•  
  •  
Apri le opzioni

Giuseppe Piccioni

Giuseppe Piccioni è un regista, produttore, scrittore, sceneggiatore, è nato il 2 luglio 1953 ad Ascoli Piceno (Italia). Giuseppe Piccioni ha oggi 68 anni ed è del segno zodiacale Cancro.

Tremori d'amore al cinema

A cura di Nicoletta Dose

Regista, sceneggiatore e produttore cinematografico. Uno degli autori più interessanti dello scenario italiano, ha da sempre riflettuto sulle conseguenze di amori tormentati, finiti o impossibili, concentrandosi su quelle figure umane ai margini, distaccate dal mondo ma desiderose di farne parte. Dopo l' esordio con la commedia, sceglie toni e colori del dramma per rappresentare di volta in volta nuovi aspetti del sentimento per eccellenza.

Gli esordi e l'incontro con Margherita Buy
Dopo la laurea in Sociologia, decide di iscriversi alla scuola di cinema della Gaumont di Roma. Nel 1982 realizza Il prologo, cortometraggio apprezzato dagli addetti al settore che lo invogliano a continuare per questa strada. Fa un po' di gavetta nel mondo della pubblicità fino al 1989, quando debutta nel lungometraggio con Il grande Blek prodotto dalla Vertigo Film, da lui fondata assieme a Domenico Procacci qualche anno prima. Il film viene realizzato con un budget molto ridotto ma il modo delicato con il quale il regista affronta le peripezie amorose di un gruppo di giovani della provincia marchigiana riesce a colpire il pubblico del festival di Berlino (dove viene presentato fuori concorso) e quello nostrano che lo premia con il Nastro d'Argento e il Premio De Sica per il giovane cinema italiano. Lancia la carriera dell'attrice Francesca Neri ma sarà Margherita Buy a diventare la protagonista di molti suoi film del futuro. Con lei dirige il suo secondo lavoro, Chiedi la luna (1991), dove l'attrice parte per un viaggio alla ricerca del fidanzato scomparso assieme al fratello Giulio Scarpati. Ciò che interessa a Piccioni non è la destinazione ma il percorso, i piccoli cambiamenti di rotta che rivoluzionano lentamente e con discrezione le vite dei due protagonisti.

Cuori al verde
Richiama la sua attrice feticcio e l'amico Sergio Rubini, presente sempre nei suoi film precedenti, per il grottesco Condannato a nozze (1993). Il film chiude una non dichiarata trilogia sull'amore cominciata con Il grande Blek ma lo fa con troppa spavalderia. Il risultato è una commediola di bassa lega che deride i vizi comuni degli italiani, facendone un ritratto poco lusinghiero e troppo semplicistico. Dopo questa prova non del tutto convincente, ritrova il vecchio spirito con Cuori al verde (1996), dove si sofferma sulla crisi di quattro borghesucci senza lavoro e disorientati dalla mancanza di una donna. Nel cast ricompaiono la Buy e Scarpati, affiancati dalla presenza del comico Gene Gnocchi e di Corso Salani, tutti protagonisti di una riflessione sull'infelicità, ripresa con uno stile naturalistico che decreta il successo popolare del regista.

Persone fuori dal mondo
Recita in una piccolissima parte de Il cielo è sempre più blu (1995) di Antonello Grimaldi, poi ritorna ad occuparsi di regia e sceneggiatura, dove eccelle con il film Fuori dal mondo (1999), vincitore di cinque David di Donatello e di numerosi premi all'estero. Il ritrovamento di un bambino abbandonato da parte di una suora (ancora una volta la Buy in una delle sue interpretazioni migliori) è la miccia che la fa incontrare con il proprietario di una lavanderia (Silvio Orlando); sono entrambi solitudini in affanno che cercano di migliorarsi con l'amore per un neonato che non gli appartiene. Ormai consacrato tra i più importanti autori cinematografici d'Italia, nel 2001 firma la regia di Luce dei miei occhi dove Luigi Lo Cascio, autista con la passione per la fantascienza, e Sandra Ceccarelli, proprietaria di un negozio di surgelati, formano una famiglia sui generis nel tentativo di porre fine alle sofferenze private di ognuno di loro. Presentato alla Mostra di Venezia, i due attori protagonisti ricevono la Coppa Volpi per la migliore interpretazione dell'anno.

Il documentario che riflette sulla figura dell'attore
In veste di produttore finanzia il documentario Un'ora sola ti vorrei (2002) di Alina Marazzi, dal quale trae spunto per realizzare due ritratti per immagini dedicati alle attrici più intense della sua carriera: Margherita Buy in Margherita, ritratto confidenziale (2003) e Sandra, ritratto confidenziale (2003), sulla figura di Sandra Ceccarelli. Dopo le interviste 'private' alle due interpreti, rimane a riflettere sul mestiere dell'attore, su quanto incida nella vita quotidiana e su come affrontare il confine labile tra realtà e finzione. Il lungometraggio è La vita che vorrei (2004), rappresentazione metacinematografica della nascita di un amore tra due attori che si incontrano sul set di un film in costume, lui attore di successo e lei alle prese con il primo ruolo da protagonista.

Il ritorno al cinema di finzione
Nel 2005 fonda assieme ad altri intellettuali la Libreria del Cinema di Roma, dove nasce poi il movimento dei "100 autori", di cui Piccioni è fervente sostenitore. Ritorna dietro la macchina da presa con Giulia non esce la sera (2009) dove ancora una volta è l'amore a legare insieme i due personaggi principali, Valeria Golino che nasconde un passato misterioso e Valerio Mastandrea, scrittore di successo che prova a imparare a nuotare.
Dopo tre anni di silenzio presenta al pubblico un film ambientato nel mondo della scuola romana, Il rosso e il blu, con Margherita Buy e Riccardo Scamarcio. Lavorerà ancora con la Buy nel film in concorso alla 73. Mostra del Cinema di Venezia Questi giorni.

Ultimi film

Drammatico, (Italia - 2016), 120 min.
Commedia, (Italia - 2012), 98 min.
Drammatico, (Italia - 2001), 120 min.
Drammatico, (Italia - 1999), 101 min.
Commedia, (Italia - 1996), 95 min.

Focus

NEWS
venerdì 29 maggio 2009
Marlen Vazzoler

Per i Nastri d'Argento 2009 il film di Garrone riceverà il Nastro dell'anno mentre quello di Sorrentino ha conquistato ben nove candidature per: regia, produttore, sceneggiatura, attore protagonista, attrice non protagonista, fotografia, scenografia, montaggio e sonoro in presa diretta. Nella gara come miglior regista scendono in campo anche Marco Bellocchio col suo Vincere, Pupi Avati per Il papà di Giovanna, Marco Risi per Fortapàsc e Francesca Archibugi per Questione di cuore

INCONTRI
martedì 24 febbraio 2009
Marzia Gandolfi

Cuori al verde Ci è mancato Giuseppe Piccioni. Ci è mancato il suo cinema sommesso e sempre discreto. Ci sono mancate le sue scenografie credibili, la sua fotografia coerente alla storia e il suo coraggio di mettere in scena uomini e donne che hanno qualche "mancanza", che non posseggono l'efficienza media richiesta oggi dal mondo e dal mercato. Ci sono mancati, ancora, i suoi personaggi fuori dal mondo e col cuore al verde

I film più famosi

Drammatico, (Italia - 2001), 120 min.
Drammatico, (Italia - 2016), 120 min.
Commedia, (Italia - 2012), 98 min.
Drammatico, (Italia - 1999), 101 min.
Commedia, (Italia - 1991), 80 min.
Commedia, (Italia - 1993), 110 min.
Drammatico, (Italia - 1987), 106 min.
Commedia, (Italia - 1996), 95 min.

News

È iniziato il conto alla rovescia per la 2a edizione del concorso per giovani registi italiani, in concomitanza con la...
A cinque anni da La vita che vorrei esce il nuovo film di Giuseppe Piccioni, storia d'amore "fuori dal mondo".
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati