Miss Marx

Film 2020 | Drammatico, +13 107 min.

Regia di Susanna Nicchiarelli. Un film Da vedere 2020 con Romola Garai, Patrick Kennedy (II), John Gordon Sinclair, Felicity Montagu, Karina Fernandez. Cast completo Genere Drammatico, - Italia, 2020, durata 107 minuti. Uscita cinema giovedì 17 settembre 2020 distribuito da 01 Distribution. Oggi tra i film al cinema in 211 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,94 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Miss Marx tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Eleanor Marx, figlia di Karl, era colta, libera e appassionata. Fu una delle prime donne ad avvicinare i temi del femminismo e del socialismo. Miss Marx è 6° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 13.108,00 e registrato 2.230 presenze.

Consigliato sì!
2,94/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,16
PUBBLICO 2,67
CONSIGLIATO SÌ
CERCA IL FILM NEI CINEMA DI
|
Una coraggiosa rilettura punk rock della figura di Eleanor Marx, figlia ed erede ideologica di Karl.
Recensione di Paola Casella
sabato 5 settembre 2020
Recensione di Paola Casella
sabato 5 settembre 2020

Eleanor detta Tussy è "la più coraggiosa" delle tre figlie del filosofo e teorico politico tedesco Karl Marx. È lei che ne porta avanti l'eredità, anche perché una sorella, Jenny, è morta poco prima del padre, e l'altra, Laura, si è trasferita in Francia. Ma sono soprattutto l'intelligenza e l'indole combattiva di Eleanor a fare di lei la persona più adatta a tenere viva la fiamma del pensiero paterno. Dunque è lei a battersi per i diritti dei lavoratori, le pari opportunità nell'ambito dell'istruzione e il suffragio universale, nonché contro il lavoro minorile. Ma nella vita privata Eleanor non è così lucida e determinata: il suo compagno di vita, Edward, è infatti uno spendaccione fedifrago di cui lei non sa liberarsi.

Miss Marx sceglie fin da subito un doppio registro narrativo: quello pubblico, che riguarda l'attività intellettuale e politica della protagonista, e quello privato, che ne rivela l'indecisione nel porre fine ad una relazione tossica.

Le scelte di regia di Susanna Nicchiarelli sono altrettanto coraggiose di quelle filosofiche e sociali di Eleanor Marx: cesure temporali che eliminano il superfluo e si concentrano sui momenti salienti, spesso rivelatori, della vita della protagonista, che enuncia le sue deduzioni (o illuminazioni) come analisi storico-sociologiche, guardando in camera, alla maniera de Il mestiere delle armi. La crudeltà di certe scelte dettate dal contesto economico e politico nonché dal costume dei tempi, specialmente riguardo alle donne, ricorda invece quella di L'età dell'innocenza o di Una vita, per restare in epoca ottocentesca.

Nicchiarelli rivela anche la stessa lucidità e la stessa spavalderia di Greta Gerwig nel riassemblare Piccole donne sulla base di una diversa necessità narrativa, e con Gerwig Nicchiarelli condivide un certo gusto pittorico postmoderno applicato ad un'epoca passata, e sottolineato da una scelta musicale che comprende la rilettura punk rock di brani celebri ad opera dei gruppi 'Gatto ciliegia contro il grande freddo' e 'Downtown Boys'.

La composizione dell'immagine, complici le scenografie di Alessandro Vannucci e Igor Gabriel e i costumi di Massimo Cantini Parrini, è magnifica e ha una potenza estetica non comune. E l'inserimento dei filmati d'archivio testimonia come certe realtà non siano il frutto di un'esagerazione drammaturgica ma una realtà storica documentata.

Quel che azzoppa Miss Marx è la quantità di tempo filmico dedicato al rapporto fra la protagonista e il suo compagno di vita, davvero sproporzionata rispetto a quello dedicato alla dimensione pubblica della figlia di un grande della Storia, nonché al rapporto fra Eleanor e quel padre che "voleva tutto per lei tranne che la sua libertà". Invece il film ripiega troppo spesso sul mortificante privato "coniugale": è evidente che l'intento è quello di mostrare l'incongruenza fra dimensione pubblica e privata della protagonista, ma i "pesi narrativi" sono sbilanciati e penalizzano il risultato finale.

Per fare qualche raffronto con il cinema recente, Lincoln, pur dettagliando molto bene la relazione fra il presidente americano e la moglie e le sue ricadute pubbliche, dà almeno altrettanto spazio alle scelte ideali e politiche dell'uomo di Stato. Viceversa, purtroppo, altri film con al centro figure politiche femminili, come The Iron Lady o The Lady, hanno fatto del rapporto coniugale della protagonista il centro della storia Miss Marx non aveva bisogno, né genitoriale né legale né economico né intellettuale, di essere "totalmente dipendente da un uomo", eppure ha scelto di farlo: illustrarne le ragioni e assumersene la responsabilità avrebbe avuto un valore drammaturgico superiore. E farlo attraverso scelte registiche deliziosamente sfacciate e coraggiose come quelle di cui è capace Susanna Nicchiarelli avrebbe davvero messo l'accento su un'incongruenza altrimenti inspiegabile.

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 6 settembre 2020
Emanuele27087

Di Pacifico Arsenio   Anche nei suoi momenti migliori ‘Miss Marx’ non pare esprimere mai lo spirito della sua epoca, è in ritardo sui tempi, o addirittura controcorrente: Puritano e molto ordinato. Non sorprende pertanto che anche le sue scelte migliori assomiglino a una tentata copia di Sofia Coppola nel ben superiore ‘Maria Antoniette’.

venerdì 18 settembre 2020
Ghisi

Eleonor Marx figlia del più noto Karl e di Jenny von Westphalen, sembrava destinata a vivere “prendendosi cura” degli altri: del padre, con cui lavorava anche, della madre, della sorella malata Jenny e del figlio di lei dopo la sua morte…Alla tenera età di 28 anni, alla morte del padre, Eleonor, detta Tussy decise finalmente di prendersi cura di se stessa sia come [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 settembre 2020
Inesperto

Un 20% di questioni socio-politiche a fronte di un 80% di pettegolezzo familiar-sentimentale. Il registro scelto per mettere in scena il ritratto della figlia prediletta del filosofo di Treviri pone lo sguardo quasi esclusivamente su elementi di secondo piano, per esporre i quali non serviva certo usare il nome di Marx. Indubbiamente, giustificare la via intrapresa sostenendo che affrontare gli aspetti [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 settembre 2020
FrankMoovie

 Questo film è strano perché si entra in sala con l’idea di vedere una pesante biografia di una donna e trovarsi in una storia sociale e sentimentale di Eleanor, terza figlia di Karl Marx ( filosofo, economista, storico, sociologo, politologo, giornalista tedesco, che molto segnò il suo tempo e gli anni seguenti con le sue teorie sul capitalismo e socialismo) che, ereditando [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 settembre 2020
GiorgiaPiricci

Nichiarelli prova a copiare Sofia Coppola di maria antonietta ma senza la forza, l'ironia, lo sguardo e l'originalità dell'autrice statunitense. Lo scarto c'è e si vede.

Frasi
Se quello che dicono fosse vero... Allora mio padre starebbe bruciando all'inferno adesso.
Una frase di Eleanor Marx (Romola Garai)
dal film Miss Marx - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
domenica 20 settembre 2020
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Papà è stato appena seppellito. Il discorso funebre è stato semplice ma emozionante, pieno di fatti, di idee, di ideali, come sarebbe piaciuto a lui. Ora bisogna sistemare il suo studio, riordinare le sue carte con l' aiuto del fido amico Engels, finire la partita a scacchi lasciata in sospeso con la sua governante-segretaria. Per Eleanor Marx detta Tussy (1855-1898), ultima delle tre figlie di Karl [...] Vai alla recensione »

domenica 20 settembre 2020
Alberto Cattini
Gazzetta di Mantova

Miss Eleanor Marx conosce l'uomo della sua vita al funerale del padre, nel 1883. Figlia di Karl Marx, di intelligenza brillante, oratrice socialista votata all'emancipazione operaia e femminile, s'innamora di Edward Aveling, sindacalista e drammaturgo, uomo di fascino ma senza morale, scialacquatore e traditore di mogli e amanti, un cialtrone, di cui Eleanor è consapevole, pur tuttavia disposta a subirlo [...] Vai alla recensione »

sabato 19 settembre 2020
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Eleanor, la figlia piccola di Karl Marx, aveva molti talenti ma non sapeva scegliersi il fidanzato. Non capitava solo nell' Ottocento vittoriano, che dava alle donne poca libertà di movimento. Meno ancora se una non si fosse chiamata Marx, e non fosse stata convinta - coglie l' occasione del funerale per renderlo noto al mondo: "Se ci fosse un' altra vita mio padre brucerebbe all' inferno".

sabato 19 settembre 2020
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

Il quarto film di Susanna Nicchiarelli conferma il percorso di maturazione cominciato con il delizioso «Cosmonauta» (2009), inceppatosi con «La scoperta dell'alba» (2013) e nuovamente sulla rotta giusta grazie a «Nico, 1988» (del 2017). «Miss Marx» è un melò in costume dai risvolti politici, che racconta la vita di Eleanor «Tussy» Marx, figlia minore (e prediletta) dell'autore de «Il Capitale».

sabato 19 settembre 2020
Claudio Fraccari
La Voce di Mantova

Delle tre figlie di Karl Marx, fu la minore ad assorbire in profondità le teorie del padre. Eleanor, detta Tussy, si impegnò come attivista, battendosi contro il lavoro minorile, caldeggiando l'istruzione obbligatoria nonché il suffragio universale. La sua lungimiranza politica pativa però nel privato una caparbia cecità: s'innamorò infatti dell'inetto, fedifrago, perennemente indebitato Edward, che [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 settembre 2020
Alice Sforza
Il Giornale

Uno dei film più interessanti del Festival veneziano è la biografia di Eleanor, la figlia più combattiva di Karl Marx. E' lei che incarna gli ideali di papà, battendosi per i diritti dei lavoratori, per le pari opportunità e contro il lavoro minorile. La Nicchiarelli, con una curiosa, ma azzeccata rilettura «rock», offre una regia autoriale convincente, ma con una pecca.

venerdì 18 settembre 2020
Nicola Falcinella
La Provincia di Como

Anno 1883. Alla morte del filosofo Karl Marx, la figlia sestogenita Eleanor tiene un ispirato discorso funebre. Inizia così, dopo una sequenza dei titoli di testa arrembrante, "Miss Marx" di Susanna Nicchiarelli, presentato in concorso alla 77° Mostra di Venezia. Un progetto produttivamente abbastanza insolito nel cinema italiano, girato in inglese con attori inglesi, scritto e diretto dalla regista [...] Vai alla recensione »

martedì 15 settembre 2020
Mariuccia Ciotta
Film TV

«Era una donna eccezionale... Ma ha conosciuto l'uomo sbagliato». Eleanor ama Edward, ma lui la tradisce e lei si suicida. Sarà quest'aria da telenovela sontuosa in costume ottocentesco e il "conflitto tra ragione e sentimento" a sedurre, la storia di un'attivista per i diritti di donne e operai, devastata da quel che l'ideologia tenta di sopprimere, l'umanità.

martedì 15 settembre 2020
Emanuela Martini
Film TV

Donna notevole che la Storia ha relegato al ruolo marginale di "figlia" e divulgatrice del pensiero e delle opere del padre: Eleanor, la terza figlia (e forse la prediletta, perché dall'intelletto e la passione pari ai suoi) di Karl Marx, traduttrice in inglese di Flaubert e di Ibsen (notevole la breve scena di Casa di bambola che lei stessa e il suo compagno interpretano), impegnata soprattutto nella [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 settembre 2020
Valerio Caprara
Il Mattino

Belli. Bellissimi. Imperdibili. Fanno tenerezza le autopromozioni che stanno scortando la presentazione nelle sezioni principali e collaterali di questo festival pilotato con abilità, competenza e un pizzico di spregiudicatezza dal duo Ciccutto-Barbera dei titoli battenti bandiera tricolore. A dirla chiaramente vi hanno trovato accoglienza, tra le mille difficoltà dell' edizione strappata con le unghie [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 settembre 2020
Fiaba Di Martino
Film TV

Dietro i grandi uomini, all'ombra della loro leggenda e nel silenzio tra le loro rivoluzioni, stanno le loro donne. Come Eleanor "Tussy" Marx, figlia minore di Karl, la più permeabile alle idee e alla necessità delle lotte paterne, paladina, attivista, e innamorata, fino alla tragedia, di un uomo ridicolo. Dopo Nico, 1988 (vincitore di Orizzonti 2018) Nicchiarelli dipinge un nuovo ritratto di donna [...] Vai alla recensione »

domenica 6 settembre 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

"Miss Marx" va già meglio di "PADRENOSTRO" e quindi diciamo che l'Italia fa un passo avanti rispetto al giorno prima. Tuttavia l'avanzata è contenuta. Eleanor Marx è stata tra le prime donne, alla fine dell'Ottocento, innervata anche dalla spinta del padre, a tracciare il percorso per le lotte operaie, libertà e socialismo, e soprattutto la rivendicazione dei diritti delle donne.

domenica 6 settembre 2020
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Come Thelma & Louise. Non è l' album di Giorgia, ma il nuovo film di Susanna Nicchiarelli, Miss Marx, dedicato alla figlia più piccola di Karl, Eleanor, e in Concorso alla 77esima Mostra. Antesignana nel coniugare femminismo e socialismo, partecipò alle lotte operaie, si spese per i diritti delle donne e l' abolizione del lavoro minorile, ma fu sfortunata in amore: l' incontro nel 1883 con Edward [...] Vai alla recensione »

domenica 6 settembre 2020
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Puerile e vanitoso, Karl Marx, come lo dipinse Isaiah Berlin: «Una mente potente, concreta, non sentimentale, di acuto senso di ingiustizia e di scarsissima sensibilità». Tra queste contraddizioni, una volta sepolto il padre, si muove la più giovane delle figlie, Eleonor, nel ritratto "Miss Marx" di Susanna Nicchiarelli (amata per "Nico"), ambientato ieri per proiettare oggi il fraintendimento di sensibilit [...] Vai alla recensione »

domenica 6 settembre 2020
Cristina Piccino
Il Manifesto

Miss Marx è Eleanor, la figlia minore del filosofo autore di Das Kapital, cresciuta in stanze stracolme di rivoluzione, libri, pensieri, fumo; da bimba la «sua» frase era: «Sempre avanti!», e nel cuore il padre amatissimo occupava tutto lo spazio. Ma se quell' esistenza poteva sembrare un' avventura - anche nelle privazioni e nella fatica - nonostante l' amore, l' ammirazione, la figura paterna e tutto [...] Vai alla recensione »

domenica 6 settembre 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Giornata tutta al femminile in Concorso, con il film italiano di Susanna Nicchiarelli dedicato alla figlia più piccola di Karl Marx, e alla madre che ha perso la figlia subito dopo il parto di Kornél Mundruczó. Miss Marx va già meglio di Padrenostro e quindi diciamo che l' Italia fa un passo avanti. Tuttavia l' avanzata è contenuta. Eleanor Marx è stata tra le prime donne, alla fine dell' Ottocento, [...] Vai alla recensione »

domenica 6 settembre 2020
Emiliano Morreale
La Repubblica

Anche dopo il passaggio di Pieces of a Woman, dramma di una donna che perde il figlio e fa causa all' ostetrica, raccontato in maniera inutilmente virtuosistica, per ellissi temporali, il titolo migliore del concorso, è Miss Marx di Susanna Nicchiarelli. Opera quarta di un' autrice giunta a maturazione col precedente Nico, 1988, e che si confronta con un' altra storia vera, ma lontanissima.

domenica 6 settembre 2020
Alessandra Levantesi
La Stampa

Quest' anno nessuno potrà lamentare che «mancano le donne». Fra Cate Blanchett, Greta Thunberg, Tilda Swinton, le molte cineaste e i tanti ruoli protagonisti, Venezia 77 trabocca di presenze femminili. E chi già vedeva la Coppa Volpi nelle mani della serba Aida, dovrà aggiungere alla rosa delle candidate la Romola Garai di Miss Marx, a firma di Susanna Nicchiarelli; e la Vanessa Kirby di Pieces of [...] Vai alla recensione »

domenica 6 settembre 2020
Raffaella Giancristofaro
Duels.it

«Non lo definirei un film femminista. Credo che più che altro il film parli di una contraddizione propria dell'essere umano, tra la propria parte razionale e quella emotiva. In Eleanor queste due parti sono in conflitto e non si conciliano mai». Così Susanna Nicchiarelli in conferenza stampa porge una chiave d'accesso a Miss Marx (nelle sale il 17 settembre), il suo film in concorso alla Mostra su [...] Vai alla recensione »

sabato 5 settembre 2020
Alice Catucci
Sentieri Selvaggi

Dopo Nico, 1988, Susanna Nicchiarelli torna al Lido con Miss Marx; un altro ritratto di donna che racconta, partendo dal funerale del padre Karl, la vita della sestogenita della famiglia Marx: Jenny Julia Eleanor Marx, soprannominata dai suoi cari Tussy ed unica ad essere suddita inglese per diritto di nascita. Militante socialista, traduttrice e attivista nel campo dei diritti delle donne, Eleanor [...] Vai alla recensione »

sabato 5 settembre 2020
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

Dal 1988 di Nico (vincitore in Orizzonti nel 2017) al 1898 di Eleanor "Tussy" Marx (anno in cui si tolse la vita), in concorso al Lido per il Leone d'Oro. Prosegue il viaggio nel tempo del cinema di Susanna Nicchiarelli (percorso iniziato nel 2009 con Cosmonauta), che ancora una volta mette al centro del suo film una figura femminile "di rottura", antesignana, proiettata nel futuro: Miss Marx.

NEWS
BOX OFFICE
venerdì 18 settembre 2020
Andrea Chirichelli

Reduce da Venezia 77, il film di Susanna Nicchiarelli apre sul podio. Il film di Nolan pronto all'esordio in Giappone. Scopri la classifica »

MOSTRA DI VENEZIA
sabato 5 settembre 2020
Paola Casella

Un film coraggioso quanto le scelte della sua protagonista. In Concorso a Venezia 77 e dal 17 settembre al cinema. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 3 agosto 2020
 

Regia di Susanna Nicchiarelli. Un film con Romola Garai, Felicity Montagu, Oliver Chris, Patrick Kennedy (II), Emma Cunniffe. Da giovedì 17 settembre al cinema. Guarda il trailer »

MOSTRA DI VENEZIA
martedì 28 luglio 2020
Paola Casella

La Mostra di Venezia (2-12 settembre) punta tutto su un programma ricco e sfaccettato. Vai all’articolo »

NEWS
mercoledì 24 giugno 2020
 

La storia della figlia più piccola di Karl Marx, Eleanor: brillante, colta, libera e appassionata, tra le prime donne ad avvicinare i temi di femminismo e socialismo. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati