Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 6 marzo 2021

Camilla Filippi

La rossa del piccolo schermo

41 anni, 13 Ottobre 1979 (Bilancia), Brescia (Italia)
Biografia Filmografia Critica Premi Foto Articoli e news Trailer Dvd CD Frasi celebri
occhiello
Volevate mettere a ferro e a fuoco il mondo e ora devi chiedere il permesso al prete per poter suonare?
dal film La meglio gioventù (2003) Camilla Filippi  Sara Carati
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Camilla Filippi

Lucio Pellegrini ritrae gli uomini come personaggi sfaccettati, complessi e anche negativi.

La vita facile (dei maschi)

venerdì 25 febbraio 2011 - Ilaria Ravarino cinemanews

La vita facile (dei maschi) "Forse è vero. Forse potrebbe sembrare un film vagamente misogino". La nuova commedia di Lucio Pellegrini, La vita facile, ha diviso il pubblico e lui lo sa. Perché una metà del cielo, quella che (al cinema) non porta ancora i pantaloni, ieri è uscita dalla sala un po' meno contenta dell'altra. "Il film si focalizza sui personaggi di Favino e Accorsi, perché è la loro amicizia che volevo raccontare – ha detto Pellegrini a margine della conferenza stampa romana - Capisco che il personaggio di Vittoria Puccini possa innervosire, che sia difficile empatizzare con una dark lady viziata, capricciosa e pariolina. Ma questo è un film di maschi".
Anche in conferenza stampa i mattatori sono Pierfrancesco Favino e Stefano Accorsi. Irresistibile il primo, spalla sorprendentemente vivace il secondo, invisibili le donne: la Puccini che si limita a trovare la sua dark lady "buffa e divertente, un po' manipolatrice e un po'ragazza fragile", e la sempre più brava Camilla Filippi, capace di dare corpo al carattere più involuto, madre e santa donna "la cui consapevolezza serve a far risaltare la natura complessa degli altri".
Storia d'amore e amicizia tra medici, impegnati in un ospedale del Kenya settentrionale, per Pellegrini "il film non fa retorica sul mondo africano. Mi interessava l'Africa come teatro in cui far emergere per contrasto le caratteristiche di questi uomini così profondamente italiani. Personaggi sfaccettati, complessi e anche negativi". Favino dribbla con eleganza l'inevitabile paragone con la vecchia commedia all'italiana, "un ritorno sociologicamente preoccupante – dice – perché se ancora oggi continuiamo a rappresentare italiani simpatici e farabutti, vuol dire che forse siamo proprio così". Il clima da spogliatoio, che ha regalato al film ottimi momenti di improvvisazione, si respira anche dal vivo. Vola qualche battuta sul calcio, Favino lancia stoccate alla Roma, squadra del cuore, e l'emigrante Accorsi ricorda gli insulti dei francesi "subito dopo i maledetti Europei". Applausi a fine conferenza, il team funziona, il film è benedetto in chiusura dal produttore Domenico Procacci. La sala si svuota e Pellegrini resta accanto alla moglie, Camilla Filippi, impegnata in un'intervista. "Il prossimo film – promette sottovoce, e c'è da credergli – lo faccio con un cast tutto al femminile. Una storia di donne, che tocchi temi che il nostro cinema, purtroppo, non riesce ancora a raccontare".

Intervista a Camilla Filippi.

La scelta di Laura, il nuovo medical di Canale 5

martedì 16 giugno 2009 - Alessandra Giannelli cinemanews

La scelta di Laura, il nuovo medical di Canale 5 Prima di andare in vacanza Canale 5 propone La scelta di Laura, una fiction che parla di ospedale e amore, una via di mezzo tra la professionalità del celebre E.R. e gli intrighi del più recente e famoso Grey's Anatomy. Ad interpretarla, accanto a Giorgio Pasotti, il dottor Fabio Moreno, l'interessante duo femminile: Camilla Filippi (Rebecca) e Giulia Michelini (la Laura del titolo), due specializzande alle prime armi, ma con armi differenti: arrogante la prima, molto più ingenua la seconda. Diretta da Alessandro Piva, la serie prevede dodici episodi a cominciare da mercoledì 17 giugno in prima serata. Due donne così diverse che si completano e crescono, sia professionalmente sia umanamente, in un contesto prettamente maschile aiutate dalla loro forza di volontà. Alla vigilia di questa nuova storia abbiamo chiesto a Camilla Filippi di parlarci della serie, del suo personaggio e un po' di lei che da piccola già sapeva che avrebbe fatto l'attrice.

Il grande passo

Il grande passo

* * * - -
(mymonetro: 3,30)
Un film di Antonio Padovan. Con Stefano Fresi, Giuseppe Battiston, Flavio Bucci, Francesco Roder, Camilla Filippi.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2019. Uscita 20/08/2020.
In fondo al bosco

In fondo al bosco

* * * - -
(mymonetro: 3,07)
Un film di Stefano Lodovichi. Con Filippo Nigro, Camilla Filippi, Teo Achille Caprio, Giovanni Vettorazzo, Stefano Detassis.
continua»

Genere Noir, - Italia 2015. Uscita 19/11/2015. 14
Banana

Banana

* * * - -
(mymonetro: 3,26)
Un film di Andrea Jublin. Con Marco Todisco, Beatrice Modica, Ascanio Balbo, Anna Bonaiuto, Giorgio Colangeli.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2015. Uscita 15/01/2015.
Buoni a nulla

Buoni a nulla

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,73)
Un film di Gianni Di Gregorio. Con Gianni Di Gregorio, Marco Marzocca, Valentina Lodovini, Daniela Giordano, Gianfelice Imparato.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2014. Uscita 23/10/2014.
Il mondo fino in fondo

Il mondo fino in fondo

* * * - -
(mymonetro: 3,44)
Un film di Alessandro Lunardelli. Con Luca Marinelli, Filippo Scicchitano, Barbora Bobulova, Camilla Filippi, Cesare Serra, Alfredo Castro.
continua»

Genere Commedia drammatica, - Italia 2013. Uscita 30/04/2014.
Filmografia di Camilla Filippi »

giovedì 25 febbraio 2021 - La più conosciuta e amata manifestazione dedicata al genere mystery sarà gratuitamente disponibile online dall’8 marzo.
PRENOTA GRATIS IL TUO POSTO.

Noir in Festival, il programma completo dell’edizione in streaming su MYmovies

a cura della redazione cinemanews

Noir in Festival, il programma completo dell’edizione in streaming su MYmovies Si svolgerà da lunedì 8 a sabato 13 marzo (con una giornata di pre-apertura dedicata al cinema italiano domenica 7 marzo) la 30° edizione del NOIR IN FESTIVAL, la più conosciuta e amata manifestazione dedicata al genere mystery in tutte le sue forme: cinema, letteratura, televisione, new media. Per la prima volta sarà accessibile unicamente online, ad accesso gratuito sulla piattaforma MYmovies, sui social network del festival (Facebook, Instagram, YouTube) e sul sito ufficiale www.noirfest.com.
 
Il suo cuore rimarrà come nelle scorse edizioni a Milano e Como grazie alla collaborazione di IULM – Università di Milano, delle librerie Feltrinelli, degli Amici di Como. Ma in realtà sarà proprio sulla Rete che si vedranno i film, si incontreranno i grandi protagonisti, si svolgeranno gli incontri con registi e scrittori. 

“L’emergenza sanitaria che ci ha portati a festeggiare il nostro compleanno lontano dalle date tradizionali – dicono Giorgio Gosetti, Marina Fabbri e Gianni Canova (delegato IULM) – ci priva del contatto diretto col pubblico e con la sala, ma ci offre modelli diversi d’incontro che intendiamo sperimentare con la grande comunità degli appassionati, a partire dalla fantastica giuria popolare del Premio Caligari realizzato insieme agli studenti del campus di IULM”. 

Il fil rouge di un’edizione che prende volutamente il via nella giornata internazionale della donna è certamente il prepotente affacciarsi del talento femminile nel mondo del noir: autrici, personaggi, storie che cambiano radicalmente il punto di vista e che hanno quest’anno un riferimento nel centenario della nascita di Patricia Highsmith.

In quest’edizione è naturale quindi partire da una riflessione sull’evoluzione del noir al femminile con alcune scrittrici come Gabriella Genisi, Margherita Oggero, Grazia Verasani, Rosa Teruzzi, Antonella Lattanzi, Francesca Serafini, Nicoletta Vallorani. 
Ma al Noir in Festival incontreremo anche: il vincitore del Raymond Chandler Award (l’irlandese John Banville); la regista-rivelazione del decennio, Jennifer Kent (The Nightingale); due maestri dell’eccesso visuale come Kurosawa Kiyoshi e Brian Yuzna; la regina del giallo scandinavo, Camilla Läckberg; la “madre” di Pedra Delicado, Alicia Giménez-Bartlett; tre campioni del noir italiano come Roberto Costantini, Maurizio De Giovanni, Gianrico Carofiglio e un outsider d’eccezione come Nicola Lagioia; due protagonisti internazionali (Charlotte Link e Anthony Horowitz). E nel gran finale della serata dedicata ai premiati dell’anno, due autori che hanno legato la loro storia al Noir in Festival, dal lungometraggio d’esordio (Piano 17) fino a uno dei titoli più attesi dell’anno (Diabolik): i Manetti Bros.

Sei i film internazionali in concorso tra cui la giuria (Carlo Degli Esposti, Camilla Filippi, Gianluca Maria Tavarelli) assegnerà il Black Panther Award al miglior film; sei anche i film italiani del 2020 scelti per il Premio Caligari e giudicati dalla giovane giuria di 90 studenti IULM e amanti del cinema, guidata da Claudio Giovannesi; cinque gli eventi speciali fuori concorso tra cui l’atteso Fulci Talks di Antonietta De Lillo con una esplosiva “autobiografia uncut” del maestro del cinema di genere, Lucio Fulci, l’autore a cui il Noir in Festival dedica il suo omaggio con cinque titoli diventati di culto. 

   

Altre news e collegamenti a Camilla Filippi »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
domenica 21 febbraio
The Night Manager
giovedì 18 febbraio
The Good Fight
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità