Il giorno in più

Film 2011 | Commedia 112 min.

Regia di Massimo Venier. Un film con Fabio Volo, Isabella Ragonese, Camilla Filippi, Roberto Citran, Pietro Ragusa. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2011, durata 112 minuti. Uscita cinema venerdì 2 dicembre 2011 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 2,11 su 58 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il giorno in più tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La vita di Giacomo Bonetti cambia quando incontra una ragazza su un tram che diventerà una vera e propria ossessione. Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d'Argento, In Italia al Box Office Il giorno in più ha incassato 3,9 milioni di euro .

Il giorno in più è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato no!
2,11/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 1,79
PUBBLICO 2,54
CONSIGLIATO NÌ
Commedia romantica, tratta dal romanzo di Fabio Volo, che piacerà a chi piace identificarsi.
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 29 novembre 2011
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 29 novembre 2011

Giacomo Pasetti ha quarant'anni, molte donne e poca voglia di impegnarsi. Single a Milano è lasciato malamente dalla fidanzata di turno che sognava un amore maturo e le chiavi di casa. Abile osservatore del prossimo ha sempre la battuta pronta e una donna di riserva per scaldarsi le notti. Intorno a lui, madre, amici e colleghi provano a responsabilizzarlo, descrivendogli le gioie del matrimonio e della paternità. Ma niente sembra davvero emozionarlo tranne forse quella ragazza sconosciuta che ogni mattina incontra in tram e da cui proprio non gli riesce di staccare gli occhi. Turbato dalla sua grazia racconta a tutti di essersi finalmente innamorato e legato a una giovane donna di nome Agnese, quietando per qualche tempo il desiderio di chi lo voleva accasato. Una mattina però l'ideale Agnese lo inviterà a scendere dal tram per un caffè rivelandogli di chiamarsi Michela e di essere in partenza per New York. Dopo una cena e un primo lungo bacio, Giacomo la raggiungerà a sorpresa negli States per convincerla e convincersi che forse davvero l'amore 'è una cosa meravigliosa'.
Non è la prima volta che Fabio Volo presta volto e 'anima' a un protagonista rampante, infedele e persuaso di avere il mondo in mano almeno fino a quando non scopre di essere malato (Uno su due), non viene scoperto con un'amante (Bianco e nero), non si scopre innamorato. Nella Milano di Massimo Venier, dove il regista ha diretto la leggerezza ironica di Aldo, Giovanni e Giacomo, il personaggio di Fabio Volo è di nuovo un uomo solo, chiuso in un egoismo prodotto dall'autoaffermazione e da un'eccessiva vocazione alla menzogna. Giacomo Pasetti mente, non dice la verità o la dice solo in parte. Non necessariamente per malafede ma perché non ha idee chiare sui suoi programmi esistenziali e sul modo più giusto di affrontare la vita. Venditore (di fumo) nato, pratica la 'comunicazione efficace', indovina quello che gli altri vogliono tacere e raggiunge immancabilmente l'obiettivo, sorvolando la vita di chi lo ama, passando oltre il prossimo e trascurando chi è condannato (Silvia) o perdente (Dante).
A farlo 'deragliare' dai binari della pochezza, convertendolo all'amore, proprio come in un romanzo rosa, sarà la scettica Michela di Isabella Ragonese, che ha letto i 'classici' e non crede nel lieto fine, almeno da questa parte dell'oceano. Perché in America il film di Venier perde il pessimismo e guadagna in euforia e cliché, 'parafrasando' le convenzioni della commedia americana, dove il lenzuolo arriva all'altezza delle spalle e uno dei due amanti si imbarca verso una meta troppo lontana, dove avviene sempre un litigio e un'incomprensione di troppo fa girare i tacchi a lei e lascia in silenzio lui, dove ancora una folata di vento trova sempre un messaggero romantico, una riconciliazione e un happy end.
Trasposizione del romanzo omonimo di Fabio Volo, che nel 2007 raggiunse a colpi di aforismi il milione di copie vendute, Il giorno in più piacerà a chi piace 'ritrovarsi' e identificarsi. Magari proprio con quel personaggio convinto e sicuro di sé che ha solo desideri e mai progetti. Un uomo che ha (ancora) paura di crescere e schiva gli impegni che limitano il suo sfrenato solipsismo, che ha Stefania Sandrelli come mamma, Hassani Shapi come consigliere, Luciana Littizzetto come collega, che è un inguaribile narciso e scopre un attimo prima dei titoli di coda che è la normalità la vera rivoluzione. Se Venier taglia e 'affina' il qualunquismo letterario di Volo, legando in maniera efficace l'intreccio sviluppato tra Milano e New York, Il giorno in più resta una commedia conformista che non scontenterà nessuno, secondo un ecumenismo elementare che scioglie tutti i nodi e mette a posto tutte le tessere del puzzle.
Un film chiuso in se stesso e nel 'Fabio Volo mondo' come in una sorta di autarchia linguistica e tematica che non lascia filtrare tracce di mondi altri. Un film assolutorio che celebra la 'leggibilità' come qualità e infila un dialogo increscioso intorno agli ebrei, ai nazisti e al gas venefico.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
IL GIORNO IN PIÙ
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€7,99 €11,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 7 dicembre 2011
martalari

    VISTO “Il giorno in più’” Ben scritto, molto ben diretto, ottima colonna sonora   Due cose sono sicure nel cinema: la prima e’ che e’ difficile che si crei quell’atmosfera di complicità tra spettatore in sala e storia sul grande schermo che si trasforma in “emozione”, la seconda e’ che non bisogna [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 marzo 2012
ultimoboyscout

Il problema nella vita non è tanto quanto aspetti, ma chi aspetti. Tratto direttamente dal suo omonimo e più bel romanzo, Fabio Volo ci parla di Giacomo pasetti ma anche di se stesso, perchè i personaggi dei suoi libri non sono dei veri e propri alter ego ma Volo proietta regolarmente un pò di se stesso. Giacomo è un uomo di successo, sia sul lavoro che con le donne [...] Vai alla recensione »

mercoledì 12 settembre 2018
elgatoloco

Con questo"Un giorno in più"(2011)tratto da Fabio Volo, diretto da Massimo Venier, francamente piacevole  ma nulla di più. Film modesto(il che non vuol dire sciocco)mette in scena un quarantenne dongiovanni, che a un certo punto s'innamora, ma la cosa comporta varie difficoltà... Il giorno in più sarebbe quello richiesto per risolvere la situazione, ma, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 luglio 2011
maroc

ma la trama non è la stessa del film!!!!!! perchè???

lunedì 28 novembre 2011
UCLIA

sì, anche io ho letto e apprezzato molto il libro, che mi ha entusiasmato ed emozionato dall'inizio alla fine per il clima di attesa e "mistero" che avvolgeva i due personaggi. Dal trailer capisco anche io che qualcosa sarà diverso, ma è inevitabile, è sempre così! Il libro è fatto di spazi bianchi da riempire con parole che finiscono per descrivere in dettaglio luoghi, personaggi, emozioni e situazioni, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 luglio 2011
maroc

a me non sembra la stessa trama del libro. spero di non rimanere delusa...

venerdì 2 dicembre 2011
RosPin

C'è attesa per questo film, speriamo sia come il libro

giovedì 24 novembre 2011
Claus27

Da premettere che è il mio libro preferito di Fabio Volo....Ma non mi spiego perché hanno cambiato la trama????cioè nel libro Giacomo non la invita a cena e poi va a New York di sua spontanea volontà e non per una deviazione di un viaggio professionale....sperò però che il film sia bello come il libro e non mi deluda

domenica 20 maggio 2012
delix

Scrivo questa recensione con l'amaro in bocca... ero piena di aspettative per questo film. Da quando ho letto il libro ho pensato: sarebbe perfetto per un film! Ma a quanto pare non per coloro che ci hanno lavorato. Prendete tutti i punti deboli di un libro ben fatto e moltiplicateli. Prendete tutti i punti forti di un libro come pochi e divideteli per 10, 100.

domenica 11 dicembre 2011
frappetty

Non sono una fan di Fabio Volo, ma ho letto il libro "il Giorno in più" con molto interesse e devo dire che mi è piaciuto moltissimo! Ieri sono andata a vedere il film (avevo già sentito molte critiche ma ho voluto provare)...beh, totalmente diverso dal libro: un film assai mediocre! mi sarei aspettata molto di più, anche perchè Fabio volo, essendo scrittore, regista e attore al tempo stesso, avrebbe [...] Vai alla recensione »

sabato 10 dicembre 2011
Beautiful mind

Ho letto il libro e debbo fare i miei complimenti a Fabio Volo che mi ha fatto sognare ed emozionare, non vedevo l'ora di vedere il film per provare ancora quelle emozioni, ma La trama del film spesso e' completamente diversa penso che se avesse messo la stessa magia che ha usato nel libro il film sarebbe stato più veritiero.

giovedì 15 dicembre 2011
anny82

Mi chiedo che rispetto ha Fabio Volo per se stesso e per il suo libro, dopo che ne scrive uno e poi si fà (o fà) cambiare il film da cui è tratto!!!??? Addirittura scene inventate, quella di Agnese (patetica e inutile, giusto per riempire mezzoretta), e poi il finale diverso, la storia dei 4 giorni di fidanzamente sminuita in poco tempo.

mercoledì 7 dicembre 2011
martalari

Ben scritto, molto ben diretto, ottima colonna sonora

sabato 3 dicembre 2011
GabrieleForni

Nonostante la presenza di Fabio Volo tra gli sceneggiatori, il film corre su un binario totalmente differente da quello del libro. Persino il titolo non ha nulla a che vedere con il film (motivato banalmente, totalmente diverso dal motivo del libro). Non c'è nessuna magia, non c'è niente che ti fa venir voglia di continuare a restare seduto a guardare il film.

sabato 3 dicembre 2011
ciscoleone

purtroppo il regista non ha colto il senso, l'atmosfera, l'amore a cui il Volo aveva abituato il lettore. un risultato inutile quanto muto. le pecche di questo film sono il regista e gli attori, che non vanno da nessuna parte e non riescono a muovere la macchine dell'emozione, lasciando lo spettatore inebetito davanti ad uno spettacolo vacuo.

venerdì 27 luglio 2012
Liuk

Un piccolo film ben confezionato e ben recitato. Divertente e non mieloso, una commedia romantica atipica che si lascia guardare dall'inizio alla fine. Da vedere.

giovedì 22 dicembre 2011
camillatoscani

è un film del filone Moccia, con la differenza che i protagonisti non sono dei ragazzini, ma dei 40enni. Tutto qua. Patetico all'inverosimile, spento, senza guizzi, piuttosto noioso. Ho faticato a restare sveglia, visto che io a differenza di Volo, lavoro e la sera sono stanca.

venerdì 16 dicembre 2011
gigrob

Non riesco a capire come i critici possano dire consigliato no! ad un film del genere, per me originale, buone battute e bravi interpreti. Poi danno consigliato si! su le solite cavolate americane...........

giovedì 8 dicembre 2011
AriLe

Dai.. un "assolutamente no" mi pare esagerato.. ok, il libro, come sempre d'altronde, fa sognare.. il film un po' meno! Però ben diretto, bel cast.. La cosa che più mi è piaciuta e la vena "ironica" dei due protagonisti! Come dico nel titolo: Fabio ha la capacità si lasciarmi sempre un sorriso sulle labbra!

lunedì 5 dicembre 2011
Flyanto

 Commedia sentimentale (tratta dall'omonimo romanzo di Fabio Volo) dove un single incallito trova finalmente la propria anima gemella rivedendo così tutte le proprie posizioni. Leggero, distensivo e senza troppe pretese ma piacevole a vedersi.

lunedì 5 dicembre 2011
stellab

ben venga una commedia sentimentale, ma questa è banale e scontata, non emoziona mai e scorre lenta. Peccato

sabato 3 dicembre 2011
stichizzi

Molto più bello il libro del film nonostante la bravura dell'attrice.  Bella la colonna sonora.

giovedì 16 agosto 2012
ILoveItalianMovies

La recensione di Marzia Gandolfi è assolutamente la più ingiusta che ho mai letto e non la capisco per niente. Sono americana e, scusate, non parlo bene italiano, ma mi è piaciuto veramente il film. È ben scritto, romantico, e dolce. Gli attori sono bravi. Secondo me è un film perfetto per quelli che amano i film che, in America, chiamiamo [...] Vai alla recensione »

lunedì 5 dicembre 2011
jules

Lui.Fabio Volo.Classico bello,sciupafemmine,sornione,dalla battuta pronta stile Hugh Grant in "About a boy". Teorico dell'amore senza impegni e delll'uomo libero.Cinico ma al tempo stesso tanto romantico da potersi innamorare su di un tram:di lei,Isabella Ragonese,sempre più volto affermato del cinema italiano,cinica e disincantata,ma sotto sotto in attesa di quello giusto.

sabato 3 dicembre 2011
simonuccia1984

Ho letto il libro per ben due volte. non volevo credere che sarei rimasta delusa dal film..invece è successo.molti dettagli,particolari importanti che nel libro creavano un'emozione unica,nel film non sono stati nemmeno narrati.non si è colta l'emozione,l'intensità,il piacere,la bellezza che si assapora leggendo il libro.

sabato 3 dicembre 2011
Zalera

Personalmente sono una grande ammiratrice di Fabio Volo. Ieri sera sono andata a vedere questo film proprio perchè avevo già letto il suo libro. Non avevo bene in mente un'idea di cosa mi aspettassi ,speravo che non deludesse la mia immaginazione , cioè la proiezione nella mia testa di ciò che avevo letto nel suo romanzo .

martedì 13 dicembre 2011
michele.stefani200

mi chiedo come la littizzetto abbia potuto prestare la sua faccia ad un film del genere: banale, mediocre, costruito sui piu bassi luoghi comuni. Un film presa in giro e io mi sono fatto fregare 7 euro!!!!!!!!!!!!!

sabato 3 dicembre 2011
simonuccia1984

nel libro a lei cade un guanto e lui lo raccoglie e se lo tiene stretto.va a new york di sua spontanea volontà,ha un hotel e aspetta lei seduto nei bar e la guarda da lontano.vivono questo loro pseudo fidanzamento..ma poi nel film cambiano molte cose.... una tra tutte la lettera che lui scrive..che fanno volare per il cielo di new york e casualmente viene raccolta da un signore che si impegna [...] Vai alla recensione »

sabato 3 dicembre 2011
facco1977

Una triste imitazione di film storie d'amore indimenticabili come c'è posta per te o Hanry ti prensento sally. >Film che noi italiano non concepiamo e non siamo in grado di sviluppare con lo stile e l'ironia degli ameroicani. I due attori, Volo e la Rgaonese, mediocri per usare un eufemismo. Tra le altre cose l'ho visto prima che uscisse nelle sale alla premiere di Bologna al cinema Lumiere, dove era [...] Vai alla recensione »

giovedì 5 luglio 2012
purplerain

A leggere la trama mi sarei aspettato qualcosa in più, ma più il film andava avanti più vedevo qualcosa di già visto e scontato!! La storia dello scapolone incallito "sciupafemmine" è cosa nota; Fabio Volo, da novello Richard gere de noantri aggancia una donna dopo l'altra, le seduce e si fa lasciare secondo la più scontata tradizione dei gigolò [...] Vai alla recensione »

sabato 3 dicembre 2011
dottlupo

Non rispecchia pienamente il libro.

martedì 7 gennaio 2014
dainiya83

Devo dire che sono molto delusa da questo film...non ha tenuto per niente conto della fantastica trama del libro e mi dispiace. Non capisco per quale motivo il regista abbia sconvolto così radicalmente la trama. Voleva attirare un numero maggiore di pubblico dando il titolo del libro di Fabio?! E poi la protagonista non sa recitare. Non si è immedesimata per niente nella parte.

giovedì 11 luglio 2013
robipazzo

Simpatico, semplice, divertente.

sabato 29 dicembre 2012
alexcross

un bel film, piacevole e ben intrepretato dai protagonisti. semplicità della storia e un pizzico di magia sono gli ingredienti che rendono il film apprezzabile per gli amanti delle storie d'amore a lieto fine.      

sabato 21 luglio 2012
RDN75

Poteva essere più accativante, forse leggendo il libro da cui era tratto mi sarei emozionato e sarei stato coivolto di piu. La storia poteva essere maggiormente elaborata e sfiscerata. Sembra che la regia e gli attori non abbiamo voluto mettere tutto loro stessi nel progetto, un film sempre con un freno a mano tirato. Poteva essere un bel manuale romantico e d'amore tra due 40 enni in crisi [...] Vai alla recensione »

domenica 13 maggio 2012
luca-to

Generalmente apprezzo le commedie di Fabio Volo ed ho letto tutti i suoi libri, anche se non ne sono letteralmente "patito". A mio parere la recitazione della Ragonese è imbarazzante, rendendo il film inguardabile e poco aderente alla storia dell'omonimo romanzo.

lunedì 23 gennaio 2012
laura

un film leggero, ma non banale che si vede "tutto d'un fiato", si segue con interesse, strappa sorrisi e ci fa un po' sognare. Lui è un il Peter Pan dei nostri giorni: intelligente, simpatico ma inaffidabile ed un po' cinico; un analfabeta emotivo? forse. Poi la svolta, la possibilità di una vita diversa uno spiraglio che si apre e fa volare. E cosi Volo vola: vola a New York e vola anche il foglio [...] Vai alla recensione »

lunedì 12 dicembre 2011
iltex74

Dico solo una cosa : siamo ai livelli di "Scusa ma ti chiamo amore" sapientemente riconfezionati...

domenica 11 dicembre 2011
giorgol

Anch'io ho letto il libro, e come sempre accade il libro è migliore del film. Ma dire che è migliore del film, non significa dire che il film faccia schifo. Se per me il libro è da 9, ed il film è inferiore, magari il film sarà da 7. In poche parole, sappiamo tutti che al cinema la magia del libro svanisce, perchè non è come immaginavamo nella nostra fantasia.

domenica 11 dicembre 2011
Spike

Un film da due stelle e mezzo. Tra i film italiani proposti nell'ultimo periodo non è il peggiore. Ben girato, ben scritto e discretamente interpretato (resta il fatto che Volo non sia un granchè come attore). La storia è un pò banalotta ma si lascia vedere, è il classico film per innamorati e inguaribili romantici. Ottimo il cast femminile.

venerdì 23 dicembre 2011
stefano73

Ho letto il libro il mese scorso e forse aspettarsi qualcosa all'altezza era dura. Ma il film poteva sfruttare meglio l'opportunità. Invece di essere un film generazionale diventa una favoletta rapida,comica e improbabile. Peccato.

domenica 18 dicembre 2011
Paola D. G. 81

Film più che ben fatto, anche se non del tutto aderente al libro. Mi ha colpito in particolare il rapporto tra Giacomo e il compagno della madre, mi ha fatto tenerezza. Bravi gli attori, la Ragonese poteva rendere di più (non è nemmeno paragonabile al suo debutto con "tutta la vita davanti"), comunque apprezzabile.

lunedì 5 dicembre 2011
MART4

bellissimo Era una di quelle persone che probabilmente tutti,prima o poi,incontriamo almeno una volta nella vita. Quelle persone che x un motivo inspiegabile e misterioso ti agganciano e non riesci a lasciare finchè non ti distruggono e non ti fanno in 1000 pezzi.

domenica 4 dicembre 2011
renato volpone

  Un impenitente dongiovanni, bugiardo e mascalzone, si innamora di una ragazza che vede tutti i giorni sul tram. La seguirà a New York per tentare di convincerla ad una lunga storia d'amore con lui, ma per un giorno non riesce nell'intento. Sarà un amico che gli suggerirà di tornare e di completare quel giorno in più per poter coronare il suo sogno d'amore. [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 dicembre 2011
stefano73

Ho letto il libro il mese scorso e aspettarsi qualcosa all'altezza forse era troppo. Favoletta tra Milano e New York nata sul tram dell'Atm. Favoletta troppo forzata,improbabile e guidata trappo da un destino impossibile. Peccato. Comunque carina e che tratta una generazione un pò sbandata e che cerca il riscatto.

lunedì 12 dicembre 2011
Sycomore74

Diventa difficile vedendo questo film non riconoscere situazioni vissute in prima persona e modelli di relazione molto comuni nella attuale società. Se quindi da una parte Volo lancia provocazioni esistenziali a volte anche profonde sulla difficoltà del vivere oggi e sulle modalità del vivere oggi proponendo quasi l'alternativa tra una solitudine chiusa in se stessa e una capacità di aprirsi mettersi [...] Vai alla recensione »

domenica 11 dicembre 2011
DarkEnry

Il giorno in più è un film che mi ha veramente sorpreso. Non mi sarei aspettato un film così ben fatto e per giunta italiano. Lo so che in giro ci sono dei bei film italiani, ma ne sento parlare veramente poco e vengono presi in considerazione poco. Il film oltre a parlare della storia d'amore tra Giacomo (Fabio Volo) e Michela (Isabella Ragonese) parla anche della società [...] Vai alla recensione »

domenica 11 dicembre 2011
TheDarkEnry

Bellissima colonna sonora, bravissimi gli attori, bella sceneggiatura, bella regia...un bel film insomma. E devo dire che lo consiglio perchè non parla solo di una storia d'amore, ma anche dei problemi legati alla nostra società.  Consigliato Voto 8

lunedì 12 dicembre 2011
Giammy cinematografico

Andate a vedere questo film, è uno dei migliori film italiani della stagione ma anche uno dei più dolci filmoni sentimentali italiani degli ultimi trent'anni. Non solo riesce a denunciare senza un filo d'ipocrisia la totale perdita dell'entusiasmo dell'innamoramento per colpa degli stereotipi della gente su di esso (la perdita della grande passione dopo due/tre anni, la voglia di farsi l'amante da [...] Vai alla recensione »

domenica 18 dicembre 2011
Johnny Veritas

  Ogni volta che si decide di creare un film sulla base di un'opera letteraria, per quanto si tratti di uno tra i meccanismi più (ab)usati nella storia del cinema, si compie sempre un azzardo. Il più delle volte la pellicola non sarà all'altezza della pagina scritta o, nel migliore dei casi, non aggiungerà nulla di nuovo alla storia.

Frasi
Sentivo che mi leggeva dentro, e io avrei voluto essere più uomo con lei. Avrei voluto essere quell'abbraccio in cui desiderava perdersi. Protetta e libera di lasciarsi andare, perché tanto c'ero io a prendermi cura di lei, a difenderla dal freddo e dal male.
Una frase di Giacomo (Fabio Volo)
dal film Il giorno in più - a cura di Paula Felici
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Antonello Catacchio
Il Manifesto

Giacomo è un venditore di fumo. Non nel senso dello spacciatore, no, è solo che si tratta di uno talmente abile che riuscirebbe a vendere termosifoni all'equatore. In privato però passa dal fumo alla schiuma. Galleggia tra una pupa e l'altra. Fantastico, ma ogni volta che al lavoro bisogna fare qualcosa in orari improbabili, tocca sempre a lui. E quando uno si comporta da stronzo non può essere tanto [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Non si discute il genere romantico-egocentrico e neppure il suo aggiornamento onirico-cinico in stile «(500) Giorni insieme», ma la trasposizione del romanzo «Il giorno in più» di Fabio Volo genera, ahinoi, più irritazione che tenerezze. Ci sembra, insomma, che l'intero impianto del girotondo d'amore tra uno scostante sciupafemmine milanese e una ragazza in fuga spirituale e fisica dalle tresche fugaci [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Abile nel lavoro, vincente con le donne e fiero della sua indipendenza. Giacomo Pasetti (Fabio Volo) ha tutto tranne qualcuno da amare. Oltre se stesso. E se quella ragazza (Isabella Ragonese) incontrata in tram ogni giorno fosse quella giusta? Il sesto film da protagonista di Fabio Volo è tratto dal suo quarto libro da autore di best-seller: «Il giorno in più».

Eric Jozsef
Libèration

Sarebbe troppo facile limitarsi a riprendere una battuta del film (tipo “le storie d’amore che finiscono bene sono delle cazzate”) ma la verità è che Il giorno in più, di Massimo Venier, tratto da un romanzo dell’attore protagonista Fabio Volo è di una banalità desolante. Nel raccontare l’innamoramento del donnaiolo, egocentrico e misantropo Giacomo Pasetti per Michela, giovane editrice delusa da storielle [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

Ecco un film italiano che non ha nulla da invidiare, nel bene e nel male, alle commedie romantiche yankee con un basso budget e uno stile indie. Basato sul best seller omonimo di Fabio Volo, qui cosceneggiatore e coprotagonista, il film narra le peripezie del single di ferro Giacomo che, dopo l’incontro casuale con Michela (Ragonese), comincia a cambiare vita, assumendosi le prime responsabilità non [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Cos’altro vorrà fare, la prossima volta, Fabio Volo? Ha iniziato come cantante e dj, ha lavorato in tv, ora fa l’attore, scrive libri e li sceneggia perché diventino film. Vedrete che ben presto passerà alla regia, poi lo troverete a staccare i biglietti all’ingresso del cinema. Il giorno in più è tratto da un suo romanzo.Volo ne occupa praticamente tutte le inquadrature.

NEWS
NEWS
martedì 29 novembre 2011
Luca Volpe

La nostra non è una generazione di bamboccioni, ma solo di persone che non sanno ancora cosa vogliono fare da grandi". A parlare è Fabio Volo, scrittore, attore, conduttore televisivo. Showman poliedrico e disinvolto che al Torino Film Festival presenta [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati