Vi presento Toni Erdmann

Film 2016 | Commedia +13 162 min.

Titolo originaleToni Erdmann
Anno2016
GenereCommedia
ProduzioneGermania, Austria
Durata162 minuti
Al cinema16 sale cinematografiche
Regia diMaren Ade
AttoriPeter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl, Trystan Pütter Hadewych Minis, Lucy Russell, Ingrid Bisu, Vlad Ivanov, John Keogh, Ingo Wimmer, Cosmin Padureanu, Anna Maria Bergold.
Uscitagiovedì 2 marzo 2017
TagDa vedere 2016
DistribuzioneCinema
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,72 su 36 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Maren Ade. Un film Da vedere 2016 con Peter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl, Trystan Pütter. Cast completo Titolo originale: Toni Erdmann. Genere Commedia - Germania, Austria, 2016, durata 162 minuti. Uscita cinema giovedì 2 marzo 2017 distribuito da Cinema. Oggi al cinema in 16 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,72 su 36 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Vi presento Toni Erdmann
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Una figlia che ha perso il senso dell'umorismo e un padre che fa di tutto per farle tornare il sorriso. Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Premi Oscar, Il film è stato premiato al Festival di Cannes, 1 candidatura ai Golden Globes, 1 candidatura ai BAFTA, ha vinto 5 European Film Awards, 1 candidatura ai Cesar e 6 candidature ai London Critics. In Italia al Box Office Vi presento Toni Erdmann ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 321 mila euro e 135 mila euro nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
3,72/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,92
PUBBLICO 3,23
CONSIGLIATO SÌ

Il tuo browser non supporta HTML5 video. Usa Google Chrome!

Commedia umana smisuratamente eccentrica, Toni Erdmann si lascia contaminare e conquistare dalla follia dolce e imprevedibile del suo protagonista.
Recensione di Marzia Gandolfi
Recensione di Marzia Gandolfi

Winfried Conradi è un uomo âgée col vizio dello scherzo. Le sue buffonate colpiscono democraticamente familiari e fattorini che bussano alla porta e provano allibiti a consegnargli l'ennesimo pacco. Insegnante di musica in pensione, la sua vita si muove tra le visite alla vecchia madre e le carezze al suo vecchio cane, ormai cieco e stanco. A casa della ex moglie una sera a sorpresa ritrova sua figlia. Ines ha quasi quarant'anni e una carriera che impegna ogni ora della sua giornata. Occupata in un'azienda tedesca che l'ha traslocata a Bucarest, vive appesa al telefono e a una vita incolore, dedicata completamente alla professione e con poco tempo da spendere in famiglia. Senza preavviso, Winfried decide di farle visita e di passare qualche giorno con lei ma il lavoro e il disagio nei confronti del genitore hanno la meglio sui tentativi affettuosi. Winfried però non si arrende, infila una parrucca e una dentiera artificiale e irrompe nella sua vita come Toni Erdmann, coach naïve e improvvisato che sa bene che una canzone crea più valore di un'azione in borsa.

Orso d'Argento nel 2009 con Everyone Else, Maren Ade conferma una sensibilità pronunciata per il cinema che esplora l'intimo. Ieri era lo studio della resistenza di una coppia sotto il sole della Sardegna, oggi è il pedinamento di una relazione filiale dislocata a Bucarest.

Commedia umana smisuratamente eccentrica, Toni Erdmann si lascia contaminare e conquistare dalla follia dolce e imprevedibile del suo protagonista, un padre che piomba nell'universo di sua figlia per ritrovarla e rimetterla sul cammino della vita, della leggerezza, dell'umanità. Ma lei, travolta dagli impegni professionali, lo congeda (troppo) presto ed è in quel momento che il film decolla. Perché il genitore trova nella separazione la maniera di accorciare la distanza, di riparare la crepa nella filiazione prendendo in contropiede figlia e spettatore.

Senza mai violare l'intimità dei suoi personaggi, il film suggerisce il confronto tra due generazioni che non riescono più a toccarsi. Il loro luogo rimane un silenzio dove la lontananza diventa tormento dell'anima. Winfried è un funambolo trascurato e bizzarro che ama i lazzi e 'va in scena' con strumenti amatoriali e posticci, Ines è una businesswoman rigorosa e severa che compete su un mercato maschile, manca di umorismo e calca il palcoscenico della vita in tailleur nero. Tra loro qualche cosa d'essenziale è accaduto, da qualche parte nel tempo e ha prodotto una resistenza da qualche parte nel cuore. A partire da questa opposizione, la regista tedesca svolge un legame che conosce la grazia attraverso l'esperienza del ridicolo.

Esplosione di esuberanza, Toni Erdmann toglie il fiato e apre a una risata assoluta, piena, libera. A provocarla è l'uomo del titolo, identità fittizia e imparruccata di un padre che recupera la sua bambina, affondata nel mondo volgare del liberalismo, spingendo il proprio spettacolare cambiamento fino alla 'mostruosità'. Giustiziere del buon senso che si nasconde per piangere la morte del suo cane, Toni Erdmann/Winfried Conradi boicotta le grandi certezze della vita per viverla pienamente accanto a chi ama sopra a ogni cosa. Per Ines, Winfried si fa letteralmente in due assumendo una forma di schizofrenia in cui il posticcio gioca il ruolo di una protesi. Inabili allo scambio, la comunicazione padre-figlia passa allora attraverso l'artificio e la simulazione. Un gioco che diventa incontrollabile e a cui Ines finisce per cedere dentro una delle sequenze più belle. Sequenza catartica che la sorprende a cantare una canzone di Whitney Houston accompagnata alle tastiere dal padre. Una canzone che hanno evidentemente eseguito insieme mille volte. Winfried la seduce con la forza di una memoria condivisa e Ines cede, accetta, lo lascia fare, si lascia amare da tutto quell'amore, attestando nella scena successiva (quella del suo compleanno) la vittoria del genitore.

Impietoso con il liberalismo selvaggio, esposto in tutti i suoi più laidi dettagli (negoziazioni, manipolazioni dei clienti, licenziamenti), Toni Erdmann 'imbocca' una protesi dentaria per sdrammatizzare e sdrammatizzarsi come il suo protagonista, un incredibile Peter Simonischek che sostiene l'emozione col grottesco. Davanti a lui Sandra Hüller incarna una performance anaffettiva che scioglie in un ultimo primo piano, riconciliando il suo personaggio con l'eredità paterna, il realismo con l'astrazione.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 5 marzo 2017
LBavassano

A volte si ha l'impressione che i recensori professionisti non vedano i film di cui pretendono di parlare, o vedano film completamente diversi. Definire "Vi presento Toni Erdmann" "un trionfo di risate" non è solo fuorviante, ma completamente falso, perché il tono fondamentale del film è la malinconia, e proprio le scene in cui apparentemente più si spinge il pedale del "comico", in realtà del grottesco, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 marzo 2017
BRUNA PAROLINI

Oggi, sono uscita dal cinema, arrabbiata, annoiata e delusa. La regista cosa ha voluto trasmetterci con questo assurdo film, privo di poesia? Protagonisti un padre scimmione che gira con una parrucca ed una dentiera finta, ed una figlia in carriera che si dimentica di vivere!!   Il padre goffo e ingombrante che cerca di raggiungerla per costruire un rapporto, mai esistito prima; che in conclusione [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 marzo 2017
goldy

Il minutaggio inutilmente lungo è la prima rulevanza negativa da sottolineare. Tutto il film è sgangherato. Non riesce a coinvolgere nell'intento criticoalla disumanizzazione dei  rapporti à di lavoro all'interno delle multinazionali. Il grottesco del padre non è mai divertente  ma solo inutilmente imbarazzante.

giovedì 9 marzo 2017
Klauss

Sinceramente non riesco a comprendere il successo di questo film e addirittura la sua nomination all'Oscar.  Presentarlo come "un trionfo di risate" crea  solamente delle aspettative mal ripagate. Il film è sopravvalutato, di una noia mortale e decisamente troppo lungo. Vedere persone (tante) che abbandonano la sala mi è dispiaciuto ma penso che sia la risposta [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 marzo 2017
RAFFELE

un padre ed una figlia quarantenne che la vita ha inesorabilmente allontanato. questa figlia vive immersa in un ruolo professionale cinico e pervasivo, questo padre, scherzomane impenitente, irrompe nelle  giornate di lei, a prima vista come un cialtrone, con le sue "ragazzate" grossolane, la sconcerta, la irrita,  alla fine le tocca delicatamente un involucro dimenticato, rinsecchito, [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 marzo 2017
M. Vittoria

Due ore e quaranta per una "storia" che poteva essere raccontata in un'ora: esasperante, oltre che noioso. Non lo definirei commedia, né tantomeno divertente, casomai triste e deprimente, con personaggi che vivono una vita squallida ed esprimono solo infelicità e solitudine (peccato che questo tema non sia stato approfondito).

giovedì 16 marzo 2017
bob50

Difficile immaginare un film più stucchevole, noioso e privo di interesse di questo. L'ingiustificata lunga durata è servita solo a renderlo oltremodo indigesto. Non si riesce a capire quale sia la molla che spinge a realizzare un film così noiosi e spenti. Eppure il tema del rapporto padre-figlia, che il film si prefiggeva, era suscettibile di ben altri sviluppi.

lunedì 13 marzo 2017
Zarar

Per tutto il tempo del film ho pensato come sarebbe stato perfetto Dario Fo nei panni del protagonista, al posto di un impacciato Peter Simonischek. Perché la cifra di questo film è quella che il nostro Fo esprimeva al suo meglio con straordinaria leggerezza (nel senso calviniano della parola): il valore liberatorio di una tenera follia di fronte all’alienazione, alla disumanità, all’incapacità di [...] Vai alla recensione »

martedì 7 marzo 2017
Zoom e Controzoom

Vi presento Toni ErdmannRegia di Maren Adecon Peter Simonischek, Sandra Hüller, Michael Wittenborn, Thomas Loibl, Trystan PütterGermania, Austria, 2016Se l’irritazione è quello che si prova iniziando a vedere questo film, siamo sulla buona strada per apprezzarlo, per coglierne i molteplici aspetti che rifiutiamo perché è facile supporre che decidiamo che non ci appartengono.

domenica 12 marzo 2017
FabioFeli

Winfried (Peter Simonishek) è un insegnante tedesco di musica che sta per perdere l’ultimo discepolo. “Adesso posso anche vendere il pianoforte.” dice al ragazzo. Anche il suo vecchio cane sta per lasciarlo e lui resterà solo nella modesta casa in Germania, perché è divorziato e sua figlia Ines (Sandra Hűller ) lavora in Romania per una compagnia [...] Vai alla recensione »

lunedì 13 marzo 2017
Zarar

Per tutto il tempo del film ho pensato come sarebbe stato perfetto Dario Fo nei panni del protagonista, al posto di un impacciato Peter Simonischek.  Perché la cifra di questo film è quella che il nostro Fo esprimeva al suo meglio con straordinaria leggerezza (nel senso calviniano della parola): il valore liberatorio di una tenera follia di fronte all’alienazione, alla disumanit&agr [...] Vai alla recensione »

domenica 12 marzo 2017
Sergiolino63

E' la storia di un padre colto ma buontempone che cerca di far comprendere alla propria figlia 40 enne in carriera l'importanza di non prendersi troppo sul serio....e il tentativo riuscirà! Film interesante, a tratti surreale, a tratti di una comocità esilarante, talvolta toccante. Però il ritmo è esageratamente blando e la durata eccessivamente lunga.

martedì 7 marzo 2017
Zoom e Controzoom

Se l’irritazione è quello che si prova iniziando a vedere questo film, siamo sulla buona strada per apprezzarlo, per coglierne i molteplici aspetti che rifiutiamo perché è facile supporre che decidiamo che non ci appartengono. Winfried, il protagonista, è il parente che non si vorrebbe avere, troppo fuori dagli schemi, troppo invadente, troppo candore in ogni suo [...] Vai alla recensione »

lunedì 6 marzo 2017
angelo umana

 Sei un essere umano? Questa è la domanda più spiazzante che papà “Toni” (Peter Simonischeck) fa alla figlia Ines (Sandra Hueller). In tarda età gli è venuta voglia di starle vicino, di indagare su come realmente viva, e piomba nella sua vita all’estero, Bucarest, dove da tempo vive e lavora per una multinazionale tedesca.

domenica 8 gennaio 2017
Sir Branco

Quella che segue è una simil-trascrizione di un mio video dedicato alla categoria "Miglior film straniero" della cerimonia dei Golden Globe che sì terrà in America l'8 gennaio. Se siete interessati visitate: youtube.com/watch?v=3dynqd9d2d8&t=0s   Tra le nomination di Miglior film straniero, a rappresentanza della Germania c’è Toni [...] Vai alla recensione »

martedì 7 marzo 2017
Flyanto

"Vi Presento Toni Erdmann" è l'ultima commedia di produzione tedesca che lo spettatore può piacevolmente gustarsi in questi giorni al cinema. In essa vi è presentato il difficile ed un poco conflittuale rapporto affettivo tra un padre ed una figlia 40enne, donna in carriera presso una multinazionale tedesca a Bucarest.

lunedì 13 marzo 2017
melandri

questo film è un capolavoro, chi non lo capisce è perchè è abituato a vedere blockbuster, e da quelli è stato anestetizzato . una attenta e spietata carrellata sui rapporti umani ,familiari ed extra familiari, ridotti ormai al lumicino per colpa di un sistema socio economico che sta fagocitando tutto quello che non è business e mera corsa alla produzione.

mercoledì 14 dicembre 2016
miss brown

Condivido ogni parola della recensione di Marzia Gandolfi, faccio solo qualche aggiunta. Ho avuto la fortuna di assistere a questo sorprendente, bellissimo film, ad un'anteprima in lingua originale sottotitolata. Per questo film è più importante di quanto non sia di solito: è infatti recitato in inglese, tedesco e rumeno, mentre a quanto pare la versione distribuita nelle nostre sale sarà completamente [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 febbraio 2017
opidum

marzia gandolfi lo consiglia piera de tassis lo consiglia ergo questo non è un film per me 

domenica 19 marzo 2017
Ferraraarte

Film valido Nell'interpretazione e nei suoi valori morali.. Troppo luogo ed estenuante, scene che potevano benissimo essere evitate, una scene di sesso decisamentte disgustoosa. Non lo consiglierei.

giovedì 23 marzo 2017
sandra

Leggendo le recensioni mi trovo stranamente d'accordo con tutti: questo film è bello, brutto, noioso, comico, malinconico, troppo lungo. Però mi è piaciuto. Credo che di donne come la figlia del protagonista ce ne siano molte in giro: spietate e pronte a tutto, in una arrampicata sociale senza più regole.

martedì 14 marzo 2017
Alex2044

Forse non abbiamo visto lo stesso film. A parte la lunghezza , al limite anche per un capolavoro , non ho trovato nulla , non dico di entusiasmante ma almeno interessante , in un film che vorrebbe essere eccentrico ed invece si è rivelato solo banale e ripetitivo . Alla decima volta della gag con la dentiera ho capito che le idee scarseggiavano e l'unico momento un po' sorprendente , il party nudista [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
domenica 5 marzo 2017
Roy Menarini

Uno dei motivi per cui Vi presento Toni Erdmann ottiene il plauso di qualsiasi spettatore si imbatta in questa strampalata e imprendibile commedia d'autore, è la quantità di spunti interpretativi che offre. Non è facile rispondere alla domanda: di che cosa parla Vi presento Toni Erdmann? Il film di Maren Ade parla ovviamente del rapporto complicato e lunatico tra un padre e una figlia, ma le modalità con le quali questa eterna sfida di affetto e dispetto viene messa in scena sono oltremodo interessanti. È come se, secondo la regista, attraverso il prisma di questo basilare luogo di elaborazione affettiva dell'essere umano si potessero osservare pressoché tutti gli elementi della socialità, della cultura e della politica contemporanea.
Pur giocato sul piano comico, e talvolta malinconico, Vi presento Toni Erdmann tocca elementi particolarmente sensibili, alcuni di chiaro stampo psicanalitico. La scelta del "gioco" - o quanto meno del continuo travestimento attraverso cui il padre si propone alla figlia, incapace di stabilire un contatto con lei nelle maniere più tradizionali - offre importanti schemi freudiani e junghiani di riferimento, ma soprattutto sembra seguire le tecniche del cosiddetto "psicodramma".

Vi presento Toni Erdmann è anche un viaggio dentro l'Europa che sta mutando, un film sul lavoro che rifiuta l'impianto docu-realista in stile Dardenne per aprire nuove, imprevedibili strade.

E se lo psicodramma inventato dal dottor J. L. Moreno negli anni Venti, citiamo, "è un metodo d'approccio psicologico che consente alla persona di esprimere, grazie alla rappresentazione scenica, lo stabilirsi di un intreccio più armonico tra le esigenze intrapsichiche e le richieste della realtà, e porta alla riscoperta ed alla valorizzazione della propria spontaneità e creatività", il film di Ade pare proprio rappresentare una sorta di psicodramma improvvisato dal padre e trasportato di peso dentro il mondo del lavoro, senza che gli altri protagonisti ne siano consapevoli. Il gioco del padre diventa quindi una sorta di "reagente", poiché ci permette di osservare come i riti sociali e professionali, irreggimentati secondo i ruoli del capitalismo aziendale, altro non siano che psicodrammi anch'essi, anche se più pericolosi visto che mettono in gioco la vita e il posto di lavoro di molte persone. Quando Ines decide di spogliarsi definitivamente dei propri ruoli lavorativi, in senso letterale, il gruppo dei colleghi reagisce in maniera direttamente proporzionale: se il dress code richiesto dalla festa (anch'essa organizzata peraltro a scopi di strategia aziendale) è la nudità, tutti si presentano nudi in nome di un nuovo scenario di psicologia del team building. La celebre ed esilarante festa nudista altro non è che una delle più feroci critiche al capitalismo contemporaneo della cultura recente, molto più efficace di cento libelli politologici.

Frasi
- Tu devi fare questo, devi fare quello... ma intanto la vita ti passa davanti!
Una frase di Winfried / Toni Erdmann (Peter Simonischek)
dal film Vi presento Toni Erdmann - a cura di MYmovies.it
Se decido di uccidermi, non sarai certo tu o la tua grattugia a fermarmi…
Una frase di Ines (Sandra Hüller)
dal film Vi presento Toni Erdmann - a cura di ZoomeControzoom
- Questo potrebbe irritare la femminista che è in te!
- Io non sono femminista! Sennò come farei a sopportare gli uomini come te?
Dialogo tra Gerald (Thomas Loibl) - Ines (Sandra Hüller)
dal film Vi presento Toni Erdmann - a cura di MYmovies.it
- Ho assunto una sostituta come figlia...
- Molto bene! Così almeno ti fa lei gli auguri per il compleanno! E io non mi devo stressare...
Dialogo tra Ines (Sandra Hüller) - Winfried / Toni Erdmann (Peter Simonischek)
dal film Vi presento Toni Erdmann - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 27 febbraio 2017
Natalia Aspesi
La Repubblica

Questa mattina si sa se Vi presento Toni Erdmann ha vinto o no l'Oscar per il miglior film straniero. Forse merita, ma non ha nessuna importanza perché la terza opera della quarantenne autrice e regista tedesca Maren Ade, in due ore e mezza che scorrono quiete eppure senza respiro, è diverso da ciò che siamo abituati a vedere. Può darsi che al pubblico stanco risulti inquietante e stordente, mentre [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 marzo 2017
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Commedia tedesca di spropositata durata, insistente (e fallita) ricerca della comicità e imbarazzante volgarità. È arrivato a Bucarest senza preavviso il musicista in pensione Winfried Conradi. La figlia manager Ines è spiazzata da quel padre sempre in vena di buffonate. Pronto a fingersi tale Toni Erdmann, allenatore di tennis e ambasciatore. Un'indecente scena di sesso da radiazione non evita la [...] Vai alla recensione »

sabato 11 marzo 2017
Daniela Ceselli
Left

Grande successo al festival di Cannes, candidato agli Oscar come miglior film straniero, molti i premi agli European Film Awards, la commedia amara Vi presento Toni Erdmann, scritto e diretto dalla regista tedesca Maren Ade (Orso d'argento nel 2009 con il film Alle Anderen), è tra i titoli da non perdere in un momento in cui molti sono i film da vedere.

domenica 5 marzo 2017
Cristina Battocletti
Il Sole-24 Ore

Non ha (cinematograficamente) paura di nulla Maren Ade, tantomeno di iniziare il suo secondo lungometraggio, Vi presento Toni Erdmann, con una panoramica sull'ingresso di un'anonima casa, bidoni della spazzatura annessi. L'inquadratura non ha un'ambizione metaforica, ma l'intento di mettere subito in chiaro una certa visione del mondo, quella della porta di servizio - che in questo caso è anche la [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 marzo 2017
Francesco Alò
Il Messaggero

Non ha battuto Il cliente di Farhadi agli Oscar per Miglior Film Straniero ma Vi presento Toni Erdmann conferma il talento cristallino della regista tedesca Maren Ade (Gran Premio della Giuria nel 2009 per l'inedito in Italia Alle Anderen), bravissima a raccontare il disgelo tra padre pensionato e figlia in carriera durante un surreale weekend a Bucharest.

giovedì 2 marzo 2017
Alessandra Levantesi
La Stampa

La prima volta ci appare con un cerone bianco da vecchio clown, si diletta in battute e scherzetti imbarazzanti e la sua trovata di tributare un omaggio a un collega andato in pensione con un coro di alunni travestiti da mummie non si può certo definire di buon gusto. Insomma, all'inizio l'ex insegnante divorziato Winfried appare un tipo strambo e solitario avviato con goffa rassegnazione sulla strada [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 marzo 2017
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Macché Warren Beatty e Faye Dunaway. E nemmeno Brian Cullinan, il socio d PwC (per quanto ancora?) che impegnato a cinguettare - aveva appena twittato la foto della premiata Emma Stone - ha consegnato a Beatty la busta sbagliata, da cui l'erronea e temporanea attribuzione della statuetta più ambita a La La Land anziché a Moonlight. No, la vera vittima della cerimonia degli 87esimi Academy Awards è [...] Vai alla recensione »

sabato 4 marzo 2017
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Non ridevamo tanto con i tedeschi dai tempi di "Good Bye Lenin!", settanta metri quadrati di Ddr ricostruiti dopo il crollo del muro di Berlino a uso di una mamma cardiopatica, le emozioni forti avrebbero potuto ucciderla (diretto da Wolfgang Becker, sbancò i botteghini nel 2003). "Vi presento Toni Erdmann" era candidato all'Oscar, categoria pellicole straniere, già si parla di un remake americano [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 marzo 2017
Mathieu Macheret
Le Monde

La regista tedesca Maren Ade, nata nel 1976, con questo suo terzo film ha deciso di rischia- re molto. Non solo ha sperimentato la commedia, un genere non esattamente comune nel giovane cinema tedesco, ma ha scelto la commedia "di personaggi", un genere che rischia di inabissarsi molto facilmente se i personaggi non sono all'altezza, cioè credibili ma anche eccentrici.

venerdì 3 marzo 2017
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Preoccupato per la deriva affettiva della figlia manager, un padre estroso insegnante di musica, inventore di scherzetti, prova a eludere i limiti dei ruoli per aprire uno spiraglio nel bunker del lavoro. C'è una figlia da salvare... Tra i musical "la la" e le comicate nostrane questa è una commedia drammatica di umorismo esistenziale, fuori canone, fuori misura (due ore e 30), attenta a non forzare [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 marzo 2017
Paolo D'Agostini
La Repubblica

La regista Maren Ade ha siglato questa graffiante commedia tedesca. Dove la relazione tra un padre e sua figlia esprime un ventaglio tanto paradossale di tinte da superare con un balzo l'apparente prevedibilità del contenzioso. Che è quello tra un padre libertario, sregolato e piuttosto inaffidabile e una figlia che ha preso tutte le distanze possibili da lui diventando il suo opposto, una manager [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 marzo 2017
Cristina Piccino
Il Manifesto

Anche se nella cinquina degli Oscar non è riuscito a imporsi su Il cliente di Farhadi, più «sintonizzato» con le (apparenti) esigenze politiche delle statuette 2017, Toni Erdmann - nella versione italiana, Vi presento Toni Erdmann, ma consiglio di cercare quella originale nelle sale che la proiettano - è comunque il film dell'anno. Non solo per il successo ottenuto ovunque dal festival di Cannes, dove [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
mercoledì 22 febbraio 2017
 

Winfried Conradi è un uomo âgée col vizio dello scherzo. Le sue buffonate colpiscono democraticamente familiari e fattorini che bussano alla porta e provano allibiti a consegnargli l'ennesimo pacco. Insegnante di musica in pensione, la sua vita si muove [...]

winner
premio fipresci
Festival di Cannes
2016
winner
miglior film europeo
European Film Awards
2016
winner
miglior regista europeo
European Film Awards
2016
winner
miglior attrice europea
European Film Awards
2016
winner
miglior attore europeo
European Film Awards
2016
winner
miglior sceneggiatore europeo
European Film Awards
2016
Con Peter Simonischek nella parte di Winfried / Toni Erdmann
Thomas Loibl nella parte di Gerald
Trystan Pütter nella parte di Tim
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati