50 primavere

Film 2017 | Commedia +13 89 min.

Titolo originaleAurore
Anno2017
GenereCommedia
ProduzioneFrancia
Durata89 minuti
Al cinema3 sale cinematografiche
Regia diBlandine Lenoir
AttoriAgnès Jaoui, Thibault de Montalembert, Pascale Arbillot, Sarah Suco, Lou Roy-Lecollinet Nicolas Chupin, Rachel Farmane, Laurie Bordesoules, Juliette Vieux Peccate, Armand Paul Jean.
Uscitagiovedì 21 dicembre 2017
DistribuzioneBim Distribuzione
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,84 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Blandine Lenoir. Un film con Agnès Jaoui, Thibault de Montalembert, Pascale Arbillot, Sarah Suco, Lou Roy-Lecollinet. Cast completo Titolo originale: Aurore. Genere Commedia - Francia, 2017, durata 89 minuti. Uscita cinema giovedì 21 dicembre 2017 distribuito da Bim Distribuzione. Oggi tra i film al cinema in 3 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,84 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
50 primavere
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Una donna compie cinquant'anni e decide di andare a caccia di un principe azzurro. La sua vita non può essere solo fare la nonna. In Italia al Box Office 50 primavere ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 371 mila euro e 66,1 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
2,84/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,25
PUBBLICO 2,27
CONSIGLIATO SÌ
Una commedia tutta al femminile per riflettere su uno dei momenti chiave della vita di una donna.
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 22 ottobre 2017
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 22 ottobre 2017

Aurore è una donna sulla cinquantina che fa la cameriera ed è separata dal marito da cui ha avuto due figlie di cui una è incinta. Nel momento in cui perde il lavoro apprende anche di stare per diventare nonna. Questi due eventi la mandano in crisi: vede troppi anni dietro di sé. Casualmente però incontra un amore di gioventù e pensa di poter ricominciare. Non è però così semplice.

Si possono scrivere (e di fatto si sono scritti) dei saggi su quel delicato momento in cui una donna avverte il senso dello scorrere del tempo e teme di stare diventando 'vecchia'.

Si può però anche fare un film e riuscire a dire, anche divertendo, molte cose in materia trasmettendo sensazioni che la parola scritta forse non riuscirebbe a rendere appieno.

La commedia francese come genere rappresenta il terreno ideale su cui compiere un simile esercizio. Ci vuole però una regista (non 'un' regista) che non è ancora arrivata alle cinque decadi di vita ma che conosce bene le donne e un'attrice che dia corpo a tutti quei rivolgimenti che la medicina riassume nel periodo della menopausa (con le sue vampate di calore). Blandine Lenoir l'ha trovata in Agnès Jaoui che sa leggere nei più piccoli dettagli le sfumature di un personaggio che passa dalla accensione vitale al pianto e che si ritrova a confrontarsi con quello che avrebbe potuto essere e non è stato.

A partire da Café Society e passando per La La Land il tema sembra essere diventato uno dei favoriti dal cinema. Il riascoltare una canzone di "Hair" pensando a quando le proprie figlie erano piccole e spensierate mentre ora sono giovani donne con problemi più o meno grandi può provocare nostalgia. Ma Jaoui non è attrice che accetti personaggi rassegnati a qualcosa (nello specifico allo scorrere del tempo). Lo spettatore ne segue le incertezze, i mutamenti d'umore ma in cuor suo sa che Aurore cercherà una via d'uscita. Una soluzione però che non si limiti alla sottile rappresaglia che la sua amica del cuore compie nei confronti di uomini che stanno con donne molto più giovani di loro in una delle scene più esilaranti del film.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 28 dicembre 2017
Michele Camero

 Il film viene presentato sotto il genere “commedia”, un termine che in Francia ha un’accezione diversa da quella che ha da noi, dove indica, per la maggior parte degli spettatori, una pellicola dove ci si scompiscia dalle risate. Oltralpe in linea di massima si fa invece riferimento alla commedia della vita, eccezion fatta per alcuni ripetuti tentativi di riproduzione delle [...] Vai alla recensione »

lunedì 8 gennaio 2018
Flyanto

 "50 Primavere" , come si evince dal titolo, è un film che tratta l'argomento della menopausa o, più precisamente, come la protagonista, una donna appunto di 50 anni, affronta questo delicato periodo dell'esistenza femminile. La donna in questione, mamma di due ragazze, una di circa 25 anni in attesa di un bimbo dal suo compagno e l'altra, una studentessa [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 dicembre 2017
Michele Camero

   Il film viene presentato sotto il genere “commedia”, un termine che in Francia ha un’accezione diversa da quella che ha da noi, dove indica, per la maggior parte degli spettatori, una pellicola dove ci si scompiscia dalle risate. Oltralpe in linea di massima si fa invece riferimento alla commedia della vita, eccezion fatta per alcuni ripetuti tentativi di riproduzione [...] Vai alla recensione »

sabato 23 dicembre 2017
vanessa zarastro

Il tema della crisi di una cinquantenne non è nuovo. Pochi anni fa Gloria, il film del cileno Sebastian Lelio del 2013, aveva affrontato questo tema con intensità e pathos. Siamo nel Sud-ovest della Francia, in qualche piccola cittadina dell’Aquitaine e la regista non ha ben deciso se optare per un registro ironico o uno drammatico.

domenica 7 gennaio 2018
Mat@movies

La commedia francese a volte riesce ad essere leggera ed elegante nel raccontare le storie, anche semplicemente riscoprirsi cinquantenni. Questo film è' un ottimo esempio di tale modo di fare cinema. Semplicemente perfetta la protagonista: spesso leggerà nei suoi tormenti, mai banale.

giovedì 28 dicembre 2017
Flaw54

Non capisco le recensioni entusiastiche. Film grigio, ripetitivo che riesce a rendere in tal modo l'atmosfera vissuta dalla protagonista, ma che non offre niente di nuovo. È pur sempre una separazione che ormai rientra nella normalità delle cose, con tutti j problemi familiari annessi. Monocorde l'attrice principale che non conoscevo.

domenica 24 dicembre 2017
Manuela Zarattini

Un film delizioso. Per far capire alle donne più giovani come i disagi dell'età matura possono essere superati con sorridente coraggio e far rivivere sorridendo a quelle più "agé" tanti momenti in cui ciascuna di noi si può sicuramente ritrovare. La storia è semplice ma profonda e la protagonista Aurore è superlativa. Il mio non è un giudizio di parte perché questo non è un film solo per donne: oggi [...] Vai alla recensione »

domenica 24 dicembre 2017
Emanuele 1968

Commedia melodrammatica. Molto bello, carino, divertente pero bo? personalmente non vedevo lora che finiva, penso che quando una storia finisce finisce punto stop.

FOCUS
INCONTRI
giovedì 7 dicembre 2017
Olivia Fanfani

Aurore è separata, ha appena perso il lavoro e scopre che presto diventerà nonna. La società la spinge a farsi gentilmente da parte, ma quando, per un caso, ritrova il suo amore giovanile, Aurore decide di opporre resistenza, rifiutando la rottamazione alla quale sembra destinata. E se fosse il momento di cominciare una nuova vita?

50 primavere è una commedia tutta al femminile per riflettere su uno dei momenti chiave della vita di una donna.

In attesa dell'uscita al cinema del film, in programma giovedì 21 dicembre, abbiamo incontrato Agnès Jaoui, che ci ha raccontato come sia riuscita a calarsi nel ruolo della protagonista Aurore Tabort, cosa pensa 'della crisi e della rinascita' delle cinquantenni e quali sorprese le abbia riservato l'esperienza sul set del film.

Frasi
Ti trapiantano mani, cuori, polmoni, ma mai che abbiano inventato qualcosa contro le vampate di calore!
Una frase di Aurore Tabort (Agnès Jaoui)
dal film 50 primavere - a cura di MYmovies.it
Non sei cambiata, hai sempre quel certo non so che!
Una frase di Christophe Tochard (Thibault de Montalembert)
dal film 50 primavere - a cura di MYmovies.it
Mi sono licenziata!!
Aurore Tabort (Agnès Jaoui)
dal film 50 primavere - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 21 dicembre 2017
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Ironica e malinconica esploratrice della natura umana e dei suoi inciampi la francese Agnes Jaoui è un'artista completa. Cantante, attrice, sceneggiatrice e regista a partire da II gusto degli altri (2000). Molto del suo percorso è stato condiviso con l'ex marito Jean-Pierre Bacri, e per entrambi è stata importante la lezione di Alain Resnais i cui set hanno influito sul comune gusto per un tipo di [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 dicembre 2017
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Che gioiello questa commedia francese, esemplare per tenerezza e umorismo. Ammirevole anche per capacità di sintesi. La cinquantenne Aurore, separata, con due figlie, sta per diventare nonna. Perde il lavoro, ma ritrova l'antico amore di gioventù. Sarà l'uomo del destino? Ogni tanto si sfiora la commozione, subito soffocata dalle risate. Strepitosa Agnès Jaoui, irresistibile portabandiera della seconda [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 dicembre 2017
Claudio Trionfera
Il Messaggero

Cinquanta primavere. Anche un po' maledette, rivangando la Loretta Goggi d'inizio anni Ottanta e quella sua canzone, per raccontare in altre ottiche i turbamenti di Aurore: arrivata all'età fatidica tra vampate di calore, garrire di ventagli, un matrimonio andato all'aria, un lavoro appena perso e due figlie piene d'incertezze, una delle quali, poi, sta per farla diventare nonna.

giovedì 21 dicembre 2017
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

La linea di confine: gli uomini la smettono (di flirtare), i fianchi si sfiancano, ondate imbarazzanti di caldane, il capo sbaglia il tuo nome, tua figlia dice che stai per diventare nonna e perfino le porte scorrevoli non ti fanno più passare. È la cinquantina, bellezza! Se non fosse per la brillante caratura venata di malinconia e istinto di rivolta di Agnes Jaoui e per qualche gag sulle relazioni [...] Vai alla recensione »

giovedì 21 dicembre 2017
Cristina Piccino
Il Manifesto

Ritratto di donna attraverso più generazioni, 50 Primavere racconta i cinquant'anni di Aurore ( titolo originale) separata -il marito l'ha lasciata per una più giovane - precaria - fa la cameriera in un ristorante - con due figlie, la più piccola che vive ancora insieme a lei (col fidanzato deejay a carico) e la più grande che sorridendo felice le annuncia di essere incinta.

giovedì 21 dicembre 2017
Alessandra Levantesi
La Stampa

Cinquanta primavere: età difficile soprattutto se appartieni al gentil sesso, se tuo marito si è rifatto la vita con un'altra, se hai una figlia incinta che è sul punto di lasciare casa, se il nuovo proprietario del locale in cui lavori ti fa sentire che lì dentro sei la più vecchia. Bisogna dire che Aurore prende le cose con un certo equilibrio. Pazienza le caldane di cui non c'è modo di liberarsi; [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
venerdì 15 dicembre 2017
 

Aurore è una donna sulla cinquantina che fa la cameriera ed è separata dal marito da cui ha avuto due figlie di cui una è incinta. Nel momento in cui perde il lavoro apprende anche di stare per diventare nonna.

GUARDA L'INIZIO
lunedì 11 dicembre 2017
 

Aurore è separata, ha appena perso il lavoro e scopre che presto diventerà nonna. La società la spinge a farsi gentilmente da parte, ma quando, per un caso, ritrova il suo amore giovanile, Aurore decide di opporre resistenza, rifiutando la rottamazione [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati