Nico, 1988

Film 2017 | Drammatico +13 93 min.

Anno2017
GenereDrammatico
ProduzioneItalia, Belgio
Durata93 minuti
Al cinema5 sale cinematografiche
Regia diSusanna Nicchiarelli
AttoriTrine Dyrholm, John Gordon Sinclair, Anamaria Marinca, Sandor Funtek II, Thomas Trabacchi Karina Fernandez, Calvin Demba, Francesco Colella.
Uscitagiovedì 12 ottobre 2017
TagDa vedere 2017
DistribuzioneI Wonder Pictures
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,56 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Susanna Nicchiarelli. Un film Da vedere 2017 con Trine Dyrholm, John Gordon Sinclair, Anamaria Marinca, Sandor Funtek II, Thomas Trabacchi. Cast completo Genere Drammatico - Italia, Belgio, 2017, durata 93 minuti. Uscita cinema giovedì 12 ottobre 2017 distribuito da I Wonder Pictures. Oggi tra i film al cinema in 5 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,56 su 13 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Nico, 1988
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Susanna Nicchiarelli affronta la vita di Nico, una delle donne più affascinanti degli Anni Ottanta. Il film è stato premiato al Festival di Venezia.

Consigliato sì!
3,56/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,17
PUBBLICO 4,50
CONSIGLIATO SÌ
Gli ultimi anni di vita di Christa Päffgen, in arte Nico, attraverso una lettura della sua tormentata condizione esistenziale.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Gli ultimi anni di vita di Christa Päffgen, in arte Nico. Musa di Warhol, cantante dei Velvet Underground e donna la cui bellezza era indiscussa, Nico vive una seconda vita quando inizia la sua carriera da solista. Qui seguiamo gli ultimi tour di Nico e della band che l'accompagnava in giro per l'Europa negli anni '80: anni in cui la "sacerdotessa delle tenebre", così veniva chiamata, si è liberata del peso della sua bellezza e inizia a ricostruire un rapporto con il figlio.
Non era un'impresa facile trasferire sullo schermo le fasi finali della vita di una personalità complessa come quella di Nico.

Susanna Nicchiarelli è riuscita a portarla a compimento leggendola a partire da una condizione esistenziale che ormai (siamo al suo terzo lungometraggio) possiamo considerare come un tema che la appassiona: i segni che l'infanzia e la preadolescenza lasciano nelle persone che finiremo con il diventare.

Dalla Luciana 'comunista' di 9 anni di Cosmonauta siamo passati alla Caterina adulta che parla con se stessa dodicenne in La scoperta dell'alba e ora il film si apre con Christa bambina che guarda da lontano i bagliori di una Berlino che brucia sul finire della seconda guerra mondiale. Quelle luci di distruzione lontane favoriranno la percezione e la condivisione delle tenebre esistenziali che costituiranno la base della sua produzione artistica così come rimarrà indelebile, divenendo a tratti un modo di nutrirsi vorace, il ricordo della fame sperimentata allora.

Ma quella bambina, che come giovane donna ha a lungo sopportato l'essere associata ai Velvet Underground, a Lou Reed e ad altre star prima di vedersi riconosciuto un proprio status, è divenuta un'icona della controtendenza musicale e continua ad esserlo in un periodo (quello in cui la incontriamo nel film) in cui la discomusic domina il mercato musicale. Porta però dentro di sé una duplice sofferenza: la dipendenza dall'eroina e il senso di colpa per essersi fatta sottrarre il figlio appena nato essendo comunque consapevole di non essere in grado, all'epoca, di dargli ciò che un piccolo esige da una madre.

Ora quel bambino è un ragazzo non privo di problemi a cui riavvicinarsi passo dopo passo. La regista segue (grazie anche all'interpretazione di una Trine Dyrholm che non cerca l'imitazione dell'artista ma la fa propria nell'intimo) i suoi mutamenti d'umore, i suoi scatti d'ira così come il lasciarsi andare a una cena notturna a base di pasta al pomodoro, Coca Cola e limoncello o il discreto innamoramento del suo manager. Sono aperture e chiusure che rimandano a quelle porte che si chiudono (per celare allo sguardo altrui il bisogno di eroina), che restano chiuse (quando il manager vorrebbe trovare il coraggio di bussare per manifestare i propri sentimenti) o che si aprono per entrare in scena a mettere, ogni volta, in musica e parole una vita tormentata.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 11 ottobre 2017
Holdrei

Un film che racconta l'ultima fase della vita di Nico, un viaggio attraverso l'Europa degli anni 80. Aspettavo da tempo questo film in quanto fan di Nico e sono rimasto molto soddisfatto.  La regista Susanna Nicchiarelli in questa sua coraggiosa opera, dipinge con maestria scene e personaggi memorabili, scrivendo un film che parte da un grande lavoro di ricerca delle testimonianze. La [...] Vai alla recensione »

venerdì 20 ottobre 2017
Eva K.

"Nico, 1988" sorprende, accende, emoziona. Vibra. Azzarda. Ti assale. Un'opera indiscutibilmente riuscita. Il racconto inizia laddove la donna che indossava gli abiti di Nico cerca il sè, dimenticato o forse sconosciuto anche a se stessa. Nico scende dal palconoscenico e dai riflettori dell'icona e sale sul palcoscenico della vita.

venerdì 17 novembre 2017
MAURIDAL

NICO 1988 un film di Susanna Nicchiarelli , con Trine Dyrholm. Italia 2017 Quando una empatia si manifesta ,così palese tra il personaggio e l’interprete , tanto che lo spettatore identifica tout court l’attrice con il personaggio come avviene nel film Nico 1988, allora una buona parte del senso di questo film è raggiunto pienamente. Il film infatti non vuole e non è una biografia ricostruita del [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 ottobre 2017
vanessa zarastro

Nico, 1988 è un film intenso che racconta il tristissimo tramonto di una stella. Nico è la cantautrice tedesca bellissima che ha cantato con i Velvet Underground, ha frequentato The Doors –«Prendevamo un sacco di LSD – racconta a proposito di Jim Morrison» - è stata anche una modella e musa di Andy Warhol.

venerdì 17 novembre 2017
michelino

     "Sono stata in cima e poi ho toccato il fondo" Sono parole di Nico nel film Il film non racconta la cima, racconta il fondo Il fondo di un donna ormai disillusa dalla vita Il fondo di un donna che si sente anziana prima del tempo Il fondo di una madre che non ha visto crescere il figlio Il fondo di una donna disfatta dall'eroina e dalla [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 ottobre 2017
no_data

Un film che racconta la cupezza del tramonto di una stella. La cantautrice tedesca bellissima che ha cantato con i Velvet Underground, frequentato The Doors –«prendevamo un sacco di LSD – racconta in un’intervista a proposito di Jim Morrison» - è stata anche una modella, la musa di Andy Warhol. Christa Päffgen, detta Nico, è stata un’icona rock [...] Vai alla recensione »

venerdì 27 ottobre 2017
no_data

bellissima che ha cantato con i Velvet Underground, frequentato The Doors –«prendevamo un sacco di LSD – racconta in un’intervista a proposito di Jim Morrison» - è stata anche una modella, la musa di Andy Warhol. Christa Päffgen, detta Nico, è stata un’icona rock degli anni Sessanta, ha avuto un figlio da Alain Delon (che però non lo ha [...] Vai alla recensione »

giovedì 19 ottobre 2017
Flyanto

 Come si evince dal titolo stesso, "Nico 1988" è un film in omaggio alla cantante tedesca Christa Paffgen deceduta, appunto, nell'anno 1988 e ripercorre solo gli ultimi due anni della sua esistenza caratterizzata da abuso di droga ed alcool. Nata a Berlino negli anni '40 al tempo della Seconda Guerra Mondiale, da ragazza Christa Paffgen, essendo molto bella, intraprend [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 ottobre 2017
Holdrei

Un film che racconta l'ultima fase della vita di Nico, un viaggio attraverso l'Europa degli anni 80. Aspettavo da tempo questo film in quanto fan di Nico e sono rimasto molto soddisfatto. La regista Susanna Nicchiarelli in questa sua coraggiosa opera, dipinge con maestria scene e personaggi memorabili, scrivendo un film che parte da un grande lavoro di ricerca delle testimonianze.

FOCUS
FOCUS
domenica 15 ottobre 2017
Roy Menarini

A torto si pensa che il genere biografico sia prevedibile e ampiamente codificato. Eppure, anche in questo periodo in cui la "storia vera" sembra aver raggiunto l'apice dell'interesse per il pubblico, le formule di riferimento sono molte e numerose. Agli abusati schemi di ascesa/caduta o ascesa/caduta/rinascita, Nico, 1988 per esempio oppone un approccio più articolato e complesso, che usa la tournée come detonatore per un road movie, e proprio su questo aspetto moltiplica i punti di osservazione e spiazza le attese dello spettatore.

In gioco, dunque, non c'è solamente il confronto con il genere di riferimento (con il sotto-filone del maledettismo rock a fare da pericoloso modello) ma anche con il cinema italiano tout court, di cui Nico, 1988 costituisce lodevole eccezione.

Ci sono alcune lezioni che altri registi potrebbero trarre dal film di Susanna Nicchiarelli. Per esempio, documentarsi attentamente sulla materia narrata: in Nico, 1988 troviamo non solo una serie di materiali di prima mano (come le opere sperimentali di Jonas Mekas dove Nico è presente da giovane, evitando imbarazzanti flashback con attrici sosia) ma anche episodi e ricostruzioni tratte da testimonianze dirette, trovando in questo modo un equilibrio palpabile tra rispetto umano dei protagonisti del tempo e autonomia di rappresentazione.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 13 ottobre 2017
Francesco Alò
Il Messaggero

Chi era Christa Paffgen in arte Nico? Quella sventola in bianco e nero incontrata da Mastroianni a Via Veneto nel 1960 dentro La dolce vita di Fellini? La "femme fatale" che Andy Warhol inserì nella band dei Velvet Underground a New York nel '67? Colei che fece del sesso orale al "Dio del rock" Jim Morrison in ascensore (The Doors di Oliver Stone)? L'innamorata, poi rigettata, di Alain Delon? Per la [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 ottobre 2017
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Nico, nome d'arte di Christa Paffgen, è stata tante cose attrice, modella, cantante e musa. La sua bellezza non solo ha fatto la storia, ma innamorare gente come Alain Delon, relazione che portò alla nascita di Christian, tra l'altro mai riconosciuto dal divo. Questa pellicola biografica, ottimamente diretta dalla nostra talentuosa Susanna Nicchiarelli, ripercorre i suoi ultimi due anni di vita (morì, [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 ottobre 2017
Fulvia Caprara
La Stampa

Con un guizzo degli scintillanti occhi blu, Trine Dyrholm, danese, classe 1972, spiega che non poteva esserci personaggio più lontano da lei della Nico del film di Susanna Nicchiarelli, vincitore del Premio Orizzonti all'ultima Mostra di Venezia. Cupa e disperata, la postura da cow-boy e i leggendari capelli biondi tinti di nero, l'ex-cantante dei «Velvet Underground», nata a Colonia nel '38, modella [...] Vai alla recensione »

NEWS
GUARDA L'INIZIO
martedì 10 ottobre 2017
 

Ambientato tra Parigi, Praga, Norimberga, Manchester, nella campagna polacca e il litorale romano, Nico, 1988 è un road-movie dedicato agli ultimi anni di Christa Päffgen, in arte Nico. Musa di Warhol, cantante dei Velvet Underground e donna dalla bellezza [...]

SPLENDOR
domenica 1 ottobre 2017
 

Ospiti di questo nuovo appuntamento sono la regista Susanna Nicchiarelli, i protagonisti di Tiro Libero Antonio Catania e Maria Chiara Centorami, la cantautrice Tosca e l'attrice Cecilia Dazzi. Susanna Nicchiarelli ha scritto e diretto Nico, 1988 (in [...]

MOSTRA DI VENEZIA
mercoledì 19 luglio 2017
 

Ambientato tra Parigi, Praga, Norimberga, Manchester, nella campagna polacca e il litorale romano, Nico, 1988 è un road-movie dedicato agli ultimi anni di Christa Päffgen, in arte Nico. Musa di Warhol, cantante dei Velvet Underground e donna dalla [...]

winner
premio orizzonti per il miglior film
Festival di Venezia
2017
John Gordon Sinclair nella parte di Richard
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati