Sherlock - L'abominevole sposa

Film 2015 | Thriller +13 90 min.

Titolo originaleSherlock
Anno2015
GenereThriller
ProduzioneGran Bretagna
Durata90 minuti
Regia diDouglas Mackinnon
AttoriBenedict Cumberbatch, Martin Freeman, Amanda Abbington, Rupert Graves, Louise Brealey Natasha O'Keeffe, Una Stubbs.
Uscitamartedì 12 gennaio 2016
TagDa vedere 2015
DistribuzioneNexo Digital
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,00 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Douglas Mackinnon. Un film Da vedere 2015 con Benedict Cumberbatch, Martin Freeman, Amanda Abbington, Rupert Graves, Louise Brealey. Cast completo Titolo originale: Sherlock. Genere Thriller - Gran Bretagna, 2015, durata 90 minuti. Uscita cinema martedì 12 gennaio 2016 distribuito da Nexo Digital. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,00 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Sherlock - L'abominevole sposa tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Holmes e Watson dovranno usare tutta la loro astuzia per combattere un nemico apparentemente già morto. Ma il finale riserverà sorprese.

Consigliato sì!
3,00/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Tra dialoghi impagabili e contorsioni cerebrali, il reboot dello Sherlock di Cumberbatch intrattiene con un ritmo forsennato e sazia le aspettative dei fan.
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 11 gennaio 2016
Recensione di Emanuele Sacchi
lunedì 11 gennaio 2016

Londra, 1881. In una dimensione apparentemente parallela a quella dello Sherlock del 2014, John Watson e Sherlock Holmes si conoscono e iniziano la loro collaborazione sul caso dell'Abominevole Sposa. Per Scotland Yard è un mistero senza soluzione, contornato di paure soprannaturali; per Sherlock un delitto assai concreto e reale, frutto di un'astuta messinscena. Ma cosa c'entra tutto ciò con l'annunciato ritorno dalla morte dell'arcinemico Moriarty nel 2014?
Quando una serie è in difficoltà, ed è certamente il caso di Sherlock, giunta con qualche intoppo alla fine della sua terza stagione, una soluzione possibile è quella di negare il suo stesso assunto di base. E di lasciarsi andare alle delizie di un reboot o, meglio ancora, all'apparenza dello stesso. Steven Moffat e Mark Gatiss, i geniali scrittori di una delle più popolari serie della storia recente della BBC, concentrano i loro sforzi in 90 minuti destinati a saziare le aspettative dei fan, a intrattenere e al contempo a non dire nulla di significativo per gli sviluppi della serie stessa. Portare a casa un successo in condizioni simili è compito meno agevole del previsto, pur contando sulla presenza di Benedict Cumberbatch e Martin Freeman.
D'altronde, eliminato quel che è impossibile, resta - per quanto poco probabile - la soluzione, direbbe Sherlock. E considerato che lo Sherlock di Cumberbatch è l'anti-eroe per eccellenza, destinato a giocare con una tradizione ingombrante, adattandola alla contemporaneità e modellandola con la giusta dose di ironia, riportare tutto indietro significa automaticamente rinunciare a tutto ciò. Addio messaggi sms visualizzati sullo schermo - all'epoca un elemento di innovazione non trascurabile - benvenuto alla classicità del whodunit. Non appena il 221B di Baker Street ritorna quello cristallizzato nell'immaginario collettivo e Holmes indossa il tradizionale copricapo, riecco il personaggio di Conan Doyle in ogni sua sfumatura, alle prese con un classico caso di ghost story per creduloni da smascherare. Ma nel perfetto impianto di ricostruzione di Moffat e Gatiss - quasi una dimostrazione che i due potrebbero scrivere uno spin-off sullo Sherlock tradizionale in un amen - emerge qualche elemento di apparente anacronismo, qualche minuscola e calcolatissima crepa, che apre al più inatteso, ma narrativamente prevedibile, dei colpi di scena.
Dopo novanta minuti di ritmo forsennato, dialoghi impagabili e contorsioni cerebrali, si resta - ma lo si sapeva già da principio - a mani vuote da un punto di vista di continuity seriale. Ma lo scopo de L'abominevole sposa non era questo, era da un lato l'esercizio di smontaggio e ricomposizione di un meccanismo ben congegnato, alla stregua di un cubo di Rubik (o di un enigma di Holmes) e dall'altro una pausa di intrattenimento per giocare con i temi che da sempre accompagnano il personaggio, osservandoli da un'altra angolazione. Con un elemento di indubbia innovazione nell'esplicito accento posto sulla questione gender: mai come ne L'abominevole sposa i dialoghi tra Holmes e Watson o le comparsate di Moriarty affrontano di petto l'ambiguità insita nelle loro relazioni bromance e nella particolare misoginia di Holmes. E mai come qui il femminino, pur con i limiti del caso, ha la sua occasione di riscatto in "una guerra che [gli uomini] devono perdere".
A parte qualche doverosa concessione al cosiddetto fan service, a vantaggio di spettatori destinati a un'attesa ancora lunga prima della quarta stagione dello show, era difficile chiedere più di questo ai creatori di Sherlock. Ora l'impresa sarà abituarsi a non rivedere Cumberbatch e Freeman negli immortali panni vittoriani di Holmes e Watson: un effetto collaterale tutt'altro che sgradito e ampiamente previsto.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?

SHERLOCK - L'ABOMINEVOLE SPOSA disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€14,99 €16,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 13 gennaio 2016
ClaudioFedele93

“Non esistono eroi nella realtà”   Difficile comprendere quanto Sherlock Holmes sia frutto della fantasia del suo assistente John Watson e quanto, al contrario, sia reale, il detective nato dalla mente del medico scozzese, Arthur Conan Doyle, ha goduto, con il trascorrere degli anni, di innumerevoli trasposizioni ed incarnazioni, prodotto di pregevole fattura, caposaldo [...] Vai alla recensione »

martedì 6 dicembre 2016
Portiere Volante

Per buona parte del film ho provato molto interesse e mi sono appassionato ai contenuti esposti. Ottime anche le interpretazioni dei protagonisti,i personaggi di contorno,i costumi,i dialoghi forbiti,le ambientazioni e la trama non affatto banale. Purtroppo la parte finale non mi è piaciuta e non mi ha convinto molto,non per la soluzione dell'enigma che ho trovato brillante,piuttosto per [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 settembre 2016
elgatoloco

"Modernizzare"mister Sherlock Holmes è sempre rischioso e  talora viene fatto con risultati penosi; qui, invece, lavorando sul doppio binario, sul parallelismo(come metafora, dato che in senso propriamente geometrico, come noto, le rette parallele non s'incontrano mai, qui invece i piani, molto sfasati, tuttavia si incontrano, convergono a tratti), sull'allucinazione(molto [...] Vai alla recensione »

martedì 16 febbraio 2016
kondor17

Dopo gli ultimi obbrobri cinematografici, mi sono avvicinato a quest'ultima trasposizione filmica con un certo sospetto, sospinto più dai due ottimi attori che dall'amore per sir Conan Doyle, per cui sinceramente soffrivo dopo le ultime uscite. Devo invece dire che sono rimasto piacevolmente sorpreso nel trovarmi, finalmente, di fronte a una storia accattivante, moderna, arricchita da una sceneggiatura [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 gennaio 2016
dinoroar

Mi scuso con i gli irriducibili della saga del grande detective, ma questo film non mi è piaciuto. Lo trovo solo un mega-spot per la serie televisiva ed i flash-back invece di movimentare la storia la spezzano al solo scopo di riportarci al prodotto TV. Storia debole, e una esasperante, ripetitiva, ridondante sequenza di primi piani di un Holmes che si, bravo attore, ma un filino monoespressivo. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 ottobre 2016
Kyotrix

Questo miscuglio tra passato/sogno e presente (parte minima del film) proprio non l'ho digerito. Non mi ha catturato, annoiato ed estraniato.

FOCUS
FOCUS
martedì 12 gennaio 2016
Pino Farinotti

L'ennesimo capitolo, l'ennesima contaminazione dell'opera di Conan Doyle è questo Sherlock: L'abominevole sposa che presenta come modello Benedict Cumberbatch, un tipo forte. Si può partire da lui: nell'era recente si è fatto notare con due ruoli che hanno lasciato il segno: in Il quinto potere dove dava corpo e volto a Julian Assange, il fondatore di WikiLeaks, l'uomo che sconvolse la comunicazione web; e in The Imitation Game nel ruolo di Alan Turing, il matematico che decriptò l'"Enigma", la macchina che conteneva i codici segreti nazisti.

Frasi
Watson: "Cosa vi ha reso così?"
Sherlock: "Oh, Watson, niente mi ha reso così… mi sono fatto da solo"
Dialogo tra Sherlock Holmes (Benedict Cumberbatch) - John Watson (Martin Freeman)
dal film Sherlock - L'abominevole sposa - a cura di anonimo
NEWS
BOX OFFICE
giovedì 14 gennaio 2016
Andrea Chirichelli

Oggi, oltre alle candidature per gli Oscar, ci sono tanti film in uscita nei cinema italiani e la classifica verrà rivoluzionata. Il titolo più forte però arriva sabato, perché domani c'è una mega anteprima con DiCaprio a Roma: Revenant - Redivivo (in [...]

BOX OFFICE
mercoledì 13 gennaio 2016
Andrea Chirichelli

Martedì frizzante nelle sale italiane, con Zalone che incassa quasi 1 milione di euro al giorno, pure nei feriali, e supera se stesso: Quo Vado?, in due settimane, è riuscito ad incassare quanto Sole a catinelle in tutta la sua permanenza sugli schermi. [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati