•  
  •  
Apri le opzioni

Ben Gazzara

Ben Gazzara (Biagio Anthony Gazzara) è un attore statunitense, regista, è nato il 28 agosto 1930 a New York City, New York (USA) ed è morto il 3 febbraio 2012 all'età di 81 anni a New York City, New York (USA).

L'amico americano

A cura di Fabio Secchi Frau

Usciva dagli schermi come un uomo distrutto, legato a omicidi o traffici illegali, eppure era uno sfavillante attore che, in particolar modo per l'Italia, ha rappresentato un vero e proprio "amico americano". Parliamo di uno degli interpreti più acclamati della televisione e del cinema: Ben Gazzara.

Le origini
Nato negli anni Trenta, come Biagio Anthony Gazzara, a New York City, figlio di un immigrato siciliano e cresciuto nell'East Side, si dice che dopo aver visto recitare Laurette Taylor in Lo zoo di vetro, abbia deciso di diventare un attore. Disgraziatamente i voleri del padre lo spingono a studiare ingegneria, ma quando riceve una borsa di studio per la scuola di recitazione si mette sotto l'ala protettiva di Erwin Piscator, che sarà il suo insegnante, e comincia a studiare quella che è la sua passione. Entrato all'Actor Studio, con alcuni dei suoi compagni decide di mettere in scena un romanzo di Calder Willingham: "End as a Man", storia di una brutale accademia militare, che poi porteranno anche a Broadway nel 1953 con Gazzara come protagonista. I suoi esordi sono principalmente legati al palcoscenico: "The Night Circus" (1958), seguito da altri bellissimi spettacoli come "Strano Interludio" (1963), "Traveller Withour Luggage" (1964), "Hughue/Duet" (1975, per il quale viene nominato al Tony), "Chi ha paura di Virginia Woolf?" (1976, altra nomination al Tony) e infine "Shimada" (1992). Conosciuto dal pubblico americano per le sue partecipazioni in telefilm americani, è diventato da subito un volto familiare per quell'America che spendeva le sue ore davanti alla televisione.

Il salto di qualità: il cinema
Dopo i premi teatrali ricevuti per "La gatta sul tetto che scotta" (1955) e per "Un cappello pieno di pioggia" (1955), che poi verranno portati sul grande schermo rispettivamente da Paul Newman e Don Murray, gli viene proposto di passare al cinema come protagonista di Guerra e pace di King Vidor con Audrey Hepburn, ma il principio della sua carriera cinematografica slitterà al 1957 con Un uomo sbagliato di Jack Garfein, trasposizione di "End as a Man", che è stato amato dalla critica, ma che non ha accolto i favori del pubblico.

I ruoli da duro (e non solo)
Specializzato in ruoli da uomo duro, lo si ritrova in Anatomia di un omicidio di Otto Preminger accanto a James Stewart, ma ben più intensa e profonda è la sua collaborazione con il cinema italiano: Risate di gioia di Mario Monicelli, dove si frappone fra Anna Magnani e a Totò, e La città prigioniera di Joseph Anthony, con Lea Massari e David Niven. Continua però a scegliere anche film hollywoodiani: Giorni senza fine, Tre passi dalla sedia elettrica, Smania di vita, Il ponte di Remagen di John Guillermin e si presta perfino per un cameo in Se è martedì, deve essere il Belgio di Mel Stuart. Ma è l'incontro con il regista John Cassavetes, diventato poi il suo migliore amico, a spingerlo verso il cinema di qualità. Lo dirigerà infatti in Mariti, Assassinio di un allibratore cinese e il suo capolavoro La sera della prima.

Tra b-movie e pellicole d'autore
Negli anni Settanta si fa corteggiare dai b-movie del cinema italiano, ma allo stesso tempo sceglie Peter Bogdanovich e Terence Young che arricchiranno la sua filmografia di piccole perle d'autore. Sarà, di frequente, anche il partner di Ornella Muti in moltissime pellicole come a esempio Storie di ordinaria follia di Marco Ferreri e La ragazza di Trieste di Pasquale Festa Campanile (che poi lo dirigerà in Uno scandalo perbene nel 1984). Tornatore, Bevilacqua, Montaldo sono solo alcuni dei registi che si affideranno alle sue impeccabili performance, mente in America commuoverà il piccolo schermo per il ruolo del padre di una vittima dell'AIDS in Una gelata precoce (1985). Se gli chiedete quale sia il ruolo più brutto della sua vita, vi risponderà quello che ha fatto nel film con Patrick Swayze Il duro del Road House. Da ricordare inoltre che, con gli anni Novanta, sente il desiderio di formarsi anche come regista e dirige Oltre l'oceano con Sergio Rubini. La formula, Il grande Lebowski, Happiness e Summer of Sam - Panico a New York ne confermano una fama che non sembra sminuire minimamente. Mamet, Cohen, Solondz e Spike Lee trovano in Ben Gazzara un attore micidiale e formidabile, appassionato e perfetto, tanto che darà il meglio di sé anche diretto da quegli attori che (come lui) hanno avuto esperienze dietro la cinepresa: Vincent Gallo con Buffalo 66 e John Turturro con Illuminata. E nonostante questi grandi nomi, non riesce a stare lontano dall'Italia che lo colloca, nel momento della nascita delle prime fiction, in Angelo nero, Il tesoro di Damasco, Un bacio nel buio e Tre stelle, anche se dai più giovani è ricordato per il remake di The Thomas Crown Affair, Gioco a due con Pierce Brosnan e Rene Russo, e soprattutto per essersi preso cura della sfortunata Nicole Kidman nel film di Lars von Trier Dogville.

Vita privata e morte
Si è sposato tre volte: con Louise Erickson (1951-57), con l'attrice teatrale e cinematografica Janice Rule (1961-79, dalla quale unione è nata Elizabeth Gazzara, assistente editor) e con Elke Krivat (1982); ha inoltre convissuto per due anni con l'arzilla attrice Elaine Stritch. Ben Gazzara era il tipo d'attore con la faccia da "cattivo" ragazzo, ma nella sua vita è stato così dedito all'arte della recitazione che ha saputo contraddistinguersi negli anni come un "bravo" interprete.

Ultimi film

Commedia, (Italia - 2011), 87 min.
Drammatico, (USA - 2010), 113 min.

News

Le foto della commedia con Ben Gazzara, Tiziana Lodato e Salvatore Li Causi.
Il grande attore ci ha lasciati. Di Pino Farinotti.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati