La donna dello scrittore

Film 2018 | Drammatico 101 min.

Regia di Christian Petzold. Un film Da vedere 2018 con Franz Rogowski, Paula Beer, Godehard Giese, Lilien Batman, Maryam Zaree. Cast completo Titolo originale: Transit. Genere Drammatico - Francia, 2018, durata 101 minuti. Uscita cinema giovedì 25 ottobre 2018 distribuito da Academy Two. Oggi tra i film al cinema in 6 sale cinematografiche - MYmonetro 3,13 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La donna dello scrittore tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Le truppe germaniche hanno raggiunto Parigi e ora scendono verso il sud della Francia. Georg, un rifugiato tedesco, è riuscito a raggiungere Marsiglia. In Italia al Box Office La donna dello scrittore ha incassato 1,9 mila euro .

Consigliato sì!
3,13/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,25
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
La letteratura si fa cinema nel ritratto di due vite che aspirano a riprendere il mano il proprio destino.
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 18 febbraio 2018
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 18 febbraio 2018

Le truppe germaniche hanno raggiunto Parigi e ora scendono verso il sud della Francia. Georg, un rifugiato tedesco, è riuscito a raggiungere Marsiglia. Ha con sé i documenti, un visto per l'ambasciata messicana e il manoscritto di un romanzo di Weidel, uno scrittore che si è suicidato temendo di essere catturato. Georg ha assunto la sua identità ed ora è alla ricerca di un passaggio su una nave americana. Ma l'incontro con Marie, una giovane donna che è in cerca del marito scomparso e che nel frattempo si è legata a un medico, muta i suoi progetti.

Christian Petzold è entrato in contatto diversi anni fa con il romanzo omonimo di Anna Seghers grazie ad Harun Farocki, suo cosceneggiatore che, nato nei Sudeti nel 1944 da genitori profughi, era particolarmente interessato al soggetto. Il protagonista del libro era un comunista che cercava temporaneo rifugio in una 'zona libera'.

Quando però è giunto il momento di realizzare il film Petzold ha sentito la necessità di spostare la vicenda nel presente. Il film, evitando la ricostruzione d'epoca, offre così una nuova significazione alla storia. In tempi di risorgenti nazionalismi mostra come la lezione della Storia potrebbe essere facilmente dimenticata per farci ripiombare in un passato purtroppo perfettamente riproducibile.

Transit, grazie a questa trasposizione temporale evidenzia un pregio e un difetto. Il secondo è legato a una struttura decisamente troppo letteraria che affida alla voce narrante la descrizione dei sentimenti e dei pensieri dei protagonisti come se gli attori non fossero in grado di esprimerli mentre ciò non accade grazie alla prestazione eccellente di Franz Rogowski e Paula Beer che tutti ricordano quale ottima protagonista di Frantz. Si sente cioè in maniera forse eccessiva il peso che la presenza del romanzo ha avuto nella stesura della sceneggiatura.

Questo elemento negativo non riesce però ad inficiare la descrizione accurata di quella 'no man's land' che diventano i luoghi di confluenza di coloro che stanno sfuggendo a una persecuzione. Georg, Richard, Marie, Driss, figlio di un compagno di fuga del protagonista che non ce l'ha fatta, sono dei fantasmi degli esseri umani che furono. Sono, appunto, in transito o ne cercano uno. Le loro esistenze sono sospese tra la vita e la morte che si avvicina giorno dopo giorno o che può coglierli in maniera inattesa.

Questa condizione esistenziale che, con pelli di colore diverso, ancora centinaia di migliaia di persone stanno vivendo, viene declinata nell'apparente quiete di una solare città di mare. Marsiglia diviene così un luogo di intreccio di vite che aspirano a tornare a vivere nel senso pieno del termine e che tendono, anche se talvolta inconsciamente, a poter riprendere in mano un destino che non riguarda solo loro.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 30 ottobre 2018
Flyanto

 “La Donna dello Scrittore” del regista tedesco Christian Petzold è una storia che, tratta da un romanzo ambientato nel 1944, viene trasportata più o meno ai giorni nostri presentando però il contesto di quegli anni. Il protagonista è un giovane tedesco che si è rifugiato a Parigi, come moltissimi altri suoi connazionali, perché non aderente [...] Vai alla recensione »

lunedì 29 ottobre 2018
cardclau

Il film La donna dello scrittore, del regista tedesco Christian Petzold, girato nella Marsiglia della Francia di Vichy, si avvale di un cast formidabile: Georg [Franz Rogowki] il cui volto normale, imperfetto, che non risponde ai canoni della bellezza di plastica del ventunesimo secolo, lo rende particolarmente vero, mimico, e credibile; Marie [Paula Beer], che abbiamo conosciuto nella splendida Anna [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 23 ottobre 2018
Paola Zonca
La Repubblica

Che cosa succederebbe se le truppe naziste occupassero oggi Parigi, conquistando poi la Francia intera? Chi sarebbero le vittime dei rastrellamenti e delle deportazioni? Non più gli ebrei, ma tutti quegli immigrati clandestini rifiutati dal Paese nel quale cercano protezione. Parte da qui Transit (titolo italiano La donna dello scrittore), il nuovo film del regista tedesco Christian Petzold, presentato [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 ottobre 2018
Elisabeth Franek-Dumas
Libération

Esiste un universo nel quale i fantasmi del passato continuano ad agitarsi. Un universo dove, come in un racconto di Borges, dei fuggiaschi sono eternamente in partenza per il nuovo mondo, lasciandosi alle spalle brandelli d'Europa. È il nostro universo e il regista tedesco Christian Petzold ha capito bene che questi fantasmi non se ne sono mai veramente andati e che il nostro presente è tormentato [...] Vai alla recensione »

domenica 11 novembre 2018
Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Parigi, ai nostri giorni. Oppure no? Vestiti, auto, oggetti: tutto è contemporaneo. Ma quello che sta succedendo appartiene invece, con ogni evidenza, a un'altra epoca. I tedeschi hanno appena occupato la città, chi può fugge nella Francia ancora libera, in cerca di un lasciapassare per poter raggiungere qualche Paese straniero. Dunque siamo catapultati nel 1940, con le truppe hitleriane che dilagano [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 novembre 2018
Daniela Ceselli
Left

Presentato a Berlino, Transit- titolo italiano La donna dello scrittore - è sui nostri schermi e probabilmente non vi resterà a lungo. Strano destino quello del regista tedesco Christian Petzold : essere uno dei più profondi e analitici artisti della Germania post-muro; talento smisurato; anima bella e vibrante della Dffb, la Scuola di Berlino (con Thomas Arslan ed Angela Schanelec); allievo prediletto [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 ottobre 2018
Luca Mosso
La Repubblica

Un uomo (Franz Rogowski) prende un caffè al bar. "Georgl - lo chiama un altro appena entrato - che ci fai qui?" Il caso fa incontrare due tedeschi in fuga dal fascismo e fornisce l'innesco narrativo per una partenza a razzo: Georg segue le istruzioni dell'amico ma, invece dei soldi, trova una nuova identità. È la via della salvezza, ma non è facile abituarsi e lui conserva lo stupore dello spaesato [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 ottobre 2018
Cristina Piccino
Il Manifesto

C'è un uomo in fuga, è un clandestino tedesco che cerca di salvarsi dai nazisti alle porte di Parigi. La sua destinazione è Marsiglia tra altri come lui, rifugiati in attesa di un visto, di una nave, di un passaggio verso la salvezza, verso un futuro. Siamo in Francia durante l'occupazione eppure quel porto affollato di esistenze invisibili, sospese nel nulla, somiglia al presente, gli abiti, le automobili, [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 ottobre 2018
Alice Sforza
Il Giornale

Le truppe tedesche stanno avanzando in Francia. Greg, un rifugiato, scappa verso Marsiglia, utilizzando i documenti di uno scrittore morto che potrebbero permettergli di andare in Messico. Incontrerà, però, Marie, la moglie del defunto, che, ignara, lo aspetta con ansia. Il tutto, ambientato, però, ai giorni nostri, facendo lavorare di fantasia Io spettatore.

lunedì 22 ottobre 2018
Natalino Bruzzone
Il Secolo XIX

Aspettano, aspettano, aspettano. I rifugiati di "Casablanca", in attesa di un visto per viaggiare e sfuggire alla persecuzione nazista e all'orrore della guerra, vivono in una condizione sospesa, in quella dimensione senza tempo che, poi, è passata, come qualità altra, all'essenza stessa del capolavoro di Michael Curtiz così che il film perdesse ogni connotazione costrittiva e propagandistica per assurgere [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
giovedì 25 ottobre 2018
 

Le truppe germaniche hanno raggiunto Parigi e scendono verso il sud della Francia. Georg, un rifugiato tedesco, è riuscito a raggiungere Marsiglia. Ha con sé i documenti, un visto per l'ambasciata messicana e il manoscritto di un romanzo di Weidel, uno [...]

CELEBRITIES
martedì 23 ottobre 2018
Fabio Secchi Frau

Lasciar fluire i propri ricordi. Permettere alla storia che si racconta, anche non scritta di proprio pugno, di accoglierli, inglobarli, diventare particolari in una narrazione che vuole una parte di mondo ostile.

CELEBRITIES
lunedì 22 ottobre 2018
Fabio Secchi Frau

La sua giovane Anna era innamorata di Franzt. Talmente innamorata da avere già dei progetti. Dopo il loro matrimonio, per esempio, avrebbero continuato a vivere nella loro piccola città tedesca. Li aspettava una vita tranquilla.

POSTER
venerdì 28 settembre 2018
 

Le truppe germaniche hanno raggiunto Parigi e ora scendono verso il sud della Francia. Georg, un rifugiato tedesco, è riuscito a raggiungere Marsiglia. Ha con sé i documenti, un visto per l'ambasciata messicana e il manoscritto di un romanzo di Weidel, [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati