Io, Daniel Blake

Acquista su Ibs.it   Dvd Io, Daniel Blake   Blu-Ray Io, Daniel Blake  
Un film di Ken Loach. Con Dave Johns, Hayley Squires, Dylan McKiernan, Briana Shann, Kate Runner.
continua»
Titolo originale I, Daniel Blake. Drammatico, Ratings: Kids+13, durata 100 min. - Gran Bretagna, Francia 2016. - Cinema uscita venerdì 21 ottobre 2016. MYMONETRO Io, Daniel Blake * * * 1/2 - valutazione media: 3,95 su 57 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
3,95/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * 1/2 -
 critica * * * * -
 pubblico * * * * -
Un uomo ha la sola possibilità di sopravvivere dirigendosi in una casa lontana 500 chilometri di una ragazza madre. Riuscirà a raggiungerla?
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Una tranche de vie carica di uno sguardo profondamente umano che provoca commozione senza utilizzare alcun artificio
Giancarlo Zappoli     * * * 1/2 -
Questo film è disponibile in versione digitale, scopri il miglior prezzo:
TROVASTREAMING

Newcastle. Daniel Blake è sulla soglia dei sessant'anni e, dopo aver lavorato per tutta la vita, ora per la prima volta ha bisogno, in seguito a un attacco cardiaco, dell'assistenza dello Stato. Infatti i medici che lo seguono certificano un deficit che gli impedisce di avere un'occupazione stabile. Fa quindi richiesta del riconoscimento dell'invalidità con il relativo sussidio ma questa viene respinta. Nel frattempo Daniel ha conosciuto una giovane donna, Daisy, madre di due figli che, senza lavoro, ha dovuto accettare l'offerta di un piccolo appartamento dovendo però lasciare Londra e trovandosi così in un ambiente e una città sconosciuti. Tra i due scatta una reciproca solidarietà che deve però fare i conti con delle scelte politiche che di sociale non hanno nulla.
È bello ogni tanto verificare che i registi si contraddicono. Era accaduto qualche anno fa con Ermanno Olmi che, presentando Centochiodi, aveva dichiarato che non avrebbe girato più film di finzione. Fortunatamente per noi ne ha già realizzati altri due. Lo stesso succede ora per Ken Loach che sembrava, a sua volta, rivolto al documentario e invece ci regala un film di quelli che solo lui può offrirci. Carico cioè di uno sguardo profondamente umano e al contempo con le caratteristiche del grido che invita a ribellarsi a quello che sembra uno status quo inscalfibile. Per farlo è ritornato, insieme al fido Paul Laverty, per documentarsi, nella sua città natale, Nuneaton, in cui partecipa all'attività di sostegno di chi si trova in difficoltà.
Già dal titolo ritorna alla necessità inderogabile di non cancellare la forza dell'identità individuale di coloro che stanno tornando ad assumere le caratteristiche di classe sociale dei diseredati come nell'800 dickensiano. I nomi di persona hanno segnato alcuni dei suoi film più importanti (La canzone di Carla, My Name is Joe, Il mio amico Eric e il precedente Jimmy's Hall). Perché è la dignità della persona quella che si vuole annullare grazie a un sistema in cui dominano i 'tagli' alla spesa sociale e dove gli stessi funzionari che debbono applicarli si rendono conto della crudeltà (è questo il termine giusto) delle regole che debbono applicare.
Daniel e Daisy conoscono il senso della solidarietà e non intendono farlo dissolvere per colpa di chi ne ha volutamente smarrito qualsiasi traccia. La scena più intimamente toccante, in un film che provoca commozione senza però utilizzare alcun artificio, si svolge non a caso in un Banco alimentare. Si tratta di quelle realtà che un tempo si sarebbero definite caritatevoli e che oggi prendono il posto che dovrebbe spettare a uno Stato degno di questo nome, con tutta la precarietà che deriva dal volontariato. Non è necessario andare a Newcastle essendo sufficiente passare nelle prime ore del giorno dinanzi ai punti di distribuzione di associazione anche laiche come, ad esempio, Pane Quotidiano a Milano per vedere lunghe file di persone che attendono di poter ricevere la razione alimentare. Il numero di coloro che non sono extracomunitari aumenta ogni giorno. Allora in questo mondo libero Ken Loach continua a proporci le esistenze di persone qualunque con la forza di chi non descrive ma partecipa attivamente al dolore di chi subisce una delle umiliazioni più profonde (la perdita o l'impossibilità del lavoro). Daniel, Daisy e i suoi due figli si aggiungono alla galleria di persone di cui Loach ci ha mostrato una tranche de vie con la forza e la sensibilità di chi non ha alcuna intenzione di arrendersi alla logica del liberismo selvaggio.

Stampa in PDF

TROVASTREAMING
IO, DANIEL BLAKE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
-
-
TIMVISION
-
-
-
-
-
CHILI
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
Premi e nomination Io, Daniel Blake

premi
nomination
London Critics
1
2
Festival di Cannes
1
0
David di Donatello
1
1
Cesar
1
1
BAFTA
1
5
* * * * *

La dignità di un cittadino in un film necessario

domenica 1 gennaio 2017 di sergio dal maso

In un momento storico in cui una famiglia su quattro ha un tenore di vita prossimo alla povertà o addirittura all’indigenza e al sud un cittadino su due rischia l’esclusione sociale per la mancanza di lavoro o per la precarietà salariale, Io Daniel Blake, l’ultimo capolavoro del maestro Ken Loach, non può che essere un film necessario. Per la verità l’ottantenne regista inglese racconta storie di disoccupati, di lavoratori sfruttati e di emarginati continua »

* * * * -

Which side are you on? (da che parte stai?)

domenica 6 novembre 2016 di Writer58

[Spoiler alert: nella recensione vi sono antcipazioni sugli sviluppi del film]. Da una vita intera Ken Loach sta dalla parte degli umili, dei diseredati, di coloro che scelgono di lottare contro le dittature fasciste (Terra e libertà), dei disoccupati, degii immmigranti clandestini (Bread and roses), dei cittadini vittime del neoliberismo e della privatizzazione del welfare, dei militanti sandinisti e nordirlandesi. Anche in questo suo ultimo film (I, Daniel Blake, Palma d'oro al Festival di continua »

* * * * -

Un grido silenzioso di umanità

domenica 30 ottobre 2016 di silviamorganti

Cento minuti di pellicola per raccontare la vita di un uomo, riassumerne il passato e concentrarsi sul suo presente: Daniel Blake. Siamo a Newcastle, di cui si vede qualche strada, qualche casa, dei capannoni, alcuni marciapiedi con steccati, interni casalinghi, un supermarket e uffici. La società contemporanea fa mostra di sé:  mossa da una burocrazia schiacciante, che fa del computer uno strumento infallibile di potere e degli impiegati soltanto dei burocrati senza cuore, disumani, continua »

* * * * -

I tre bicchieri di ken loach

giovedì 27 ottobre 2016 di jacopo b98

 A Newcastle il 59enne Daniel Blake (Jones), operaio in una falegnameria, avendo preso un infarto è costretto a chiedere un sussidio di invalidità. Lo stato glielo nega tramite una visita decisamente arbitraria. Per Daniel inizia un incubo burocratico, nel tentativo di fare ricorso. Intanto fa la conoscenza di una giovane madre (Squires) in difficoltà. Cercheranno di darsi una mano a vicenda, ma il destino sarà tragico per entrambi. A chi non è mai capitato, continua »

"Io sono Daniel Blake, un cittadino...niente di più...niente di meno…"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
La figlia di Katie
"Tu hai aiutato noi: perché io non posso aiutare te?"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Daniel Blake
"…è un mondo di topi e freccette..."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | Io, Daniel Blake

Uscita in DVD

Disponibile on line da giovedì 23 marzo 2017

Cover Dvd Io, Daniel Blake A partire da giovedì 23 marzo 2017 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Io, Daniel Blake di Ken Loach con Hayley Squires, Natalie Ann Jamieson, Dave Johns, Micky McGregor. Distribuito da Rai Cinema - 01 Distribution. Su internet Io, Daniel Blake (DVD) (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 15,80 €
Prezzo di listino: 16,99 €
Risparmio: 1,19 €
Aquista on line il dvd del film Io, Daniel Blake

FOCUS | Il pamphlet politico di Ken Loach, contestato da molti a Cannes per la sua classicità, viene oggi classificato come uno dei migliori film della sua carriera.

Daniel Blake e la Palma d'Oro

domenica 23 ottobre 2016 - Roy Menarini

Io, Daniel Blake e la Palma d'Oro Il tempo è galantuomo. All'epoca della Palma d'Oro al Festival di Cannes, maggio 2016, il premio a Io, Daniel Blake era stato contestato da molti spettatori e inviati, al solito irritati dal conservatorismo delle giurie. In fondo, il nuovo film di Ken Loach assomiglia a tutti gli altri del regista, e secondo i contestatori l'aver attribuito l'ennesimo riconoscimento a un regista così assestato era un'occasione perduta. Poi, col passare dei mesi, queste polemiche si sono assopite e il nuovo pamphlet di Ken il rosso ha raggiunto le sale circondato da lodi quasi unanimi.

La posta in gioco è la dignità

di Claudio Trionfera Panorama

Prima contrastati, poi umiliati, infine annichiliti e forse uccisi dalla burocrazia. Anzi peggio. Da quella burocrazia digitalizzata nemica di chi, come il carpentiere sessantenne Daniel Blake (l'attore Dave Johns, foto). è immune al computer, alle sue password, alle firme digitali. E vi s'imbatte dopo aver subìto un infarto che gl'impedisce di lavorare per chiedere allo Stato quanto gli spetta per assistenza o disoccupazione. Di qui il suo viaggio nel labirinto del «no» e nella negazione di ogni diritto pronunciato da un'entità inafferrabile, asettica, inflessibile, disumana, robotica. »

Loach indigna e commuove

di Alessandra Levantesi La Stampa

Un carpentiere di Newcastle, dichiarato inabile al lavoro per via di una grave malattia di cuore, non riesce a ottenere la pensione di invalidità perché agli occhi anaffettivi di una burocratizzata macchina sanitaria non risulta tale. Sembra un'odissea molto italiana, invece tutto ciò accade in Gran Bretagna, paese che prima di questo film (e prima della Brexit, e di certe disastrose gaffe «linguistiche») reputavamo più civile del nostro. Invece Kafka abita anche là, e nel resto del pianeta: dove i diseredati sono destinati a sempre maggiore emarginazione; e il Potere assomiglia sempre più a un inafferrabile Grande Fratello. »

Ken il rosso sempre più arrabbiato tra disoccupati e web

di Roberto Nepoti La Repubblica

Palma d'oro a Cannes, il nuovo film di Ken Loach arriva ai tempi supplementari nella filmografia del regista inglese. "Ken il rosso", infatti, aveva deciso di chiudere bottega. Però l'indignazione per come stanno andando le cose in Gran Bretagna, e nel resto dei paesi tecnocratici, lo ha convinto a realizzarne un altro capitolo, che condensa in forma di epitome tutta la sua poetica e la sua militanza cinematografica. Il Daniel Blake del titolo è un carpentiere di Newcastle che, all'alba della sessantina, si ritrova senza la possibilità di guadagnarsi la vita a causa di un problema di salute. »

Crisi e disoccupazione secondo Ken Loach

di Silvio Danese Quotidiano Nazionale

De Sica e Zavattini a casa Loach, summa in purezza del suo personale neorealismo (con l'immancabile sceneggiatore Paul Laverty). Il carpentiere Daniel affronta a Newcastle la fatica del diritto. Dopo un infarto, aspetta due eventi: guarire e continuare a lavorare, e il sussidio a copertura del periodo di malattia. il sussidio è legato a un'assurda contraddizione: dimostrare di aver cercato lavoro. Quando lo trova, deve rifiutarlo, perché ancora in malattia. Intanto vende i mobili di casa. A ottenere giustizia lo aiuta una ragazza-madre bisognosa più di lui, vicenda parallela che esalta una condizione generale: l'asincronia tra istituzioni e cittadino, il fallimento del welfare, l'inevitabile spostamento dei più deboli verso l'indigenza. »

Io, Daniel Blake | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | writer58
  2° | sergio dal maso
  3° | silviamorganti
  4° | jacopo b98
  5° | kimkiduk
  6° | miraj
  7° | vanessa zarastro
  8° | robroma66
  9° | zarar
10° | filippo catani
11° | maumauroma
12° | uno sguardo sincero
13° | luanaa
14° | scratty
15° | maurizio meres
16° | lbavassano
17° | francescaromanacerri
18° | stefanocapasso
19° | eugenio
20° | guazza da semifonte
21° | enzo70
22° | kleber
23° | fabiofeli
24° | flyanto
25° | luigi chierico
26° | valterchiappa
27° | francesco izzo
28° | riccardo tavani
29° | giuliog02
30° | gpistoia39
31° | maurizio d
32° | gabriella
33° | giorgio47
34° | miguel angel tarditti
35° | teresa scarale
36° | flaw54
37° | kate64
38° | fabriziog
39° | xerox
40° | alex2044
41° | fabiomillo
42° | maria f.
London Critics (3)
Festival di Cannes (1)
David di Donatello (2)
Cesar (2)
BAFTA (6)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 |
Link esterni
Facebook
Shop
DVD
Uscita nelle sale
venerdì 21 ottobre 2016
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità