•  
  •  
Apri le opzioni

Martin Freeman

Martin Freeman è un attore inglese, è nato il 8 settembre 1971 ad Aldershot (Gran Bretagna). Al cinema il 9 novembre 2022 con il film Black Panther - Wakanda Forever. Martin Freeman ha oggi 51 anni ed è del segno zodiacale Vergine.

Le risate di The Office

A cura di Fabio Secchi Frau

Dopo un brillantissimo percorso di studi e uno altrettanto lucente sui palcoscenici, tenta la carriera nel piccolo schermo con enorme successo, sfruttando la fama acquisita anche per quel più arduo emergere nel mondo della settima arte. Con indispensabile ironia e duro lavoro, ora si sta imponendo anche nelle sale, lasciando vuoto il posto di fronte al computer che occupava nella pluripremiata sitcom The Office.

Gli esordi
Figlio di due genitori divorziati, ha vissuto i suoi primi anni d'infanzia assieme al padre, ma quando questo è morto, è andato a vivere nella casa materna, assieme al suo patrigno. Dopo aver frequentato la Central School of Speech and Drama, si fidanza con l'attrice Amanda Abbington, successivamente prende parte a qualche episodio di telefilm inglesi come The Bill (1997). Dopo una lunga gavetta sul piccolo schermo, lavora in ben 14 spettacoli teatrali e spesso si cimenta anche con la radio.
Dopo il cortometraggio di Jamie Thaves I Just Want to Kiss You (1998), recita nel suo primo lungometraggio The Low Down (2000) dello stesso regista. Particolarmente attivo nel tubo catodico recita in World of Pub (2001), ma soprattutto nella versione inglese di The Office (2001-2003), dove ha il ruolo di Tim Canterbury, per il quale viene anche nominato i BAFTA TV. Comincia ad apparire sempre più spesso nei film, passa dal demenziale Ali G (2001) al romantico Love Actually (2003), fino a L'alba dei morti dementi (2004).

L'affermazione e i ruoli comici
Affianca John Malkovich in Guida galattica per autostoppisti (2005) e poi entra nella serie The Robinsons (2005). E dopo Confetti (2006), Complicità e sospetti (2006) e The Good Night (2007) con Danny DeVito e Gwyneth Paltrow, recita nello spassoso Hot Fuzz (2007) di Edgar Wright con Bill Nighy, venendo scelto anche da Peter Greenaway per il film Nightwatching (2007). Nel 2010 viene scelto per interpretare il dottor John Watson nella serie televisiva Sherlock, prodotta dalla BBC. Il ruolo sembra calzargli a pennello, e le ottime critiche ricevute (Freeman si aggiudica anche un premio BAFTA come miglior attore non protagonista) contribuiscono ad accrescere la fama dell'attore.
Così, nel 2012, arriva la grande occasione per affermarsi in ambito internazionale: il ruolo di Bilbo Baggins ne Lo Hobbit di Peter Jackson. L'anno successivo torna a lavorare per Wright nel demenziale La fine del mondo. Dopo la saga di Peter Jackson Lo Hobbit, veste ancora una volta i panni di Watson in Sherlock - L'abominevole sposa (nei cinema a gennaio 2016) e spiccherà nell'interpretare l'assicuratore Lester Nygaard nella serie Tv Fargo (andata in onda tra il 2014 e il 2015) che gli darà ulteriore notorietà e lustro con le numerose nomination attribuire alla sua performance.
Nel 2016 è presente anche in Captain America: Civil War, accanto a Robert Downey Jr., Chris Evans e Scarlett Johansson e in Whiskey Tango Foxtrot.

Prossimi film

Ultimi film

Biografico, (USA - 2016), 112 min.
Drammatico, (USA - 2015), 90 min.

Focus

INCONTRI
lunedì 9 aprile 2018
Paola Casella

"Quando mi fermano per strada di solito mi chiamano Watson" , afferma Martin Freeman, a Roma per presentare il thriller Ghost Stories di cui è coprotagonista. "Qualcuno mi chiama ancora Bilbo Baggins, c'è chi mi ricorda per il ruolo di Tim Canterbury in The Office o per quello di Lester Nygaard in Fargo". I fan gli si avvicinano e gli chiedono un autografo (che lui concede con grazia) e selfie (che invece detesta), perché Martin Freeman è uno di quegli attori britannici meravigliosamente accessibili nonostante la fama internazionale

INCONTRI
sabato 12 febbraio 2011
Marlen Vazzoler

Agli studi della Miramar al Park Road Post si è tenuta la conferenza stampa dei due film su Lo Hobbit durante la quale sono stati presentati i 14 personaggi chiave della pellicola: tredici nani (Thorin, Balin, Dwalin, Fíli, Kíli, Dori, Nori, Ori, Oin, Gloin, Bifur, Bofur e Bombur) e un hobbit, Bilbo Baggins. Peter Jackson entusiasta del cast All'evento è mancato il regista, Peter Jackson, ancora in ospedale per il recupero post-operatorio dall'intervento subìto la scorsa settimana per un'ulcera perforata, che ha causato il ritardo dell'inizio delle riprese del film

INCONTRI
giovedì 6 settembre 2007
Tirza Bonifazi Tognazzi

Il film Teatrale, moderno, ironico, sboccato, il dramma in costume di Peter Greenaway ripercorre la genesi del quadro più celebre di Rembrandt. L'abilità del regista britannico è stata di ricreare cinematograficamente - attraverso la fotografia e l'uso delle luci - le stesse ambientazioni delle opere del pittore olandese. "Questo film segue la manifattura del dipinto della Ronda di notte dall'inizio alla fine e offre l'ipotesi di una possibile e plausibile ragione per la quale Rembrandt possa essere caduto in rovina, suggerendo una vendetta concertata a livello sociale e finanziario" ha dichiarato Greenaway

News

Basata sulle vere esperienze del poliziotto Tony Schumacher.
Nel bel mezzo di una terrificante pandemia in Australia, un padre affronta la natura selvaggia in cerca di qualcuno...
Ambiguità, understatement, un tocco di ironia quando serve e un genuino senso del macabro. Ora al cinema.
L'attore è in Italia per presentare Ghost Stories, dove interpreta un gentiluomo di campagna sessista e senza scrupoli....
Dato promettente per Tutto tutto niente niente.
Presentati al Park Road Post i due film su The Hobbit.
Peter Greenaway mette in scena il declino del pittore olandese attraverso l'esecuzione del suo quadro più celebre.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati