Dizionari del cinema
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 15 maggio 2021

Pietro Castellitto

L'altro Castellitto

29 anni, 16 Dicembre 1991 (Sagittario), Roma (Italia)
occhiello
Io ho la profonda necessitÓ di una bomba...
dal film I predatori (2020) Pietro Castellitto Ć Federico Pavone
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Pietro Castellitto
I predatori

I predatori

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,86)
Un film di Pietro Castellitto. Con Massimo Popolizio, Manuela Mandracchia, Pietro Castellitto, Giorgio Montanini, Dario Cassini.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2020. Uscita 22/10/2020.
La profezia dell'armadillo

La profezia dell'armadillo

* * 1/2 - -
(mymonetro: 2,83)
Un film di Emanuele Scaringi. Con Simone Liberati, Valerio Aprea, Pietro Castellitto, Laura Morante, Claudia Pandolfi.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2018. Uscita 13/09/2018.
Venuto al mondo

Venuto al mondo

* * - - -
(mymonetro: 2,47)
Un film di Sergio Castellitto. Con PenÚlope Cruz, Emile Hirsch, Adnan Haskovic, Pietro Castellitto, Saadet Aksoy.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 2012. Uscita 08/11/2012.
╚ nata una star?

╚ nata una star?

* 1/2 - - -
(mymonetro: 1,65)
Un film di Lucio Pellegrini. Con Luciana Littizzetto, Rocco Papaleo, Pietro Castellitto, Gisella Burinato, Michela Cescon.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2012. Uscita 23/03/2012.
La bellezza del somaro

La bellezza del somaro

* * - - -
(mymonetro: 2,47)
Un film di Sergio Castellitto. Con Sergio Castellitto, Laura Morante, Enzo Jannacci, Marco Giallini, Barbora Bobulova.
continua»

Genere Commedia, - Italia 2010. Uscita 17/12/2010.
Filmografia di Pietro Castellitto »

mercoledý 12 maggio 2021 - La quasi totale esclusione tra i vincitori di Favolacce e delle candidate femminili dimostra che non è ancora tempo di rivoluzione.

David 2021, Volevo Nascondermi asso piglia tutto in unĺedizione poco coraggiosa

Paola Casella cinemanews

David 2021, Volevo Nascondermi asso piglia tutto in unĺedizione poco coraggiosa L’asso piglia (quasi) tutto ai David di Donatello 2021 è Volevo nascondermi (guarda la video recensione), il bel film di Giorgio Diritti sul pittore Antonio Ligabue già premiato a Berlino per la magistrale interpretazione di Elio Germano, e poi penalizzato nell’uscita sala dall’arrivo della pandemia e del conseguente lockdown: sette statuette, per Miglior Film, Miglior Regia, Miglior Attore Protagonista, Miglior Autore della Fotografia (Matteo Cocco), Miglior Scenografia (Ludovica Ferrario, Alessandra Mura, Paola Zamagni), Miglior Suono (Carlo Missidenti, Filippo Toso, Luca Leprotti, Marco Biscarini e Francesco Tumminello) e Miglior Acconciatore (Aldo Signoretti). 

Seguono, con tre David ciascuno, Miss Marx (premiato per il Miglior Produttore, la Vivo film di Marta Donzelli – neo presidente del Centro Sperimentale di Cinematografia – e Gregorio Paonessa;  Miglior costumista a Massimo Cantini Parrini, reduce dalla nomination agli Oscar per Pinocchio; e Miglior compositore ai Gatto ciliegia contro il grande freddo), e L’incredibile storia dell’isola delle rose, film Netflix eleggibile in virtù della deroga che ha permesso anche alle piattaforme di concorrere ai David (Miglior attrice non protagonista a Matilda De Angelis, Miglior attore non protagonista a Fabrizio Bentivoglio e Migliori effetti visivi a Stefano Leoni ed Elisabetta Rocca). 
 
I grandi esclusi sono Hammamet, che porta a casa solo il premio al Miglior Truccatore (Luigi Ciminelli, Andrea Leanza, Federica Castelli), Favolacce (guarda la video recensione), che assegna il David solo al montaggio di Esmeralda Calabria, e due film che avrebbero meritato sia più candidature che più statuette: Le sorelle Macaluso di Emma Dante e Cosa sarà di Francesco Bruni. Felici invece per Marco Pettenello e Gianni Di Gregorio che vincono per la Miglior Sceneggiatura Non Originale di Lontano lontano, altro titolo ingiustamente penalizzato dal lockdown.

In generale, questa 66esima premiazione è sembrata improntata alla tradizione e ai riconoscimenti a volti e nomi noti, da Sophia Loren, che vince il David come Miglior attrice per La vita davanti a sé, a Pietro Castellitto, che vince come Miglior Regista Esordiente per I predatori, mentre le vere novità, come i gemelli D’Innocenzo o il cast di Favolacce e Le sorelle Macaluso, dovranno aspettare tempi più coraggiosi. 

Anche la presenza femminile alla regia, più cospicua che in passato, torna a casa a mani vuote: nessun David alla regia per Susanna Nicchiarelli ed Emma Dante, ma anche per Ginevra Elkann e Alice Filippi, candidate nella categoria Miglior Regista Esordiente, così come Francesca Mazzoleni e Valentina Pedicini, candidate per il Miglior Documentario, premio vinto da Alex Infascelli con Mi chiamo Francesco Totti. Nessun tributo neppure alla scomparsa Pedicini, un lungo (e meritato) tributo invece a Mattia Torre, premiato come Miglior Sceneggiatore per Figli: il premio viene ritirato dalla figlia Emma che fa il discorso più bello della serata, profondamente commovente e sincero.

L’unica vera sorpresa, e il momento più esilarante della serata, è il David alla Miglior Canzone Originale che, invece di premiare la superfavorita Laura Pausini, già candidata all’Oscar con la sua "Io sì", va a "Immigrato" di Checco Zalone, peraltro ignorato come Miglior Regista Esordiente per Tolo Tolo, il campione di incassi dell’annus horribilis 2020, la cui uscita sala aveva preceduto di un soffio l’esplosione della pandemia. La reazione divertita della Pausini e quella genuinamente sorpresa di Luca Medici, con moglie e figlia già placidamente addormentate e una connessione internet che rende il suo discorso di accettazione smozzicato e incomprensibile, la dicono lunga sull’imprevedibilità di questo David, e danno una salutare scossa ad una cerimonia per il resto molto convenzionale.

È però importante aver visto quasi tutti i candidati presenti (sebbene distanziati) al Teatro dell’Opera di Roma, e ascoltare le parole di speranza del ministro della Cultura Dario Franceschini, convinto che “ci aspetti una grande stagione” e impegnato pubblicamente in grandi investimenti sul cinema. Ci auguriamo che il trend verso una maggiore inclusione dei giovani e delle donne porti in futuro anche a maggiori riconoscimenti, così che non debba piovere solo sul bagnato.

   

martedý 11 maggio 2021 - Il regista si è aggiudicato il premio per il suo esordio I predatori.

David 2021, Pietro Castellitto vince il premio come Miglior Regista Esordiente

a cura della redazione cinemanews

David 2021, Pietro Castellitto vince il premio come Miglior Regista Esordiente SINOSSI: Pierpaolo è un medico sposato con Ludovica, affermata regista. Il loro figlio Federico è un laureando in filosofia tiranneggiato da un barone universitario che gli preferisce qualunque altro studente. Le loro vicende si incrociano con quelle di Bruno, primario amico di Pierpaolo, e di sua moglie Gaia, nonché con quelle di Claudio e Carlo, due fratelli che gestiscono un'armeria e fanno parte di un gruppo neofascista. Completano il quadro le moglie i figli di Carlo e Claudio, e un sulfureo personaggio che resterà (di fatto) innominato e che compare solo all'inizio e alla fine.

Pietro Castellitto vince il David di Donatello come Miglior Regista Esordiente. 
   

domenica 18 aprile 2021 - La 16ma edizione apre con una selezione di film imperdibili e altri numerosi eventi in streaming. ACCEDI GRATIS AL FESTIVAL. 

Los Angeles, Italia su MYmovies, al via con il concerto omaggio a Ennio Morricone

a cura della redazione cinemanews

Los Angeles, Italia su MYmovies, al via con il concerto omaggio a Ennio Morricone L’ormai classica kermesse Los Angeles, Italia – Film, Fashion and Art Festival, promossa con il Ministero della Cultura (Dg Cinema e Audiovisivi) e Intesa Sanpaolo, sarà in programma (sino alla vigilia degli Oscar, domenica 25 aprile) tra l’Hollywood Chinese Theatre, le piattaforme Eventive.org e MYmovies.it (disponibili numerosi eventi e una ricca selezione di titoli in streaming) ed i social media della manifestazione (losnnagelesitalia.com, Facebook, Instagram e YouTube).

SCOPRI IL PROGRAMMA COMPLETO

Ad aprire i battenti ci sarà il concerto in streaming di Andrea Morricone (il figlio del grande compositore Ennio), e di Andrea Griminelli che inaugurerà oggi alle 18.00 (ora italiana). Si tratta di un vero e proprio tributo a Ennio Morricone.
L'attesa performance di Morricone Jr e del celebre flautista (momento clou della sezione ‘The Italian Masters’, che prevede anche il premio “L.A., Italia Legend Award” a Sophia Loren) coinvolgerà tutta la settimana tanti amici e fan del leggendario compositore romano, Premio Oscar 2016.
Primi tra tutti Clint Eastwood (a cui era legato dalle esperienze nei film con Sergio Leone), Quentin Tarantino che lo volle nel suo ultimo film The Hateful Eight (guarda la video recensione) e, a poche ore dall’Oscar nel 2016, gli consegno’ la "Stella sulla Walk of Fame” insieme a Pascal Vicedomini, e l’altrettanto leggendario musicista Quincy Jones (che era solito chiamare Morricone "Fratellino").

Tra gli appuntamenti imperdibili della prima giornata di programmazione segnaliamo il mediometraggio Leher - The Wave of Empowerment (in streaming oggi, dalle 3.00 dopo mezzanotte) che mostra con grande onestà le battaglie di un gruppo di persone che è riuscito a sfuggire alla crudeltà degli attacchi con l'acido nei sobborghi della società indiana. Ma sono tanti i medio e cortometraggi che mostreranno le contraddizioni della società italiana, anche durante il lockdown (tra questi Chronicle of the Absencein streaming dalle 1.00 dopo mezzanotte). E non solo dentro i confini del paese. Oggi infatti la proposta per gli spettatori italiani prevede una selezione di 12 opere.
 
E sarà Pinocchio (guarda la video recensione) di Matteo Garrone (candidato agli Oscar per i costumi di Massimo Cantini Parrini ed il trucco e parrucco di Mark Coulier, Dalia Colli e Francesco Pegoretti) il film con cui, alle 4 del pomeriggio di Los Angeles, si riapriranno le porte del Chinese Theatre e con esso delle sale cinematografiche internazionali per le opere italiane. L'appuntamento imperdibile per gli spettatori italiani è alle ore 20.00 (ora italiana) con la diretta Pinocchio sbarca a Hollywood, un incontro con Matteo Garrone, Federico Ielapi e Massimo Cantini Parrini.A seguire La vita davanti a sé anticipato dal premio al regista Edoardo Ponti, per il quale Laura Pausini è candidata all’Oscar per la miglior canzone dell’anno ("Io sì-Seen") insieme agli autori Diane Warren e Niccolò Agliardi. Tra gli altri film in cartellone a Hollywood: Fatima di Marco Pontecorvo, Notturno di Gianfranco Rosi (opera che ha rappresentato l’Italia agli Academy Awards), Deux di Filippo Meneghetti, (in corsa per la Francia), The Man Who Sold His Skin con Monica Bellucci (opera tunisina in corsa per l’Oscar al Best International Film), La veduta luminosa di Fabrizio Ferraro (presentato a Berlino 2021), insieme ai film super-candidati ai David di Donatello Favolacce (guarda la video recensione) dei fratelli d’Inncenzo e Volevo nascondermi (guarda la video recensione) di Giorgio Diritti. E poi, I predatori di Pietro Castellitto (vincitore sezione collaterale Venezia 2020), Fellini degli spiriti di Anselma dell’Olio, Recon (anteprima con Franco Nero), Lasciami andare di Stefano Mordini, Paolo Conte – Via con me di Giorgio Verdelli (successo internazionale dopo Venezia 2020), Extraliscio di Elisabetta Sgarbi.

Tra gli omaggi al cinema italoamericano la proiezione speciale The Comeback Trail (con Robert De Niro, Morgan Freeman, Tommy Lee Jones) di George Gallo. E per l’animazione Puffins e Arctic Friends (le nuove serie prodotte da Iervolino Ent.). Ulteriori proiezioni (per un totale di 163 opere tra lungometraggi, documentari e corti, per lo più inediti) saranno disponibili esclusivamente per la platea virtuale americana: tra queste Natale in casa Cupiello di Edoardo De Angelis (dall’omonima commedia di Eduardo De Filippo), Isola di Elisa Fuksas, Tintoretto - L’artista che uccise la pittura di Erminio Perocco, La regola d’oro di Alessandro Lunardelli (costumi di Massimo Cantini Parrini candidato all’Oscar). E anche una mini-retrospettiva di Ivan Cotroneo e Alessandro D’Alatri tra film e fiction.

E poi, per la sezione The Italian Masters, a cura di Minerva Pictures e MovieItaly, omaggi a Bernardo Bertolucci (Il conformista), Pier Paolo Pasolini (Medea), Roberto Rossellini (Il generale della Rovere), Luchino Visconti (Bellissima), Luigi Comencini (Il gatto), Luigi Zampa (Il medico della mutua). La cultura italiana sarà protagonista anche con focus sulle celebrazioni dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri con Pupi Avati, che sta lavorando a un film sul sommo poeta, e Luca Sommi; e su Caravaggio con Vittorio Sgarbi e Michele Placido, autore di un atteso film sul celebre artista protagonista Riccardo Scamarcio.

Los Angeles, Italia 2021, presieduto dal premio Oscar Nick Vallelonga (Green Book (guarda la video recensione)) e dal produttore Andrea Iervolino, è promosso anche col patrocinio del Ministero degli Esteri e la partecipazione di Rai Cinema, Rai Com, Rainbow, Iervolino Entertainment, Isaia, nonché di Anica, Apa, del Consolato Generale d'Italia a L.A., ICE, Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles e Rai Italia.

   

Altre news e collegamenti a Pietro Castellitto »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
martedý 11 maggio
Favolacce
Mi chiamo Francesco Totti
mercoledý 28 aprile
La prima donna
martedý 27 aprile
L'agnello
Imprevisti Digitali
martedý 13 aprile
Burraco fatale
Lei mi parla ancora
Genesis 2.0
giovedý 1 aprile
Il concorso
martedý 23 marzo
Easy Living - La vita facile
giovedý 18 marzo
I predatori
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità