Argo

Acquista su Ibs.it   Dvd Argo   Blu-Ray Argo  
Consigliato assolutamente sì!
3,70/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * * -
 critica * * * 1/2 -
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
   
Ben Affleck nuovamente alla regia per un film d'azione tratto da un'incredibile storia vera.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un'opera di sorprendente solidità, animata da un'etica di ferro e dalla capacità di fondere azione da cinema di guerra, commedia hollywoodiana e dramma storico
Gabriele Niola     * * * * -

Nel 1979, in seguito alla fuga negli Stati Uniti dello Scià iraniano Mohammad Reza Pahlavi durante la rivoluzione, l'ambasciata americana di Teheran fu presa d'assalto dai rivoluzionari e i suoi impiegati sequestrati per più di 400 giorni. Sei cittadini statunitensi riuscirono a fuggire di nascosto e trovare rifugio nella residenza dell'ambasciatore canadese, il quale, a proprio rischio e pericolo, concesse clandestinamente ospitalità e supporto.
Per riportare in patria i propri connazionali la CIA organizzò una missione di esfiltrazione particolarmente audace, ideata dall'esperto del campo Tony Mendez e coadiuvata da una vera produzione hollywoodiana. Basandosi su una sceneggiatura realmente acquistata dal sindacato sceneggiatori fu data l'illusione a tutti (soprattutto alla stampa, in modo che si producessero articoli in materia) che c'era l'intenzione di girare un film di fantascienza in Iran, così da poter ottenere dal Ministero della cultura iraniano il permesso di entrare ed uscire dal paese e, nel fare questo, poter portare via i sei ospiti dell'ambasciatore canadese spacciandoli per maestranze del film.
Il titolo del finto film in questione era Argo.
Sulle basi di questa vera storia Ben Affleck orchestra un film che forza la realtà dei fatti quanto serve per creare tensione e suspense ma non manca mai di rimarcare gli elementi di veridicità e di confinare in maniera netta le licenze cinematografiche.
Il risultato è un'opera di sorprendente solidità, animata da un'etica di ferro e capace di muoversi attraverso i tre registri principali del cinema, amalgamandoli con l'invisibile maestria di un veterano del cinema. Nonostante sia solo al suo terzo film da regista Ben Affleck si conferma uno degli autori giovani più interessanti in assoluto, capace di fondere l'azione da cinema di guerra della prima parte con la commedia hollywoodiana della seconda e infine la tensione del dramma storico della terza. Un viaggio tra diversi toni in cui l'unica costante è il regista stesso, che incarna il protagonista Tony Mendez con una recitazione minimalista e pacata, esplorando tutte le declinazioni di un'infinita malinconia di sguardo che fa il paio con il rigore morale profuso nel raccontare la sua storia.
In questo straordinario esempio di modernità cinematografica c'è tutta l'esperienza del cinema politico, teso e aggressivo della Hollywood degli anni '70, unita ad uno stile fluido ed invisibile, ad un gusto post-Mad Men per la precisa ricostruzione dei diversi costumi della società di qualche decennio fa e ad una capacità non comune di lavorare sul dettaglio della messa in scena.
Ben Affleck alza ancora l'asticella e non si accontenta più (come per Gone Baby Gone e The Town) di prendere un buon soggetto e girare con gusto e abilità un'ottima sceneggiatura ma, pur mantenendo tutto il riguardo del caso verso l'intrattenimento del proprio pubblico di riferimento, orchestra il suo racconto in modo che anche le parti più piccole, i ruoli comprimari o alcune parole pesino come macigni e siano in grado, con uno sguardo o un dettaglio, di fare il lavoro del cinema più serio e audace: stimolare nello spettatore correlazioni tra i fatti e i personaggi narrati e l'attualità, ovvero la storia della politica estera americana antecedente e soprattutto successiva al 1979.

Stampa in PDF

Premi e nomination Argo MYmovies
Incassi Argo
Primo Weekend Italia: € 815.000
Incasso Totale* Italia: € 4.072.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 31 marzo 2013
Primo Weekend Usa: $ 20.120.000
Incasso Totale* Usa: $ 135.176.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 17 marzo 2013
Sei d'accordo con la recensione di Gabriele Niola?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
74%
No
26%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Argo

premi
nomination
Premio Oscar
3
7
Golden Globes
2
5
David di Donatello
0
1
Cesar
1
1
BAFTA
3
7
* * * * -

La storia ha bisogno del cinema!

venerdì 9 novembre 2012 di Antonio Montefalcone

Alla sua terza regia Ben Affleck ci regala un’opera matura e intelligente. Riuscito thriller dal ritmo mozzafiato, ricco di tensione e adrenalinica azione, fuso col dramma storico-politico, realistico e avvincente, nonché con un’autoironica satira su Hollywood e un sincero amore per il cinema, “Argo” tiene in armonia questi generi per raccontare un’importante pagina di Storia tramite lo spettacolo più coinvolgente. Cambiando registro senza rovinare gli aspetti della trama, dosa con equilibrio la continua »

* * * - -

Il diavolo probabilmente...

domenica 2 dicembre 2012 di Writer58

"Argo" è un buon film,costruito con abilità e mestiere, dall'impianto solido. La scena iniziale, che descrive la presa dell'ambasciata americana a Teheran da parte delle guardie rivoluzionarie del regime teocratico di Khomeini, è potente e terrorizzante: un fiume di folla che preme contro i cancelli animata dall'odio nei confronti del "Grande Satana" statunitense, travalica le recinzioni, irrompe come una valanga nei locali della sede diplomatica, mentre gli impiegati si affannano a distruggere continua »

* * * * *

Meraviglioso

lunedì 19 novembre 2012 di gabrielebaldin

Ben Affleck con questo suo terzo film da regista dimostra ancora una volta di essere uno dei migliori registi in circolazione, centrando tutte e 3 le volte l'obbiettivo con dei film bellissimi. Questo ultimo lavoro, Argo, oltre a essere girato in maniera magistrale e con rigore, è emozionante, basti pensare alla seconda parte da quando i "6" escono dalla casa dell'ambasciatore canadese alla fine quando in volo sono finalmente liberi ... un'emozione enorme, un'ansia continua »

* - - - -

Sotto il toupé niente

domenica 18 novembre 2012 di Moulinsky

Ben mi sta, che mi sono fatto convincere ad andare a vedere un film di Ben Affleck, chi? quello che ha vinto un Oscar per la sceneggiatura insieme a quell’altro genio ribelle di Matt Damon? oh yes, ben mi sta dicevo perché mi son fatto tirare dentro da un trailer fin troppo ben congegnato (errore doppio, perché la maggior parte dei film andrebbe asciugata in 3 minuti 3, né affermo niente di nuovo se sostengo che i trailer sono la parte migliore del cinema, risparmi tempo continua »

john goodman
"La storia comincia in tragedia e finisce in farsa. Chi l'ha detto? Marx? Groucho?"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Bryan Cranston
"L'esfiltrazione di ostaggi è come un aborto: non lo vorresti mai fare, ma, se decidi di farlo, non puoi fartelo da solo!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
john goodman
"Anche una scimmia, dopo due giorni, impara a fare il regista..."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film Argo oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | Argo

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 21 febbraio 2013

Cover Dvd Argo A partire da giovedì 21 febbraio 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Argo di Ben Affleck con Bryan Cranston, Ben Affleck, Michael Cassidy, Taylor Schilling. Distribuito da Warner Home Video. Su internet Argo (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 7,99 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,00 €
Aquista on line il dvd del film Argo

APPROFONDIMENTI | L'intelligenza democratica di Argo.

Hollywood salva il mondo

domenica 11 novembre 2012 - Roy Menarini

Hollywood salva il mondo Oltre alla solidità narrativa e all'innegabile bravura di tutti gli attori, diretti con sensibilità da Ben Affleck con l'occhio rivolto a certo cinema artigianale degli anni Settanta, Argo brilla di luce propria grazie ad almeno altre due intelligenti strategie. Anzitutto si tratta di un film di onesta propaganda democratica. Quando si parla di cinema di propaganda, per solito si pensa ai prodotti degradati delle tirannie o alle pellicole realizzate per il subdolo convincimento di massa. Hollywood, invece, si è nei decenni specializzata nella cosiddetta propaganda democratica: non solo i film sono stati veicolo dei valori libertari (e talora puritani) della società statunitense, ma hanno spesso avuto il compito di offrire una veste universale e accettabile a visioni politiche poco interessanti per il grande pubblico.

   

APPROFONDIMENTI | Ben Affleck dimostra di essere uno dei maggiori talenti americani dietro la macchina da presa.

Al festival di toronto

domenica 9 settembre 2012 - Adriano Ercolani

Argo al festival di Toronto Teheran, 1979. Dopo la salita al potere di Khomeini, l'Iran diventa un paese radicalmente antiamericano. Durante una delle numerose manifestazioni viene presa d'assalto l'ambasciata degli Stati Uniti, e soltanto sei dipendenti riescono a trovare rifugio in casa dell'ambasciatore canadese in città. L'agente della CIA Tony Mendez escogita un piano a dir poco originale per tirarli fuori dal paese ostile: mettere in piedi un finto film di fantascienza prodotto a Hollywood e correre in loro aiuto con la scusa della ricerca delle location adatte per girarlo.

   

FOCUS | Argo: il cinema fa la storia.

Onda&fuorionda di pino farinotti

domenica 11 novembre 2012 - Pino Farinotti

ONDA&FUORIONDA di Pino Farinotti Il contesto storico. Nel gennaio del 1979 lo Scià, malato di cancro, lascia l'Iran per farsi curare in America. Il commento di un funzionario della Cia è "quell'aereo era talmente carico d'oro che quasi non riusciva a decollare". La voce fuori campo che introduce la vicenda di Argo, il film con Ben Affleck protagonista e regista, evoca anche il "tradimento" del 1953 quando gli anglo-americani con un colpo di stato favorirono il ritorno dello Scià dall'esilio, destituendo il primo ministro Mohammad Mossadeq.

   

NEWS | Il film di Ben Affleck premio Oscar come Miglior Film in streaming on demand.

Su mymovieswide!

giovedì 21 febbraio 2013 - a cura della redazione

Argo su MYMOVIESWIDE! Mancano poche ore alla notte degli Oscar, in programma domenica 24 febbraio al Dolby Theatre di Los Angeles e condotta dal comico Seth MacFarlane e dall'attrice Emma Stone. Tra i film favoriti di questa edizione, con ben sette nomination, c'è Argo, opera che ha consacrato definitivamente Ben Affleck come regista. Già vincitore di due Golden Globes (miglior film drammatico e miglior regia) e tre BAFTA, Argo è un thriller serrato e intimista allo stesso tempo, con una sceneggiatura incredibile che altro non è che la realtà stessa.

   

VIDEO | Il dietro le quinte del film di Ben Affleck, ispirato ad una storia vera.

L'intervista esclusiva a bryan cranston

lunedì 29 ottobre 2012 - Nicoletta Dose

Argo, l'intervista esclusiva a Bryan Cranston L'attore Bryan Cranston, conosciuto soprattutto per il ruolo del padre sempre sull'orlo di una crisi di nervi nella serie tv Malcolm (2000-2006), è ora al fianco di Ben Affleck, John Goodman, Alan Arkin e Victor Garber nel film Argo. Siamo nel 1979, quando un gruppo di funzionari della CIA e alcuni produttori hollywoodiani, basandosi su una sceneggiatura realmente acquistata, tentano di salvare alcuni connazionali americani facendoli passare per maestranze del film. Dopo The Town Ben Affleck torna alla regia con un film complesso e ispirato ad una storia incredibile ma realmente accaduta.

   

BIZ

Ma attenzione ad Amour per gli altri premi importanti.

In foto Ben Affleck in una scena del suo film Argo.

lunedì 18 febbraio 2013 - Robert Bernocchi

Un mese fa, c'era la paura di una notte degli Oscar scontata, con tanti vincitori già annunciati. Bene, la notizia positiva è che così non sarà. L'incredibile ascesa di Argo, che un po' tutti abbiamo sottovalutato dopo l'annuncio delle nomination per la mancanza di una candidatura per il miglior regista, ha riaperto i giochi e reso Lincoln molto meno forte di quello che sembrava. Insomma, adesso Argo è il sicuro vincitore, almeno a vedere le quotazioni dei bookmaker? Certamente, è il grande favorito, ma attenzione a non scordarci che i giurati dell'Academy non amano sentirsi dire cosa devono fare e d'altronde, se hanno assegnato 12 candidature alla pellicola di Spielberg, qualcosa vorrà pur dire. continua »

   

E così Argo diventa il favorito agli Oscar.

In foto Alan Arkin e Ben Affleck in una scena di Argo.

lunedì 4 febbraio 2013 - Robert Bernocchi

Se c'è un segnale forte nei DGA Awards (i premi dell'associazione registi), è il fatto di aver ripetuto le stesse scelte dei PGA. Infatti, Ben Affleck vince per Argo, Malik Bendjelloul per il documentario Searching for Sugar Man e Rich Moore per Ralph Spaccatutto, titolo che forse dovremo valutare un po' di più in chiave Oscar di quanto fatto finora, anche grazie al suo successo agli Annie Awards. continua »

   

Due premi per Lincoln ai SAG.

In foto una scena di Argo diretto da Ben Affleck.

lunedì 28 gennaio 2013 - Robert Bernocchi

A complicare un verdetto che sembrava abbastanza naturale con la vittoria di Lincoln, arriva il trionfo di Argo ai PGA Awards, il premio dell'associazione dei produttori americani, che spesso coincide con la vittoria finale degli Oscar. Altri premi interessanti sono andati a Ralph spaccatutto (che però sembra ancora il terzo incomodo nella lotta che dovrebbe vedere protagonisti Ribelle - The Brave e Frankenweenie) come miglior film d'animazione; Searching for Sugar Man, documentario che dovrebbe replicare il successo anche agli Academy Awards, grazie a una storia accattivante, quella di un musicista di scarso successo negli Stati Uniti e che viene riscoperto in Sudafrica; e Homeland, come miglior serie del piccolo schermo. continua »

   

I bookmaker puntano ancora su Lincoln.

Argo può vincere?

giovedì 17 gennaio 2013 - Robert Bernocchi

Come vanno giudicate le recenti affermazioni di Argo ai Golden Globes e ai Critics' Choice Awards? Si tratta di un fuoco di paglia (dovuto anche al fatto che le votazioni di questi premi sono state chiuse prima dell'annuncio delle candidature agli Oscar) o invece Lincoln, che attualmente è il grande favorito, deve iniziare a preoccuparsi? continua »

   

Dietro, Lincoln e Les Miserables.

Argo favorito per i bookmaker agli Oscar

giovedì 22 novembre 2012 - Robert Bernocchi

Come sempre per la corsa agli Oscar, far finta che le qualità artistiche di un film e il parere della critica siano l'unico elemento da tenere in considerazione, sarebbe un'ingenuità clamorosa. Per questo, è importante fare attenzione ai risultati al botteghino, perché difficilmente un film che non funziona economicamente (almeno secondo il suo budget) avrà grandi speranze di vittorie importanti. continua »

   

Al momento, i favoriti sembrano Argo e Les Misérables.

Lotta a due?

lunedì 8 ottobre 2012 - Robert Bernocchi

Nella costante ricerca di chi potrebbe vincere gli Oscar, forse in questo momento si potrebbe puntare su due titoli, senza paura di sbagliare troppo. Argo, diretto da Ben Affleck, è già stato presentato a Telluride e Toronto, ottenendo grandi consensi e venendo giudicato da molti il favorito agli Oscar, almeno in questo momento. Non ha certo danneggiato lo status di cavallo da battere un'anteprima che si è svolta in questi giorni a Hollywood e che ha visto tra gli invitati della Warner numerosi membri dell'Academy e dell'Associazione della stampa estera, che assegna i Golden Globes. continua »

   

I film che si sono fatti notare a Venezia e Toronto.

Quali i favoriti agli Oscar?

mercoledì 19 settembre 2012 - Robert Bernocchi

E veniamo al titolo che, finora, ha messo d’accordo tutti. Si tratta di Argo, il terzo film diretto da Ben Affleck, dopo gli acclamati Gone Baby Gone e The Town. La storia di come sono stati salvati un gruppo di ostaggi in Iran dopo la rivoluzione ha conquistato pubblico e critica, rendendolo al momento il favorito per la corsa alle statuette. Va detto che, come spesso capita, essere considerato il cavallo da battere a settembre non porta molta fortuna, tuttavia la candidatura per il film sembra ormai assicurata. continua »

   

News e anticipazioni dal mondo del cinema.

Il trailer di Argo

mercoledì 9 maggio 2012 - Robert Bernocchi

Dopo il successo di critica e di pubblico di The Town, Ben Affleck torna alla regia con Argo. È la storia del salvataggio di un gruppo di americani in Iran nel 1979, quando la rivoluzione in quel Paese portò a una crisi di ostaggi e una forte tensione nei rapporti con gli Stati Uniti. L’operazione venne condotta dall’agente della CIA Tony Mendez (interpretato dallo stesso Affleck) e sfruttava l’idea di una falsa troupe impegnata in un film in Iran, stratagemma utile per portare fuori dal Paese alcuni americani. continua »

   

News e anticipazioni dal mondo del cinema.

Ben Affleck vuole Alan Arkin

lunedì 13 giugno 2011 - Robert Bernocchi

É una di quelle storie in cui la realtà supera la fantasia. Nel 1979, durante la crisi tra Iran e Stati Uniti, la CIA riuscì a far partire sei diplomatici dall'ambasciata americana a Teheran con un sistema decisamente ingegnoso. Infatti, queste sei persone vennero fatte passare per una troupe di Hollywood impegnata a svolgere delle ricerche per un film chiamato Argo e in questo modo riuscirono a uscire dal Paese. Questa volta, Argo sarà un vero film e racconterà la loro storia. Dopo l'annuncio che Ben Affleck avrebbe diretto il progetto, ora si è saputo che Alan Arkin (premio Oscar per Little Miss Sunshine) è in trattative per incarnare il fondamentale ruolo del produttore Lester Siegel, descritto come un rabbino e un allibratore. continua »

   

Così Hollywood piegò Teheran

di Fabio Ferzetti Il Messaggero

Argo, ovvero: perché Hollywood domina il pianeta (e al pianeta va bene così). A prima vista è un film sull'Iran, la Cia e il potere del cinema, che nel 1979 servì a liberare un gruppo di americani dalla Teheran in rivolta dell'ayatollah Khomeini. In realtà è molto di più. Ispirato a una storia vera, segreto di Stato fino al 1997, Argo celebra due volte il potere della settima arte. Per la storia che racconta, così bella che sembra inventata (l'agente Cia che le diede vita, Antonio Mendez, la ripercorre in dettaglio nel libro omonimo, Mondadori). »

Il miracolo di Hollywood

di Dario Zonta L'Unità

Argo è un film che si basa su di una storia vera e ha al suo centro la forza dell'immaginario cinematografico come leva per cambiare il corso della storia. Realtà e finzione, verità e immaginazione, storia e fantasia. Eterni binomi che in questo film d'azione e di genere trovano un qualche motivo di originalità. Partiamo dai fatti, dalla storia. Siamo in Iran nei primi giorni del novembre 1979. La miope brutalità dello scià Reza Pahlavi e i suoi folli sogni di gloria, come li ha definiti il grande reporter e scrittore polacco Ryszard Kapuscinki nel suo bellissimo Shah-In-Shah, sono stati travolti dalla rivoluzione e dall'ascesa al potere di Khomeini. »

Fuga da Teheran, missione possibile

di Valerio Caprara Il Mattino

Quando il cinema è cinema, sembra che sia stata la realtà a derivare dalla fiction e non viceversa. Uno dei sortilegi della vecchia Hollywood riesce in tempi molto più ardui a Ben Affleck con «Argo», uno di quei film che non si possono perdere se si vuole mantenere un brandello di fiducia nell'ex arte chiave del Novecento. Giunto dopo «Gone Baby Gone» e «The Town» alla terza sortita come regista, l'attore dallo stato di servizio pressoché impresentabile conferma d'avere trovato la sua vera strada e di essere maturato al livello di classici anni Settanta come Pakula e Pollack o dei dirompenti Parker e Scott di «Fuga di mezzanotte» e «Black Hawk Down»: ricostruendo, infatti, un episodio della nuova guerra fredda e, in particolare, di uno dei suoi duelli più ricorrenti e stressanti (Iran-Stati Uniti), non solo tira allo spasimo gli ingranaggi del thriller, ma li arricchisce senza sosta di risvolti umani e psicologici, contrappunti ironici, recitazioni virtuosistiche (il colossale Goodman e il digrignante Arkin su tutti) e un senso del pericolo palpabile, fisico, permanente. »

Ecco Argo il cinema che salva il mondo

di Boris Sollazzo Pubblico

Non fai in tempo a bollare Ben Affleck come uno dei peggiori attori del dopoguerra che lui, a tradimento, diventa uno dei giovani cineasti più interessanti e talentuosi del cinema moderno. Argo è solo una nuova dimostrazione di come lui riesca a padroneggiare il genere come lente d'ingrandimento della società e di una narrazione d'autore che fa grande intrattenimento. Una spy-story così, siamo sinceri, non la vedevamo da un pezzo: nella regia trovi la lezione di Pollack, trovi la passione civile, l'amore per gli attorie la gestione dei colpi di scena e dei ritmi del miglior Redford e del primo Eastwood. »

Argo | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Premio Oscar (10)
Golden Globes (7)
David di Donatello (1)
Cesar (2)
BAFTA (10)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 | 3 |
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
giovedì 8 novembre 2012
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità