Dizionari del cinema
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
venerdì 17 gennaio 2020

Gary Oldman

Sedotto dal lato oscuro

Altri nomi: Maurice Escargot / Gary von Oldman
61 anni, 21 Marzo 1958 (Ariete), Londra (Gran Bretagna)
occhiello
Batman è l'eroe che Gotham si merita, ma di cui non ha bisogno in questo momento… Perché lui può sopportarlo… È un vigilante che vaga nell'ombra… È un Cavaliere Oscuro. "
dal film Il cavaliere oscuro (2008) Gary Oldman  James Gordon
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Gary Oldman
Golden Globes 2018
Nomination miglior attore in un film drammatico per il film L'ora più buia di Joe Wright

Golden Globes 2018
Premio miglior attore in un film drammatico per il film L'ora più buia di Joe Wright

Premio Oscar 2018
Nomination miglior attore per il film L'ora più buia di Joe Wright

BAFTA 2018
Nomination miglior attore per il film L'ora più buia di Joe Wright

BAFTA 2018
Premio miglior attore per il film L'ora più buia di Joe Wright

Premio Oscar 2018
Premio miglior attore per il film L'ora più buia di Joe Wright

SAG Awards 2018
Nomination miglior attore per il film L'ora più buia di Joe Wright

SAG Awards 2018
Premio miglior attore per il film L'ora più buia di Joe Wright

Critics Choice Award 2018
Nomination miglior attore per il film L'ora più buia di Joe Wright

Critics Choice Award 2018
Premio miglior attore per il film L'ora più buia di Joe Wright

BAFTA 2012
Nomination miglior attore per il film La talpa di Tomas Alfredson

Premio Oscar 2012
Nomination miglior attore per il film La talpa di Tomas Alfredson



Il nuovo lavoro con Kevin Costner e Gary Oldman appartiene a quel cinema di genere capace di dialogare con un pubblico tutt'altro che sparuto. Al cinema.

Criminal, un film sincero che ispira simpatia

domenica 17 aprile 2016 - Roy Menarini cinemanews

Criminal, un film sincero che ispira simpatia

Con La Talpa arrivano al Lido gli 007 di Alfredson.

Dalla Svezia con furore

lunedì 5 settembre 2011 - Ilaria Ravarino cinemanews

Dalla Svezia con furore Gli 007 svedesi piacciono, eccome, alla Mostra di Venezia. Accolto da un lungo applauso in sala stampa, il regista di Stoccolma Tomas Alfredson e il produttore Tim Bevan hanno portato oggi in concorso Tinker, Taylor, Soldier, Spy (in Italia a gennaio con il titolo La Talpa), che lo sceneggiatore Peter Straughan ha tratto dal romanzo capolavoro sul mondo delle spie di John Le Carré. Già adattato per il piccolo schermo nel 1979 in una miniserie in 7 puntate, La Talpa ha portato al Lido anche un cast di altissimo livello: Colin Firth, John Hurt, Benedict Cumberbatch, Mark Strong e Gary Oldman, che nel film di Alfredson veste i panni del personaggio interpretato trent’anni fa da Alec Guinness nella miniserie tv. «Se Guinness potesse vedere la prova d’attore di Oldman – ha detto il regista – sarebbe il primo a fargli una standing ovation». Continua »

Hunter Killer - Caccia negli abissi

Hunter Killer - Caccia negli abissi

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,86)
Un film di Donovan Marsh. Con Gerard Butler, Gary Oldman, Common, Linda Cardellini, Toby Stephens.
continua»

Genere Thriller, - USA 2018. Uscita 08/11/2018.
L'ora più buia

L'ora più buia

* * * - -
(mymonetro: 3,47)
Un film di Joe Wright. Con Gary Oldman, Kristin Scott Thomas, Lily James, Stephen Dillane, Ronald Pickup.
continua»

Genere Drammatico, - Gran Bretagna 2017. Uscita 18/01/2018.
Come ti ammazzo il Bodyguard

Come ti ammazzo il Bodyguard

* * - - -
(mymonetro: 2,14)
Un film di Patrick Hughes. Con Samuel L. Jackson, Ryan Reynolds, Gary Oldman, Salma Hayek, Elodie Yung.
continua»

Genere Azione, - USA 2017. Uscita 05/10/2017.
Criminal

Criminal

* * - - -
(mymonetro: 2,42)
Un film di Ariel Vromen. Con Kevin Costner, Gary Oldman, Tommy Lee Jones, Alice Eve, Ryan Reynolds.
continua»

Genere Azione, - USA, Gran Bretagna 2016. Uscita 13/04/2016.
Child 44 - Il bambino n. 44

Child 44 - Il bambino n. 44

* * * - -
(mymonetro: 3,20)
Un film di Daniel Espinosa. Con Tom Hardy, Noomi Rapace, Gary Oldman, Joel Kinnaman, Paddy Considine.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2014. Uscita 30/04/2015.
Filmografia di Gary Oldman »

mercoledì 8 gennaio 2020 - L'attore racconta a MYmovies.it la straordinaria esperienza sul set, il rapporto con il suo Craxi e quanto è stato difficile calarsi nei suoi panni. Dal 9 gennaio al cinema.

Hammamet, Favino: «È una profonda riflessione sulla caducità. E sulla paura di perdere tutto»

Paola Casella cinemanews

Hammamet, Favino: «È una profonda riflessione sulla caducità. E sulla paura di perdere tutto» Ci sono momenti, guardando Hammamet, il film che Gianni Amelio ha dedicato all’ultimo periodo della vita di Bettino Craxi, in cui abbiamo l’illusione che il politico socialista si rivolga direttamente a noi per valutare la sua parabola. In quei momenti dimentichiamo che dietro al trucco sapiente c’è Pierfrancesco Favino nel ruolo di una vita: ma al di là della metamorfosi fisica la sua è un’interpretazione indimenticabile, quella “metamorfosi emotiva”, come la chiama l’attore, che va molto oltre l’esteriorità. “Altrimenti sarebbe solo un principio imitativo. Se lo spettatore passasse il tempo a pensare: ‘Oddio, com’è uguale a Craxi’ si distrarrebbe, concentrandosi sul virtuosismo invece che sulla storia. La memoria di Craxi è un ricordo molto personale di tanti che hanno vissuto in quel periodo. Ognuno di loro ha dunque già un’immagine di Craxi dentro di sé, e se da una parte non la devi tradire, dall’altra devi illuminare gli aspetti sconosciuti dell’uomo: quelli che il film di Amelio indaga”.

Come è entrato nel corpo di Craxi?
Osservandolo a lungo, leggendo molto su di lui. Dal punto di vista fisico la prima caratteristica notevole è l’altezza, perché Craxi superava il metro e 90, in una generazione di politici che raramente andava oltre il metro e 70. Era un uomo imponente, più di me, e ho cercato di restituire quel tratto che era parte della sua leadership. Anche il suo incedere era particolare: ci vedevi il suo passato da ex cestista, con quelle gambe lanciate.

Il lavoro che ha fatto sulla voce è straordinario.
Ho studiato a lungo per portare la mia voce ai risuonatori della sua, più squillante, ma capace di profondità inattese. Inoltre nella fase storica in cui lo vediamo nel film la voce di Craxi non era più quella di prima, pativa già a causa dei malanni fisici. Ciò che ho volutamente evitato infine sono state le sue celeberrime pause, perché cinematograficamente sarebbero state un po’ punitive per il pubblico.

Anche il trucco ha avuto la sua parte…
Andrea Leanza e Federica Castelli, con cui per un anno abbiamo lavorato per arrivare al trucco definitivo, sono stati per me un enorme aiuto. Quando siamo riusciti a trovare il punto di equilibro fra me e Craxi, quelle cinque ore e mezza di trucco al giorno sono diventate una fase di trasformazione anche interiore, un rituale che si ricreava ogni giorno.

Dunque è stata cercata una mediazione fra la sua fisionomia e quella di Craxi.
Non poteva essere altrimenti. La mia conformazione, la mia ossatura, le geometrie del mio volto e della mia testa sono estremamente diverse da quelle di Craxi. Faccio esempi volutamente alti: lo stesso ragionamento è stato fatto per Meryl Streep quando ha interpretato la Thatcher in The Iron Lady e per Gary Oldman quando ha interpretato Churchill ne L’ora più buia. Alla fine il trucco realizzato da Andrea e Federica, cui va riconosciuto un vero e proprio lavoro di design, pesava più o meno sette etti.

Quali aspetti della vita di Craxi ha voluto esplorare?
Una delle domande centrali nel film è: che cosa non ti puoi più permettere quando diventi un leader? Mi ha ricordato il momento della serie The Crown in cui la protagonista diventa regina e deve chiudere la porta a tutta una serie di possibilità. Chi assume un ruolo di quella responsabilità, e sente un così forte desiderio di ricoprirlo, finisce per avere un rapporto di estrema solitudine con la propria intimità. Nel caso di Craxi bisogna anche tenere conto di una serie di fattori biografici: l’essere cresciuto in collegio, l’aver avuto un rapporto piuttosto freddo con i suoi genitori - una madre severa, un padre distante. Non voglio fare della psicologia spicciola, ma se ci si domanda come mai avesse un certo tipo di relazioni nel privato, qualche risposta può essere trovata anche lì.

lunedì 9 dicembre 2019 - Il film, che è valso il premi Oscar a Gary Oldman, è ora disponibile in streaming su Amazon Prime Video.

L'ora più buia, Churchill e la Germania nazista, quella lungimiranza che cambiò la Storia

Massimiliano Carbonaro cinemanews

L'ora più buia, Churchill e la Germania nazista, quella lungimiranza che cambiò la Storia Perché guardare L'ora più buia (Darkest Hour), il film del 2017 diretto da Joe Wright del 2017 disponibile ora in streaming su Amazon Prime Video? Perché oltre a mostrare uno straordinario Gary Oldman in stato di grazia (e premio Oscar per la sua interpretazione), riesce a raccontare un momento cruciale della storia moderna con grande aderenza agli avvenimenti realmente avvenuti.
 

L'ora più buia, conferma il talento e la sensibilità del regista Joe Wright per i film ambientati nel passato. Dall'esordio con Orgoglio e pregiudizio a Espiazione continuando con Anna Karenina. Tutti e tre i film per altro hanno in Keira Knightley l'attrice principale.
MYmovies.it
Si deve la precisione storica di L'ora più buia allo sceneggiatore Anthony McCarten reduce dal successo di La teoria del tutto - il film biografico sul genio scientifico Stephen Hawking - e che più recentemente ha firmato lo script di un altro biopic di successo come Bohemian Rhapsody. Per il professore e studioso di storia John Broich il film "svolge un serio compito storico". Ma la sua non è stata l'unica voce che ha sottolineato questo aspetto e intorno a L'ora più buia si sono alzate in Inghilterra anche numerose polemiche cercando di leggere nell'opera un messaggio pro-Brexit. 

Il tema è in parte noto anche in Italia, siamo nel 1940 e Winston Churchill diventa Primo Ministro dopo le dimissioni di Neville Chamberlain. L'atteggiamento del nuovo premier è ben diverso dal suo predecessore per quanto riguarda un tema in quel momento cruciale, decidere se negoziare con la Germania nazista e con Hitler o continuare la guerra. La forza morale di Churchill, la sua lungimiranza e la capacità che mostrò di coagulare l'intero paese contro il nemico, probabilmente hanno cambiato il corso della storia. 

Gary Oldman (è James Gordon nella trilogia del Cavaliere Oscuro di Nolan, ed è Sirius Black nella saga di Harry Potter) si cala perfettamente nella parte di Winston Churchill ottenendo anche il premio Oscar come miglior attore. La sua performance è stata aiutata da un sapiente trucco e dalla costante presenza di un immancabile sigaro: per le riprese ne dovette fumare circa 400 finendo anche intossicato dalla nicotina. 

Nel cast troviamo nei panni della moglie dell'uomo politico, Clementine Churchill, la bravissima Kristin Scott Thomas (Quattro matrimoni e un funerale, Il paziente inglese), mentre in quelli di un titubante re Giorgio VI c'è Ben Mendelsohn (Captain Marvel). Ha il volto di Stephen Dillane, il conte di Halifax, Edward Wood, anche se per molti è semplicemente Stannis Baratheon di Game of Thrones. Infine la parte dell'ex premier Neville Chamberlain è stata affidata all'attore inglese Ronald Pickup (Marigold Hotel).

Il film è stato uno straordinario successo al botteghino e a fronte di un budget intorno ai 30 milioni di dollari ne ha incassati 150 milioni, tanto che si parla di farne un seguito con l'obiettivo di raccontare la conferenza di Yalta del 1945 dopo la Seconda Guerra Mondiale, includendo ovviamente il Presidente degli Stati Uniti Franklin D. Roosevelt che in L'ora più buia è interpretato da David Strathairn (Good Night, and Good Luck).

Altre news e collegamenti a Gary Oldman »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità