Dizionari del cinema
Quotidiani (5)
Periodici (1)
Miscellanea (2)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
domenica 27 maggio 2018

Alberto Sordi

Data nascita: 15 Giugno 1920 (Gemelli), Roma (Italia)
Data morte: 25 Febbraio 2003 (82 anni), Roma (Italia)
occhiello
...ma io so io, e voi non siete un ca**o.
dal film Il marchese del Grillo (1981) Alberto Sordi Il marchese Onofrio del Grillo duca di Bracciano; il carbonaio Gasperino
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Alberto Sordi
Nastri d'Argento 1977
Premio miglior attore per il film Un borghese piccolo piccolo di Mario Monicelli

David di Donatello 1977
Premio miglior attore per il film Un borghese piccolo piccolo di Mario Monicelli

Nastri d'Argento 1977
Nomination miglior attore per il film Un borghese piccolo piccolo di Mario Monicelli

David di Donatello 1977
Nomination miglior attore per il film Un borghese piccolo piccolo di Mario Monicelli

David di Donatello 1973
Nomination miglior attore per il film Lo scopone scientifico di Luigi Comencini

David di Donatello 1973
Premio miglior attore per il film Lo scopone scientifico di Luigi Comencini

David di Donatello 1972
Premio miglior attore per il film Detenuto in attesa di giudizio di Nanni Loy

Festival di Berlino 1972
Premio miglior attore per il film Detenuto in attesa di giudizio di Nanni Loy

David di Donatello 1972
Nomination miglior attore per il film Detenuto in attesa di giudizio di Nanni Loy

David di Donatello 1969
Nomination miglior attore per il film Il medico della mutua di Luigi Zampa

David di Donatello 1969
Premio miglior attore per il film Il medico della mutua di Luigi Zampa

David di Donatello 1966
Premio miglior attore per il film Fumo di Londra di Alberto Sordi

David di Donatello 1966
Nomination miglior attore per il film Fumo di Londra di Alberto Sordi

David di Donatello 1961
Premio miglior attore per il film Tutti a casa di Luigi Comencini

David di Donatello 1961
Nomination miglior attore per il film Tutti a casa di Luigi Comencini

David di Donatello 1960
Premio miglior attore per il film La grande guerra di Mario Monicelli

Nastri d'Argento 1960
Premio miglior attore per il film La grande guerra di Mario Monicelli

David di Donatello 1960
Nomination miglior attore per il film La grande guerra di Mario Monicelli

Nastri d'Argento 1960
Nomination miglior attore per il film La grande guerra di Mario Monicelli

Nastri d'Argento 1956
Nomination miglior attore per il film Lo scapolo di Antonio Pietrangeli

Nastri d'Argento 1956
Premio miglior attore per il film Lo scapolo di Antonio Pietrangeli

Nastri d'Argento 1954
Premio miglior attore non protagonista per il film I vitelloni di Federico Fellini

Nastri d'Argento 1954
Nomination miglior attore non protagonista per il film I vitelloni di Federico Fellini



Sordi era stato tutto. Di Pino Farinotti.

Dieci anni senza Alberto

luned 25 febbraio 2013 - Pino Farinotti cinemanews

Dieci anni senza Alberto Quando mor Alberto Sordi ricordo un funerale di Stato sontuoso. Senza dubbio meritato. E poi naturalmente tutti i "coccodrilli" relativi. Sordi era stato tutto. A cominciare dal modello dell'italiano medio, come si diceva. Ricordo anche un editoriale in cui veniva definito l'uomo che aveva dato del cittadino italiano un'immagine furbastra e volgare, negativa oltre confine. Non ricordo chi lo scrisse, ma c' sempre, in un quadro generale, quello che vuole uscire dal gruppo, essere diverso, mettersi "contro". Sopra ho scritto che Sordi era "tutto", dunque ci sta anche che a volte, anzi, spesso, fosse furbastro, e qualche volta volgare. Ma non questo il punto. Diciamo che comunque un punto parziale e insignificante. Confesso che ho condiviso Sordi, l'ho apprezzato, ma non mai stato una mia passione. Gassman lo era.

   

La grande guerra

* * * * 1/2
(mymonetro: 4,60)
Un film di Mario Monicelli. Con Vittorio Gassman, Alberto Sordi, Bernard Blier, Folco Lulli, Silvana Mangano.
continua»

Genere Guerra, - Italia 1959.

Il marchese del Grillo

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,82)
Un film di Mario Monicelli. Con Alberto Sordi, Caroline Berg, Andrea Bevilacqua, Flavio Bucci, Giorgio Gobbi, Cochi Ponzoni.
continua»

Genere Commedia, - Italia, Francia 1981.

Tutti a casa

* * * * -
(mymonetro: 4,06)
Un film di Luigi Comencini. Con Alberto Sordi, Eduardo De Filippo, Serge Reggiani, Martin Balsam, Nino Castelnuovo.
continua»

Genere Guerra, - Italia 1960.

Una vita difficile

* * * * 1/2
(mymonetro: 4,57)
Un film di Dino Risi. Con Claudio Gora, Alberto Sordi, Lea Massari, Franco Fabrizi, Lina Volonghi.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 1961.

I vitelloni

* * * * -
(mymonetro: 4,48)
Un film di Federico Fellini. Con Leopoldo Trieste, Alberto Sordi, Franco Interlenghi, Franco Fabrizi, Leonora Ruffo.
continua»

Genere Commedia, - Italia 1953.
Filmografia di Alberto Sordi »

marted 17 aprile 2018 - Silvana Giacobini l'autrice di un romanzo che approfondisce la vita, la carriera e gli amori di Sordi.

Albertone, romano di Trastevere, americano a Roma

Pino Farinotti cinemanews

Albertone, romano di Trastevere, americano a Roma Per cominciare l'autore: Silvana Giacobini. Nome e volto popolare. Storia importante e completa. Le categorie: opinionista in tiv di programmi leggeri; direttrice di magazine da milioni di copie (Gioia, Chi, Diva e donna, fra gli altri) dunque amatissima dagli editori; editorialista del sociale e della cultura; autrice di romanzi di spessore, da cui sono stati tratti film; biografie che fanno testo. L'azione di Giacobini pu dunque essere definita in una sintesi: attitudine alla scrittura, alla divulgazione e al marketing. Al livello pi alto. Sono pochi i talenti cos completi. Con qualcosa in pi che non guasta, lo charme personale. Francesco Alberoni, scrittore e sociologo del mondo, l'ha voluta come relatrice alla presentazione della sua biografia, un'apertura di fiducia importante, significa cultura, la pi alta. in quell'occasione, all'Umanitaria di Milano, che Silvana mi ha dato il suo libro "Albertone: Alberto Sordi, una leggenda italiana". Il metodo: scontato che Giacobini conosca il mondo, donne e uomini di tutti i campi. normale che una Sophia Loren si fidi di lei e le confessi cose magari sconosciute. Ma Silvana quella che chiama Hillary Clinton alla Casa Bianca e la first lady - o Segretario di Stato - accetta di incontrarla e le due si confrontano come donne e come mamme, e Hillary pu davvero essere "vista da vicino", secondo il titolo del libro. Alberto Sordi (1920-2003) ha fatto 61 anni di cinema, ha fatto tutto, notorio. La percezione-Sordi ben presente nella memoria di tutti, inutile dilungarsi: l'italiano buono per tutti i ruoli, tutti i sentimenti, tutti i sorrisi e, all'interno della sua azione, con momenti di roba molto seria. Costretto all'essenziale per la solita ragione di spazio, per il racconto del libro, parto dal capitolo 13, "Sonego l'uomo del destino" privilegiando un titolo, Una vita difficile, in cui lo sceneggiatore, e l'attore, raccontano la guerra e il dopoguerra, con quelle sequenze indimenticabili: Sordi partigiano, poi giornalista, rigorosamente comunista, coinvolto il quel 2/6/1946, data del referendum, con quella cena a casa dei principi sconvolti per la vittoria della repubblica; e poi l'attentato a Togliatti, le elezioni del 18 aprile del '48 con l'Italia in bilico fra l'alleanza atlantica e il patto di Varsavia.

Sonego e Sordi facevano capire la storia italiana meglio dei libri, delle accademie e degli editoriali. Altra sintesi: il racconto degli amori di Alberto sorprendente, perch si scontra con l'idea popolare dell'uomo racchiuso nel rapporto famigliare, che vedeva nelle donne un pericolo, per la sua libert e per il patrimonio. Il libro lo presenta come un grande seduttore. Giacobini, capillare, approfondisce. Solo due richiami esemplari, decisamente diversi. Frequent l'ereditiera Frances De Villers Brokaw. La scrittrice racconta "Se l'avesse sposata sarebbe diventato cognato di Jane Fonda e "genero" del grande Henry... Della famiglia della presunta nuova fidanzata facevano infatti parte Roger Vadim, ma anche Brigitte Bardot che il regista spos prima appunto di Jane, da cui ebbe Vanessa, e ancora Catherine Deneuve da cui Vadim ebbe Christian. Catherine divenne anche madre di Chiara, figlia di Marcello Mastroianni... Per non menzionare, come facente parte della famiglia allargata, anche Ernest Hemingway, amato da una delle mogli di Henry Fonda, l'italiana Afdera Franchetti". Certo, singolare immaginare un trasteverino al centro di intrecci amorosi cos... cosmopoliti. Ma tant'.
Ma il vero amore, la donna che Alberto, forse, avrebbe sposato, stata Andreina Pagnani. Grande attrice di matrice teatrale, era pi grande di Alberto di 14 anni e non improprio dire che la Pagnani non era una Loren, e neppure una Pampanini ma era "...una bellezza antica, e il ricordo di Andreina si affaccer prepotente nella mente di Alberto ogni volta che sarebbe stato in procinto di chiedere la mano alle giovani donne che incrociava sulla sua strada. E tutte perdevano al confronto". Nella biografia, come detto, passano tutti e tutto, e un capitolo non poteva non riguardare "Quel pasticciaccio dell'eredit". Ma chiudo con un doppio finale, del libro e del protagonista: "Dotato di fede semplice, Alberto Sordi aveva interpretato la miseria e la nobilt dell'animo umano, disse il Cardinale Ruini, mentre in aria volteggiava lo striscione con la scritta 'Ieri un americano a Roma, oggi un romano in Cielo". Era il 24 febbraio del 2003.

   

Altre news e collegamenti a Alberto Sordi »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità