•  
  •  
Apri le opzioni

Alfonso Arau

Alfonso Arau è un attore messicano, regista, produttore, è nato il 11 gennaio 1932 a Città del Messico (Messico). Alfonso Arau ha oggi 90 anni ed è del segno zodiacale Capricorno.

Ho solo fatto a pezzi Sharon Stone

A cura di Fabio Secchi Frau

Manca pochissimo, se non nulla, per consacrarlo uno dei più grandi registi messicani. Non ha mai avuto un attimo libero da quando ha cominciato a impegnarsi nel mondo dello spettacolo, ma in compenso ha tanta resistenza. Dopo aver lavorato praticamente ovunque (televisione, radio, cinema), Alfonso Arau si è imposto a Hollywood scacciando via quell'immagine del Messico come terra di stanchezza e di vaghi sensi di alienazione e sostituendola con una nazione amorale, perfettamente grottesca, folkloristica ma anche romantica. Attore di secondo piano per due terzi della sua carriera, nell'ultimo periodo si è concentrato sulla difficile arte registica diventando un autore scaltro e molto buono. Emozionato fan di cinema italiano (e lo dimostra Il profumo del mosto selvatico, ripreso dal nostro Quattro passi tra le nuvole), inserisce magia in tutti i suoi film facendone opere edificanti, patinate e manieristiche, un po' alla James Ivory, inserendoci però l'indiscrezione, la spudoratezza e la rassegnazione tutta messicana.

La gavetta
Studia discipline teatrali con Seki Sano (maestro giapponese di recitazione e compagno di classe di Lee Strassberg con Stanislavski in Russia) e Città del Messico la città nella quale è nata e pantomima con Etienne Dacroux e Jacques Lecoq a Parigi. Più europeo che messicano, si sposta poi in California per studiare cinema all'UCLA. Durante gli Anni Cinquanta, torna in patria per lavorare nella tv messicana con il partner Sergio Corona, con il quale formerà un duo ballante e cantante Corona y Arau.

La carriera di attore
Scioltosi il duo, entra a lavorare nel mondo del cinema, costruendo una carriera versatile come attore di secondo piano per autorevoli registi della comunità latina come Fernando Cortés - che lo dirigerà in Miradas que matan (1954) - e Alberto Isaac. Da sottolineare anche la pellicola con il regista Luis Buñuel eccezionalmente in veste di attore in In questo villaggio non ci sono ladri (1965). I film sono così tanti e hanno un così buon successo che verrà spesso scelto da Hollywood per piccoli ruoli in western (Il mucchio selvaggio, 1969, di Sam Peckinpah con William Holden e Ernest Borgnine e I giustizieri del West, 1975, di e con Kirk Douglas), avventura (All'inseguimento della pietra verde, 1984, di Robert Zemeckis con Michael Douglas, Danny DeVito e Kathleen Turner) e commedie (I tre amigos!, 1986, con Steve Martin).

La carriera da regista
È dal 1971, che comincia la sua avventura come regista. Il primo film che gira è El águila descalza (1971), cui seguiranno diversi film messicani, fra questi il migliore è sicuramente il melodramma familiare Come l'acqua per il cioccolato (1992), tratto dal romanzo di sua moglie, Laura Esquivel, e che lo porta a essere nominato ai BAFTA e ai Goya per il miglior film straniero. Dopo il già citato Il profumo del mosto selvatico, passa alla commedia con Ho solo fatto a pezzi mia moglie (2000) con Sharon Stone e Woody Allen. Poi dal romanzo omonimo di Francesco Costa, traspone L'imbroglio nel lenzuolo (2010), dove riconferma Maria Grazia Cucinotta come sua interprete prediletta (era già stata protagonista di Ho solo fatto a pezzi mia moglie).

Ultimi film

Animazione, Avventura, Commedia - (USA - 2017), 109 min.
Western, (USA - 1975), 94 min.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati