Carnage

Acquista su Ibs.it   Dvd Carnage   Blu-Ray Carnage  
Un film di Roman Polanski. Con Jodie Foster, Kate Winslet, Christoph Waltz, John C. Reilly Titolo originale Carnage. Drammatico, durata 79 min. - Francia, Germania, Polonia, Spagna 2011. - Medusa uscita venerdì 16 settembre 2011. MYMONETRO Carnage * * * 1/2 - valutazione media: 3,74 su 164 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   
writer58 domenica 25 settembre 2011
il dio del massacro e le buone maniere Valutazione 3 stelle su cinque
77%
No
23%

Ispirato alla lontana al capolavoro di Buňuel "L'angelo sterminatore", "Carnage" rappresenta un esercizio sul rapporto tra pulsioni e civilizzazione, tra ipocrisia e aggressività non temperata dalle convenzioni. La trama è nota: in un appartamento di New Iork si riuniscono due coppie di genitori in seguito a un'aggressione che ha visto coinvolti i loro figli (uno dei quali ha spaccato due denti all'altro con un bastone). Inizialmente i rapporti appaiono corretti e quasi cordiali, ancorché fortemente venati di ipocrisia. In seguito, complice un torta che Kate Winslet (la madre del ragazzo aggressore) vomita sui libri d'arte della coppia ospitante e al whisky incautamente offerto da John Reilly (il padre del ragazzo aggredito) si scatena una "resa dei conti" che coinvolge i quattro protagonisti e che esplode anche all'interno delle coppie. [+]

[+] spunto di riflessione (di marezia)
[+] sicuramente divertente! (di peppe.simeone)
[+] infatti (di francesco2)
[+] sei superficiale (di pietro germi)
[+] per germi (di writer58)
[+] ispirato a sé stesso. (di mariangela i)
[+] si luna di fiele!!!!!!!!!! (di weach )
[+] caro wiriter58 mi associo ; basta presunzione ! (di weach )
[+] lascia un commento a writer58 »
d'accordo?
weach giovedì 1 dicembre 2011
un groviglio che si dipana senza regole Valutazione 4 stelle su cinque
65%
No
35%

un groviglio che si dipana senza regole
Carnage
produzione settembre 2011
di Roman Polanski,

“Leggiamo” Carnage come un groviglio sociale di regole che cade con tutte le sue impalcature liberando pensieri e psicologie che altrimenti resterebbero imprigionate , false o non espresse .
“Tratto da una piece per il palcoscenico di Yasmin Reza (il dio della carneficina )  Carnage è lungometraggio per interno, dove l’introspezione della regia , intelligente, acuta, destabilizzante, entra dentro il tessuto mentale due coppie che si confrontano e si scontrano in modo sarcastico”nuotando nel loro vuoto di valori che li rende tutti asetticamente persi”. [+]

[+] grazie per l'attenzione (di weach )
[+] come sempre impeccabile! (di riccardo76)
[+] con una mano qualcuno da e con l'altra prende (di weach )
[+] quoto ma dissento (di ilaskywalker)
[+] lascia un commento a weach »
d'accordo?
brian77 sabato 17 settembre 2011
tutto ben confezionato Valutazione 3 stelle su cinque
63%
No
37%

Ottimo spettacolo, gran ritmo, racconto compatto, ottimi attori, regia precisissima. Ok. Però il film non mi convince.  Sa tutto di artificioso, di fasullo, come il furbastro testo teatrale di partenza.  Film di grande professionalità, ma quanto al graffiante lascerei perdere.  La cosa più scorretta resta la vomitata di Kate Winslet...  E' tutto prestabilito, scontato in partenza, con le sue gag impeccabili.  Per me da Venezia si sono presi una bevuta: troppi entusiasmi, forse perché venivano da film noiosi. Ha avuto ragione la giuria. Per carità, è un film più che rispettabile e va visto. Ma non rischia nulla. [+]

[+] polansky annoia (di stonerman9999)
[+] sono d'accordo (di johnny1988)
[+] stantìo (di maddi)
[+] illuminaci, nostro maestro (di katamovies )
[+] mah... (di shanks)
[+] mi associo a katamovies : è generico quanto detto (di weach )
[+] d'accordo (di pcologo)
[+] lascia un commento a brian77 »
d'accordo?
pepito1948 lunedì 19 settembre 2011
gioco al massacro tra ironia e dramma Valutazione 4 stelle su cinque
78%
No
22%

Il film si apre e si chiude con la stessa immagine che ha per sfondo New York (anche se il tutto è stato girato a Parigi, città natale e rifugio saltuario del “latitante” Polanski), in cui due ragazzini si confrontano in un parco davanti ad un gruppo di coetanei. Ma mentre nella prima inquadratura la dinamica di rapporto sfocia in una violenza (dell’uno verso l’altro) che fa da spunto agli eventi successivi, in quella finale il problema è risolto con un gesto di riappacificazione, sul quale si innestano i titoli di coda. Come dire che i ragazzi, pur nella loro irruenza e apparente immaturità, sanno trovare da sé il modo di appianare i loro conflitti, molto più dei genitori, come dimostra tutta la storia che si dipana tra l’incipit e l’happy end. [+]

[+] lascia un commento a pepito1948 »
d'accordo?
peer gynt domenica 11 settembre 2011
appunti sulla convivenza civile Valutazione 4 stelle su cinque
65%
No
35%

 Gioco al massacro fra due coppie di genitori che s’incontrano per risolvere civilmente una lite tra i figli dodicenni. L’iniziale ipocrisia imposta dalle norme del buon vivere sociale gradualmente si scioglie, trasformandosi in odio animalesco per l’altro, in disprezzo per la volgarità vista solo nel prossimo e mai in se stessi. La china discendente porta le due coppie a scannarsi fra loro e a mettersi in crisi perfino come coppie, fino ad un estremo grado di inciviltà, complice uno strano meccanismo (un altro “angelo sterminatore”?) che impedisce ai due ospitati, malgrado vari tentativi, di uscire dall’appartamento di chi li ospita. Nel frattempo, in un finale beffardo, i ragazzi protagonisti del litigio hanno già appianato le loro divergenze. [+]

[+] grande cinema (di paapla)
[+] aspiri al giornalismo? (di pietro germi)
[+] lascia un commento a peer gynt »
d'accordo?
iacio lunedì 3 ottobre 2011
la cordialità “vomita” ipocrisia Valutazione 4 stelle su cinque
73%
No
27%

Carnage è un piccolo grande film. La trama, seppur semplice e lineare, è densa di spunti di riflessione. Due coppie di coniugi si incontrano in un appartamento al fine di risolvere “bonariamente” un incidente che ha coinvolto i rispettivi figli: uno di essi ha spaccato la faccia dell’altro con un bastone. Ebbene, il film, pur essendo essenzialmente statico (svolgendosi per tutta la sua durata all’interno di un appartamento), non annoia lo spettatore, grazie a dialoghi incalzanti che ne scandiscono il ritmo, alla buona interpretazione degli attori (appropriati i ruoli loro attribuiti) ed alla magistrale regia. Roman Polanski è forse l’unico regista (vivente) ad incollare “claustrofobicamente” lo spettatore allo schermo anche se il film si svolge in un luogo chiuso, e ciò senza ricorrere ad effetti speciali, bensì grazie alla perfezione tecnica delle inquadrature, all’ironia ed allo stile (tipico del genio polanskiano) sempre improntato a mettere in risalto il lato introspettivo e psicologico dei personaggi. [+]

[+] lascia un commento a iacio »
d'accordo?
fuoridalcoro lunedì 24 ottobre 2011
carneficina del politically correct Valutazione 4 stelle su cinque
81%
No
19%

Non capisco molti dei commenti quì apparsi, e ancor meno quelli di alcuni "critici" che, tenuto conto delle loro idee, avrebbero dovuto stroncare il film dal punto di vista dei contenuti, non potendolo fare da quello della forma stilistica. Perchè quello che ci dice Polansky è di una chiarezza cristallina. Il mondo del politically correct (che non è un prodotto solo made in Usa), il mondo delle buone maniere di chi si crede moralmente superiore, è invece un concentrato di ipocrisia e di falsità moralistiche. Alla fine il pur cinico avvocato, emerge come la figura più autentica del gruppo. Quello che ha preso atto che in Usa il padre è stato esautorato da un matriarcato invadente, e lo dichiara con sincerità. [+]

[+] bravo (di weach )
[+] lascia un commento a fuoridalcoro »
d'accordo?
linodigianni sabato 24 settembre 2011
autodafè di libri, di idee, di persone Valutazione 4 stelle su cinque
68%
No
32%

Prendi due coppie e un figlio ciascuno.
Un figlio spacca i denti all'altro, perchè l'aveva chiamato spia.
La coppia col figlio/ vittima invita l'altra per mediare
La coppia col figlio aggressore cerca di coprire le cose
che non vanno tra i genitori e il figlio.
Il dramma da camera del titolo, Carnage-Carneficina
si avvia con colpi leggeri di fioretto scambiati
tra le due donne, fintamente progressiste.
L'avvocato intanto parla al telefono e denuncia
il suo cinismo e l'altro marito fa il buonista.
Poi, c'è il colpo di teatro.
Qualcosa succede, nella stanza, e si perdono le maschere
Inizia una battaglia senza esclusione di colpi, di tutti
contro tutti. [+]

[+] mi piace (di weach )
[+] lascia un commento a linodigianni »
d'accordo?
alespiri venerdì 23 settembre 2011
carnage:l’ipocrisia borghese si mette a nudo Valutazione 4 stelle su cinque
86%
No
14%



Tratto da un testo teatrale in forma di psicodramma di Yasmina Reza ne conserva la struttura sotto l’abile regia del Maestro Polanski. Due coppie, un soggiorno. New York. Il motivo del loro incontro la lite dei due rispettivi figli in un parco pubblico. Per futili motivi. Uno dei due ha subito un colpo che gli ha procurato la rottura di due denti. L’incontro, inizialmente, assolve ad un rito di civile conciliazione tra le parti, secondo un rito borghese, poi è tutto un crescendo, a tratti anche angosciante, di pathos dialettico che mano a mano smaschera i personaggi disincarnandoli dal loro ruolo sociale, mettendoli a confronto con una reale grettezza di fondo quanto mai però più vicina alla loro essenza più viscerale. [+]

[+] ti prego sono quasi cieco (di weach )
[+] lascia un commento a alespiri »
d'accordo?
paola di giuseppe domenica 18 settembre 2011
mettiamo due coppie di genitori in un interno... Valutazione 4 stelle su cinque
68%
No
32%

Mettiamo due coppie di genitori con figlioletti che hanno litigato nel parco e uno ha rotto due denti all’altro, e soprattutto genitori che appartengano ad una middle cass civile, acculturata e misurata quanto basta per non azzannarsi subito a suon di pugni, mettiamo un interno (salotto, cucina e bagno) di parca eleganza con libri d’arte ben in vista sul tavolo del salotto, tulipani freschi nel vaso, torta di frutta con ricetta segreta, sigari doc e buon caffè da servire, aggiungiamo due cellulari che squillano in continuazione e nessuno dei due maschi che sia disposto ad usare il silenziatore, ci sono affari in corso da concludere e mammine petulanti da ascoltare, nonostante gli ospiti e le trattive in corso, quindi collochiamo sulla scena Jodie Foster/Penelope, con tutte le nevrosi della femminista e terzomondista impegnata tenute sotto controllo a prosciugarle il profilo sempre più tirato come una corda di violino, Kate Winslet, morbido prototipo della donna in carriera che non dimentica mai la sua femminilità debordante se non quando vomita sul tavolo del salotto, e infine due esemplari classici del maschio contemporaneo: il cellular/dipendente Waltz (grande apparizione già in Inglorious basterds), cinico, dissacratore, distaccato uomo della serie “so chi sono e so cosa faccio” e il ruspante Reilly che Penelope ha fatto vestire da intellettuale mentre, in realtà, vende casalinghi: bene, lasciamoli per un po’ a dirimere la questione figlioletti e la carneficina non tarderà a scatenarsi alla faccia del bon ton iniziale. [+]

[+] lascia un commento a paola di giuseppe »
d'accordo?
pagina: 1 2 3 4 5 6 7 »
Carnage | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | weach
  3° | brian77
  4° | pepito1948
  5° | peer gynt
  6° | iacio
  7° | fuoridalcoro
  8° | linodigianni
  9° | alespiri
10° | paola di giuseppe
11° | intothewild4ever
12° | jaylee
13° | johnny1988
14° | paolo assandri
15° | bella earl!
16° | max taylor
17° | olivia zilioli
18° | robbby
19° | linus2k
20° | gianluca bazzon
21° | ultimoboyscout
22° | gabriella
23° | giacomogabrielli
24° | mytho
25° | dadab.
26° | binda
27° | poltro
28° | alex41
29° | annalice
30° | gianmarco.diroma
31° | albsorge
32° | lucapic
33° | oblivion7is
34° | tuesday
35° | gambadilegnodinomesmith
36° | nicola grimolizzi
37° | luigi chierico
38° | xprince
39° | lucyelisa
40° | graisano
41° | great steven
42° | stanleyy
43° | theophilus
44° | onufrio
45° | nick simon
46° | corazzatakotiomkin
47° | andrea alesci
48° | giu/da(g)
49° | maria.f
50° | viola96
51° | sophielle
52° | mikisuele
53° | andrea miniello
54° | immanuel
55° | lisa casotti
56° | riccardo tavani
57° | gabriella
58° | paride86
59° | francesco1960
60° | riccardo76
61° | alvise w.
Nastri d'Argento (1)
Golden Globes (2)
David di Donatello (1)
Cesar (2)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | 42 | 43 | 44 | 45 | 46 | 47 | 48 | 49 | 50 | 51 | 52 | 53 | 54 | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 | 61 | 62 | 63 | 64 | 65 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 16 settembre 2011
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2015 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità