•  
  •  
Apri le opzioni

Daniele Liotti

Daniele Liotti è un attore italiano, è nato il 1 aprile 1971 a Roma (Italia). Daniele Liotti ha oggi 51 anni ed è del segno zodiacale Ariete.

Daniele Liotti probabilmente

A cura di Fabio Secchi Frau

Attore romano, ma anche ex calciatore, che dal 1995 in poi si è conquistato un posto al sole nella nostra cinematografia, non solo per una bellezza statuaria da vero macho, ma anche per una discreta bravura nella recitazione. Abbastanza riservato, nonostante la sua filmografia non sia foltissima di titoli (che sono costituiti per lo più da commedie), è riuscito comunque a trovare la sua notorietà sia nel grande che nel piccolo schermo (dove gli ha giovato il fertile terreno della fiction, assai in voga di questi ultimi tempi).

L'ambivalenza televisione/cinema
L'ambivalenza tv/cinema è marcata fin dal suo debutto. Esordisce infatti nel 1995 nella miniserie di Vittorio Nevano Non parlo più con Anna Bonaiuto e Lorenza Indovina (che sarà sua partner in numerosi altri set), entrando così nelle case di tutti gli italiani, e lo stesso anno, inizia a lavorare anche nel cinema con Bidoni di Felice Farina, film che ha per protagonista la grandissima Angela Finocchiaro.
Ma la sua notorietà si segna soprattutto con Cresceranno i carciofi a Mimongo (1996) di Fulvio Ottaviano dove, in coppia con Valerio Mastandrea, darà il la a quei film sulla confusione dei trentenni italiani che verranno poi ben rimarcate da registi come Gabriele Muccino, Leonardo Pieraccioni e Davide Ferrario. Il successo della pellicola sarà così buono che Ottaviano replicherà con la strana coppia Liotti/Mastandrea in Abbiamo solo fatto l'amore (1998), storia di due camerieri in un vagone ristorante che si scontreranno, a modo loro, con gli aridi problemi della vita.
Seguiranno poi le commedie: Stressati (1997) di Mauro Cappelloni con Monica Bellucci e Finalmente soli (1997) di Umberto Marino con Rocco Papaleo, Marco Milano e Giorgio Panariello. E quello stesso anno, sbarcherà anche in Argentina per girare Oltre la giustizia di Juan José Jusid, un film d'impegno ambientato negli anni Sessanta, il suo primo film drammatico.
Nel 1998 torna al piccolo schermo con la fiction-thriller-religiosa La Quindicesima Epistola di José Maria Sanchez Silva - storia di una serie di omicidi che avvengono in un convento del centro Italia, dove interpreterà il detective incaricato di portare a termine le indagini - ma anche in quella storica I giorni dell'amore e dell'odio - Cefalonia (2001) di Claver Salizzato, dramma incentrato sul massacro delle nostre truppe a Cefalonia, nella Seconda Guerra Mondiale.

L'accelerata di fine anni '90
Con la fine degli anni Novanta, la carriera di Liotti ha un'accelerata. La sua popolarità viene esportata anche in Spagna dove è il protagonista di Giovanna la Pazza (2001) di Vincent Aranda, dove interpreta per la prima volta una figura negativa: Re Filippo, figlio dell'Imperatore Massimiliano che sposerà Giovanna d'Aragona e Castiglia. E lo ritroveremo anche nel ruolo di un omosessuale in Piedras (2002) di Ramon Salazar.
In Italia ha una parte nel flop Streghe verso Nord (2001) di Giovanni Veronesi che doveva lanciare il presentatore Teo Mammucari nel cinema, si cimenta nella fiction religiosa con Sant'Antonio da Padova (2002) di Umberto Marini e Don Gnocchi - L'angelo dei bambini (2004) di Cinzia Th. Torrini, ma anche nella fiction internazionale partecipando a Il Dottor Zivago (2002), miniserie di Giacomo Campiotti con Keira Knightley.
Il cinema lo reclama con il film corale La vita come viene (2003) di Stefano Incerti, dove viene inserito nel gremito cast formato da Valeria Bruni Tedeschi, Alessandro Haber, la ritrovata Lorenza Indovina, Maddalena Maggi, Tony Musante, Stefania Rocca, Stefania Sandrelli e l'intenso Claudio Santamaria.
Ma la sua più importante interpretazione rimane per il bello e sfortunatamente invisibile Il fuggiasco (2003) di Andrea Manni, pellicola che racconta la vera storia dello scrittore noir italiano Massimo Carlotto che nel 1976, a soli 20 anni, viene accusato di un omicidio che non ha mai commesso e, evaso dal carcere, scappa in Francia e in Messico. Il ruolo del protagonista, fa vincere a Daniele Liotti il Globo d'Oro nel 2004 come Miglior Rivelazione. Recentemente, è tornato alla fiction con Il bell'Antonio di Maurizio Zaccaro, miniserie in onda su Rai Uno che riprende il celebre film del 1960 con Marcello Mastroianni e Claudia Cardinale.

Le ultime apparizioni sullo schermo
Nel 2007 arrivano per lui due successi in TV: L'inchiesta di Giulio Base e Il capo dei capi di Enzo Monteleone e Alexis Sweet, in cui Liotti interpreta il ruolo di Biagio Schiro. L'anno successivo è protagonista nel film spagnolo La Herencia Valdemar e in Scontro di civiltà per un ascensore a Piazza Vittorio (2009) per la regia di Isotta Toso. Nel 2010 ritorna in TV con un ruolo da protagonista in Le due facce dell'amore, fiction - in onda sulle reti Mediaset - in cui interpreta Alessandro Nucci detto "Il duca", boss della malavita romana sospettato di omicidio.

Quali altre novità ci regalerà?
Quali ulteriori novità ci riserva ancora Daniele Liotti? Non lo sappiamo, ma siamo sicuri che l'attore non si calerà nei soliti ruoli scanzonati e scombiccherati del piccolo o del grande schermo, anche perché Liotti predilige quei registi che sono anche artigiani di solida fama. E se ci poniamo la domanda: chi vorresti che diventasse una star di primo piano? Quasi certamente risponderemo: Daniele Liotti probabilmente. Due anni più tardi l'attore torna sul grande schermo diretto da Emiliano Corapi nel thriller Sulla strada di casa, nel quale recita accanto agli attori Vinicio Marchioni, Donatella Finocchiaro e Claudia Pandolfi. Ritroverà Marchioni nella commedia di Paolo Genovese Tutta colpa di Freud (2014).

Ultimi film

Focus

TELEVISIONE
martedì 5 ottobre 2010
Edoardo Becattini

Dal Sud America con amore In spagnolo il titolo originale suona "Senza seno non c'è paradiso". In italiano è diventato Le due facce dell'amore. Ma la verità è che nessuno di questi titoli, ognuno dei quali evoca più un'atmosfera da commedia romantica o battaglia dei sessi, lascia trapelare l'anima noir e la componente melodrammatica della sua storia. Una storia che dalle sue origini letterarie (un romanzo best seller scritto da Gustavo Bolivar) si è trasformata in una delle serie televisive più seguite degli ultimi anni prima in Colombia, poi in Spagna, e che adesso viene proposta anche nella versione italiana da Mediaset

News

In esclusiva su MYmovies.it una featurette del film.
Fotogallery dall'anteprima-evento del nuovo film di James Bond.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati