Underworld - Blood Wars

Film 2017 | Azione +13 91 min.

Regia di Anna Foerster. Un film con Theo James, Kate Beckinsale, Bradley James, Lara Pulver, Daisy Head, Clementine Nicholson. Cast completo Genere Azione - USA, 2017, durata 91 minuti. Uscita cinema giovedì 6 aprile 2017 distribuito da Warner Bros Italia. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 1,50 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Underworld - Blood Wars
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Dopo il primo film del 2003, ci sono stati altre tre seguiti, Underworld: Evolution (2006), Underworld: Rise of the Lycans (2009) e Underworld: Awakening (2012). In Italia al Box Office Underworld - Blood Wars ha incassato 403 mila euro .

Consigliato assolutamente no!
1,50/5
MYMOVIES 1,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NO
Parafrasando il titolo, il sequel esangue di una serie giunta al capolinea.
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 6 aprile 2017
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 6 aprile 2017

Alla vampira reietta Selene danno la caccia sia i suoi simili che i Lycans: tutti vogliono il suo sangue, che li renderebbe invincibili. Convocata dalla casata orientale dei vampiri, scopre di essere stata tradita e fugge a nord, ma i lupi mannari, ora organizzati sotto il temibile Marius, sono sulle sue tracce.
Fuori moda quanto i cappottoni lunghi di pelle e i riffoni heavy metal, scadente a livello di cgi e di 3D, da sempre privo di alcuna pretesa sul piano teorico o semplicemente di coinvolgimento narrativo. Davvero non si capisce come Underworld possa sopravvivere nel 2017, a meno di non ricorrere a forme di immortalità vampirica.

Se gli incassi della saga sono rimasti lusinghieri, è da tempo che manca una svolta tale da destare un nuovo interesse nelle vicende di Selene e lycans. Come in una soap opera, si allunga il racconto dell'albero genealogico, ma si assottiglia lo spessore di personaggi appena abbozzati, impossibili da ricordare.

Underworld Blood Wars, quinto episodio, rappresenta un peggioramento sotto tutti i punti di vista, per l'evidente difficoltà di imbastire una storia coinvolgente e la sgradevole sensazione da videogioco di quart'ordine (e già giocato). La fotografia resta perennemente inchiodata su filtri acciaio, grigioblu e nero, rendendo il 3D impercettibile; gli scenari si alternano senza fantasia, con connotazioni fenotipiche elementari (vampiri del nord uguale fortezza nei ghiacci e capelli bianchi). E i dialoghi si fermano ben al di qua della consueta sintesi spiccia da action movie (con un nadir nell'addestramento di Selene alle reclute, una scena di rara sciatteria).
In ultimo le molteplici scene di lotta sono prive di qualsiasi invenzione visiva, monotone e intercambiabili, tanto nei ralenti che nelle accelerazioni. Mentre i blockbuster cercano nuove vie tecnologiche per sopravvivere, e i supereroi si reinventano standup comedians metacinematografici come Deadpool, la seriosa e dark Selene, e i suoi adepti di nero vestiti, finiscono per assomigliare a pezzi da museo, riservati a palati poco esigenti.

Il quinto capitolo di Underworld, una saga in cui l'unico elemento tremendamente coerente lungo i singoli film sono colori, abiti, fotografia e abbinamenti.
Overview di Gabriele Niola

Per i film della saga di Underworld non valgono le stesse regole attraverso le quali valutiamo gli altri lungometraggi. Concetti come trama, plausibilità interna, coerenza e capacità di coinvolgere gli spettatori nel racconto non sono primari, almeno non quanto l'impianto visivo. La saga è fieramente una catena di anelli di serie B che rifiuta ogni pretesa autoriale e, anzi, sembra fare di tutto per cercare il grossolano e il barocco. L'unico elemento tremendamente coerente lungo i singoli film sono colori, abiti, fotografia e abbinamenti.

Una serie dalla longevità straordinaria
L'uscita del quinto capitolo segna una longevità straordinaria per una serie che di film in film ha fatto così poco per creare una narrazione coinvolgente e così tanto per sparigliare le carte, cambiando personaggi, eliminandoli e virando in altre direzioni. Come per i primi capitoli di Fast & Furious, centrare il "mood Underworld" è sempre stato più importante che portare avanti un grande racconto. Come per la serie di videogiochi "Final Fantasy", animare un mondo visivamente in grado di mescolare elementi provenienti da mitologie molto riconoscibili ma alle volte anche opposte, è il segreto del successo. In un universo che sta tra i videoclip dei Nine Inch Nails e l'abbigliamento fondato dai Wachowski per Matrix, con un twist dark da Edward Mani di Forbice, sempre ripreso con un costante filtro blu da effetto notte, i vampiri combattono una guerra millenaria contro i licantropi. Questa è la sinossi base. Il conflitto è ancestrale ma noi lo seguiamo (per lo più) nella modernità. L'ultimo degli abbinamenti imprevedibili di Underworld infatti è tra una mitologia gotica e un'estetica di armi, pallottole e doppie pistole da John Woo. Morsi, sieri, pozioni ma anche latex, cappottoni, spari al ralenti, ciò che solitamente è inconciliabile qui prende una forma ben precisa, una che pareva orbitare intorno alla moda emo ad inizio millennio (amor perduto, disperazione, morte e sangue) ma che nel tempo si è riciclata ed evoluta in un'inclassificabile tensione verso il lato inesplorato del supereroismo.

Kate Beckinsale, protagonista assoluta e motore di ogni cosa
L'unica vera certezza che su tutto regna è Kate Beckinsale, protagonista assoluta e motore di ogni cosa, in Underworld non si muove foglia senza di lei e anche quest'ultimo progetto, che inizialmente sembrava dover essere un reboot della serie con Theo James protagonista, è inevitabilmente deviato verso i lidi più certi del sequel che vede di nuovo la sua Selene al centro e James al fianco. Come se solo lei potesse avere senso mentre guida una moto sparando a degli avversari in una notte metropolitana deserta con ancora il sangue che le cola dalla bocca dopo l'ultimo morso,. Kate Beckinsale è per Underworld quello che Milla Jovovich ha costituito e continua a costituire per Resident Evil, il corpo femminile che dà toni e tempi alla serie, la bellezza che imposta il look di tutto il film. Con un'incredibile e indescrivibile carica sessuale che si placa nemmeno dopo 14 anni, nè necessita di nessuna effettiva scena di sesso per palesarsi, ma anzi trionfa (paradossalmente) nell'azione e nel machismo, Kate Beckinsale non ha mai trovato tanta pregnanza e successo come in questi film, come se nulla fosse adatto a lei quanto questo mondo assurdo fatto di accostamenti visivi unici.
Underworld: Blood Wars, introduce nuovi personaggi (interpretati per l'appunto da Theo James, Laura Pulver e il Charles Dance di Il trono di spade) e mette alla regia una ex direttrice della fotografia, Anna Foerster, mentre alla sceneggiatura c'è un nome molto più debole e generico come Cory Goodman (già autore di Priest e The last witch hunter), di fatto sancendo la preponderanza del lato estetico e visivo su quello narrativo in questa serie di film.
Stavolta vedremo tutta una nuova categoria di personaggi, gli unici a vestire di un bianco accecante e ad avere solo capelli bianchi, in netto contrasto con il pallore condito di nero degli altri, una categoria che equivale ad un casato con un preciso schieramente nel grande conflitto. In Underworld infatti l'unica cosa molto chiara è che ci si fa la guerra da millenni per questioni di appartenenza. A questo punto sarebbe anche possibile vederci una metafora dei conflitti religiosi o etnici che da diverso tempo flagellano il mondo per cause che ormai sembrano sempre meno attuali e concrete, almeno se non fosse tutto così caotico e pretestuoso, così generico e vago. Le radici profonde del conflitto non sono una caratteristica che porta a particolari esiti, ma solo una blanda motivazione per contrasti che così non andranno spiegati oltre ma potranno essere anche irragionevolmente violenti.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 13 aprile 2017
scavadentro65

Questo lungometraggio soffre di un male comune alle saghe che si dipanano in più capitoli, lungo un percorso decennale che non può che lasciare scorie e detriti i quali alla fine inceppano i meccanismi rendendoli standaridzzati e stereotipati. La recitazione, assolutamente priva di sentimento, non coinvolge lo spettatore il quale viene condotto attraverso una serie di scontri [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 marzo 2017
Liuk!

A quasi 5 anni di distanza dal quarto capitolo, ecco ritornare Underworld con nuovi intrighi e nuove guerre tra Vampiri e Licantropi.Scacciata dai vampiri, la bella Selene, una Kate Beckinsale invecchiata ma sempre bella ed aggressiva con la sua tutina nera attillata, perde di vista la figlia "ibrida" e si concentra sullo scontro con Marius, un super Lycans potenziato che vuole sterminare tutti pur [...] Vai alla recensione »

mercoledì 12 aprile 2017
Ivanleone

Le due stelle sono solo a giustificare la (mi auguro definitiva) chiusa della saga, iniziata brillantemente e, tutto sommato, originalmente più di dieci anni fa, ma che non ha saputo riciclarsi diventando, episodio dopo episodio, sempre pù simile e a se stesso, tanto da rendere difficile, più che il seguirla, il distinguere un episodio dall'altro.

giovedì 6 aprile 2017
GUSTIBUS

Contapporre questa saga che dura ormai da piu'di dieci anni con Resident evil...si! credo sia corretto..inserire tutti cio'nei b-movie..mi sembra eccessivo..parliamo di questo ultimo film che ahime' e' uscito un 15 giorni fa in streaming ac3 bd rip...incredibile!..hanno voluto fare un esperimento?..dicevo costumi e fotografia ottimi.

FOCUS
SCRIVERE DI CINEMA
lunedì 10 aprile 2017
Marco Castelli, vincitore del Premio Scrivere di Cinema

Lo scrittore spagnolo Javier Cercas ha scritto, nel suo libro "Soldati di Salamina", come "la novella è forma, e perciò non esistono temi esauriti, ma forme esaurite di affrontarli." Stante che un discorso relativo alla filmografia può solo vedere rafforzata questa opinione (basti il riferimento al recente La La Land) si potrebbe, fedeli a questa affermazione, dare una chance al quinto e forse ultimo capitolo di Underworld.

Frasi
Se vuoi vincere questa guerra, devi osare più di quanto ogni guerriera con le tue capacità abbia mai fatto prima d'ora!
Una frase di Lena (Clementine Nicholson)
dal film Underworld - Blood Wars - a cura di MYmovies.it
- Non voglio altro che il tuo sangue!
- Vieni a prenderlo!
Dialogo tra Marius (Tobias Menzies) - Selene (Kate Beckinsale)
dal film Underworld - Blood Wars - a cura di MYmovies.it
I Lycans hanno un nuovo capo: Marius. Vuole il sangue di Selene! Se lo useranno il potere dei Lycans sarà illimitato!
Una frase di David (Theo James)
dal film Underworld - Blood Wars - a cura di MYmovies.it
Non c'è inizio...non c'è fine...c'è solo il divenire.
Selene (Kate Beckinsale)
dal film Underworld - Blood Wars - a cura di TheSuffering2
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 6 aprile 2017
Massimo Bertarelli
Il Giornale

È più incredibile che questa estenuante saga sia giunta alla quinta puntata o che ci sia ancora qualcuno disposto a sorbirsela? Nella stravista lotta tra licantropi e vampiri spicca La seducente londinese Kate Beckinsale, fasciata nell'aderente muta nera da sub, che porta benissimo sia i quarantatré anni della realtà, sia i mille della finzione. Così giovanile da prenotarsi per almeno altri dieci episodi. [...] Vai alla recensione »

giovedì 6 aprile 2017
Eugenio Renzi
Il Manifesto

Qualsiasi cosa vibri sul vostro telefono durante la proiezione di questo film rischia di essere più interessante di quello che avviene sullo schermo. Un contro-avvertimento di questo tipo non guasterebbe prima dei titoli di testa di Underworld: Blood Wars di Anna Foerster. In effetti il quinto episodio della saga in cui i vampiri in giacca di pelle scura si scontrano con i lupi mannari in canotta suscita [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati