•  
  •  
Apri le opzioni

Gabriele Mainetti

Gabriele Mainetti è un attore italiano, regista, produttore, sceneggiatore, musicista, è nato il 7 novembre 1976 a Roma (Italia).
Nel 2016 ha ricevuto il premio come miglior regista esordiente al David di Donatello per il film Lo chiamavano Jeeg Robot. Gabriele Mainetti ha oggi 45 anni ed è del segno zodiacale Scorpione.

Si laurea in Storia e Critica del Cinema presso l'Università degli Studi Roma Tre. Frequenta corsi di regia, direzione della fotografia, produzione e sceneggiatura presso la Tisch School of the Arts di New York. La sua formazione d'attore è legata ai laboratori e ai corsi tenuti a Roma da Beatrice Bracco, Francesca De Sapio, Nikolaj Karpov e Michael Margotta.
Tra i suoi lavori per il grande schermo ricordiamo i film in cui è protagonista: Il cielo in una stanza (1999, regia di Carlo Vanzina), e Un altr'anno e poi cresco (2001, regia di Federico Di Cicilia). E' protagonista di alcune fiction televisive: le serie TV  Stiamo bene insieme (2002, regia di Elisabetta Lodoli e Vittorio Sindoni), La omicidi (2004, regia di Riccardo Milani), Tutti per Bruno (2010, regia di Stefano Vicario, al fianco di Claudio Amendola e Antonio Catania), i film TV Briciole (2005, regia di Ilaria Cirino), "Rapidamente" della serie Crimini (2006, regia di Manetti Bros.) e la sit-com Radio Sex 2 (2006, regia di Alessandro Baracco).
Il grande interesse per la musica lo spinge a frequentare corsi di composizione e arrangiamento presso il Saint Louis College of Music di Roma. Firma le colonne sonore dei suoi cortometraggi (BasetteTiger Boy, etc..) e di alcuni documentari (Circo NudoOscar Niemeyer - The Naked architecture).
La sua vera passione però è la regia. Con il cortometraggio Basette (2008), scritto da Nicola Guaglianone, con Valerio Mastandrea, Marco GialliniDaniele Liotti e Luisa Ranieri, partecipa ad oltre 50 festival tra i quali il Festival del Film di Locarno ed il Festival del corto La25a Ora, dove vince come "Miglior Cortometraggio". Candidato al Nastro d'argento 2008 vince una "Menzione speciale per la Sceneggiatura e Migliori Attori: Luisa Ranieri e Daniele Liotti".
Nel 2011 fonda la società di produzione  Goon Films  con la quale realizza Tiger Boy (2012), il suo ultimo cortometraggio, vincitore del Nastro d'argento 2013 come "Miglior Cortometraggio", finalista ai Globi d'Oro 2012 e al David di Donatello 2012, e secondo classificato al 42° Giffoni Film Festival (Generator +13).
Il regista ha esordito nel lungometraggio con l'originale Lo chiamavano Jeeg Robot (David di Donatello come miglior regista esordiente, oltre che a tutti gli attori), presentato alla Festa del Cinema di Roma 2015 e interpretato da Claudio Santamaria e Luca Marinelli. Il film racconta la storia di un supereroe di periferia, un delinquente che si vede investito da poteri sovrumani che sfrutterà a vantaggio della sua carriera di ladro. Tutto cambierà quando incontrerà Alessia, convinta che lui sia l'eroe del famoso cartone animato giapponese Jeeg Robot d'acciaio.
La sua seconda opera, Freaks Out, ancora una volta con Claudio Santamaria, sarà presentata alla 78. Mostra del Cinema di Venezia ed è attesa nei cinema a ottobre 2021.

Ultimi film

Drammatico, (Italia, Belgio - 2021), 141 min.
Commedia, (Italia - 2002), 96 min.
Drammatico, (Italia - 2000), 104 min.

Focus

JEEG ROBOT
martedì 23 febbraio 2016
Marianna Cappi

Jeeg non si nasce, Jeeg si diventa. Accade se a trasformarsi è l'alter ego primigenio, quell'Enzo Ceccotti da Tor Bella Monaca che non aveva un amico, non aveva un amore, non aveva una sola speranza di sopravvivere ad un volo da dieci piani d'altezza. E invece. Da quel bagno nel Tevere, tra i barili di rifiuti tossici, "Enzè" è mutato nel fisico, ma è la trasformazione morale, che arriva solo alla fine, che ne fa un super eroe: indossare la maschera, allora, è un gesto puramente simbolico, un rito di passaggio

TELEVISIONE
venerdì 8 gennaio 2010
Alessandra Giannelli

Il poliziesco si rinnova Prodotto di punta, di questo nuovo anno, per Canale 5 è una fiction che vede protagonista il noto, e amato, Claudio Amendola, desideroso di proporsi in nuove vesti rispetto al "familiare" Giulio Cesaroni. 12 episodi per 6 serate, da venerdì 8 gennaio, questi i numeri di Tutti per Bruno. Presentata dallo stesso protagonista, impegnato in questi giorni sul set de I Cesaroni (la nuova serie andrà in onda tra un anno circa), che, in termini entusiastici, racconta del suo personaggio, il poliziotto Bruno Miranda, un tipo divertente, caratteristica dell'intera serie

News

A Ornella Vanoni il Soundtrack Stars. Menzione speciale per Mona Lisa and the Blood Moon. 
Ospite alla Festa del Cinema di Roma, il regista parla del suo nuovo atteso film.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati