Brutti e cattivi

Film 2017 | Commedia V.M. 14 87 min.

Anno2017
GenereCommedia
ProduzioneItalia, Belgio, Francia
Durata87 minuti
Regia diCosimo Gomez
AttoriClaudio Santamaria, Marco D'Amore, Sara Serraiocco, Rinat Khismatouline, Shi Yang Marco Pancrazi, Adamo Dionisi, Riccardo Mioni.
Uscitagiovedì 19 ottobre 2017
TagDa vedere 2017
Distribuzione01 Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Regia di Cosimo Gomez. Un film Da vedere 2017 con Claudio Santamaria, Marco D'Amore, Sara Serraiocco, Rinat Khismatouline, Shi Yang. Cast completo Genere Commedia - Italia, Belgio, Francia, 2017, durata 87 minuti. Uscita cinema giovedì 19 ottobre 2017 distribuito da 01 Distribution. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 4 recensioni.

Condividi

Aggiungi
Brutti e cattivi
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Le vicende di una banda di disabili che compie rapine.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Una commedia nerissima e spregiudicata. Un'impresa coraggiosa che non può lasciare indifferenti.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 7 settembre 2017
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 7 settembre 2017

Periferia di Roma. Un mendicante paraplegico soprannominato il Papero, con la complicità di sua moglie, una bellissima donna senza braccia detta la Ballerina, del suo accompagnatore, un tossico rastaman detto il Merda e di un nano rapper il cui nome d'arte è Plissé, mette a segno una rapina nella banca dove il boss di un potente clan mafioso cinese nasconde i proventi delle sue attività illecite. Dopo il colpo però le cose si complicano.

Il cinema italiano è tendenzialmente piuttosto prudente. Anche quando decide di percorrere nuove strade lo fa con il freno a mano quasi mai del tutto sbloccato. Onore al merito quindi a Cosimo Gomez e ai suoi attori che si lanciano in un'impresa che sicuramente non può lasciare indifferenti.

Tanto per cominciare, caso più unico che raro, il titolo corrisponde esattamente allo sviluppo di una sceneggiatura che ha visto il soggetto aggiudicarsi il prestigioso premio Solinas. Perché i personaggi sono tutti negativi (con un'eccezione che è bene non svelare) e non hanno vie di Damasco su cui convertirsi.

Gomez, come i fratelli Farrelly, ci fa incontrare i suoi protagonisti degradati e volgari e così li conserva fino alla loro eventuale uscita di scena. Chi si accosta alla visione del film deve innanzitutto liberarsi da un pregiudizio che potrebbe originare da una tendenza piuttosto invalsa alla ricerca del politically correct (almeno al cinema): Gomez non ha alcuna intenzione, neppure remota, di deridere le disabilità che porta sullo schermo. Gli servono semmai per ricordarci che siamo tutti diversi e, ognuno a suo modo, disabile nell'intimo e che può accadere che tutto ciò si risolva in un cinismo totale nei confronti dell'umanità che ci circonda. Infatti se i 'cattivi' disabili non hanno pietà per nessuno altrettanto si può dire per la gang mafiosa cinese e, in modo ancor più sottile, per la banca che offre inizialmente riparo al loro denaro sporco.

Gomez ha poi un modello cult nella storia del cinema a cui rifarsi, quel Freaks di Tod Browning che nel 1932 portò sullo schermo, creando scandalo, dei veri disabili. Non a caso anche qui il circo costituisce lo spunto di partenza della narrazione anche se poi è sotto il tendone della vita che vediamo agire con straordinaria determinazione attori che, da Claudio Santamaria a Sara Serraiocco, si calano con grande verosimiglianza in corpi che la deformità costringe a una mobilità inusuale. Si tratta, come si può immaginare, di una vita trasfigurata nell'eccesso in cui ogni singolo elemento (si vedano in particolare scenografie e costumi) contribuisce a costruire una vicenda in cui si può ridere non dei personaggi ma delle loro azioni visto che Gomez, dalla piscina esistenziale in cui li fa galleggiare o annegare, ha scientemente sottratto il cloro del bon ton.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 10 settembre 2017
Spettatore

Si presenta  senza nessun freno inibitorio, ne in quel che è messo in bocca hai personaggi ne con la regia che si diverte con ogni mezzo fino però a diventare posticcio e ripetitivo. La cura dei costumi non ha minimi confronti con la scarsa eleganza della regia che si manifesta come un'accozzaglia di tentativi istintivi senza la minima razionalità, che se [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 8 settembre 2017
Francesco Alò
Il Messaggero

Il protagonista di Brutti e cattivi è uno storpio senza gambe, con un elegante "Magna fregna" in caratteri gotici tatuato sul braccio, basettoni, barba di-segnata, occhialoni a goccia dai filtri arancioni come John Goodman ne Il grande Lebowski e un cranio sgradevolmente mezzo pelato (ricordate quando Santamaria mostre quell'inquietante look alla Zio Tibia ritirando il David di Donatello nel 2016? [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
venerdì 8 settembre 2017
 

È una commedia nerissima e spregiudicata, Brutti e Cattivi di Cosimo Gomez, presentata ieri nella sezione Orizzonti e accolta calorosamente da pubblico e critica. Ed è un'impresa che non lascia indifferenti, quella del regista, che realizza un'opera nuova [...]

[LINK] TRAILER
lunedì 28 agosto 2017
 

Periferia di Roma. Un mendicante paraplegico soprannominato il Papero, con la complicità di sua moglie, una bellissima donna senza braccia detta la Ballerina, del suo accompagnatore, un tossico rastaman detto il Merda e di un nano rapper il cui nome d'arte [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati