Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
martedì 11 agosto 2020

Charles Dance

Uno dei più grandi cattivi del cinema

Nome: Walter Charles Dance
73 anni, 10 Ottobre 1946 (Bilancia), Redditch (Gran Bretagna)
Biografia Filmografia Critica Premi Articoli e news Trailer Dvd CD Frasi celebri
occhiello
Se Dio fosse cattivo, Egli sarebbe me.
dal film Last Action Hero - L'ultimo grande eroe (1993) Charles Dance  Benedict
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Charles Dance
Emmy Awards 2006
Nomination miglior attore miniserie o film tv per il film Bleak House di Justin Chadwick, Susanna White



Godzilla II - King of the Monsters

Godzilla II - King of the Monsters

* * - - -
(mymonetro: 2,29)
Un film di Michael Dougherty. Con Kyle Chandler, Vera Farmiga, Millie Bobby Brown, Ken Watanabe, Ziyi Zhang.
continua»

Genere Azione, - USA 2019. Uscita 30/05/2019.
Underworld - Blood Wars

Underworld - Blood Wars

* 1/2 - - -
(mymonetro: 1,50)
Un film di Anna Foerster. Con Theo James, Kate Beckinsale, Bradley James, Lara Pulver, Daisy Head.
continua»

Genere Azione, - USA 2017. Uscita 06/04/2017.
Io prima di te

Io prima di te

* * * - -
(mymonetro: 3,45)
Un film di Thea Sharrock. Con Emilia Clarke, Sam Claflin, Charles Dance, Jenna Coleman, Matthew Lewis.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2016. Uscita 01/09/2016.
Ghostbusters 3D

Ghostbusters 3D

* * - - -
(mymonetro: 2,42)
Un film di Paul Feig. Con Melissa McCarthy, Kristen Wiig, Kate McKinnon, Leslie Jones, Charles Dance.
continua»

Genere Fantascienza, - USA 2016. Uscita 28/07/2016.
Victor - La storia segreta del Dottor Frankenstein

Victor - La storia segreta del Dottor Frankenstein

* * - - -
(mymonetro: 2,19)
Un film di Paul McGuigan. Con Daniel Radcliffe, James McAvoy, Jessica Brown Findlay, Andrew Scott, Charles Dance.
continua»

Genere Drammatico, - USA 2015. Uscita 07/04/2016.
Filmografia di Charles Dance »

martedì 21 luglio 2020 - La sezione della Mostra del Cinema mantiene le caratteristiche di sempre con una selezione dai temi attuali e controversi.

Venezia 77: La Settimana della Critica non cede all’emergenza

Paola Casella cinemanews

Venezia 77: La Settimana della Critica non cede all’emergenza “Contrariamente ad altre sezioni ridotte o soppresse da Biennale, la Settimana della Critica ha mantenuto le caratteristiche di sempre”, afferma Franco Montini, Presidente del Sindacato Critici Cinematografici Italiani (SNCCI). “Dunque come sempre saranno al Lido sette opere prime internazionali in concorso, un lungometraggio d’apertura e uno di chiusura, più la sezione competitiva Sic&Sic con nove cortometraggi. Un segno che la Sic è riconosciuta nella sua capacità di identificare nuovi autori e linguaggi”.

“I titoli di questa 35esima edizione, sono stati scelti fra 475 proposte”, ricorda Giona A. Nazzaro, Delegato Generale della Sic, che ha parlato di temi attuali e controversi come “l’alienazione dei giovani, le autocrazie contemporanee, l’antisemitismo, l’insensatezza e la violenza della guerra, la condizione femminile e la brutalità della polizia nei confronti delle minoranze”. 
La selezione di quest’anno mira a restituire la complessità del mondo moderno attraverso titoli coraggiosi che faranno parlare di sé. L’esordio è col botto: The Book of Vision di Carlo S. Hintermann, prodotto da Terrence Malick e interpretato (in inglese) da un cast internazionale che comprende Charles Dance, Lotte Verbeek e Sverrir Gudnason oltre a Filippo Nigro e al piccolo Justin Korovkin (Favolacce (guarda la video recensione)). Il film, di alta ambizione tecnica e artistica, mette a confronto la medicina di oggi e di ieri e parla di maternità e oppressione femminile in modo originale e controverso.

Il film di chiusura è I Rossellinis e porta la firma di un membro della celebre famiglia, Alessandro, figlio di Renzo, che va a trovare tutti i membri del suo clan viaggiando fra l’Italia, la Svezia e gli Stati Uniti, cercando i sintomi di quella “rossellinite” che lo riguarda da sempre, e riguarda chiunque abbia a cuore il cinema italiano.
È italiano anche il film di concorso Non odiare diretto da Mauro Mancini e interpretato da un notevole Alessandro Gassmann e da Sara Serraiocco: una sobria riflessione sulla necessità di convivere nonostante l’appartenenza a religioni e schieramenti politici diversi, assai rilevante nel mondo di oggi.

In concorso una serie di titoli da vari Paesi: il nichilista 50 or Two Whales Meet at the Beach di Jorge Cuchi è un esempio di nuovo cinema messicano e tratta il fenomeno internettiano delle Blue Whales rifacendosi ad un episodio di cronaca vera, protagonisti due ragazzi nella Città del Messico odierna; il pulsante Topside, grande ritorno del cinema indipendente statunitense alla Sic dopo anni di assenza, è girato dalla coppia Celine Held (anche attrice protagonista) e Logan George attraverso il ventre della metropolitana di New York, dove una madre e la sua bambina cercano rifugio dalla miseria e la disperazione.

Due film dall’Est Europa raccontano la guerra da punti di vista molto lontani: il lituano The Flood Won’t Come, storia della follia di tutte le guerre raccontata in modo visionario attraverso movimenti di macchina e inquadrature che faranno a lungo parlare del regista armeno Marat Sargsyan, e l’ucraino Bad Roads, tratto da una pièce teatrale della drammaturga e regista Natalya Vorozhbit di grande successo a Londra, che racconta la guerra come ennesima dimostrazione della condizione femminile schiacciata dalla violenza maschilista. 

Ghost della giovane regista Azra Deniz Okyay è la prova che il cinema giovane turco sa affrancarsi dai suoi maestri: ambientato nella Istanbul contemporanea mette in luce la dittatura di Erdogan e la lotta sotterranea, a base di social media e cellulari, dei ragazzi che sopravvivono nella loro città tormentata. E Shorta di Anders Olholm e Louis Hviid, un thriller metropolitano danese che guarda a John Carpenter e Walter Hill, raccontando uno dei temi più caldi del momento: gli eccessi di violenza della polizia e il rapporto esplosivo fra minoranze etniche e forze dell’ordine.

   

lunedì 6 luglio 2020 - Il film di Carlo S. Hintermann con la produzione esecutiva di Terrence Malick aprirà la sezione autonoma della Mostra di Venezia. 

35. Settimana della Critica di Venezia, apre The Book of Vision

a cura della redazione cinemanews

35. Settimana della Critica di Venezia, apre The Book of Vision Sarà The Book of Vision, visionaria opera diretta da Carlo S. Hintermann e prodotta da Gerardo Panichi, Sébastien Delloye, Robin e Vera Monotti Graziadei e Rai Cinema, con la produzione esecutiva di Terrence Malick, ad aprire ufficialmente la 35° edizione della Settimana Internazionale della Critica, sezione autonoma e parallela organizzata dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI) nell'ambito della 77. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. 

Il film, una produzione Citrullo International, co-prodotto da Entre Chien et Loup (Belgio) e Luminous Arts Productions (UK) con Rai Cinema e il sostegno della Direzione Generale Cinema e la Provincia di Trento, racconta la storia di un viaggio affascinante attraverso il passato e il presente, la vita e la morte, il dolore più profondo e l’amore incondizionato.

The Book of Vision è interpretato da un cast internazionale: Charles Dance (Game of ThronesLotte Verbeek (The Black ListOutlanderI Borgia), Sverrir Gudnason (Borg McEnroeIsolda Dychauk (I BorgiaFaustTwoGirls) e Filippo Nigro. Direttore della fotografia è Jörg Widmer (La Vita nascostaBuena Vista Social ClubPina) tra i più celebrati in Europa.

   

Altre news e collegamenti a Charles Dance »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità