Una famiglia vincente - King Richard

Film 2021 | Sportivo, Biografico, +13 144 min.

Titolo originaleKing Richard
Anno2021
GenereSportivo, Biografico,
ProduzioneUSA
Durata144 minuti
Al cinema295 sale cinematografiche
Regia diReinaldo Marcus Green
AttoriWill Smith, Saniyya Sidney, Demi Singleton, Aunjanue Ellis, Tony Goldwyn Jon Bernthal, Andy Bean, Kevin Dunn, Craig Tate, George Ketsios, Liev Schreiber, Jimmy Walker Jr..
Uscitagiovedì 13 gennaio 2022
DistribuzioneWarner Bros Italia
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,71 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Reinaldo Marcus Green. Un film con Will Smith, Saniyya Sidney, Demi Singleton, Aunjanue Ellis, Tony Goldwyn. Cast completo Titolo originale: King Richard. Genere Sportivo, Biografico, - USA, 2021, durata 144 minuti. Uscita cinema giovedì 13 gennaio 2022 distribuito da Warner Bros Italia. Oggi tra i film al cinema in 295 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,71 su 22 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Una famiglia vincente - King Richard tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

La vita di Richard Williams, un padre imperterrito che ha contribuito a formare due delle atlete più dotate di tutti i tempi, che hanno cambiato lo sport del tennis per sempre. Il film è stato premiato a Golden Globes, ha ottenuto 7 candidature a Satellite Awards, Il film è stato premiato a National Board, ha ottenuto 6 candidature a Critics Choice Award, ha ottenuto 2 candidature a SAG Awards, Il film è stato premiato a AFI Awards, Una famiglia vincente - King Richard è 4° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 16.559,00 e registrato 2.759 presenze.

Consigliato sì!
2,71/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 2,91
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Un ritratto agiografico in cui la celebrazione del protagonista surclassa lo sport e le vere eroine della storia.
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 7 gennaio 2022
Recensione di Roberto Manassero
venerdì 7 gennaio 2022

All'inizio degli anni '90, Richard Williams è un ex atleta che vive a Compton, in California, con la moglie Brandy, le tre figliastre e le sue due figlie naturali: Venus e Serena. Convinto che le sue ragazze diventeranno future campionesse del tennis, le allena tutti i giorni nei campi liberi del loro quartiere malfamato e visita instancabilmente i principali tennis club dello Stato per convincere le alte sfere del tennis a prendere le figlie sotto la loro ala. Insistente e autoritario, Richard guiderà e seguirà passo passo le carriere di Venus e Serena (quest'ultima più giovane di due anni dalla sorella), arrivando a realizzare tutti i suoi sogni, anche a costo di perdere la stima della moglie.

A carriera quasi conclusa, Venus e Serena Williams, le due tenniste più vincenti e probabilmente più forti di sempre, avvallano in qualità di produttrici esecutive una biografia che celebra il loro padre, padrone ed allenatore e ne esalta la figura di sognatore testardo.

Il problema con lo sport al cinema - soprattutto quando e se americano - è il solito: la sua assenza. Anche quando è il fulcro del racconto, il motivo per cui eroi ed eroine si dannano l'anima per raggiungere i loro scopi. In King Richard il centro del discorso è rappresentato più precisamente dal protagonista, il "re" Richard Williams interpretato da Will Smith, idolatrato dalle sue suddite (Venus e Serena) e talvolta inquadrato sotto una luce sinistra giusto per rendere più scolpita e credibile la figura statuaria.

Fa però un certo effetto che nelle due ore e venti di film diretto da Reinaldo Marcus Green e scritto da Zach Baylin, in cui il tennis dei primi anni '90 viene passato in rassegna, con attori e attrici che interpretano Jennifer Capriati, Arantxa Sánchez Vicario, John McEnroe, Pit Sampras e allenatori come Rick Macci e Paul Cohen, non si senta mai parlare di gioco, di stile, di tattiche e colpi, ma semplicemente, come da prassi per l'individualismo americano, di convinzione, volontà, umiltà e voglia di vincere. Manco a dirlo, di tennis giocato se ne vede pochissimo, e di quel poco tutto è ricondotto al singolo gesto, al colpo che delle straordinarie doti di Venus e Serena Williams non dice nulla.

Lo sport - qualsiasi sport - si dimostra quindi impossibile da ricostruire al cinema: perché la sua visione non è cinematografica; perché lo sport può e deve fare a meno del montaggio; perché, ancora, una partita si basa sull'attimo irripetibile e dunque è refrattaria per definizione al racconto e alla fine.

Per tutte queste ragioni - e in definitiva perché elude il centro del proprio discorso, anche ammettendo che non è un film su tennis ma un film su un uomo - King Richard, al di là della veridicità storica di molti suoi passaggi, è un'operazione mistificatoria. Il problema, ancora, è che un film di finzione può infischiarsene dell'accuratezza, ma ha l'obbligo di rendere credibile la costruzione dei suoi personaggi e del suo mondo: e in questo, onestamente, King Richard fallisce in pieno, a meno di non considerare la parola "re" come una lente distorta attraverso cui giudicarlo.

Solo così si potrebbe accettare il ritratto agiografico di un uomo che combatte contro tutti, non solo contro il mondo elitario e bianco dei circoli di tennis, ma anche contro la moglie; la rappresentazione manichea delle avversarie di Venus, sempre bizzose e incredule di fronte alla forza delle futura campionessa; o ancora la tipica struttura drammatica che unisce senza originalità la vita nel ghetto, il razzismo degli ambienti sportivi, il classismo del tennis, lo spirito di rivalsa che anima Richard Williams e alimenta il suo sogno.

La cosa meno accettabile del film è però un'altra ancora, e pure in maniera sorprendente. Ed è la totale assenza, non tanto o non solo del tennis, ma delle sue vere eroine, Venus e Serena, che nonostante la bella prova delle giovani Saniyya Sidney e Demi Singleton (il film si ferma al 1994, alla finale del Bank of the West Classic, quando la quattordicenne Venus perse in finale contro la più esperta Sanchez Vicario) sono surclassate dall'ingombrante presenza del padre e del suo interprete e ridotte a pupazzi in mano a un monarca egocentrico.

Non è dunque il solo Richard, come gli dice la moglie, a soffocare le figlie senza credere alle proprie parole (nei suoi insegnamenti dice che «la creatura più pericolosa di tutta questa Terra è una donna che sa pensare»), ma è il film stesso, incapace di gestire il materiale sportivo e umano che ha tra le mani.

Più che un'occasione persa, King Richard è un'occasione sbagliata, o peggio non richiesta; un film da non fare, perché non abbastanza distaccato dalle cose e dalle persone che racconta e perché inutilmente celebrativo di una vicenda sportiva che ha avuto ragione su tutto, arrivando dai sobborghi neri di una città della California al tetto del mondo.

Sei d'accordo con Roberto Manassero?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 17 gennaio 2022
Crispino Seidenari

Una famiglia vincente - King Richard coglie l’essenza di una storia esemplare grazie soprattutto alle doti interpretative di Will Smith, spesso in precedenza svilite dai canoni della narrativa Hollywoodiana. Richard Williams è un uomo che dopo un'intera vita di umiliazioni, soprusi, frustrazioni, riesce a trasferire alle proprie figlie il sogno di divenire le più grandi campionesse [...] Vai alla recensione »

giovedì 20 gennaio 2022
alessandro

Le campionesse Venus e Serana Williams sono partite dal basso prima di diventare due leggende del tennis mondiale. Dotate di gran talento fin da piccole, sono state educate dai loro genitori ai valori dell'umiltà della tenacia, della perseveranza. Il papà Richard ha inoltre riposto su di loro la  sua voglia di riscatto sociale in una America ancora profondamente razzista.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 19 gennaio 2022
Chiara Borroni
Cineforum

L'uomo che volle farsi re. Siamo ovviamente lontani anni luce dalle avventurose peripezie indiane raccontate da Kipling, ma King Richard, il biopic sul padre delle campionesse di tennis Venus e Serena Williams, prime giocatrici afroamericane a entrare nel ranking mondiale tennistico fino a diventarne leader, è proprio la storia - letteralmente - di un uomo meticolosamente e testardamente votato al [...] Vai alla recensione »

mercoledì 19 gennaio 2022
Sofia Nadalini
Duels.it

"Se non pianifichi, pianificherai il fallimento": è questo il motto di Richard Williams, padre e allenatore delle sorelle Venus e Serena, che ancora oggi sono, a più di quarant'anni compiuti, sono fra le più grandi tenniste di sempre. Se lo sono diventate è proprio grazie a un piano, un programma di 78 pagine che Williams aveva accuratamente scritto ancora prima della loro nascita con il preciso intento [...] Vai alla recensione »

domenica 16 gennaio 2022
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

Un grande attore per un biopic agiografico, tutto sommato convenzionale. È uno straordinario Will Smith, nei panni del protagonista, a dare lustro a «Una famiglia vincente - King Richard», che narra la genesi del doppio fenomeno Williams (Venus e Serena, icone del tennis mondiale), focalizzandosi sull'onnipresente figura paterna, che della parabola sportiva delle figlie è motore, fulcro e custode lungo [...] Vai alla recensione »

sabato 15 gennaio 2022
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Abbiamo visto "Borg Mcenroe" ( con Shia Laboeuf nella parte del tennista americano, finale di Wimbledon 1980) e "La battaglia dei sessi": Bobby Riggs contro Billie Jean King, che voleva alzare le paghe per le tenniste ( il rivale sosteneva, nel 1973, che anche un maschio a fine carriera può battere una signora: i compensi erano miseri perché le donne non danno spettacolo).

venerdì 14 gennaio 2022
A. O. Scott
The New York Times

La scena più avvincente di Una famiglia vincente si svolge nel 1994. Venus, 14 anni, nella sua seconda partita da tennista professionista affronta Arantxa Sánchez Vicario, all'epoca al top delle classifiche. Se non sapete il risultato, il consiglio è di non cercarlo sugli almanacchi. Ma anche chi ricorda com'è andata seguirà con il fiato sospeso la ricostruzione mozzafiato che ne ha fatto Reinaldo [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 gennaio 2022
Andrea Giordano
La Provincia di Como

Cinema e tennis, binomio vincente, talvolta. Basterebbe riguardarsi l'avvincente sfida tra Borg/McEnroe, o il più estetico, maggiormente affascinante, L'impero della perfezione, incentrato sempre su Big John, "TheGenius", o semplicemente una delle scene finali di Blow Up di Antonioni, in cui realtà e immaginazione si fondono. Gesti, momenti, storie vere di campioni e campionesse, come Venus e Serena [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 gennaio 2022
Marco Contino
Il Mattino di Padova

Storia di Venus e Serena Williams, due tra le tenniste più forti di sempre. Anzi no. Storia del loro padre Richard (Will Smith): demiurgo affettuoso ma anche inflessibile e testardo, ossessionato dall'idea di togliere dalla strada del ghetto le proprie figlie attraverso lo studio e lo sport, seguendo un rigido programma di carriera che non ammetteva deviazioni né consigli da parte di terzi.

giovedì 13 gennaio 2022
Paolo Birreci
Sentieri Selvaggi

Una famiglia vincente - King Richard racconta la storia vera di Venus e Serena Williams, due tra le tenniste più forti di tutti i tempi. Il film si caratterizza per un approccio narrativo che mostra l'intensa formazione delle due sportive afroamericane dominata, soprattutto, dalla presenza ingombrante del padre Richard Williams, interpretato da un ottimo Will Smith.

giovedì 13 gennaio 2022
Francesco Bonfanti
Close-up

L'imprevisto è solitamente dietro l'angolo, puoi decidere se attenderlo o prevenirlo. Poi ci sono altri tipi di imprevisti, quelli che scuotono il mondo, e per quelli non c'è né attesa né prevenzione, bensì preparazione: if you fail to plan, you are planning to fail. Una famiglia vincente - King Richard, per la regia di Reinaldo Marcus Green, è un film sulla determinazione di un padre che non scopre, [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 gennaio 2022
Gian Luca Pisacane
Famiglia Cristiana

Le sorelle Williams sono tra le più grandi tenniste di sempre, per alcuni le migliori in assoluto. Nell'arco di vent'anni hanno dominato le classiiche, si sono aggiudicate ogni trofeo, giocando da sole e insieme, nel doppio. La nascita della leggenda viene raccontata in Una famiglia vincente - King Richard, diretto da Reinaldo Marcus Green. In realtà non sono loro le protagoniste del ilm, ma il padre [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 gennaio 2022
Alessandra De Luca
Avvenire

California, inizio anni '90. Richard Williams, ex atleta, vive con la moglie Brandy, tre figliastre e le sue due figlie: Venus e Serena. Convinto che queste ultime saranno le future leggende del tennis mondiale, le allena tutti i giorni nel loro malfamato quartiere in attesa che i tennis club più qualificati si accorgano del loro talento. Richard non si arrende e con pazienza e determinazione guiderà [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 gennaio 2022
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Il Richard del titolo di cognome fa Williams ed è il padre delle tenniste Venus e Serena Williams. Il film biografico racconta gli esordi delle due giovani future campionesse, fino al loro arrivo nel tennis che conta. Il tutto, sempre sotto l'ala protettrice, a volte spiazzante, di papà Richard, tra difficoltà economiche e strade malfamate, ma senza mai recedere dal suo piano verso la vittoria.

giovedì 13 gennaio 2022
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Cronaca familiare di un'educazione sportiva da primati nel Grande Slam secondo un sogno americano rafforzato: le sorelle Williams sono due fuoriclasse (Singleton e Sidney) da tenere lontano dalla strada malfamata e strette sul campo sudato del tennis per miracoli di successo, e il padre è mentore di un'avventura a iniezioni di fiducia contro scetticismi, fatiche e delusioni.

giovedì 13 gennaio 2022
Francesco Alò
Il Messaggero

C' era una volta una famiglia black a Compton, quartiere malfamato di Los Angeles, con padre visionario capace di scrivere, prima che nascessero, un piano di 78 pagine per far diventare le due figlie Venus e Serena campionesse di tennis. Erano gli anni 90. I Williams si allenavano sotto la pioggia, fronteggiavano gangster locali, consegnavano ridendo le pagine gialle a domicilio e guardavano due volte [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 gennaio 2022
Roberto Nepoti
La Repubblica

Benché meno cinegenico di altri sport, da qualche tempo il tennis è al centro di vari film ( Borg McEnroe , La battaglia dei sessi ) tratti dalla realtà. È vera anche la trama di Una famiglia vincente - King Richard , storia dell' irresistibile ascesa delle sorelle Venus e Serena Williams, star del tennis vincitrici di innumerevoli Grandi Slam. Il film focalizza su papà Williams, che ha pianificato [...] Vai alla recensione »

giovedì 13 gennaio 2022
Fulvia Caprara
La Stampa

L' errore più facile sarebbe stato farne un santino. Il solito padre venuto dal nulla che, a costo di duri sacrifici, riesce a trasformare la prole in bandiera di talento e successo. Non è andata così. E il merito, nel film di Reinaldo Marcus Green sulle campionesse di tennis Venus e Serena Williams, è tutto del protagonista Will Smith, capace di evitare con destrezza le trappole delle rappresentazioni [...] Vai alla recensione »

martedì 11 gennaio 2022
Simone Emiliani
Film TV

Non è solo un biopic su Venus e Serena Williams, la prima cinque volte vincitrice di Wimbledon e l'altra considerata la più grande tennista di sempre. Una famiglia vincente - King Richard è il Sogno americano spinto all'ossessione. Richard (Will Smith) ha deciso che le sue due figlie sarebbero diventate tenniste ancora prima che nascessero. Con costanza e continuità ha cominciato ad allenarle fino [...] Vai alla recensione »

martedì 11 gennaio 2022
Francesco Del Grosso
Cineclandestino

Chi o cosa c'è dietro il successo di uomini e donne che hanno scritto il proprio nome nei libri di Storia o nell'immaginario comune? Il più delle volte ci sono anni e anni di sacrifici individuali che hanno portato al raggiungimento di grandi traguardi. Se a questi si aggiungono quelli di chi ha creduto in te e più di te, oltre all'appoggio e al sostegno incondizionato degli affetti, allora tutto è [...] Vai alla recensione »

domenica 9 gennaio 2022
Marco Minniti
Asbury Movies

Non è facile, nel 2021, dire qualcosa di davvero nuovo o interessante in un settore inflazionato come quello del biopic sportivo. Il compito di Reinaldo Marcus Green - già regista degli apprezzati Joe Bell e Monsters and Men - era tuttavia in qualche modo agevolato: questo perché il soggetto di Una famiglia vincente - King Richard è sì il racconto di un'epopea sportiva, ma anche e soprattutto un dramma [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 gennaio 2022
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

Richard Williams è l'uomo che ha "costruito" le due leggende del tennis moderno, le figlie Venus e Serena (la prima vincitrice di 7 Slam, con cinque trionfi a Wimbledon, la seconda di 23 Slam, record assoluto nell'era Open), decidendo già da prima che nascessero (la molla nel 1978, con il premio di 40mila dollari assegnato alla rumena Virginia Ruzici per la vittoria del Roland Garros) quale sarebbe [...] Vai alla recensione »

venerdì 19 novembre 2021
Alessandro De Simone
Ciak

Sarà una edizione degli Oscar davvero interessante per la orsa alla statuetta come miglior attore protagonista. Denzel Washington sembra essere favorito grazie a The Tragedy of Macbeth, ma Will Smith si inserisce prepotentemente nella competizione per la sua interpretazione in King Richard. Il re in questione non ha niente di shakesperiano, al contrario di quello di Denzel, anzi, viene da Compton, [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
giovedì 27 gennaio 2022
Andrea Chirichelli

Spider-Man - No Way Home resiste in vetta con altri 42mila euro (e 22,2 milioni totali). Negli USA vola HBO Max. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
mercoledì 19 gennaio 2022
Andrea Chirichelli

Spider-Man: No Way Home rimane in testa con 43mila euro ed un totale di 22,7 milioni. Completa il podio ScreamScopri la classifica »

TRAILER
martedì 11 gennaio 2022
 

Regia di Reinaldo Marcus Green. Un film con Will Smith, Saniyya Sidney, Demi Singleton, Aunjanue Ellis, Tony Goldwyn. Da giovedì 13 gennaio al cinema. Guarda il trailer »

POSTER
venerdì 10 settembre 2021
 

Spinto da una chiara visione del loro futuro, e utilizzando metodi non convenzionali, Richard ha un piano che porterà Venus e Serena Williams dalle strade di Compton in California, al palcoscenico mondiale, come icone leggendarie.

TRAILER
domenica 1 agosto 2021
 

Regia di Reinaldo Marcus Green. Un film con Will Smith, Jon Bernthal, Liev Schreiber, Aunjanue Ellis, Saniyya Sidney. Da giovedì 13 gennaio al cinema. Guarda il trailer »

winner
miglior attore in un film dram.co
Golden Globes
2022
winner
migliori film
National Board
2021
winner
miglior attore
National Board
2021
winner
miglior attrice non protag.
National Board
2021
winner
film dell'anno
AFI Awards
2022
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati