L'Affido - Una storia di violenza

Film 2017 | Drammatico +13 90 min.

Titolo originaleJusqu'à la garde
Anno2017
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia
Durata90 minuti
Al cinema2 sale cinematografiche
Regia diXavier Legrand (II)
AttoriDenis Ménochet, Léa Drucker, Thomas Gioria, Mathilde Auneveux, Mathieu Saikaly Florence Janas, Saadia Bentaïeb, Sophie Pincemaille, Emilie Incerti-Formentini, Coralie Russier.
Uscitagiovedì 21 giugno 2018
TagDa vedere 2017
DistribuzioneNomad Film e P.F.A. Films
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,21 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Xavier Legrand (II). Un film Da vedere 2017 con Denis Ménochet, Léa Drucker, Thomas Gioria, Mathilde Auneveux, Mathieu Saikaly. Cast completo Titolo originale: Jusqu'à la garde. Genere Drammatico - Francia, 2017, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 21 giugno 2018 distribuito da Nomad Film e P.F.A. Films. Oggi tra i film al cinema in 2 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,21 su -1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi L'Affido - Una storia di violenza tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Due genitori divorziano e litigano per la custodia del figlio. Quando il giudice prende la sua decisione, la principale vittima sarà proprio il ragazzo. Il film è stato premiato al Festival di Venezia. In Italia al Box Office L'Affido - Una storia di violenza ha incassato 19 mila euro .

Consigliato sì!
3,21/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,44
PUBBLICO 3,20
CONSIGLIATO SÌ
Un film intimista che dà battaglia ai cattivi padri. Una radiografia dell'umanità che non lascia scampo.
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 9 settembre 2017
Recensione di Marzia Gandolfi
sabato 9 settembre 2017

Miriam e Antoine Besson si sono separati malamente. Davanti al giudice discutono l'affidamento di Julien, il figlio undicenne deciso a restare con la madre. Ma Antoine, aggressivo e complessato, vuole partecipare alla vita del ragazzo. Ad ogni costo. Il desiderio, accordato dal giudice, diventa fonte di ansia per Julien, costretto a passare i fine settimana col genitore. Genitore che contesta col silenzio e combatte con determinazione. Julien vorrebbe soltanto proteggere la madre dalla violenza fisica e psicologia che l'ex coniuge le infligge. Invano, perché l'ossessione di Antoine è più forte di tutto e volge in furia cieca.

Quattro anni dopo Avant que de tout perdre, storia di una violenza coniugale che rivela compiutamente il talento del regista, Xavier Legrand rimette mano al suo corto, lo sviluppa e gli dona il respiro di un thriller sociale.

Lèa Drucker è di nuovo la moglie di un uomo violento e invasato che ha deciso di renderle la vita un inferno. Ma questa volta Legrand registra ad altezza di bambino, scoprendo progressivamente la miseria del vuoto intorno a lui. Vuoto di sensibilità, di intelligenza, di amore che gli soffoca il domani, la possibilità di respirare e crescere. Julien diventa il testimone sensibile e tenace di un matrimonio terminale che si contende la sua felicità.

Alla maniera del suo corto, pluripremiato al festival di Clermont-Ferrand nel 2013, L'affido affronta senza compiacenza l'abuso domestico e i comportamenti coercitivi esercitati da un padre (e un marito) per controllare emotivamente il nucleo familiare da cui è stato estromesso. Agito nella verde Borgogna, il film, mai apertamente violento, monta minuto dopo minuto attorno al corpo minuto di Julien e a quello patito della sua mamma, determinata a proteggere la sua famiglia e l'intimità negata.

La costruzione narrativa, l'esplorazione della lingua, la struttura del pensiero dei personaggi indicano una maniera umana di guardare il mondo. Rigoroso nella costruzione dei quadri, che intendono sempre un senso drammaturgico e uno emozionale, Legrand articola con precisione le azioni, gli sguardi, i respiri e i suoni che rompono il silenzio notturno del sonno in un finale angosciante. Epilogo che esplode le minacce insinuate al debutto.

Amore e possesso, corpo e stereotipi, vecchie paure e nuovi limiti oltre ai quali c'è soltanto odio, rabbia, dissipazione, annientamento di sé e dell'altro. L'autore francese aderisce allo sguardo azzurro del suo piccolo grande protagonista che matura prematuramente nella sofferenza. I suoi spasmi denunciano il sommerso più esteso della violenza contro i più vulnerabili. Legrand indaga dietro la porta, intorno al tavolo, dentro la vettura quella forma insopportabile di abuso che facciamo fatica a identificare e quando iniziamo a vederla spesso è già troppo tardi. A incarnare la spinta cieca e brutale della pulsione è Denis Ménochet, già interprete del progetto originale al fianco di Lèa Drucker. Corpo ottuso e massivo, Antoine incombe sulla silhouette fragile della consorte e sul fanciullo di Thomas Gioria, che con impavida naturalezza presta volto e lacrime alle ferite dell'infanzia.

Legrand filma il suo Julien con empatia, emergendo la sua avventura umana e la fine della fanciullezza in un'escalation di sopravvivenza che apre per lui una via crucis legale. Il laconismo dell'opera sfocia alla fine in qualcosa di bestiale e tremendamente amaro, in una radiografia dell'umanità che non lascia scampo. A restare in fondo all'incubo è un film intimista che dà battaglia ai cattivi padri. Quelli che invece di misurarsi con la propria solitudine, perseguitano, colpiscono, minacciano e ammazzano.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 1 luglio 2018
loland10

“L’Affido. Una storia di violenza” (Jusqu'à la gard, 2017) è il primo lungometraggio del regista francese Xavier Legrand. Un ‘docu-film’ opera prima premiato a Venezia nello scorso settembre. La distribuzione è quella che è ma viene da chiedersi se già dall'inizio i produttori non credono a certe storie.

sabato 23 giugno 2018
vanessa zarastro

“Jusqu’à la Garde, il titolo in originale, affronta il tema scabroso delle violenze domestiche. Il film si apre con l’udienza davanti al giudice di una coppia, l’ex marito Antoine Besson e la moglie Miriam (molto ben interpretati da Denis Ménochet e Léa Drucker), rappresentati dai rispettivi avvocati, per stabilire a quale dei due genitori affidare il figlio [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 dicembre 2017
lapo10

A chi storceva il naso per la scelta, Alberto Barbara assicurava che Jusqu'à la garde, opera prima, di Xavien Lagrande, sarebbe stato una grande sorpresa. Personalmente non ho pregiudizi sulla scelta di un'opera prima nel concorso principale. Se il film è buono è buono a prescindere dall'autorità del suo creatore. Incuriosito dalle affermazioni del direttore della Mostra ho assistito, così, all'ultima [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 giugno 2018
Flyanto

 Tra le molteplici pellicole affrontanti il serio e delicato tema delle violenze domestiche è da segnalare “L’Affido” del regista Xavier Legrand (II). Opera prima di successo tale da meritarle a ben agione il Leone d’Argento al Festival del Cinema di Venezia lo scorso anno, racconta di una coppia di genitori che si sta separando a causa delle reazioni violente da [...] Vai alla recensione »

domenica 24 giugno 2018
cardclau

Nell’ “Affido – Una storia di violenza”, il regista Xavier Legrand ha una grandissima miopia, si limita ad agire quello che la gente si aspetta. La gente si aspetta che ci sia una chiara dicotomia, tra le indifese, tenere, dolci, ed innocenti femmine (bianche) e i violenti, irriflessivi, impulsivi, e direi tendenzialmente femminicidi maschi (neri).

mercoledì 13 giugno 2018
Paolo.A

Film di grande tensione, girato in maniera perfetta, che fa riflettere su un tema di attualità, come la separazione di una famiglia ed il femminicidio.

domenica 24 giugno 2018
salvatore

Un film osceno e pieno di pregiudizio che non rispecchia la verità di 4milioni di papà separati che molti a rischio povertà e molti vittima di ingiustizia e di mala giustizia e di violenza psicologica fatta dalla madre del FIGLIO che spesso spesso spinge il figlio contro il padre vittima di violenza verbale fatta d insulti davanti al bambino e se rispondi sei tu il violento vittima [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 22 giugno 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Cronaca familiare dalla pagina di giornale al film. Conta il come. L'esordiente Legrand (premiato a Venezia) ha chiesto agli attori di assimilare e tenere compresso e implicito tutto: alla madre, i passaggi di scontri brutali e pestaggi del marito in un matrimonio; al marito, la possessione del dominio e il crescendo di una volontà di vendetta dopo la separazione; al figlio piccolo, il terrore del [...] Vai alla recensione »

sabato 23 giugno 2018
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Famiglie 2. Prima una protesta: i film riusciti hanno anche un titolo adeguato alla trama, allettante per lo spettatore senza bisogno di spiattellare tutto fino in fondo. E comunque, se proprio era necessario un chiarimento per le anime semplici e italiche, e magari salviniane (siamo certi invece che Luigi Di Maio consideri il cinematografo una diavoleria moderna e pericolosa, al pari dei negozi aperti [...] Vai alla recensione »

venerdì 22 giugno 2018
Marcos Uzal
Libération

Inizialmente L'affido - premiato a Venezia per la regia e come opera prima - sembra un'opera a soggetto, un serissimo e documentato film sulla violenza domestica. Però, dopo una prima parte "giuridica" quasi documentaria in cui si discute la custodia di un minore, L'affido si arrocca in una dimensione intima resa insopportabile dalla violenza di un uomo che cerca di mantenere in ogni modo la presa [...] Vai alla recensione »

venerdì 22 giugno 2018
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Non si vince per caso un Leone d'Argento alla regia e un Leone del Futuro, per di più attribuiti da due distinte giurie. È riuscito a Azsqu'à la garde, opera prima del francese classe 1979 Xavier Legrand, l'anno scorso alla 74esima Mostra di Venezia. Titolo italiano L'affido, inquadra Miriam (Léa Drucker, brava) e Antoine Besson (Denis Ménochet, perfetto): divorziati, lottano per la custodia del figlio [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 giugno 2018
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Il film inizia davanti a un giudice. Un uomo e una donna stanno discutendo dell'affidamento di Julien, il loro figlio undicenne. Un batti e ribatti tennistico di accuse, come se ne sono visti tanti. Si intuisce che il padre, Antoine, è un violento; ha fatto del male all'altra figlia, maggiorenne (quindi, fuori dalla disputa), come dimostra un referto medico presentato in udienza.

giovedì 21 giugno 2018
Alessandra Levantesi
La Stampa

Scritto e diretto sullo spunto di un suo corto nominato all'Oscar dall'esordiente Xavier Legrand, Jusqu'a la garde (L'affido - Una storia di violenza) inizia con una coppia di divorziati seduti davanti a una giudice chiamata a decidere se il marito, in sospetto di aver picchiato la moglie ( e non solo), abbia diritto all'affidamento congiunto del figlioletto undicenne.

giovedì 21 giugno 2018
Cristina Piccino
Il Manifesto

L'affido è quello che si dice un film «consensuale», e il doppio premio - Leone d'Argento e De Laurentiis per la migliore opera prima - alla scorsa Mostra del cinema di Venezia, dove era in concorso ne sono una conferma. La storia di violenze familiari confezionata senza lasciare buchi - e senza nemmeno «risparmiare» narrativamente alcuno svolgimento dei passaggi messi in campo - «accarezza» di continuo [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 giugno 2018
Emiliano Morreale
La Repubblica

Generosamente insignito di due premi all'ultima Mostra di Venezia (Leone d'argento alla migliore regia e premio alla miglior opera prima), L'affido, esordio nel lungometraggio di Legrand, già vincitore di un Oscar per il miglior corto, ha come miglior pregio l'efficacia e la tenuta drammaturgica, anche se magari non le sfumature. Dopo lungo contendere, i due figli di una coppia (un'adolescente e un [...] Vai alla recensione »

NEWS
DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 22 giugno 2018
Lapo10

A chi storceva il naso per la scelta, Alberto Barbera assicurava che L'affido (guarda la video recensione), opera prima, di Xavier Legrand, sarebbe stato una grande sorpresa. Personalmente non ho pregiudizi sulla scelta di un'opera prima nel concorso [...]

NEWS
mercoledì 20 giugno 2018
Francesca Ferri

Quando il cinema diventa momento di riflessione sui problemi quotidiani il dramma si fa amaramente realistico. L'affido - Una storia di violenza (guarda la video recensione), premiato con il Leone d'argento alla 74° Mostra Internazionale di Venezia, [...]

VIDEO RECENSIONE
lunedì 18 giugno 2018
A cura della redazione

Miriam e Antoine si sono separati malamente. Davanti al giudice discutono l'affidamento di Julien, il figlio undicenne deciso a restare con la madre. Ma Antoine vuole partecipare alla vita del ragazzo.

winner
leone d'argento
Festival di Venezia
2017
winner
leone del futuro - premio luigi de laurentis
Festival di Venezia
2017
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati