Uomini senza legge

Film 2010 | Azione +16 138 min.

Regia di Rachid Bouchareb. Un film con Jamel Debbouze, Sami Bouajila, Roschdy Zem, Sabrina Seyvecou, Assaad Bouab. Cast completo Titolo originale: Hors-la-loi. Genere Azione - Francia, Algeria, Belgio, 2010, durata 138 minuti. Uscita cinema mercoledì 11 maggio 2011 distribuito da Eagle Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 2,65 su 21 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Uomini senza legge tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tre fratelli algerini si trovano coinvolti, chi più chi meno, nella lotta armata che porterà al distacco dell'Algeria dal dominio francese. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar, 1 candidatura a Satellite Awards, In Italia al Box Office Uomini senza legge ha incassato nelle prime 2 settimane di programmazione 46,8 mila euro e 34,3 mila euro nel primo weekend.

Uomini senza legge è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,65/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA 2,38
PUBBLICO 2,79
CONSIGLIATO NÌ
La decolonizzazione dell'Algeria riletta come un'epica gangster.
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 23 maggio 2010
Recensione di Marzia Gandolfi
domenica 23 maggio 2010

Nell'Algeria colonizzata crescono tre fratelli e il risentimento contro l'occupazione francese. Espropriati dai coloni della terra dei padri, Saïd, Messaoud e Abdelkader svolgeranno i loro destini altrove. Protettore e faccendiere a Pigalle Saïd, soldato dell'Esercito francese sul fronte indocinese Messaud, militante del movimento di indipendenza algerino detenuto nelle carceri francesi Abdelkader, i tre fratelli si ritroveranno anni dopo a Parigi costretti nelle banlieues e occupati alla Renault. Tra la loro gente repressa e indotta a una vita indigente matura in Messaoud e Abdelkader la coscienza nazionale e la convinzione che non avrebbero mai salutato il Tricolore come propria bandiera. Entrato in clandestinità e diventato in poco tempo e molte azioni (armate) leader del Fronte Popolare di Liberazione, Abdelkader trascinerà nella causa i fratelli fino all'alba della liberazione.
C'è una scommessa ambiziosa all'origine di Uomini senza legge, quella di combinare epos e noir. Dell'epos il contestato film di Rachid Bouchareb ha la coralità, la complessità narrativa e il proposito di penetrare la storia dei personaggi dentro la scena della grande Storia, provando a interrogarsi sul labile e incerto confine che separa la giustizia dall'ingiustizia, il bene dal male. Dal noir Uomini senza legge deriva invece il cupo pessimismo, il tono pesante e torbido della fotografia, la claustrofobia urbana, il fatalismo che sembra guidare lo svolgersi della vicenda e ancora la nemesi che colpisce letteralmente al cuore il protagonista (Abdelkader) un attimo prima che riesca a varcare la soglia e ad affacciarsi sul futuro indipendente della sua nazione. Guardando alle contro-epopee del crimine di Brian De Palma, Francis Ford Coppola e Scorsese, il regista franco-algerino mette in scena il sanguinoso confronto tra il governo francese e il Fronte di Liberazione Nazionale, il movimento clandestino che sostenne l'indipendenza dell'Algeria attraverso la lotta armata sul territorio metropolitano (europeo) e su quello arabo. Avviato il film con un'espropriazione, Uomini senza legge ha un impianto circolare che troverà la 'quadratura' nel riscatto realizzato da un'armata di ombre resistenti come i 'partigiani' di Jean-Pierre Melville ma devianti come i criminali degli anni di piombo.
Volgendo lo sguardo a un passato recente, Bouchareb (di)mostra che chi entra in clandestinità da questa o dall'altra parte della legge obbedisce a codici dissennati e persegue ostinatamente una causa in nome della quale uccide senza pietà. Non tace le responsabilità e gli omicidi del FLN a cui (cor)risponde con invariabile orrore il gruppo armato della Main Rouge, partorito dai servizi segreti francesi. E ancora non dissimula la mediocrità disumana dei 'terroristi', degli uomini fuori dalla legge (come suggerisce il più puntuale titolo originale) dentro una spirale di violenza senza regole e senza più ragioni. La scommessa di Bouchareb infine è vinta. Uomini senza legge rilegge la decolonizzazione dell'Algeria come un'epica gangster in cui i buoni sono banditi e la Storia filtrata e narrativizzata dalla televisione. Uomini senza legge non è ne vuole essere un documentario, è piuttosto un film di finzione che si concede il lusso di alludere, suggerire, ipotizzare il percorso di tre fratelli che tra il '45 e il '61 finirono per autodistruggersi, rifiutando (almeno due su tre) la mediazione, spingendo verso soluzioni radicali e bruciando sul rogo delle proprie speranze e illusioni. La centralità della fratellanza è la chiave d'accesso ai segreti della Storia e di una storia ancora tutta da comprendere.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Per raccontare la storia sentimentale dell'indipendenza algerina si passa sopra qualsiasi coerenza.
Recensione di Gabriele Niola

Il lungo e violento processo di distacco dell'Algeria dal governo francese è passato anche per la lotta armata di gruppi estremisti come l'FLN. A prendervi parte sono due fratelli su tre di una famiglia algerina costretta al trasferimento a Parigi per non essere separata. I due fratelli attivisti sono uno molto coinvolto e uno meno, mentre quello che non si interessa della politica cerca di fare soldi come può (prima pappone, poi manager di un pugile). Anche lui però alla fine non potrà non rimanere coinvolto nella grande lotta.
Cinema storico che più classico non si può, allungato a forza di ignezioni di zucchero e senza la medesima intenzione di fare un ritratto anche vagamente obiettivo di ciò che è successo. La storia di un paese (o in questo caso della moderna emancipazione di un paese) attraverso la storia di una famiglia i cui membri hanno idee diverse, appartengono a fronti diversi ma si vogliono inguaribilmente bene.
Rachid Bouchareb non vuole raccontare la storia come si è svolta, pochi sono gli snodi di cronaca fondamentali che vengono indicati e pochi sono i fatti storici che vengono illustrati. Il suo obiettivo sembra più fare una storia sentimentale dell'indipendenza algerina, seguendo l'insegnamento della scuola di cinema statunitense, che al racconto dei fatti storici preferisce il racconto dei sentimenti della gente (che tende ad attirare di più il pubblico). Non come l'Algeria si sia staccata dal dominio francese ma cosa abbiano provato gli algerini quando erano oppressi, cosa li ha portati a scegliere la lotta armata e violenta e cosa ha potuto significare la conquista dell'obiettivo.
Così Outside the law, a partire dal titolo giustifica. Giustifica le azioni violente, le frasi violente e gli eccessi di un movimento, l'FLN, nato per essere estremo. Non senza qualche condanna agli aspetti decisamente più calcati il film non vuole però mettere in dubbio l'impellenza del sentimento rivoluzionario, imputando di fatto ai francesi stessi la colpa degli attentati ai loro danni perpetrati dagli algerini.
Curioso però che per fare questo racconto di presa di coscienza delle radici del proprio popolo Bouchareb giri in una maniera che non appartiene al cinema nordafricano ma sembra più venire dal modo in cui i francesi rielaborano l'immaginario e lo stile americano. Melodramma canonico, inserimento dei drammi particolari nel dramma di un popolo e un senso della retorica decisamente stucchevole.
Grandi polemiche in patria ma non ce n'era bisogno.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Cresciuti nell'Algeria colonizzata da una madre forte e dura e da un padre gran lavoratore, tre fratelli, espropriati della loro terra, partono e si disperdono. Messaud si unisce all'esercito francese sul fronte indocinese; Abdelkader diventa un leader del movimento di indipendenza algerino e Saïd a Parigi cerca di far fortuna con la prostituzione e affari loschi nei locali e nei club dove si tengono incontri di boxe. Abdelkader trascinerà i fratelli, in modi diversi, a combattere per la causa, e per la causa a perdersi. La sanguinosa indipendenza dell'Algeria è raccontata come in un film gangster del primo dopoguerra, senza né buoni né cattivi da una parte sola, solo personaggi che rispecchiano realisticamente le possibili "anime della lotta di liberazione". Un film duro, non facile, asciutto, che non concede niente al sentimentalismo né a una visione romantica della lotta politica.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
UOMINI SENZA LEGGE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €5,90
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 11 maggio 2011
algernon

bellissimo film che segue la storia di tre fratelli algerini, dapprima espropriati della loro terra madre, poi emigrati in Francia ed entrati nella lotta armata del Fronte di Liberazione Nazionale. tre storie in parte divaricate, Saïd infatti si dedica allo sfruttamento della prostituzione e appoggia solo esternamente Messaoud e Abdelkader, che partecipano invece direttamente alle attività terroristiche. [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 agosto 2012
Filippo Catani

Alla metà degli anni '50 tre fratelli algerini si trovano in Francia a dover fare i conti con la lotta armata per l'indipendenza della loro terra. Uno è un ex militare che ha partecipato alla guerra in Indocina e lotterà insieme al fratello che è veramente fedele alla lotta armata. Il terzo si divide tra la gestione di un cabaret e l'allenamento di pugili ma [...] Vai alla recensione »

martedì 24 maggio 2011
angelo umana

Un film di Rachid Bouchareb merita di essere visto per la riconoscenza che gli si deve per London River. Questo sulla guerriglia che portò all'indipendenza dell'Algeria dalla Francia ha anche il pregio di mostrare una certa neutralità verso il conflitto, di non prendere le parti degli oppressori nè degli oppressi. Le due categorie del resto non sono sempre facili da discernere. [...] Vai alla recensione »

martedì 26 luglio 2011
pensionoman

è un film bellissimo e avvincente che racconta della storia di tre fratelli sullo sfondo della guerra x l'indipendenza dell'algeria. merita di essere visto, oltre che per la pregevole e incalzante narrazione della storia, spruzzata di noir e gangster story, anche e soprattutto per il dilemma morale, e storico, che è alla base di tante lotte per la libertà.

mercoledì 11 maggio 2011
astromelia

mi apprestavo a vedere un'anteprima di scarso interesse,ma questo film mi ha ravveduto,girato otttimamente,bravi gli attori, coinvolgente,meritevole di un oscar.....

domenica 15 maggio 2011
Flyanto

 Film sulla lotta per l'indipendenza dell'Algeria dalla Francia attraverso le vicende di tre fratelli. Interessante il tema dell'agire umano secondo o contro la legge ai fini di vincere una causa. Molto documentaristico e per conoscere più a fondo questo periodo storico.

martedì 10 luglio 2012
molenga

Bella pellicola sulla storia di tre fratelli algerini le cui vicende personali s'intrecciano con la guerra del FLN per liberare il paese nordafricano dal dominio francese. Ottima fotografia,  regia sapiente e bravissimi gli interpreti principali, sotto certi punti di vista ricorda il viscontiano "rocco e i suoi fratelli".

giovedì 9 giugno 2011
nonnetti

tra il polar e le contigenze ed il movente storiografico, un film verboso e a tratti lento, ellittico, necessario, per raccontare con intento obiettivo le condizioni di un popolo oppresso e la lotta delle frange armate di quest'ultimo contro le forze costituite per ri-conquistare la propria condizione di identità, attraverso una battaglia senza la legge morale.

domenica 22 maggio 2011
martalari

Uomini senza legge (Per chi ama il genere, film molto particolare, non per tutti.A tratti anche noioso).... Verso la fine della Seconda guerra mondiale sul Fronte occidentale, le manifestazioni indipendentiste in Algeria (al tempo colonia francese) si fanno sempre più forti e frequenti fin quando la Francia soffoca queste rivolte nel sangue con il massacro di Sétif e Guelma l'8 maggio 1945: [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Valerio Caprara
Il Mattino

Vorrebbe essere un filmone epico all’europea, ma nonostante il buon impianto «Uomini senza legge» soccombe all’eccessiva retorica dei proponimenti. Lo stesso team che ha firmato «Indigènes» (inedito in Italia) intendeva, infatti, proseguire la revisione della storia patria in un’ottica alternativa anti-nazionalista. Tra l’altro il pubblico italiano, che già non brilla per curiosità storico-politiche, [...] Vai alla recensione »

Paola Casella
Europa

Un resoconto storicamente attento (ma anche estremamente didascalico, da una fiction televisiva) dell’ascesa e caduta di tre fratelli algerini fuggiti dalla madrepatria ed espatriati in Francia. Il maggiore è un ex soldato che, durante la guerra in Indocina, si è sentito incitare alla rivoluzione etnica dalla propaganda locale; il secondo diventerà l’ideologo della rivoluzione per l’indipendenza dell’Algeri [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Nel ‘66 i francesi presero male il Leone d’oro a La battaglia dì Algeri e ne vietarono l’uscita. Nel 2010 Uomini senza legge, che rievoca sotto forma di romanzo familiare le fasi salienti della guerra d’indipendenza algerina, è finito in concorso a Cannes e nella cinquina dell’Oscar. Il tempo passa, le cose cambiano, e meno male, anche se il capolavoro di Pontecorvo è molto più incisivo della pellicola [...] Vai alla recensione »

Cinzia Romani
Il Giornale

Tre fratelli crescono in Algeria, anzi, a dispetto di essa. Perché Said, Messaoud e Abdelkader ne passeranno di tutti i colori, dal 1945 al 1961, dunque in un paese lacerato, al suo interno, dalla bruciante questione dell’indipendenza dalla Francia colonizzatrice. L’unica via per la sopravvivenza è la separazione: uno finirà soldato in Indocina, l’altro lotterà,clandestino, per l’indipendenza algerina [...] Vai alla recensione »

Betsy Sharkey
The Los Angeles Times

In "Outside the Law," the sprawling and at times emotionally distant epic tracing Algerian resistance to French occupation from early days to exodus, writer-director Rachid Bouchareb has, in a sense, told his own story. Born in Paris into a family that was part of the Algerian immigration wave, the filmmaker begins his story of three brothers in 1925 on the day when the French conscripted their ancestral [...] Vai alla recensione »

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

A memoria richiama lo sguardo epico. Almeno secondo i canoni estetici del cinema di Rachid Bouchareb che dopo Giorni di gloria (Indigenes 2006, pluripremiato) torna a riflettere sulle controversie ancora non sopite tra Algeria e la Francia, di cui il Paese maghrebino è stato colonia per 132 anni, liberandosi nel I 962. Non a caso Uomini senza legge inizia laddove finiva Giorni di gloria, cioè nel 1945 [...] Vai alla recensione »

Gianni Canova
Il Fatto Quotidiano

In Francia le polemiche sono esplose ancor prima dell’uscita in sala. Capita, con i film. Anche da noi. Ricordate gli schiamazzi con cui - più o meno un anno fa - politici con vocazione da gendarmi si scagliavano contro Draquila di Sabina Guzzanti, confessando candidamente di non averlo visto, ma invocando comunque la censura? Potenza del cinema: a volte basta l’annuncio di un film perché qualcuno [...] Vai alla recensione »

Thomas Sotinel
Le Monde

Voici donc le film pour lequel le maire de Cannes a organisé une cérémonie expiatoire, lors de sa présentation au Festival (sous l'appellation "Hommage aux victimes françaises de la guerre d'Algérie"), contre lequel les associations de rapatriés ont manifesté avant même sa projection, et devaient encore se rassembler à l'occasion de sa sortie en salles - ainsi, lundi 20 septembre, lors d'une projection [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

La rivoluzione mastica le persone, dice Rachid Bouchareb a proposito di "Uomini senza legge" ("Hors-la-loi", Francia, Algeria e Belgio, 2010, 133'). E per rivoluzione intende la guerra di liberazione algerina, che fra il 1954 e il 1962 segnò la fine dell'impero coloniale francese. Il suo film racconta quei fatti lontani, ma ancora brucianti, e lo fa con un investimento di oltre 20 milioni di euro. Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

La sanguinosa indipendenza dell'Algeria attraverso le vicende di tre fratelli che, alla fine della seconda guerra mondiale, giungono in una bidonville di Nanterre: uno diventerà attivo nel movimento di liberazione; un altro si darà alla malavita. Uscito in Francia tra polemiche strumentali, un film lungo due ore e 20' con cui il regista e sceneggiatore Rachid Bouchareb si propone di esplorare le procedure [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
lunedì 2 maggio 2011
Luca Volpe

Presentato in concorso alla 63ª edizione del Festival di Cannes e candidato come miglior film straniero agli Oscar 2011, Uomini senza legge racconta la battaglia di tre fratelli algerini per l'indipendenza della loro nazione.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati