Il discorso perfetto

Film 2020 | Commedia, 87 min.

Titolo originaleLe Discours
Anno2020
GenereCommedia,
ProduzioneFrancia
Durata87 minuti
Regia diLaurent Tirard
AttoriBenjamin Lavernhe, Sara Giraudeau, Guilaine Londez, François Morel, Julia Piaton Kyan Khojandi, Sarah Suco, Sébastien Chassagne.
DistribuzioneI Wonder Pictures
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Laurent Tirard. Un film con Benjamin Lavernhe, Sara Giraudeau, Guilaine Londez, François Morel, Julia Piaton. Cast completo Titolo originale: Le Discours. Genere Commedia, - Francia, 2020, durata 87 minuti. distribuito da I Wonder Pictures. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Il discorso perfetto tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

E se il discorso al matrimonio del cognato fosse per Adrien la cosa migliore che poteva capitargli per rimettersi in gioco?

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Dal libro di Fabrice Caro, un film teatrale che consegna a Lavernhe il suo primo ruolo da protagonista.
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 4 novembre 2020
Recensione di Marianna Cappi
mercoledì 4 novembre 2020

Adrien è un trentacinquenne romantico, depresso e ipocondriaco, da trentotto giorno ancor più sofferente perché la fidanzata, Sonia, ha messo "in pausa" la loro relazione fino a data da destinarsi. Si trova in questo stato penoso ad una noiosa cena di famiglia quando il fidanzato di sua sorella gli chiede il favore di tenere un discorso durante la cerimonia per il loro matrimonio. Angosciato alla sola idea, Adrien comincia così a produrre un un lungo discorso mentale, in cui immagina quel che potrebbe dire, ricorda i traumi e i bei momenti passati, analizza la sua famiglia, la sua relazione e se stesso, in attesa che un messaggio di Sonia riaccenda in lui la speranza e la felicità.

Il fortunato libro di Fabrice Caro diventa un film per mano del regista del Piccolo Nicolas e di Asterix e Obelix al servizio di sua maestà.

Laurent Tirard ce la mette proprio tutta per tenere vivo il cinema tra le pieghe del teatro filmato, ricorrendo allo sfondamento di pareti immaginarie, ai salti avanti e indietro nel tempo, ai freeze frame e alle mini sequenze di montaggio, ma è uno sforzo che si avverte e che infine logora. Ciò non significa che Benjamin Lavernhe non si guadagni il suo primo ruolo da protagonista, o che il suo monologo, lungo quanto il film, non sia acuto o divertente (chiunque non sia allergico al cinismo in piccola dose troverà carburante per qualche bella risata), e non vuol dire nemmeno che Il discorso perfetto non abbia i suoi padrini cinematografici, da Amélie Poulain, per lo stile scoppiettante delle digressioni, a (500) giorni insieme, per la cronaca delle pene d'amore. Quello che non si può negare, però, è che funzioni anche come un altro tipo di "discorso": un elogio funebre per la scomparsa del cinema inteso come spazio dell'immagine e dell'azione.

Introdotta da una presentazione del protagonista su un palcoscenico, microfono davanti e sipario alle spalle, la commedia rimane di fatto in quella posizione per tutto il resto della sua durata, rimbalzando tra soli interni, affidandosi tutto il tempo alla voice over come in un podcast, e operando un montaggio di riprese e rilanci a partire dalle frasi del monologo, che sostituiscono di fatto le scene del film.

Niente di grave, anche perché il registro, frammentato nel ritmo e espressionista nella mimica, strizza l'occhio al genere che ha fatto la fortuna di Caro, e cioè il fumetto; però quando tutto è affidato alla parola, quando il cinema si fa claustrofobico e artificiale, bisogna che quella parola sia in grado di ammaliare, trattenere, catturare, mentre Il discorso perfetto di Caro e Tirard, alla fine, non è migliore dei tentativi che mette in scena.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 20 ottobre 2020
Veronica Orciari
Sentieri Selvaggi

Irriverente, brillante, denso di emozioni, ma anche un po' cinico. Le discours è sicuramente una commedia riuscita sotto molti punti di vista. E fa ridere. E anche parecchio. Ma lo fa senza rinunciare all'intelligenza, all'introspezione e soprattutto ad uno sguardo che fonde sì elementi "già visti" della commedia, ma lo fa per dare loro nuova linfa vitale in un prodotto che ha molto da dire, in barba [...] Vai alla recensione »

lunedì 19 ottobre 2020
Federico Pontiggia
La Rivista del Cinematografo

C'è solo una cosa peggiore che venire lasciati, ovvero aspettare un messaggio della fidanzata messasi in "pausa" (38 giorni) quando si è a cena con la famiglia: un padre che racconta i soliti aneddoti senza capo né coda, la madre svampita e sottomessa che cucina le solite cose e tiene ancora appeso il portasciugamani - sventuratamente - a forma di pene che facesti alle elementari; una sorella che pende [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati