Prisoners

Acquista su Ibs.it   Dvd Prisoners   Blu-Ray Prisoners  
Un film di Denis Villeneuve. Con Hugh Jackman, Jake Gyllenhaal, Viola Davis, Maria Bello, Terrence Howard.
continua»
Titolo originale Prisoners. Drammatico, durata 153 min. - USA 2013. - Warner Bros Italia uscita giovedì 7 novembre 2013. - VM 14 - MYMONETRO Prisoners * * * 1/2 - valutazione media: 3,49 su 70 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,49/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Usa)
 dizionari * * * - -
 critica * * * - -
 pubblico * * * 1/2 -
Dopo il ruolo eroico di Wolverine, Hugh Jackman cambia rotta e interpreta un 'normale' falegname che rimane vittima di un complotto inaspettato.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Amara parabola di una nazione che ha perso la fede e in cui il caos domina sull'ordine
Paola Casella     * * * - -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Nella (apparentemente) tranquilla provincia americana due bambine di sei e sette anni, Anna ed Eliza, escono a giocare insieme e svaniscono senza lasciare traccia. I genitori, fra di loro amici, reagiscono nei modi più disparati (e disperati): Keller, il padre della piccola Anna, comincia una caccia all'uomo senza esclusione di colpi, mentre sua moglie Grace si imbottisce di psicofarmaci per attutire il dolore e lo sgomento; Franklin, il padre di Eliza, cerca di non farsi travolgere dalla sete di giustizia di Keller, la moglie Nancy invece pare disposta ad appoggiarne i modi estremi.
Il detective Loki avvia le sue indagini fra intoppi burocratici e depistaggi, e comincia a chiedersi di chi sospettare, dato che anche il comportamento di Keller si fa sempre più equivoco. E la cittadina di provincia rivela di avere più scheletri in cantina (letteralmente) di quanto si potesse immaginare.
Primo film di produzione statunitense girato da Denis Villeneuve, il regista franco-canadese che ha firmato La donna che canta (candidato all'Oscar come miglior film straniero nel 2011), Prisoners va letto, e apprezzato, più nella sua valenza allegorica che nella sua funzione di entertainment. Il film gioca infatti sui codici del genere - la caccia all'uomo, l'indagine in corsa contro il tempo - da una prospettiva "altra", scardinando la costruzione classica dei personaggi - il padre amorevole, il poliziotto scrupoloso - per disseminarla di contraddizioni e dare spazio alla fallibilità di ognuno. La riflessione più ampia riguarda gli Stati Uniti, raccontati come un paese che ha perso la fede e la capacità di proteggere i propri "figli", pronto a ricorrere, e a giustificare, metodi disumani che classificano il nemico come una non-persona, privandolo della sua essenziale umanità. Un luogo in cui la paranoia ha sostituito il buon senso e il caos domina sull'ordine, al di là delle apparenze e delle false sicurezze dell'American way of life.
Ognuno dei personaggi di Prisoners è, appunto, prigioniero di qualcuno o qualcosa, in primis di se stesso, incarcerato dalla paura, dal peso del passato, dall'inconsistenza della propria fibra morale. Il sottotesto religioso (fortissimo, a volte fastidiosamente invadente, ad esempio nell'uso reiterato di "musica da chiesa") serve ad illustrare il percorso penitenziale e la sete di redenzione di quasi tutti i protagonisti, che non sanno più distinguere fra giusto, lecito e necessario, persi nello smarrimento generale.
Prisoners è l'amara parabola di una nazione che si domanda ancora se la tortura sia un mezzo accettabile per estorcere informazioni "indispensabili alla sicurezza nazionale", e che insegue una verità sempre più sfuggente e sempre meno assoluta. Non è un caso che il simbolo al centro della trama sia un labirinto senza apparente via d'uscita. E la componente perturbante del film, sempre pronta a sconfinare in zona horror, rimane dentro ben dopo la visione.
La durata eccessiva del film va tuttavia a scapito dell'incisività della trama, e il budget consistente (o forse il maggior controllo creativo da parte della major produttrice) sembrano limitare l'autonomia autoriale di Villeneuve, più potente e compatto ne La donna che canta. Ma l'iconoclastia dello "straniero" all'interno di un format narrativo quintessenzialmente yankee è interessante e fortemente provocatoria.
Il cast stellare mette il proprio talento, e la propria valenza iconografica, a favore di quest'opera di demolizione del mito (cinematografico) americano. Unica nota stonata il casting di Melissa Leo nei panni di un'anziana signora che, visivamente, attinge ad un archetipo cinematografico così ben consolidato da rischiare l'effetto spolier.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
PRISONERS
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
Wuaki.tv
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
Premi e nomination Prisoners

premi
nomination
Premio Oscar
0
1
* * * * -

La devastante forza della disperazione di un padre

lunedì 18 novembre 2013 di ANDREA GIOSTRA

Cos’è disposto a fare un padre disperato per salvare la propria figlia rapita? Cos’è disposto a rischiare per mantener fede alla promessa di proteggerla contro i mali del mondo, fatta a se stesso ed all’amata moglie, quando la sua piccola piangente ha visto la luce scoprendo il mondo attraverso il ventre insanguinato della sua donna sfinita e felice per aver dato la vita ad un angelo? Il film di Denis Villeneuve, con la sceneggiatura del bravo Aaron Guzikowski, si cimenta in questo difficilissimo continua »

* * * * -

Segreti e contraddizioni nella provincia americana

domenica 10 novembre 2013 di andyZeroSetteSette

Anche se attinge a qualche stereotipo del genere e sebbene il tema del rapimento di bambini sia anche troppo sfruttato nei thriller made in USA, "Prisoners" si rivela a conti fatti un ottimo prodotto di intrattenimento che mantiene quel che promette (tensione e colpi di scena dall'inizio alla fine), sapendo farsi perdonare la durata abbondante con l'assenza di scene o personaggi ridondanti: uscendo dalla sala si ha l'impressione che nella sceneggiatura proprio nulla sia "fuori posto", e già non continua »

* * * * *

Tutti sono prigionieri

venerdì 8 novembre 2013 di Francesco Ionadi

Beh, che dire? Prisoners ha tutti gli ingredienti necessari per essere uno dei film thriller tra i più riusciti degli ultimi anni. La pellicola è permeata da una sensazione di tensione ed inquietudine dal primo all'ultimo fotogramma. La durata non deve spaventare: nonostante i 150 minuti, non ci si annoia affatto e si resta col fiato sospeso per riuscire a capire come andrà a finire. La regia è molto accurata e gli attori sono tutti a proprio agio nelle rispettive parti: soprattutto Jake Gyllenhaal, continua »

* * * * -

Un borghese (americano) piccolo piccolo

lunedì 11 novembre 2013 di jaylee

Privo di un lancio in grande stile, questo film, lo diciamo subito, rischia di essere, a questo punto, il miglior thriller del 2013. Diretto dal canadese semi-sconosciuto Denis Villeneuve, la trama ci porta nell'America rurale fatta di case di legno sul vialetto verde e del Giorno del Ringraziamento, ma anche di fucili e pistole in ogni casa, furori e sette religiose, alcol come ansiolitico, sparizioni di bambini all'ordine del giorno. Due bimbe scompaiono da casa: sarà il detective continua »

Keller Dover; (Hugh Jackman)
"Prega per il meglio, preparati per il peggio!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Keller
Pregare per il bene, prepararsi per il male.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Keller Dover (Hugh Jackman)
"Qualcuno lo deve far parlare...gli faremo male finchè non avrà parlato o loro moriranno… lo tortureremo finchè non parlerà o loro moriranno. Questa è la scelta...io ho fatto la mia scelta. Lui non è più una persona ormai. No, ha smesso di essere una persona prendendo le nostre figlie"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Prisoners oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | Prisoners

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 26 febbraio 2014

Cover Dvd Prisoners A partire da mercoledì 26 febbraio 2014 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Prisoners di Denis Villeneuve con Hugh Jackman, Melissa Leo, Jake Gyllenhaal, Paul Dano. Distribuito da Warner Home Video. Su internet Prisoners (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film Prisoners

INCONTRI | Intervista al regista di Prisoners.

Denis Villeneuve alla prova del thriller

mercoledì 6 novembre 2013 - Gabriele Niola

Denis Villeneuve alla prova del thriller Denis Villeneuve è (assieme a Xavier Dolan) la novità più esaltante del cinema canadese, o per la precisione franco-canadese, esploso anche da noi con La donna che canta, con con il suo ultimo film, Prisoners, è sbarcato in America. Il thriller con Jake Gyllenhaal e Hugh Jackman, in uscita nelle nostre sale il 7 Novembre, mette di nuovo in risalto le doti di questo cineasta dimesso e capace di disseminare i suoi racconti di un'incertezza e una sottile inquietudine che in questa storia di bambini perduti, poliziotti afflitti e genitori giustizieri, esplode definitivamente.

   

FOCUS | In Prisoners c'è qualcosa di mio. Di A. Hitchcock.

ONDA&FUORIONDA

domenica 17 novembre 2013 - Pino Farinotti

ONDA&FUORIONDA Ho visto questo film, Prisoners, perché sono stato evocato. Sapete quante volte ho sentito o letto "hitchcockiano". E' un aggettivo, un must che ha una sua precisa ispirazione ed è inutile che ne spighi le ragioni. Dico che questo film, allargando il concetto "hitchcockiano, qualcosa presenta. E sempre facendo le debite differenze - e ce ne sono - aggiungo che lo spettro è abbastanza largo. Parlo di location, di tensione, di paura, soprattutto di pazzia. Ed ecco il primo richiamo: Norman Bates del mio Psyco, lo psicopatico più famoso del cinema.

   

Come non essere solidali con quel padre fascista e violento?

di Roberto Nepoti La Repubblica

Periferia di Boston. Mentre i loro genitori festeggiano il Thanksgiving, due bambine di sei anni vengono rapite. Il detective Loki arresta un giovane ritardato, Alex Jones, che però viene rilasciato per mancanza di prove. Allora il padre di una delle piccole, Keller Dover, sequestra il ragazzo e lo tortura per fargli confessare dove le ha nascoste. Il detective deve lottare contro il tempo per trovare il vero colpevole, prima che Dover commetta l'irreparabile. Diretto dal canadese Denis Villeneuve, un thriller nella linea di precedenti illustri come Il silenzio degli innocenti, Zodiac, Mystic River. »

Che incubo se sparisce la figlia

di Maurizio Acerbi Il Giornale

Per un genitore, un film simile è come un pugno nello stomaco. Ci può essere incubo peggiore di un figlio che ti viene rapito? E' quello che succede a Hugh Jackman, padre di una ragazzina di sei anni che sparisce, con una amichetta, nel nulla, Il sospettato sembra avere un alibi e il tempo passa. Non resta che sequestrarlo e torturarlo per farlo parlare. Uno dei thriller più belli di questi ultimi anni, spiazzante per le sue immagini forti, ottimamente recitato e diretto. Da Il Giornale, 14 nov »

Thriller con ombre finali

di Valerio Caprara Il Mattino

Che peccato quando un thriller parte forte e poi si sfalda sul più bello. «Prisoners» del canadese Villeneuve ingenera grandi promesse e per buona parte delle sue 2 ore e 33 sembra mantenerle: la fotografia del big Deakins stretta sulla Pennsylvania depressa da pioggia e neve, la tensione che monta implacabile, due bambine che scompaiono nel nulla, i genitori annichiliti, un detective tenace ma frenato da torpore nichilistico. Aggiungendo gli attori che sono tutti di nerbo -specialmente Jackman - è chiaro come il climax della ricerca assuma toni di cupa ritualità. »

Jackman giustiziere Un bel thriller per adulti

di Francesco Alò Il Messaggero

In una Georgia piovosa che ricorda la grigia Boston dell'approssimativa, e crudele, giustizia privata di Mystic River, due famiglie perbene subiscono durante il Giorno del Ringraziamento il rapimento più atroce: le due figlie piccole, uscite a giocare. Chi è stato? Forse il proprietario di quello sgraziato camper sospetto parcheggiato tra una villetta e l'altra? Un giovane poliziotto con croci tatuate sul collo e il tic di strabuzzare sempre gli occhi (Jake Gyllenhaal, ancora investigatore frustrato come ai tempi del capolavoro Zodiac) indagherà in una comunità dove sembra che il Male regni strisciante e la casualità la faccia da padrona. »

Prisoners | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1° | andrea giostra
  2° | andyzerosettesette
  3° | francesco ionadi
  4° | jaylee
  5° | filippo catani
  6° | beppe baiocchi
  7° | catcarlo
  8° | salvo gulizia
  9° | mattrix46
10° | hollyver07
11° | marinabelinda
12° | romifran
13° | claudiofedele93
14° | sev7en
15° | the thin red line
16° | trammina93
17° | jacopo b98
18° | diomede917
19° | lucap96
20° | alberto pezzi
21° | gianleo67
22° | pietro viola
23° | flyanto
24° | khaleb83
25° | gabbro91
26° | ultimoboyscout
27° | matteo manganelli
28° | peninsula.eu
29° | sands
30° | germano f.
31° | des esseintes
Premio Oscar (1)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 | 3 | 4 |
Immagini
1 | 2 |
Link esterni
Sito ufficiale
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 7 novembre 2013
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità