Il fuggiasco

Un film di Andrea Manni. Con Daniele Liotti, Claudia Coli, Alessandro Benvenuti, Roberto Citran, Francesca De Sapio.
continua»
Storico, durata 97 min. - Italia 2002. MYMONETRO Il fuggiasco * * - - - valutazione media: 2,46 su 11 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,46/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * 1/2 - -
 critican.d.
 pubblico * * - - -
Daniele Liotti
Daniele Liotti (45 anni) 1 Aprile 1971 Interpreta Massimo Carlotto
Claudia Coli
Claudia Coli   Interpreta Alessandra
Alessandro Benvenuti
Alessandro Benvenuti (66 anni) 31 Gennaio 1950 Interpreta L'avvocato Vignoni
Roberto Citran
Roberto Citran (61 anni) 26 Gennaio 1955 Interpreta Padre Di Massimo
Francesca De Sapio
Francesca De Sapio (71 anni) 16 Agosto 1945 Interpreta La madre di Massimo
Joaquim de Almeida
Joaquim de Almeida (59 anni) 15 Marzo 1957 Interpreta Lolo
Storie di ordinaria follia giudiziaria in Italia: Massimo Carlotto accusato di un omicidio di cui era stato solo involontario testimone nel 1976, fu costretto ad un calvario di processi, carcere e fughe per mezzo mondo che si risolse solo 10 anni fa.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
primo piano
Il "caso Carlotto" diventa un film dopo 10 anni dalla grazia.
Davide Morena     * * * - -
Locandina Il fuggiasco

Il film rievoca il "caso Carlotto", storia di Massimo Carlotto, unico testimone di un omicidio avvenuto a Padova quando aveva 18 anni, che si ritrovò invece accusato di essere l'assassino: 11 processo, 6 anni di prigione e 5 da "fuggiasco" tra Francia, Spagna e Messico, attraverso un'odissea legale che durò 18 anni e che si interruppe solo nel 1993 con la grazia del Presidente della Repubblica.
Una storia di ordinaria follia giudiziaria nella nostra bella Italia diventa un appassionante film sceneggiato dallo stesso Carlotto e dal regista Andrea Manni. Il coinvolgimento del protagonista, nella realtà, di questa Odissea moderna è forse l'elemento che rende Il fuggiasco un affresco biografico straordinariamente intenso e credibile. Il film ha il merito di tenere alta la tensione senza ricorrere a bassi espedienti tipici del genere - richiamo al senso civico, esaltazione strappalacrime, vittimismo. È invece scattante e ben recitato, persino frizzante nella prima parte che vede Carlotto darsi alla macchia in giro per l'Europa. Il ritmo scende inevitabilmente al momento del rientro in Italia e per tutta l'ultima parte che ruota attorno al carosello dei processi in aula e delle pratiche per la richiesta di grazia, ma la lieve opacità della sceneggiatura in alcuni momenti della finzione non diminuisce la carica emotiva veicolata dalla realtà allucinante di questa vicenda. Anche questo è patrimonio nazionale.

Stampa in PDF

Premi e nomination Il fuggiasco

premi
nomination
David di Donatello
0
1
* - - - -

Il fuggiasco:sono innocente ma non ve lo dimostro!

sabato 5 agosto 2006 di gimtoro

Il film mi ha profondamente deluso. Come si fa, in un caso giudiziario come questo, a lasciare fuori tutta la parte giudiziaria stessa, e raccontare solo ciò che il Carlotto ha vissuto nei 17 anni trascorsi prima della grazia? E' stato omesso completamente,il suono dell'altra campana(carabinieri, giudici, testimoni ecc.) che avrebbe potuto coinvolgere molto di più lo spettatore, che avrebbe a sua volta potuto capire meglio l'errore giudiziario che veniva commesso. Secondo me il film sarebbe stato continua »

* * * * *

Liotti come mastroianni?

sabato 13 dicembre 2003 di cinefila

E' un film bellissimo. Dentro c'è storia, politica, azione, passione, realtà, sogno... gli attori sono realistici. la regia è di qualità. La storia è scritta dal protagonista vero delle vicende... e finalmente un attore italiano bello e bravo! continua »

Massimo Carlotto
Fai qualcosa. Ti prego
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

di Paolo D'Agostini La Repubblica

Il protagonista di questo film che ha lo stesso titolo del primo romanzo di Massimo Carlotto dopo la fine della sua odissea giudiziaria, è Carlotto stesso. Interpretato (con una maturità prima sconosciuta) da Daniele Liotti. Quello che dalla metà degli anni 90 è noto come l'inventore del detective che si fa chiamare Alligatore, amante del calvados come Maigret, e come uno dei più promettenti scrittori di noir italiani (la sua casa editrice è e/o), era uscito con la grazia concessa dal presidente Scalfaro nel 1993 da un calvario iniziato molti anni prima. »

di Mauro Gervasini Film TV

Massimo Carlotto, prima di diventare il principale esponente italiano del “neopolar” letterario, è stato vittima di un clamoroso, quanto vergognoso, errore giudiziario. Accusato di omicidio senza alcun riscontro oggettivo sulle circostanze del delitto, ha subito un calvario di processi, sei anni di carcere e cinque altrettanto duri di latitanza. Il regista Andrea Manni si è appassionato al suo caso, raccontato nel libro Il fuggiasco (E/O edizioni), e lo ha trasformato in film. La materia è viva, appassionante, ed è difficile restare impassibili di fronte alla tragica odissea di Carlotto, “perseguitato dei due mondi”, prima in Europa poi in Messico. »

di Lietta Tornabuoni La Stampa

Il cinema italiano esplora le storie oscure del nostro passato recente. Errori giudiziari ne sono sempre accaduti, ma Il fuggiasco, diretto con sicurezza e passione da Andrea Manni, romano, racconta qualcosa di più: un caso limite di ingiustizia all’italiana, in cui si sommano pregiudizio politico della polizia e inefficienza indifferente della magistratura. Una condensazione che può ripetersi in ogni momento e rivelarsi letale per la vita delle persone. Nel 1976 a Padova Massimo Carlotto, diciottenne militante di Lotta Continua, venne accusato di un omicidio su cui doveva so4tanto testimoniare. »

di Enzo Natta Famiglia Cristiana

Quale argomento migliore di un uomo che fu e, di un uomo innocente e disperato, che si sente braccato e impotente, stretto in un cerchio che si sta chiudendo intorno a lui?”. Così, ai tempi di Intrigo internazionale, Alfred Hitchcock spiegava il perché della sua scelta. C’è però chi un soggetto dei genere non se io è scelto affatto, ma ci si è trovato dentro suo malgrado. “Interpreto un ruolo che non volevo in una vita che non è la mia”, dice a un certo punto dei Fuggiasco, il personaggio di Massimo Carlotto, il cui torto fu quello di trovarsi nei posto sbagliato al momento sbagliato. »

Il fuggiasco | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Davide Morena
Pubblico (per gradimento)
  1° | cinefila
  2° | gimtoro
David di Donatello (1)


Articoli & News
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità