Carnage

Acquista su Ibs.it   Dvd Carnage   Blu-Ray Carnage  
Un film di Roman Polanski. Con Jodie Foster, Kate Winslet, Christoph Waltz, John C. Reilly Titolo originale Carnage. Drammatico, durata 79 min. - Francia, Germania, Polonia, Spagna 2011. - Medusa uscita venerdì 16 settembre 2011. MYMONETRO Carnage * * * 1/2 - valutazione media: 3,67 su 196 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
   
   
   

La servitù della parola Valutazione 2 stelle su cinque

di Ludwig1889


Feedback: 200 | altri commenti e recensioni di Ludwig1889
giovedì 24 settembre 2015

In Waking Life si dice che un buon film non dovrebbe farsi schiavizzare dalla sceneggiatura. In Carnage accade proprio questo. Polansky fa cioè leva su una sceneggiatura superba, inscenata da interpreti d’eccezione, in un film narrativamente sopraffino ma registicamente impalpabile.

Una coppia di genitori (Foster e Reily) ne invita un’altra (Winslet e Waltz) nel proprio appartamento per discutere di un incidente di giochi. Il film inizia con un’inquadratura statica a campo lungo su un gruppo di ragazzini in un parco. Ivi, accompagnato dal notevole brano minimalista di Alexandre Desplat (compositore in Grand Budapest Hotel e The Tree of Life), accade il fattaccio: una bastonata. Il resto del film si svolge nell’appartamento dove quattro, imbeccati dall’incidente, scatenano una catartica lotta di intensità progressiva volta alla reciproca sopraffazione psicologica.

La sceneggiatura è coinvolgente a tutti i livelli (evidente la mano della drammaturga Yasmina Reza). Dal concept, sfruttare un episodio banale ma emotivamente coinvolgente a mo’ di arpione atto a uncinare il lato più visceralmente umano (troppo umano, verrebbe da dire) dei quattro protagonisti, ciascuno armato delle sue convinzioni, contraddizioni ed idiosincrasie, all’effettiva stesura dei dialoghi e delle situazioni sceniche. I personaggi sono psicologicamente complessi e sfaccettati, idealizzati quel tanto che basta a farne delle maschere credibili di taluni strati sociali, ma mai manierati.

Il maggior pregio della sceneggiatura è una struttura narrativa che fa dei concetti di gradualità e sviluppo due punti fermi.

Le psicologie dei quattro, inizialmente scialbe e incolori, acquisiscono poco alla volta forma e sostanza, sino a farsi quasi sfacciate, impudiche nel vicendevole rimarcarsi le proprie nudità. Meno di ottanta minuti di pellicola filano come un frattale con andamento spiraliforme che accompagna le esistenze dei quattro protagonisti in un vorticoso attorcigliarsi su se stesse sino al laconico epilogo sancito dalla Winslet, che suona come l’enunciazione di un teorema al termine di una lunga dimostrazione: faticosa e ineluttabile. Guardare Carnage è come concentrarsi su un frattale. Lo si osserva e, individuate certe regolarità, si crede di potersene fare un’immagine attendibile per poi imbattersi, indugiando appena un attimo in più, in formazioni tanto barocche quanto precedentemente inopinabili, celate sotto qualche ingrandimento appena.

Detto questo, un film non è solo psicologia, concetto e dialogo. Un film è prima di tutto immagine e, visivamente, Carnage è insipido. Vero è che non è facile brandire degnamente la cinepresa quando, come set, si hanno a disposizione solo una manciata di stanze di un anonimo appartamento borghese di New York. Ci è voluto Tarantino per mostrare come uno dei migliori thriller degli ultimi decenni si possa girare per buona parte in un magazzino abbandonato. È vero che in Reservoir Dogs abbondano i flashback mentre Carnage è rigidamente confinato all’interno dell’appartamento, ma nella pellicola di Tarantino sono proprio le scene del magazzino quelle più incisivamente dirette e magistralmente tese. Per quanto mi riguarda, dire di un regista che non regge il confronto con Tarantino è, più che una critica, quasi un’ovvietà. Il problema è che Polansky non è un regista qualunque e da lui sarebbe lecito aspettarsi di meglio. Tutto considerato, il film non è neanche troppo vacuo, ma gli avvenimenti risultano eccessivamente imbrigliati nelle rigide logiche di ripresa tipiche delle scene di parlato (un film dallo stile, dai ritmi e dalle tempistiche alleniane; quindi magistralmente scritto e interpretato, ma registicamente mediocre).

Generalmente, farsi aggiogare dalle consuetudini stilistiche di un certo genere cinematografico non è un appunto contestabile ai registi normali. Ma Polansky è molto più genio che bestia da soma e, come tale, da lui si pretende che infranga prometeicamente i vincoli della settima arte piuttosto che perdere il suo tempo a subirne il giogo.

In sintesi: ben scritto e ben recitato (i quattro sono sempre all’altezza, con una speciale nota di merito per Foster e Winslet, mai dome), ma complessivamente deludente.

[+] lascia un commento a ludwig1889 »
Sei d'accordo con la recensione di Ludwig1889?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
0%
No
100%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico

Ultimi commenti e recensioni di Ludwig1889:

Carnage | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | weach
  3° | brian77
  4° | pepito1948
  5° | peer gynt
  6° | iacio
  7° | fuoridalcoro
  8° | alespiri
  9° | linodigianni
10° | paolo assandri
11° | paola di giuseppe
12° | jaylee
13° | intothewild4ever
14° | olivia zilioli
15° | bella earl!
16° | max taylor
17° | ultimoboyscout
18° | robbby
19° | linus2k
20° | gianluca bazzon
21° | gabriella
22° | giacomogabrielli
23° | lucapic
24° | annalice
25° | mytho
26° | johnny1988
27° | binda
28° | alex41
29° | albsorge
30° | dadab.
31° | giu/da(g)
32° | poltro
33° | onufrio
34° | oblivion7is
35° | gianmarco.diroma
36° | tuesday
37° | gambadilegnodinomesmith
38° | andrea alesci
39° | fabio
40° | andrejuve
41° | giorpost
42° | luigi chierico
43° | xprince
44° | lucyelisa
45° | graisano
46° | nicola grimolizzi
47° | theophilus
48° | mikisuele
49° | corazzatakotiomkin
50° | great steven
51° | nick simon
52° | stanleyy
53° | ludwig1889
54° | maria f.
55° | viola96
56° | sophielle
57° | andrea miniello
58° | immanuel
59° | lisa casotti
60° | riccardo tavani
61° | gabriella
62° | paride86
63° | francesco1960
64° | riccardo76
65° | alvise w.
Nastri d'Argento (1)
Golden Globes (2)
David di Donatello (1)
Cesar (2)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 | 28 | 29 | 30 | 31 | 32 | 33 | 34 | 35 | 36 | 37 | 38 | 39 | 40 | 41 | 42 | 43 | 44 | 45 | 46 | 47 | 48 | 49 | 50 | 51 | 52 | 53 | 54 | 55 | 56 | 57 | 58 | 59 | 60 | 61 | 62 | 63 | 64 | 65 | 66 | 67 | 68 | 69 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 16 settembre 2011
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità