•  
  •  
Apri le opzioni

Laurent Tirard

Laurent Tirard è un regista, scrittore, sceneggiatore, è nato il 18 febbraio 1967 Laurent Tirard ha oggi 55 anni ed è del segno zodiacale Acquario.

La cultura francese in tre titoli

A cura di Fabio Secchi Frau

Regista, incisivo sceneggiatore e critico cinematografico francese, conosciuto per aver diretto Le avventure galanti del giovane Molière (2007), Il piccolo Nicolas e i suoi genitori (2009) e Asterix & Obelix al servizio di Sua Maestà(2012). Basterebbero questi tre titoli per tracciare una mappa dell'essenza basilare della cultura francese, con quello che conta e quello che piace al pubblico. Dal privilegio culturale di aver avuto un autore classico come Molière per raccontare vizi e virtù del Settecento a una visione del mondo ipercolorato imposta da Jean-Pierre Jeunet (o almeno venendo a patti con il suo stile), passando per i più grandi rappresentanti del popolo francese in Italia, i Galli Asterix e Obelix sempre alle prese a scannarsi con i Romani.

Studi e lavoro come critico cinematografico
Laurent Tirard nasce il 18 febbraio 1967 in Francia, ma ha studiato cinema alla New York University. Dopo aver trovato un impiego come lettore di sceneggiature per la Warner Bros a Los Angeles, debutta come giornalista e critico cinematografico a Studio Magazine, nel quale rimane per sette anni. Molto note le sue interviste ai grandi cineasti della storia, da Woody Allen a David Lynch, da Martin Scorsese a Jean-Luc Godard, passando per i fratelli Coen, all'interno di una serie di "lezioni di cinema" che sono state raccolte e andate in onda fra il 2004 e il 2006.

I corti
Il debutto come regista avviene inizialmente con il cortometraggio De source sûre che riunisce nel suo cast Hélène de Fougerolles e Gad Elmaleh. Seguirà poi un secondo corto Demain est un autre jour, con Christian Charmetant e Antoine Duléry.

La prima sceneggiatura
Diventato sceneggiatore televisivo, decide di passare al cinema nel 2004 e lavora sulla sceneggiatura del film di Julie Lipinski Finché nozze non ci separino, dove ritrova Hélène De Fougerolles.

Il debutto alla regia in un lungometraggio
Parallelamente, comincia a scrivere lo script di quello che sarà il suo primo lungometraggio Mensonges et trahisons et plus si affinités... (2004) con Grégoire Vigneron, riunendo nel cast Édouard Baer, Marie-Josée Croze, Clovis Cornillac e Alice Taglioni.

Molière in Love
Nel 2006, è uno degli sceneggiatori (ancora una volta assieme a Vigneron) del grande successo al box office Prestami la tua mano di Eric Lartigau. Realizza poi il suo secondo lungometraggio Le avventure galanti del giovane Molière, dove offre la parte del personaggio protagonista a Romain Duris e sceglie per le parti secondarie Édouard Baer e Fabrice Luchini. Soprannominato furbescamente "Molière in Love" (immagina infatti cosa accadde nel buco di informazioni lungo più di un ventennio del drammaturgo francese), il film è piacevole, divertente e avvincente sia per gli occhi della critica internazionale che per quelli del pubblico francese. Merito, principalmente, di una sceneggiatura che cita liberamente future, leggere e colte battute delle commedie del grande autore. Unica pecca, sempre al livello della sceneggiatura, quando Tirard cerca di sottolineare un abusato parallelismo tra vita e teatro o scivola nella sdolcinatezza di un amore impossibile.

Le avventure di Nicolas
Seguirà nel 2009, Il piccolo Nicolas e i suoi genitori, adattamento del libro per ragazzi "Il piccolo Nicolas" di René Goscinny e Jean-Jacques Sempé. Paragonato più o meno correttamente dai critici a I 400 colpi, Zero in condotta, La guerra dei bottoni, Essere e avere e Il favoloso mondo di Amélie, il film fa record di incassi in Francia, raccontando, con uno stile che ricorda alla lontana quello di Jean-Pierre Jeunet, le avventure del piccolo bambino degli Anni Cinquanta, Nicolas, che deve vedersela con l'arrivo di un fratellino. Si tratta, quindi, di un titolo per famiglie, con cromatismi sgargianti e un buon ritmo che intrattiene lo spettatore con un'impronta scherzosa. Non mancherà, visti i risultati, un sequel: Le vacanze del piccolo Nicolas (2015). L'anno dopo dirige invece Jean Dujardin e Virginie Efira in Un amore all'altezza.

Il quarto live-action di Asterix
Plurinominato al César per il suo lavoro e tornato con Vigneron, firmerà la sceneggiatura di Sans laisser de traces, che sarà poi realizzato proprio dal suo collega nel 2010. Scelto per essere il quarto regista che dirigerà un'avventura in live-action di Astérix, il celebre gallo creato dai fumetti di René Goscinny e Albert Uderzo, trasporta sul grande schermo il comic "Astérix chez les Bretons" con il titolo italiano Asterix & Obelix al servizio di Sua Maestà (2012). La storia della regina dei Britanni, interpretata da Catherine Deneuve, che chiede ai due Galli più famosi al mondo per sconfiggere i Romani, divide la critica. Per alcuni, non è altro che una dozzinale e carnevalesca sequela di alcune modeste gags già viste nei precedenti episodi in live-action, con in più qualche divertente citazione al cinema di George Lucas e di Stanley Kubrick, per altri è il miglior "episodio cinematografico" della serie, con un grande dispiego di effetti speciali e una comicità quasi infantile.
Negli ultimi anni ha diretto le commedie Il ritorno dell'eroe e Il discorso perfetto.

Vita privata
Laurent Tirard ha un figlio, Virgile, che recita nelle pellicole inerenti alla saga letteraria del piccolo Nicolas (è Joachim, il compagno di classe del protagonista).

Ultimi film

Focus

INCONTRI
lunedì 22 marzo 2010
Marzia Gandolfi

Temps perdu Con Il piccolo Nicolas e i suoi genitori il cinema francese torna a raccontare per immagini lo stato di grazia dell'infanzia. Trasposizione dei testi di René Goscinny e delle illustrazioni di Jean-Jacques Sempé, il film di Laurent Tirard è un ritratto lirico e lieto di bambini che parlano ai bambini e commuovono gli adulti con il resistente potere della loro fanciullezza. Ponendo la macchina da presa ad altezza di bambino, come fecero con penna e matita i creatori del piccolo Nicolas, il regista francese abbandona la prospettiva adulta e riprende movimenti, candore, afflizione e letizia di "ragazzi(ni) selvaggi" con gli anni in tasca e gli zero in condotta

News

L'enfant terrible di Goscinny torna a scuola e sullo schermo.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati