Dizionari del cinema
Periodici (1)
Miscellanea (2)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 22 febbraio 2020

Will Smith

Il comune senso di Prince

Nome: Williard C. Smith II
51 anni, 25 Settembre 1968 (Bilancia), Filadelfia (Pennsylvania - USA)
occhiello
Dio ci ha messo sette giorni a creare il mondo…io ci ho messo sette secondi a distruggere il mio.
dal film Sette anime (2008) Will Smith  Ben Thomas
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Will Smith
Razzie Awards 2017
Nomination peggior attore per il film Collateral Beauty di David Frankel

Golden Globes 2016
Nomination miglior attore in un film drammatico per il film Zona d'ombra - Una scomoda verità di Peter Landesman

Razzie Awards 2014
Nomination peggior attore non protagonista per il film After Earth - Dopo la fine del mondo di M. Night Shyamalan

Razzie Awards 2014
Nomination peggior coppia sullo schermo per il film After Earth - Dopo la fine del mondo di M. Night Shyamalan

Razzie Awards 2014
Premio peggior attore non protagonista per il film After Earth - Dopo la fine del mondo di M. Night Shyamalan

Razzie Awards 2014
Premio peggior coppia sullo schermo per il film After Earth - Dopo la fine del mondo di M. Night Shyamalan

Golden Globes 2007
Nomination miglior attore in un film drammatico per il film La ricerca della felicità di Gabriele Muccino

Premio Oscar 2007
Nomination miglior attore per il film La ricerca della felicità di Gabriele Muccino

SAG Awards 2007
Nomination miglior attore per il film La ricerca della felicità di Gabriele Muccino

Premio Oscar 2002
Nomination miglior attore per il film Alì di Michael Mann

Golden Globes 2002
Nomination miglior attore per il film Alì di Michael Mann



Squadra che vince non si cambia: Gabriele Muccino conferma Will Smith e raddoppia.

Sette anime: la ricerca della redenzione

venerdì 9 gennaio 2009 - Marzia Gandolfi cinemanews

Sette anime: la ricerca della redenzione Dopo aver girato in America un dramma a sfondo sociale e a lieto fine, Gabriele Muccino conferma Will Smith e raddoppia con una storia d'amore e di solidarietà "estrema", che illumina un film cupo e drammatico. Trovata la felicità e il benessere, questa volta l'attore americano, che ha concretizzato (dentro e fuori dallo schermo) l'american dream, è deciso a inseguire la redenzione e accanito nell'espiare l'errore commesso. Si farà "letteralmente" in sette per rimediare e "donerà" cuore e speranza alla bella e delicata Emily di Rosario Dawson. Smith e Dawson hanno accompagnato il loro (e nostro) regista a Roma, dove hanno soddisfatto generosamente curiosità e (simpatiche) indiscrezioni sulla realizzazione di Sette Anime. Discusso e biasimato dalla critica americana, l'ultimo film di Gabriele Muccino (ri)cerca in Italia riscatto ed happine$$.

Confessioni di un supereroe a pezzi in cerca di redenzione in Hancock.

Will Smith, (Super)Man in black

giovedì 11 settembre 2008 - Marzia Gandolfi cinemanews

Will Smith, (Super)Man in black Era soprannominato Prince dai compagni di West Philadelphia per la grazia e lo charme con cui governava i rovesci della vita. Dopo un intervallo musicale da rapper guascone, è diventato principe nella Beverly Hills di Benny Medina, consacrandosi magnifico interprete di un cinema easy e scanzonato come il suo rap. Una presenza assoluta, sorgente di magnetismo, di carisma, di fascinazione. L'elegante e felina fisicità della sua recitazione ha sempre riscattato la qualità dei blockbuster interpretati. Un'energia fisica pronta a scatenarsi sul ring di Mann o a ridursi nella New York svuotata di Francis Lawrence. Dopo aver prestato il suo corpo alla noble art (Alì), con inusitata umiltà, e aver infranto la sua immagine "leggera", incarnando l'ultimo uomo della terra assediato e sconfitto, oggi è il super(anti)eroe (in)frangibile nell'ultimo film di Peter Berg. John Hancock, mutuato il nome del primo firmatario della Dichiarazione di Indipendenza degli Stati Uniti, è un supereroe alcolizzato e maldestro che combatte la sua guerra contro il mondo dentro un paio di bermuda e sotto un berretto di lana, indizi di una vulnerabilità accentuata e di una definizione poco formale del supereroe. Sopra il cielo di Los Angeles, l'eroe casual di Will Smith mette a nudo la tristezza del supereroe quanto il bisogno, toccante, che i suoi cittadini hanno di credere in lui. Una massa pullulante di criminali, una distesa di esseri umani e indifesi in cerca di protezione. Il supereroe Hancock altro non è che un mediocre costretto a diventare l'anima del mondo intero, la terribile coscienza della sua odiosa combinazione di bene e male. Un supereroe nato al cinema e mai uscito dal mondo dei fumetti, un corpo stigmatizzato dalla cattiveria della gente che lo riconosce immediatamente come diverso, come nemico. Will Smith, "benedetto" dal sogno americano di Muccino e attraversato dal ritmo swing di Mann, è ancora una volta "leggenda", è ancora una volta il dolore eroico dell'essere. È l'inadeguatezza rispetto al destino, è la difficoltà di conoscere il proprio posto nel mondo, verso cui ostenta disinteresse e dove finisce per arrivare sempre primo e prima di tutti, garantendosi la via di uscita per continuare a mettersi in gioco.

Will Smith, leggenda anche di incassi ai botteghini, racconta la sua ultima avventura.

Will Smith, da mito a leggenda

mercoledì 9 gennaio 2008 - Claudia Resta cinemanews

Will Smith, da mito a leggenda Robert Neville (Will Smith) è uno scienziato brillante, che tuttavia non è stato in grado di fermare un terribile virus, creato dagli uomini. È però immune, in qualche modo, e si ritrova a essere l'ultimo sopravvissuto a New York City e, forse, nel mondo. Per tre anni, Neville ha mandato ogni giorno messaggi radio, alla disperata ricerca di altri sopravvissuti, senza ricevere risposta. Ma non è realmente solo: le vittime del virus sono mutate e si nascondono nelle ombre, osservando ogni sua mossa e attendendo un errore fatale. Resosi conto di essere l'ultima speranza dell'umanità, Neville decide di ricercare un modo per rendere reversibili gli effetti della mutazione, usando il proprio sangue. Il tempo è poco e i nemici, forse, sono troppi…

Metà attore e metà rapper, Smith non sbaglia un colpo al box office.

5x1: Will Smith, il principe dei blockbuster

martedì 8 gennaio 2008 - Stefano Cocci cinemanews

5x1: Will Smith, il principe dei blockbuster Musica, tv, cinema: l'ascesa di Will Smith è inarrestabile fin dall'età scolare quando, appena dodicenne, diede vita al duo rap Jazzy Jeff & The Fresh Prince. Oggi, l'attore nato a West Philadelphia. è una delle star globali più amate, uno dei tre attori a collezionare ben 7 blockbuster consecutivi da oltre cento milioni di dollari di incassi al botteghino, tanto potente da reclutare l'italiano Muccino per girare il "familiare" La ricerca della felicità in cui recita al fianco del figlio Jaden. Sebbene sia innegabile il talento di un attore che è riuscito a portare con tanta forza - fisica e psichica – Mohammed Ali sul grande schermo, il vero pregio di Will Smith è il fascino interrazziale di una star amata dai neri ma che è capace di affascinare anche il pubblico WASP della borghesia medio-alta USA, la fascia sociale da cui lui stesso proviene. Sebbene abbia scelto la musica dei ghetti per farsi conoscere – e malgrado dopo aver sconfitto al cinema Foreman e gli alieni, per nuotare abbia bisogno ancora oggi dei braccioli – Will Smith è tuttora una carta di credito ambulante per i produttori di sogni targati celluloide. I motivi per pensare che il prossimo Io sono leggenda non faccia eccezione ci sono tutti: tratto da un libro che ha fatto storia, prodotto con enorme profusione di mezzi e di effetti speciali e lui che da solo vale il prezzo del biglietto.

Bad Boys for Life

Bad Boys for Life

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,64)
Un film di Adil El Arbi, Bilall Fallah. Con Martin Lawrence, Will Smith, Vanessa Hudgens, Alexander Ludwig, Charles Melton.
continua»

Genere Azione, - USA 2020. Uscita 20/02/2020. 14
Spie sotto copertura

Spie sotto copertura

* * * - -
(mymonetro: 3,23)
Un film di Nick Bruno, Troy Quane. Con Will Smith, Tom Holland, Karen Gillan, Rashida Jones, Ben Mendelsohn.
continua»

Genere Animazione, - USA 2019. Uscita 25/12/2019.
Gemini Man

Gemini Man

* * - - -
(mymonetro: 2,32)
Un film di Ang Lee. Con Will Smith, Mary Elizabeth Winstead, Clive Owen, Benedict Wong, Ralph Brown.
continua»

Genere Azione, - USA 2019. Uscita 10/10/2019.
Aladdin

Aladdin

* * * - -
(mymonetro: 3,17)
Un film di Guy Ritchie. Con Will Smith, Mena Massoud, Naomi Scott, Marwan Kenzari, Navid Negahban.
continua»

Genere Avventura, - USA 2019. Uscita 22/05/2019.
Collateral Beauty

Collateral Beauty

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,83)
Un film di David Frankel. Con Will Smith, Edward Norton, Kate Winslet, Michael Peña, Helen Mirren.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2016. Uscita 04/01/2017.
Filmografia di Will Smith »

giovedì 20 febbraio 2020 - Sul podio resistono Gli anni più belli, che sale a 3,6 milioni di euro, e il premio Oscar Parasite, arrivato a quota 4,5 milioni.

Ottima chiusura per il doc Fabrizio de Andrè e PFM: oltre 1 milione di euro in 3 giorni

Andrea Chirichelli cinemanews

Ottima chiusura per il doc Fabrizio de Andrè e PFM: oltre 1 milione di euro in 3 giorni Chiusura eccezionale per il documentario Fabrizio de Andrè e PFM - Il concerto ritrovato, che nel suo terzo e ultimo giorno di programmazione incassa 382mila euro e chiude quindi con oltre 1 milione di euro la breve permanenza nelle sale.
 

Dietro, nessun cambiamento, in attesa che la classifica venga rivoluzionata dai tanti film in uscita oggi. Gli anni più belli (guarda la video recensione) ottiene altri 293mila euro e sale a 3,6 milioni, mentre Parasite (guarda la video recensione) incassa altri 145mila euro e vola a 4,5 milioni di euro. Si prepara al weekend Sonic - Il film (guarda la video recensione), che ottiene 91mila euro e 1,7 milioni complessivi. 
Andrea Chirichelli, MYmovies.it
Dietro, nessun cambiamento, in attesa che la classifica venga rivoluzionata dai tanti film in uscita oggi. Gli anni più belli (guarda la video recensione) ottiene altri 293mila euro e sale a 3,6 milioni, mentre Parasite (guarda la video recensione) incassa altri 145mila euro e vola a 4,5 milioni di euro. Si prepara al weekend Sonic - Il film (guarda la video recensione), che ottiene 91mila euro e 1,7 milioni complessivi. 

A centro classifica regge abbastanza bene Odio l’estate (guarda la video recensione), che incassa altri 60mila euro e arriva a oltre 7 milioni di euro, mentre perde colpi Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn (guarda la video recensione), che si ferma a 44mila euro e un totale di appena 2,2 milioni. Inizia la parabola discendente anche 1917 (guarda la video recensione), che incassa 37mila euro e arriva a 6,4 milioni. 

In coda Dolittle (guarda la video recensione) tocca quota 4,4 milioni, mentre chiudono Fantasy Island e Jojo Rabbit (guarda la video recensione), rispettivamente con 440mila e 3,8 milioni di euro.

Oggi gran bagarre con l’arrivo di Bad Boys for Life (guarda la video recensione), Cats (guarda la video recensione), Cattive acque (guarda la video recensione), Il richiamo della foresta, La mia banda suona il pop e gli autoriali Criminali come noi e L’hotel degli amori smarriti (guarda la video recensione). Il film di Brizzi potrebbe far bene, mentre tra gli americani Will Smith e Harrison Ford dovrebbero insediarsi nelle parte alta della classifica. 

BOX OFFICE MONDO
Vola verso il record di miglior incasso di sempre per un film ispirato ad una serie di videogiochi Sonic - Il film, che mette a segno un lunedì superiore ai 10 milioni di dollari e si appresta a superare i 100 milioni prima dell’inizio del weekend e i 150 entro domenica sera. I 200 milioni a fine corsa (letteralmente) sembrano alla portata del film, che resterà negli annali anche per il clamoroso comeback seguito alle pessime reazioni del trailer originale (la produzione ha speso quasi 20 milioni di dollari per rifare il look del protagonista ed è servito!). 

Il richiamo della foresta dovrebbe ottenere il secondo posto della classifica, almeno a sentire le stime degli analisti, che danno il film con Harrison Ford in una forbice compresa tra i 10 e i 15 milioni di dollari. Meno entusiasmo suscita The Boy 2, che dovrebbe incassare circa 5 milioni. Ancora forti paiono essere Bad Boys for Life e 1917, mentre per Parasite si avvicina il traguardo dei 50 milioni (superato ieri quello dei 200 worldwide). 

A proposito di Corea del Sud, debutto vincente per il locale Beasts Clawing at Straws, che ottiene la vetta con quasi 600mila dollari, seguito da Honest Candidate e da 1917, che qui debutta con circa mezzo milione di dollari. 

Box Office Italia di mercoledì 19 febbraio 2020
1. Fabrizio de André e PFM - Il concerto ritrovato: Euro 382.880
2. Gli anni più belli: Euro 293.130
3. Parasite: Euro 145.895
4. Sonic - Il film: Euro 91.633
5. Odio l'estate: Euro 59.798
6. Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn: Euro 44.149
7. 1917: Euro 37.703
8. Dolittle: Euro 31.580
9. Fantasy Island: Euro 29.824
10. Jojo Rabbit: Euro 18.838
 

mercoledì 12 febbraio 2020 - Un trip nostalgico che sembra uscire da una bolla temporale. Per spettatori affamati d'azione. Recensione di Marzia Gandolfi, legge Veronica Bitto.

Bad Boys for Life, la video recensione

A cura della redazione cinemanews

Bad Boys for Life, la video recensione Nonostante l'età e gli anni di servizio, Mike va a tutto gas. Marcus invece, diventato nonno, culla col nipote l'idea della pensione. Investigatori da sempre e amici per sempre, sorvegliano Miami assicurando i cattivi alla giustizia. Ma il pericolo arriva da lontano e colpisce in pieno petto Mike, che sopravvive, deciso a scoprire chi lo voleva morto. Marcus non potrà fare a meno di aiutarlo.
Niente di nuovo sotto il sole della Florida, Will Smith è una testa calda che spinge sull'acceleratore e Martin Lawrence un pavido che sposta il piede sul freno. Qualche anno dopo li ritroviamo in una Porsche che lavora a pieno regime come la macchina dei reboot hollywoodiana.
Bad Boys for Life sembra uscire da una bolla temporale: sotto le ruote di Will Smith scorre ancora la Miami anni '90. Ma il tempo ha inciso sugli eroi, i corpi sono appassiti e il cinema d'azione pure.In occasione dell'uscita al cinema di Bad Boys for Life, Veronica Bitto interpreta la recensione di Marzia Gandolfi.

   

venerdì 7 febbraio 2020 - Appena 1000 euro separano Odio l’estate e Birds of Prey. 1917 completa il podio. Torna in top ten Parasite.

Aldo, Giovanni e Giacomo resistono all’assalto di Harley Quinn

Andrea Chirichelli cinemanews

Aldo, Giovanni e Giacomo resistono all’assalto di Harley Quinn Aldo, Giovanni e Giacomo resistono all’assalto di Harley Quinn e restano in testa alla classifica, anche se per soli 1000 euro. Davvero insignificante il distacco tra Odio l’estate (guarda la video recensione) e Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn, col primo che ottiene 158mila euro, per un totale di 3,9 milioni di euro ed il secondo che debutta con 157mila e quasi 24mila spettatori.


Poche le novità nel resto della top ten. 1917 (guarda la video recensione) è terzo con 93mila euro e 4,8 milioni complessivi, Dolittle (guarda la video recensione) è quarto con 78mila e 2,4 milioni. Jojo Rabbit (guarda la video recensione) regge ancora, con 33mila euro e un totale arrivato a 3,1 milioni.
Andrea Chirichelli, MYmovies.it
In coda Il diritto di opporsi (guarda la video recensione) incassa 32mila euro e tocca quota 721mila complessivi. Al settimo posto si rivede il buon vecchio Parasite (guarda la video recensione), saggiamente rimandato nelle sale per sfruttare l’hype da Oscar, che ottiene 30mila euro e aggiorna il suo totale, portandolo a quasi 2 milioni. 

Ultimi posti per Figli (guarda la video recensione), Judy (guarda la video recensione) e Piccole donne (guarda la video recensione), tutti con un incasso giornaliero inferiore ai 30mila euro. Per il weekend prevediamo un testa a testa tra Odio l’estate e Birds of Prey, con 1917 e Dolittle a battagliare per il terzo posto. 

BOX OFFICE MONDO
Bad Boys for Life supera i 150 milioni di dollari negli USA e diventa il 12esimo film di Will Smith a riuscirci. Sono passati 24 anni da quando l’attore ottenne il primo, grande, successo cinematografico con Independence Day e, quanto pare, è ancora sulla cresta dell’onda. 

Gran traguardo anche per Piccole donne, che supera i 100 milioni e può ancora sfruttare l’onda lunga degli Oscar. Secondo un sondaggio di Fandango, per gli utenti della celebre piattaforma di vendita di biglietti il film che dovrebbe vincere agli Oscar è Parasite, con il 20%, davanti a 1917, che si ferma al 19% delle preferenze. 

Intanto, apre Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn, che dovrebbe superare agevolmente i 50 milioni di dollari già nel primo weekend. Il film per ora è uscito solo in Corea del Sud, dove non è ancora arrivato al primo milione, ma in casa dovrebbe fare molto meglio. Ultima settimana, probabilmente, per Star Wars: L’ascesa di Skywalker (guarda la video recensione), che dovrebbe chiudere il weekend con 510 milioni di dollari, cifra che lo porterebbe al 77esimo posto della classifica all-time americana, dietro classici quali Il sesto senso, Superman e Tootsie

Box Office Italia di giovedì 6 febbraio 2020
1. Odio l'estate: Euro 158.270
2. Birds of Prey e la fantasmagorica rinascita di Harley Quinn: Euro 157.100
3. 1917: Euro 93.526
4. Dolittle: Euro 78.431
5. Jojo Rabbit: Euro 33.467
6. Il diritto di opporsi: Euro 32.682
7. Parasite: Euro 30.349
8. Figli: Euro 27.836
9. Judy: Euro 17.018
10. Piccole donne: Euro 12.177

domenica 19 gennaio 2020 - Me contro te si conferma in vetta, mentre Tolo Tolo raggiunge i 43,5 milioni totali.

Podio tutto italiano al Box Office: Hammamet al 3° posto incassa ben 586mila euro

Andrea Chirichelli cinemanews

Podio tutto italiano al Box Office: Hammamet al 3° posto incassa ben 586mila euro Trionfo del cinema italiano nel sabato appena passato, con tre film ai primi tre posti della classifica. In testa si conferma Me contro te Il film - La vendetta del Signor S, che incassa quasi 2 milioni di euro e va a 3,1 milioni complessivi. Secondo posto per Tolo Tolo (guarda la video recensione) che ottiene altri 818mila euro e sale fino a 43,5 milioni complessivi. Il film è adesso il terzo miglior in assoluto per Checco Zalone, che ha superato sé stesso e Che bella giornata. Torna sul podio anche Hammamet (guarda la video recensione), che incassa ben 586mila euro, per un totale di 3,7 milioni.

Quarto posto per Piccole Donne (guarda la video recensione), che ottiene 482mila euro e raggiunge i 3 milioni complessivi. Buona giornata anche per le due new entry Richard Jewell (guarda la video recensione) e Jojo Rabbit (guarda la video recensione), che chiudono rispettivamente con 480mila euro e 328mila.
In coda Jumanji - The Next Level (guarda la video recensione) ha ancora qualcosa da dire, con 173mila euro e 11,7 milioni totali e così pure 18 Regali (guarda la video recensione), che ottiene 148mila euro e va a 2,4 milioni. Chiudono La Dea Fortuna (guarda la video recensione), che arriva a 7,7 milioni complessivi e City of Crime (guarda la video recensione), che incassa 91mila euro.

Bad Boys for Life conferma l'ottimo esordio delle anteprime e chiude il primo giorno di programmazione con 23,5 milioni di dollari, secondo miglior day one di sempre per un film a gennaio dietro American Sniper (che aveva superato i 30 milioni) e a pari di recenti film d'azione di grande successo come Hobbs & Shaw (guarda la video recensione) e John Wick 3 - Parabellum (guarda la video recensione). Il film dovrebbe ampiamente superare i 50 milioni di dollari, andando molto, ma molto meglio delle attese degli analisti. Insomma, un bel successo per Will Smith dopo un paio di film non andati proprio benissimo.

Se c' qualcuno che ride, c'è anche qualcuno che piange: e Robert Downey Jr., che dopo aver salvato il mondo e battuto ogni record d'incasso esistente qualche mese fa, finisce con le ossa rotte con Dolittle, che apre con appena 6,3 milioni di dollari. Le stime finali vedono il film superare a fatica i 20 milioni entro stasera e i 30 entro lunedì (festivo, è il Martin Luther King Day).

Tra gli altri titoli regge alla grande 1917, che dovrebbe chiudere con più di 20 milioni di dollari, mentre Star Wars (guarda la video recensione) dovrebbe terminare il weekend con meno di 10 milioni e senza essere ancora riuscito a superare il mezzo miliardo.

Box Office Italia del 18/01/2020
1. Me contro Te Il Film - La vendetta del Signor S: Euro 1.955.068
2. Tolo Tolo: Euro 818.620
3. Hammamet: Euro 586.517
4. Piccole donne: Euro 482.233
5. Richard Jewell: Euro 480.367
6. Jojo Rabbit: Euro 328.398
7. Jumanji - The Next Level: Euro 173.081
8. 18 regali: Euro 148.572
9. La Dea Fortuna: Euro 96.128
10. City of Crime: Euro 91.059

venerdì 17 gennaio 2020 - Richard Jewell esordisce con 80mila euro e 13mila spettatori. Rallenta Tolo Tolo, per la prima volta sotto i 200mila euro giornalieri.

Le new entry non sfondano. Clint Eastwood apre al quarto posto

Andrea Chirichelli cinemanews

Le new entry non sfondano. Clint Eastwood apre al quarto posto Il terzetto in testa alla classifica italiana dei film più visti non cambia e resiste all’esordio delle new entry di questa settimana.

Tolo Tolo (guarda la video recensione) rallenta e scende per la prima volta sotto i 200mila euro giornalieri, con un totale di 42,3 milioni di euro e oltre 6 milioni di spettatori. Torna secondo Hammamet (guarda la video recensione), che ottiene 149mila euro per un totale prossimo ai 3 milioni, mentre Piccole Donne (guarda la video recensione) è terzo con 142mila euro e 2,3 milioni complessivi. 
 

Esordio al quarto posto e con 80mila euro per Richard Jewell (guarda la video recensione), che porta al cinema 13mila spettatori, quinto è Jojo Rabbit (guarda la video recensione), che debutta con 54mila euro e 9mila spettatori. Perde quota 18 Regali (guarda la video recensione), che ottiene poco meno di 50mila euro e arriva a 2,2 milioni. 
Andrea Chirichelli, MYmovies.it
In coda La Dea Fortuna (guarda la video recensione) incassa 26mila euro, per un totale di 7,5 milioni, davanti a La bella addormentata (Royal Opera House), che ottiene 25mila euro e The Lodge (guarda la video recensione), che debutta con 23mila euro. Ultimo posto per Jumanji - The Next Level (guarda la video recensione), arrivato a 11,5 milioni.

BOX OFFICE MONDO
Weathering with You debutta al secondo posto della classifica americana con 1,5 milioni di dollari e la migliore media per sala in assoluto. L’exploit durerà poco, perché oggi escono “i pezzi grossi”, ma potrebbe puntare almeno a 10 milioni a fine corsa. 

Tutto pronto per l’arrivo in sala di Bad Boys for Life, cui spetta il compito di rilanciare la stella di Will Smith, che nel 2019 ha vissuto un grande successo (Aladdin, che ha superato il miliardo di dollari, battendo anche la più ottimistica delle previsioni) e due mezzi flop (Gemini Man, che ha incassato appena 166 milioni di dollari in tutto mondo e l’animato Spie sotto copertura, che ha fatto persino peggio, con appena 115 milioni). Il 2020 vedrà l’attore impegnato a fine anno con King Richard, diretto da Reinaldo Marcus Green, che racconterà la storia delle sorelle Williams, campionesse di tennis. Le ultime stime degli analisti danno Bad Boys for Life come probabile leader del weekend con un incasso stimato in circa 40 milioni di dollari. 

Non ha assolutamente flop da far dimenticare invece Robert Downey Jr, che negli ultimi dieci anni ha partecipato a 11 film, tutti capaci di superare il mezzo miliardo mondiale (ovviamente, sono tutti Marvel + i due Sherlock Holmes). Per tornare a un “mezzo flop” dell’attore, bisogna risalire al 2014, anno di uscita di The Judge, che si fermò a 76 milioni di dollari mondiali. Quella di Dolittle sarà l’unica fatica del 2020, visto che l’atteso Sherlock Holmes 3 sarà la strenna natalizia del 2021. Per Dolittle gli analisti prevedono un weekend da circa 20 milioni, che non dovrebbero essere sufficienti per ottenere il secondo posto, che dovrebbe essere appannaggio di 1917. Nemmeno questa settimana sarà quella buona per vedere Star Wars: L’ascesa di Skywalker (guarda la video recensione) superare il mezzo miliardo di dollari negli Usa: il film dovrebbe chiudere il weekend con 490 milioni complessivi e dovrà quindi attendere la fine del mese per raggiungere questo traguardo. 

Box Office Italia di giovedì 16 gennaio 2020
1. Tolo Tolo: Euro 192.867
2. Hammamet: Euro 149.820
3. Piccole Donne: Euro 142.088
4. Richard Jewell: Euro 80.468
5. Jojo Rabbit: Euro 54.834
6. 18 regali: Euro 49.664
7. La Dea Fortuna: Euro 26.106
8. Royal Opera House: La bella addormentata: Euro 25.220
9. The Lodge: Euro 23.699
10. Jumanji - The Next Level: Euro 22.977
 

Altre news e collegamenti a Will Smith »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità