Il padre

Film 2014 | Drammatico +13 138 min.

Regia di Fatih Akin. Un film con Tahar Rahim, Sevan Stephan, Shubham Saraf, Alì Akdeniz, Zein Fakhoury. Cast completo Titolo originale: The Cut. Genere Drammatico - Germania, Francia, Italia, Russia, Canada, Polonia, Turchia, 2014, durata 138 minuti. Uscita cinema giovedì 9 aprile 2015 distribuito da Bim Distribuzione. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,53 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il padre tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Il film racconta il male nell'uomo, ciò che inconsciamente o volutamente, possiamo fare agli altri. In Italia al Box Office Il padre ha incassato 47,6 mila euro .

Il padre è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,53/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 1,92
PUBBLICO 3,16
CONSIGLIATO NÌ
In una storia senza una virgola fuori posto l'unico che non sembra a casa propria è il suo autore.
Recensione di Gabriele Niola
lunedì 1 settembre 2014
Recensione di Gabriele Niola
lunedì 1 settembre 2014

Fin dal nome Nazaret tradisce la religione e il gruppo etnico di provenienza per i quali viene catturato, separato dalla sua famiglia, messo ai lavori forzati, poi condannato a morte e (scampato miracolosamente) vessato ogni qual volta incontri l'autorità. Nell'impero Ottomano degli anni della prima guerra mondiale, assieme a molti altri armeni, la sua famiglia è vittima di uno dei primi genocidi programmati a tavolino. L'aver scampato la morte costa a Nazaret le corde vocali ma senza curarsi del problema d'essere muto affronterà viaggi nel deserto, nelle città e infine attraverso l'oceano per ritrovare le figlie da cui è stato diviso.
É con un quasi-kolossal, un affresco storico tra due continenti nello stile di David Lean o più prosaicamente delle europroduzioni dall'obbligata (e fastidiosissima) lingua inglese, che Fatih Akin chiude la sua trilogia su Amore, Morte e Satana. Il demonio di questo film non è difficile da individuare, è sia da una parte ben precisa che in tutti gli uomini che compaiono, dovunque il protagonista si rechi c'è un suo simile pronto ad atti immondi che Akin si assicura di filmare per sottolinearne la malvagità, non aderendo a nulla che non sia il punto di vista del suo piccolo uomo dal "culo secco".
Muto e determinato il protagonista di Tahar Rahim è il testardo motore perpetuo di questo film, protagonista di mille avventure alla ricerca delle figlie gemelle, sospinto dall'altro piccoletto, muto e determinato del cinema, Charlot, visto in una proiezione (la prima della sua vita e si intuisce anche dei luoghi che abita) di Il monello.
Il furioso Akin capace di dare un taglio rigoroso e preciso a storie bohemiene, cantore fenomenale della vita come viene e degli sconvolgimenti sentimentali in personaggi che nulla pianificano e tutto vivono a pieno, qui cambia stile, posa il coltello e impugna la spazzola, si nasconde totalmente e muta pelle alla ricerca di altri linguaggi, più generalisti, buoni per tutti e acquietati, come si conviene ad una produzione internazionale. Si concede dolly e grandi scene, gira in deserti remoti e dirige attacchi ai treni ma poi dello sturm un drang che aveva dimostrato di saper raccontare così bene (anche in una commedia solo apparentemente innocua come Soul kitchen) non rimane nulla. In questo polpettone storico dalla trama intoccabile e canonica, dove tutto è nel posto in cui dovrebbe essere (i buoni, i cattivi e ahimè anche il punto di vista del pubblico), non ci sono i guizzi dei migliori registi di kolossal, i grandi cineasti di sistema, e nemmeno le peculiarietà dei pesci che nuotano controcorrente come lui.
Partito nell'impero Ottomano (ovvero le radici della sua Turchia) e finito in America (ovvero le radici dello stile cinematografico di cui è permeato) The Cut rievoca le sensazioni delle proiezioni da aula magna del liceo, il cinema didascalico, pieno di buone nozioni, esatto in ogni riferimento, preciso nell'identificare la lettura storica opportuna che però conserva solo un languido rimasuglio di quello che dovrebbe essere l'inebriante sapore dolceamaro della storia messa scena.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
IL PADRE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 14 aprile 2015
Galvanor

Lino Lavorgna *** “Un film puro, epico, di grande intensità e bellezza, come non se ne fanno più”. Parola di Martin Scorsese. Basterebbe questo a chiudere ogni discorso e correre a vedere il film, ammesso che si riesca a reperire qualche cinema che lo abbia in programmazione. Purtroppo la distribuzione lo penalizza molto. (Visto a Napoli, nell'unico cinema della Campania in cui è disponibile, e [...] Vai alla recensione »

domenica 28 giugno 2015
Alexander 1986

Mardin (Turchia), prima guerra mondiale. L'impero ottomano è ormai sull'orlo della catastrofe bellica e in ragion di ciò attua una coscrizione obbligatoria fra le minoranze etniche. L'armeno Nazaret è così costretto a lasciare moglie e le due figlie gemelle per combattere una guerra non sua. Sopravvissuto per miracolo e privato della voce da una ferita alla gola, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 aprile 2016
Filippo Catani

Impero Ottomano 1915. Un fabbro armeno vive tranquillamente la propria vita con moglie e figlie. Chiamato alle armi e poi scampato miracolosamente al genocidio, pur riportandone la lesione delle corse vocali, l'uomo si metterà alla ricerca delle proprie figlie anch'esse scampate al massacro. Un regista turco Akin che legge con coraggio una delle pagine più brutte e nere della [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 aprile 2015
Flyanto

"Il Padre" narra il lungo peregrinare alla ricerca delle due proprie figlie gemelle che, appunto, un padre armeno fa nel corso degli anni, attraversando non solo i vasti territori della Turchia e dell'Anatolia, ma anche l'Oceano al fine di raggiungere, prima l'isola di Cuba e, poi, il Minnesota nell'America del Nord. Arruolato anni prima, e precisamente al tempo del Primo Conflitto Mondiale, forzatamente [...] Vai alla recensione »

domenica 31 agosto 2014
Peer Gynt

Forse questo film ha sofferto di un'aspettativa non mantenuta, perché di per sé si tratta di una pellicola ben girata, onesta, abbastanza coinvolgente e con una musica ottima a commento delle vicende e delle ambientazioni. E allora, cosa non ha del tutto funzionato? Probabilmente, che la linearità del racconto è troppo prevedibile, che l'orrore dello scarsamente [...] Vai alla recensione »

domenica 31 luglio 2016
g_andrini

E' un film di tipologia particolare, che si racconta bene attraverso le immagini più che tramite i dialoghi. Tre stelle per l'ottima fotografia.

sabato 20 giugno 2015
nonnetti

tra il parere del recensore di questo sito e scorsese la risposta è scontata (sic). 4 1/2

lunedì 18 aprile 2016
charlie94

Il fare un film del genere su una tragedia come quella del genocidio armeno doveva essere evitato dal regista turco. La scena finale è grandiosa. Il padre ancora quasi ventenne incontra per caso la figlia, quasi trentenne, che riconosce dalla zoppia. Riacquista la parola(il padre) e viene a sapere ,il meschino, che l'altra figlia non c'è più, divorata dai parassiti(sic).

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Sfiorato da Elia Kazan nel Ribelle dell'Anatolia, il tema dell'oppressione turca sul popolo armeno è stato poco frequentato sia dalla storia ufficiale che dal cinema. Nel 2002 il regista armeno Atom Egoyan raccontò per via indiretta il genocidio subito dal suo popolo in Ararat, dove un cineasta preparava un film sul terribile episodio. Ora quel film c'è e lo ha diretto il regista di origine turca, [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Sfibrante giro del mondo in tremila giorni, o poco meno. Si parte in Turchia nel 1915 per arrivare in Nord Dakota nel 1923. La polizia irrompe nelle case degli armeni. Anche il fabbro Nazareth Manooglan è costretto a lasciare la moglie Rachel e le due gemelle. Scampato al taglio della gola, perde la voce, non la brama di ritrovare i suoi cari. L'eroico Tahar Rahim vaga qui e là cercando di farsi capire [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Cinema contro tv: tre a zero per la tv. E Dio sa quanto ci costa ammetterlo. Eppure è quanto continuavamo a pensare vedendo The Cut, del regista turco-tedesco Fatih Akin (concorso), che racconta il genocidio degli armeni e le sue conseguenze seguendo la lunga odissea di un armeno sopravvissuto fra il 1915 e il 1924, tra la città di Mardin, in Turchia, e il Nord Dakota, dove il film si conclude.

Alessandra Levantesi
La Stampa

Nella cine-trilogia di Fatih Akin l'amore (La sposa turca) è una donna che rivendica la propria libertà sentimentale; la morte (Ai confini del paradiso) è il metafisico filo che correla alcuni percorsi di vita; mentre il diavolo evocato nel terzo e ultimo capitolo Il padre è l'omicidio di massa perpetrato durante la Grande Guerra dagli ottomani contro la minoranza armena: un vero e proprio genocidio [...] Vai alla recensione »

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Nell'impero Ottomano della Prima guerra mondiale, un giovane armeno, sposo e padre di due bimbe, è separato dalla famiglia e deportato ai lavori forzati. Sottoposto a qualunque tortura e vessazione, riesce miracolosamente a sopravvivere seppur divenuto muto e, caparbiamente, viaggia per il mondo alla ricerca delle figlie che pare siano scampate. Lo aspettavamo da tempo il nuovo film del talentuoso [...] Vai alla recensione »

Adriano De Grandis
Il Gazzettino

L'eccidio armeno dell'Impero Ottomano porta Tahar Rahim (troppo bello e troppo imbambolato e poi anche muto) alla ricerca delle due figlie scampate al massacro dei turchi. Un polpettone melò patinato, finto e parlato in inglese, con un finale smaccato che forse oggi anche le suore troverebbero melenso. "The cut" del turco-tedesco Fatih Akin, diventato ora "Il padre", è stato il punto più basso dell'ultima [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
lunedì 1 settembre 2014
 

La giornata di ieri ha visto sul red carpet i cuori affamati di Saverio Costanzo (Hungry Hearts, interpretato da Alba Rohrwacher e Adam Driver), ma anche i protagonisti di The Cut di Fatih Akin e di Loin des hommes di David Oelhoffen (entrambi in concorso). [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati