'idea del francese Michel Hazanavicius (sinora poco riuscito regista delle [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Nonostante l’entusiasmo suscitato lo scorso maggio a Cannes dove l’accattivante Jean Dujardin ha riportato la palma per l’attore, The Artist è un film che potrebbe correre il doppio rischio di venir sottovalutato da certa critica perché diretto da un regista senza pedigree d’autore; e dal pubblico in quanto muto e in bianco e nero, quindi chissà che noia! Ma sarebbe un grave errore.

Paola Casella
Europa

Chi sotto Natale non ha alcuna intenzione di abbrutirsi con i cinepanettoni può trovare consolazione e gioia in un film che non sa nemmeno cosa sia la volgarità, e che vuole essere un omaggio tanto al cinema quanto al concetto stesso di eleganza. Stiamo parlando di The artist diretto da Michel Hazanavicius, interpretato da Jean Dujardin (Palma come miglior attore all’ultimo festival di Cannes) e Berenice [...] Vai alla recensione »

Anthony Lane
The New Yorker

Lo spettatore ideale del film di Michel Hazanavicius sarebbe qualcuno che ignora totalmente quello che lo aspetta. Qualcuno convinto che dopo i primi minuti, il film, muto e in bianco e nero, si trasformi in una normale pellicola, parlata e a colori. Perché non è così. La storia si svolge in un’epoca in cui il modo di fare film è cambiato per sempre.

Mariuccia Ciotta
Il Manifesto

Il b&n silenzioso di The Artist incantò Cannes e i cinephiles stanchi della (e)motion-capture, felici di ritrovarsi tra i fotogrammi delle origini. L'emozione però non vive di rendita. La Hollywood 1927 rivista dal quarantenne francese Michel Hazanavicius (Oss-117, prequel popolare di Bond) è a rischio banalità d'autore e si presta ad allegre sviste filologiche, meno divertenti di quelle dichiarate [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
mercoledì 12 agosto 2015
 

Uggie, il jack russel terrier che ha commosso il pubblico di The Artist (vincitore di 5 premi Oscar nel 2012), è morto a 13 anni a Los Angeles dopo aver lottato contro un tumore alla prostata. La notizia, lanciata dal sito Tmz, ha fatto il giro del mondo. [...]

BIZ
martedì 21 febbraio 2012
Robert Bernocchi

Si aggiunge un attore importante al cast di The Tomb, la pellicola che mette assieme le icone dell'action movie anni Ottanta Sylvester Stallone e Arnold Schwarzenegger. Infatti, nel ruolo di una guardia carceraria, ci sarà Jim Caviezel, che il pubblico [...]

NEWS
lunedì 20 febbraio 2012
Luca Volpe

Prosegue senza sosta la corsa all'Oscar di The Artist. Dopo i Golden Globes, i Bafta e i numerosi premi minori conquistati nelle scorse settimane, il film di Michael Hazanavicius trionfa anche ai Goya spagnoli, aggiudicandosi il premio come miglior film [...]

NEWS
martedì 24 gennaio 2012
Robert Bernocchi

In una corsa così attesa come l'Oscar (e che viene preannunciata da molti premi), è difficile che avvengano tante sorprese. Quest'anno, il numero di scelte anomale è rimasto basso, ma ci sono sicuramente delle notizie importanti.

BIZ
venerdì 13 gennaio 2012
Robert Bernocchi

L'ipotesi è sicuramente suggestiva, anche se non facile da concretizzare. Sylvester Stallone e Arnold Schwarzenegger, le due maggiori icone del cinema d'azione negli anni Ottanta, potrebbero lavorare insieme allo stesso progetto.

BIZ
mercoledì 4 gennaio 2012
Robert Bernocchi

Chi sarà a interpretare Elton John nella pellicola ispirata alla sua vita, Rocketman? Per ora non è stato deciso, ma se dipendesse dall'artista la prima scelta sarebbe Justin Timberlake. Parlando con il Los Angeles Times, ha sostenuto di avere una lista [...]

BIZ
martedì 27 dicembre 2011
Robert Bernocchi

Come succede per tante cose, anche per la stagione degli Oscar il Natale rappresenta una piccola pausa. Ma questo non significa che nei giorni precedenti la Vigilia non sia avvenuto nulla. È un po' strano vedere che un premio conferito da giornaliste [...]

NEWS
giovedì 15 dicembre 2011
Robert Bernocchi

Sono sempre stati bollati come un premio che fa molta attenzione alle star, a scapito di artisti meno conosciuti ma più meritevoli. Inutile dire che i Golden Globes non si smentiscono neanche questa volta, visto che tutti i candidati sono prestigiosi [...]

VIDEO
mercoledì 7 dicembre 2011
Roberta Montella

In corsa verso la statuetta e già vincitore di un premio (Miglior Attore) al Festival di Cannes 2011, The Artist si conferma come un riuscito esperimento retrò. Nella featurette in anteprima su MYmovies la parola passa al regista, Michel Hazanavicius, [...]

NEWS
giovedì 20 ottobre 2011
 

Il festival di cinema francese di Firenze nato sulle radici ventennali di France Cinema, fondato da Aldo Tassone, si avvia verso la sua terza edizione (in programma dal 20 al 23 ottobre) e si annuncia ricco di novità e di film della migliore produzione [...]

NEWS
martedì 20 settembre 2011
Ilaria Ravarino

Tutti a Firenze: film finlandesi e iracheni, cortometraggi congolesi e russi, lungometraggi francesi, esperimenti indiani, e naturalmente tanti, tantissimi prodotti italiani. È la rassegna cinematografica più lunga d'Italia la maratona "50 giorni di cinema [...]

winner
miglior film
Premio Oscar
2012
winner
miglior regia
Premio Oscar
2012
winner
miglior attore
Premio Oscar
2012
winner
miglior colonna sonora originale
Premio Oscar
2012
winner
migliori costumi
Premio Oscar
2012
winner
miglior attore
Festival di Cannes
2011
winner
miglior film europeo
Nastri d'Argento
2012
winner
miglior colonna sonora
Golden Globes
2012
winner
miglior film brillante
Golden Globes
2012
winner
miglior attore in un film brillante
Golden Globes
2012
winner
miglior film
BAFTA
2012
winner
miglior regia
BAFTA
2012
winner
miglior attore
BAFTA
2012
winner
miglior scenegg.ra originale
BAFTA
2012
winner
miglior fotografia
BAFTA
2012
winner
miglior colonna sonora
BAFTA
2012
winner
migliori costumi
BAFTA
2012
winner
miglior compositore europeo
European Film Awards
2011
winner
miglior film francese
Cesar
2012
winner
miglior regia
Cesar
2012
winner
miglior attrice
Cesar
2012
winner
miglior fotografia
Cesar
2012
winner
miglior colonna sonora
Cesar
2012
winner
miglior scenogr.
Cesar
2012
winner
miglior film
NYFCCA
2011
winner
miglior regia
NYFCCA
2011
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati