Drive me Home

Film 2018 | Avventura +13 100 min.

Regia di Simone Catania. Un film Da vedere 2018 con Marco D'Amore, Vinicio Marchioni, Lou Castel, Jennifer Ulrich, Chiara Muscato. Cast completo Genere Avventura - Italia, Germania, 2018, durata 100 minuti. Uscita cinema giovedì 26 settembre 2019 distribuito da Europictures. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,93 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Drive me Home tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Due vecchi amici si ritrovano dopo tanti anni e decidono di partire per un viaggio insieme in Europa alla ricerca di nuove avventure. In Italia al Box Office Drive me Home ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 20,2 mila euro e 10,5 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,93/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,86
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Road movie d'emigrazione, libero e sentimentale, con un'ottima dinamica tra i due coprotagonisti.
Recensione di Raffaella Giancristofaro
domenica 2 dicembre 2018
Recensione di Raffaella Giancristofaro
domenica 2 dicembre 2018

Amici fin da ragazzini, Antonio (Vinicio Marchioni) e Agostino detto Tino (Marco D'Amore) sono nati nella campagna siciliana, che hanno abbandonato in tempi diversi e senza avere modo di salutarsi. Li ritroviamo adulti, quando Antonio si mette sulle tracce di Agostino, che ritrova autotrasportatore in Belgio. La loro separazione è uno strappo ancora irrisolto ma le diffidenze tra loro cederanno il posto a un inaspettato riallineamento della loro sintonia.

Primo lungometraggio di Simone Catania, classe 1980, laureato all'Accademia di Belle Arti di Torino, Drive Me Home ("portami a casa"), sceneggiato dal regista insieme a Fabio Natale, riprende un verso della canzone "Così sbagliato" di Le Vibrazioni & Skin.

"Riportami a casa perché ho paura di me" dice quel testo, e il film indaga, con approccio caldo e aperto, un tema sempre attuale: la necessità di lasciare il luogo in cui si è nati, per scarsità di possibilità o per sfuggire a limiti più impalpabili. E di conseguenza anche il desiderio del ritorno, senza che questo passi per un fallimento, una resa. Tali spinte contraddittorie, ma che non sono percepite come esclusive, coesistono in questo equilibrato road movie permeato da un'idea ampia di "patria", nonché di Europa, tra confini teoricamente aperti e politiche di chiusura, idealizzazioni deluse e transiti di persone come merci. Ma soprattutto di "casa" (il casale dei genitori ma anche la cabina di un tir, solida come uno scudo ma anche scomoda, come ogni rifugio temporaneo). Nel farlo, lascia intenzionalmente fuori campo le famiglie naturali e lascia spazio a quelle di chi, da simile, si riconosce istintivamente nell'altro.

Modellato su uno schema narrativo risaputo, Drive Me Home ha il coraggio di essere sentimentale e si distingue per un'ottima dinamica tra i co-protagonisti, qui in direzione antitetica e coraggiosa rispetto ai ruoli che li hanno resi noti al grande pubblico.

Marchioni veste con disinvoltura solitudini, frustrazioni e nostalgie dell'italiano emigrante, riscrivendo al presente quell'ingenuità rustica e alienata di Nino Manfredi in Pane e cioccolata di Franco Brusati (che riecheggia peraltro in una sosta in un'area di servizio). Mentre, in irresistibili forme appesantite e nonostante un'acconciatura visibilmente posticcia, un ironico, affettuoso D'Amore si lascia andare ad un coming out silenzioso tanto eloquente: climax potente, in cui la fratellanza tra i due si riattiva superando ogni pudore.

Ambientato in paesaggi inediti (Sicilia di luce satura, Trentino bucolico, autostrade e soste in Germania e Paesi Bassi) si concede una deviazione agreste, anche per far apparire Lou Castel, sorta di divinità canuta della libertà di scegliere. In Festa Mobile (Torino Piemonte Film Commission) al Torino Film Festival 2018.

Sei d'accordo con Raffaella Giancristofaro?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 7 dicembre 2018
Ilaria Rossi

Raramente scrivo di un film, ma in questo caso mi sento di dire qualcosa su Drive Me Home che ho avuto la fortuna di vedere alla sua prima al Torino FF. Innanzitutto grazie al regista Simone Catania (suo esordio) che ha raccontato uno spaccato generazionale poco rappresentato al cinema nel modo come lo ha fatto. Ho visto un film diverso dai soliti italiani, lontano dai soliti film finti che tentano [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
martedì 24 settembre 2019
Giorgio Crico

Esordio alla regia nel lungo di Simone Catania, attivo già da anni all'interno della scena indipendente italiana, Drive me Home è la storia di un'amicizia perduta e forse ritrovata, di voglia di vivere, di fughe e di ritorni a casa.

L'impianto della narrazione è quello di un road movie, per ammissione diretta dello stesso regista, e racconta del ricongiungimento dopo quindici anni di due ragazzi siciliani, amici d'infanzia, che si erano persi l'uno con l'altro. Antonio (Vinicio Marchioni) ha vissuto in tantissimi posti diversi, è sommerso dai debiti e ha messo in vendita il casolare di Blufi, il paesino nell'entroterra della provincia di Palermo dov'è cresciuto. Agostino (Marco D'Amore), camionista trapiantato in Belgio, è fuggito dalla Sicilia durante l'adolescenza ed è scomparso più o meno nel nulla da allora. Una volta che si sono ritrovati, i due si mettono in viaggio sul camion di 'Tino' in quello che alla fine è un viaggio verso casa, proprio come dice il titolo.

«Ho fatto un fioretto: quello di riuscire a dedicarmi di più alla mia sceneggiatura, al mio film, e di non tagliarmi i capelli per ricordarmi, ogni volta che mi guardavo allo specchio, che dovevo dedicare attenzione anche al mio film. Praticamente non li ho tagliati per dieci anni».

Il tono del racconto è spesso agrodolce, costantemente in bilico tra l'empatia per i protagonisti e l'aspra irrisolutezza del loro rapporto, segnato profondamente dalla sparizione di Tino e complicato dalla crescita in due sensi opposti dei due personaggi. In parte è certamente road movie e in parte è un dramma familiare perché il rapporto tra i due protagonisti è evidentemente fraterno, figlio anche di un'infanzia vissuta insieme, fianco a fianco, nonostante non ci siano legami di sangue.

La vicenda personale di Tino, il motivo del suo addio alla Sicilia e, più metaforicamente, all'infanzia felice al fianco di Antonio, rappresentano il trauma più grosso della sua esistenza e la riconciliazione definitiva con l'amico, al tempo del tutto estraneo ai fatti, è di fatto il vero lieto fine di tutta la storia. La scelta di potersi finalmente confidare in libertà, non importa se tanti anni dopo, è da un lato la guarigione definitiva dalla ferita dell'abbandono e dall'altro il primo mattone di nuove fondamenta su cui rilanciare il loro legame. Arriva al termine di un viaggio fisico che è evidente metafora di quello più profondo ed emotivo che, contemporaneamente, compiono i due personaggi.

Dal punto di vista più strettamente registico, la cura di Catania per la composizione delle inquadrature spesso rivela il primo amore del regista, cioè i documentari: alcune riprese a campo lungo sono di grandissimo impatto. Anche la scelta decisamente ambiziosa di rendere il camion di Tino sia protagonista di diverse sequenze, sia teatro di parecchi dialoghi si rivela vincente nonostante le difficoltà tecniche che la troupe ha dovuto affrontare: l'automezzo è il vero e proprio terzo protagonista del film.

Frasi
Sei sparito da un giorno all'altro, senza dirmi niente, non mi hai nemmeno dato la possibilità di dirti qualcosa io a te!
Una frase di Antonio (Vinicio Marchioni)
dal film Drive me Home - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 2 ottobre 2019
Luca Barnabé
Ciak

Antonio (Vinicio Marchioni) e Agostino (Marco D'Amore), detto "Tino", sono due amici d'infanzia, cresciuti insieme in un paesino siciliano. Non si vedono da quindici anni e si sono lasciati senza nemmeno un saluto. Si ritrovano sulle strade d'Europa, il primo è un vagabondo pieno di debiti, il secondo è un camionista omosessuale. Dopo le diffidenze iniziali, ritroveranno l'affetto vero, profondo e [...] Vai alla recensione »

martedì 1 ottobre 2019
Roselina Salemi
Tu Style

Due ragazzi in una Sicilia addormentata, con tanta voglia di fuggire. E poi, all'improwiso, due adulti in giro per il mondo, senza radici. Antonio (Vinicio Marchioni) ha vissuto a Londra, Bruxelles, Berlino. Tino (Marco D'Amore, orribilmente biondo) guida un camion da Anversa a Porto Marghera. Si incontrano, non per caso, nella desolazione di una piazzola di sosta.

lunedì 30 settembre 2019
Alberto Cattini
Gazzetta di Mantova

Opera prima del torinese Simone Catania, "Drive Me Home" si ambienta lungo le autostrade fiamminghe e tedesche, trafficate d'estate, e scende per lavoro sino a Marghera. Mestiere di Tino (Marco D'Amore) è appunto quello del camionista, alla guida di un grosso Tir internazionale. Egli viene scovato in una stazione di servizio da Antonio (Vinicio Marchionni), suo amico d'infanzia.

venerdì 27 settembre 2019
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Antonio e Agostino sono amici da sempre, cresciuti in un paesino siciliano montano. Eppure non si vedono da anni, ognuno alle prese con la propria vita. Quando Antonio sta per perdere la casa natale, va alla ricerca di Agostino, per chiedergli aiuto. I due, a bordo di un TIR, attraverso l'Europa, tra ricordi, rimpianti e segreti svelati, si sosteranno vicendevolmente, come in gioventù.

giovedì 26 settembre 2019
Gianluca Vignola
Sentieri Selvaggi

Antonio ed Agostino sono amici per la pelle e sognano un futuro meraviglioso, lontani dal paesino della Sicilia in cui vivono. Poi però gli anni passano e i due si perdono di vista all'improvviso. Intanto Antonio (Vinicio Marchioni) scopre che la casa in campagna in cui era vissuto sta per essere venduta all'asta. Decide quindi di partire alla ricerca dell'amico di cui non ha più traccia.

giovedì 26 settembre 2019
Anna Chiara Bertoli
Cult Week

Drive Me Home di Simone Catania, presentato all'ultimo Torino Film Festival, è il lungometraggio d'esordio del regista torinese, un road movie che offre il confronto tra due attori, Marco D'Amore e Vinicio Marchioni. La scelta è interessante e mette duramente alla prova i protagonisti, che si svestono dei loro panni abituali e recitano in ruoli distanti dal proprio background: nel film di Catania sono [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 settembre 2019
Roberto Nepoti
La Repubblica

Nati nella campagna siciliana, Antonio e Tino sono stati migliori amici? ma si sono persi, insalutati, a causa di un equivoco. Quindici anni dopo il primo va alla ricerca dell'altro. Lo ritrova, in Belgio, che fa l'autotrasportatore con ritmi massacranti? e gli si aggrega, malgrado la riluttanza dell'altro. La traccia narrativa è quella, un po' logora per l'uso, del road-movie.

mercoledì 25 settembre 2019
Giulia Lucchini
La Rivista del Cinematografo

Quella di Drive me home prima di tutto è una storia d'amicizia. Protagonisti di questo road movie sono infatti due amici, interpretati da Vinicio Marchioni e Marco D'Amore, che si ritrovano dopo anni di silenzio e incomunicabilità. Ma l'opera prima di Simone Catania (classe 1980) mette in campo anche molti altri argomenti: dall'emigrazione alla ricerca delle proprie origini e delle proprie radici [...] Vai alla recensione »

martedì 24 settembre 2019
Paola Zonca
La Repubblica

Il Freddo e Ciro l'Immortale non abitano più qui. Dimenticate gli spietati personaggi di Romanzo Criminale e Gomorra: in Drive me home, primo lungometraggio di Simone Catania, Vinicio Marchioni e Marco D'Amore abbandonano gli stereotipi delle due popolari serie tv per affrontare ruoli più complessi e sfaccettati. Anzi, sono proprio l'antitesi dei caratteri che li hanno resi famosi: due perdenti tormentati [...] Vai alla recensione »

martedì 24 settembre 2019
Rocco Moccagatta
Film TV

Italiani (emigranti) ancora brava gente? Sì, e pure in tempi di fuga di cervelli e di identità sessuali fluide. Aggiornando i personaggi di una certa commedia drammatica, benissimo incarnati ieri da Nino Manfredi, dopo tanti corti Simone Catania si avventura sulle strade di un road movie di coppia dove si respira un'aria poco italiana. Antonio (Marchioni) e Tino (D'Amore, arrotondato e biondastro, [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
lunedì 23 settembre 2019
 

Drive Me Home, il film di Simone Catania, arriva al cinema giovedì 26 settembre ma inizia prima, qui sul web. Ecco il secondo breve prequel, che non vedrete in sala ma vi aiuterà a scoprire e capire i personaggi.

VIDEO RECENSIONE
venerdì 20 settembre 2019
A cura della redazione

Amici fin da ragazzi, Antonio e Agostino detto Tino, sono nati nella campagna siciliana, che hanno abbandonato senza salutarsi. Li ritroviamo adulti, quando Antonio si mette sulle tracce di Agostino. La loro separazione è uno strappo ancora irrisolto [...]

VIDEO
lunedì 16 settembre 2019
 

Antonio, da bambino, aveva un grande amico, Agostino. Facevano insieme ogni cosa loro due: giocavano insieme, suonavano insieme, sognavano di scappare dal loro buco in Sicilia e partire alla conquista del mondo.

TRAILER
mercoledì 28 agosto 2019
 

Antonio e Tino sono grandi amici. La visione del mondo li separa ma il destino li porterà a cercarsi, a ritrovarsi, a riallineare le loro vite. Da giovedì 26 settembre al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati