Dizionari del cinema
Periodici (1)
Miscellanea (1)
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
sabato 23 giugno 2018

Lea Massari

L'inquieto universo di Lea Massari

85 anni, 30 Giugno 1933 (Cancro), Roma (Italia)
occhiello
Stai attenta, Elena, che dietro a quelle rilucenti automobili c' il truffaldino!
dal film Una vita difficile (1961) Lea Massari Elena
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Lea Massari
Nastri d'Argento 1979
Premio miglior attrice non protagonista per il film Cristo si fermato a Eboli di Francesco Rosi

Nastri d'Argento 1979
Nomination miglior attrice non protagonista per il film Cristo si fermato a Eboli di Francesco Rosi

David di Donatello 1962
Nomination miglior attrice per il film I sogni muoiono all'alba di Enrico Gras, Mario Craveri, Indro Montanelli

David di Donatello 1962
Premio miglior attrice per il film I sogni muoiono all'alba di Enrico Gras, Mario Craveri, Indro Montanelli



Una vita difficile

* * * * 1/2
(mymonetro: 4,57)
Un film di Dino Risi. Con Claudio Gora, Alberto Sordi, Lea Massari, Franco Fabrizi, Lina Volonghi.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 1961.

La prima notte di quiete

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,92)
Un film di Valerio Zurlini. Con Giancarlo Giannini, Alain Delon, Lea Massari, Alida Valli, Renato Salvatori.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 1972.

L'avventura

* * * * -
(mymonetro: 4,32)
Un film di Michelangelo Antonioni. Con Gabriele Ferzetti, Monica Vitti, Lea Massari, Renzo Ricci, Dominique Blanchar.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 1960.

Cristo si fermato a Eboli

* * * 1/2 -
(mymonetro: 3,70)
Un film di Francesco Rosi. Con Gian Maria Volont, Irene Papas, Lea Massari, Alain Cuny.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 1979.

Le quattro giornate di Napoli

* * * * -
(mymonetro: 4,39)
Un film di Nanni Loy. Con Gian Maria Volont, Aldo Giuffr, Lea Massari, Jean Sorel, Georges Wilson.
continua»

Genere Drammatico, - Italia 1962.
Filmografia di Lea Massari »

sabato 2 giugno 2018 - Una vita difficile, del 1961, diretto da Dino Risi, racconta il 2 giugno 1946.

E Alberto Sordi spieg il referendum meglio di tutti

Pino Farinotti cinemanews

E Alberto Sordi spieg il referendum meglio di tutti Il cinema si applicato a tutti gli scenari, tutti i momenti storici: i personaggi, le guerre, le rivoluzioni e gli eroi, i buoni e i cattivi, l'arco lungo e completo della vicenda umana, dalla storia antica ai giorni nostri. Certo, il cinema ricorre alle licenze, legittimamente, e non si fa problemi ad essere manicheo, ma sappiamo che la verit assoluta non la racconta nessuno, forse perch non esiste. C' lo strumento potente del documentario, ma poi devi vedere qual la fonte. Le narrazioni della stessa vicenda, vista da punti cardinali diversi, magari da est e da ovest, possono mostrare "verit" diverse, accettate secondo convenienza. Ma dove il cinema prevale, ed imbattibile nell'applicare un modello, una storia privata, al contesto storico. L'avventura di Rossella O'Hara, giusto un esempio, spiega la guerra civile americana con maggiore efficacia di tutte le rappresentazioni della saggistica. Ne fa una sintesi umana. Questa premessa per arrivare a oggi, a settant'anni dal quel 2 giugno del 1946, quando il popolo vot il referendum e l'Italia divenne una repubblica. una delle date fondamentali della storia moderna del Paese. Una vita difficile, del 1961, diretto da Dino Risi, scritto da Rodolfo Sonego, ti spiega quell'evento meglio di tutti i testi, i documenti e i servizi. una piccola parabola individuale che si fa sintesi della vita di quei giorni, a Roma, dovunque. Silvio (Alberto Sordi) un ex partigiano comunista che ha combattuto nella zona del lago di Como, dove ha conosciuto Elena (Lea Massari) e se l' portata a Roma, dove lavora in un piccolo giornale finanziato da una cooperativa. La vita , appunto, difficile, ci sono giorni in cui si salta il pasto. la sera del referendum, la citt in fibrillazione, la gente si riversata nelle piazze, dove si discute, si polemizza con passione. Arrivano le prime notizie, quelli che adesso chiamiamo exit poll: "bene", secondo Silvio, le citt rosse come Firenze e Bologna, incerto il sud. Elena in attesa che il compagno riesca a cavare una cena in una trattoria, e viene salutata da un signore elegante, amico di famiglia, un marchese. Silvio non riuscito nel suo intento, Elena gli presenta il marchese, che invita i due a cena nel palazzo, presso i principi Rustichelli. L'invito ha una ragione precisa, i principi sarebbero in tredici a tavola e... proprio non va.

Altre news e collegamenti a Lea Massari »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità