Nomadland

Film 2020 | Drammatico, 108 min.

Regia di Chloé Zhao. Un film Da vedere 2020 con Frances McDormand, David Strathairn, Linda May, Charlene Swankie, Derrick Janis. Cast completo Titolo originale: Nomadland. Genere Drammatico, - USA, 2020, durata 108 minuti. Uscita cinema giovedì 29 aprile 2021 distribuito da Walt Disney. Oggi tra i film al cinema in 144 sale cinematografiche - MYmonetro 3,68 su 29 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Nomadland tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Dopo aver perso ogni cosa, una donna decide di vivere da nomade. Il film ha ottenuto 6 candidature e vinto 3 Premi Oscar, Il film è stato premiato al Festival di Venezia, 4 candidature e vinto 2 Golden Globes, 7 candidature e vinto 4 BAFTA, 8 candidature e vinto 3 Satellite Awards, ha vinto un premio ai British Independent, Il film è stato premiato a National Board, 6 candidature e vinto 4 Critics Choice Award, 5 candidature e vinto 4 Spirit Awards, ha vinto un premio ai Directors Guild, ha vinto un premio ai Producers Guild, Il film è stato premiato a AFI Awards, ha vinto 4 NSFC Awards, Nomadland è 1° in classifica al Box Office, ieri ha incassato € 66.517,00 e registrato 9.830 presenze.

Consigliato assolutamente sì!
3,68/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,74
PUBBLICO 3,29
CONSIGLIATO SÌ
Un cinema senza paura che racconta una nazione nel ritratto di un'anima in perpetuo movimento.
Recensione di Paola Casella
sabato 12 settembre 2020
Recensione di Paola Casella
sabato 12 settembre 2020

Empire, stato del Nevada. Nel 1988 la fabbrica presso cui Fern e suo marito Bo hanno lavorato tutta la vita ha chiuso i battenti, lasciando i dipendenti letteralmente per strada. Anche Bo se ne è andato, dopo una lunga malattia, e ora il mondo di Fern si divide fra un garage in cui sono rinchiuse tutte le cose del marito e un van che la donna ha riempito di tutto ciò che ha ancora per lei un significato materico. Vive di lavoretti saltuari poiché non ha diritto ai sussidi statali e non ha l'età per riciclarsi in un Paese in crisi, e si sposta di posteggio in posteggio, cercando di tenere insieme il puzzle scomposto della propria vita.

Chloé Zhao, cinese di nascita, racconta ancora una volta l'America che ama: quella dei grandi spazi, di cui filma i limiti tanto quanto l'assenza di confini, e della solidarietà fra coloro che si ritrovano ai margini, in questo caso a causa di un welfare e di un sistema sanitario inesistenti.

Fern non è nomade per scelta, ma entra a far parte di quella Nomadland del titolo che sono diventati gli Stati Uniti a cominciare dalla fine degli anni Ottanta, generando un vagabondaggio speculare e contrario allo spirito di frontiera degli inizi, ma che in qualche modo ne contiene ancora il respiro.

Nomadland, basato sull'omonimo racconto di inchiesta di Jessica Bruder, è il ritratto circolare e olistico di una nazione ma anche di un'identità femminile che si è definitivamente sganciata da tutto ciò che fa parte del vivere comune (occidentale): come un domicilio fisso, o una famiglia pronta a sedersi intorno al tavolo nel Giorno del Ringraziamento. Fern lavora sempre, si prende cura delle cose e delle persone che incontra, ma non può più trattenersi in un luogo o in una situazione affettiva. Conosce bene la differenza fra una dimora e una casa del cuore, e non si presta al ricatto della stanzialità, allontanando da sé ogni coinvolgimento permanente.

Zhao entra nel suo sguardo e allarga il mondo intorno a lei, un mondo che è pieno di buchi: nella roccia, nel corpo, nello stesso passato della sua protagonista, nella dignità degli esseri umani, nella coerenza di una società che va incontro al declino perché perde i suoi pezzi lungo una di quelle strade che sembrano non finire mai. E si riconferma regista, sceneggiatrice e montatrice di film che sono suoi visceralmente, e che come il van di Fern (ri)compongono tutti i pezzi della sua anima straniera.

Zhao non ha paura di affrontare di petto il tema centrale del lavoro, o meglio, la sua assenza come vortice che ingoia le esistenze di tanti, e permette a pochi di prosperare sulle sfortune altrui. Non abbassa lo sguardo, non teme la tenerezza, lo strazio, lo smarrimento esistenziale, e li restituisce intatti nella loro forza emozionale primaria. E ciò che può sembrare retorica è in realtà reiterazione poetica, ritracciamento, ripetuta conferma.

Il suo cinema è fatto per gonfiarsi dentro a chi sceglie di aprirle l'anima e lo sguardo, i suoi personaggi sopravvivono alle loro ferite senza negarne lo strazio. Zhao ne condivide i percorsi di guarigione, che non comportano necessariamente una cura, ma forniscono un balsamo da portare con noi a schermo spento, sostenuta dalla fotografia alternativamente intima e dilatata di Joshua James Richards e dall'afflato lirico di Ludovico Einaudi. E racconta quando restare e quando mettersi in cammino, quando trattenere i ricordi e quando finalmente lasciarli andare.

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 25 aprile 2021
stefano capasso

Fern ha perso il lavoro a causa della crisi finanziaria che ha fatto chiudere i battenti alla fabbrica dove aveva lavorato una vita. Ha perso anche il suo affetto, Bo, il marito scomparso in seguito ad una malattia. Attrezza il suo furgoncino a casa mobile e si mette in viaggio per gli States alla ricerca di qualcosa che ancora non capisce ma ben decisa a non rientrare più nel ricatto del capitalismo [...] Vai alla recensione »

domenica 2 maggio 2021
francesca meneghetti

Molti dei capolavori del cinema (e della letteratura) traggono la loro forza dal nodo inestricabile tra grande storia e vicende personale che caratterizza le trame. Gli scenari storici appassionano chi ama la lettura sociologica dei film, e li legge come specchio di una certa epoca. Le storie individuali fanno presa su chi si apre emotivamente al racconto.

mercoledì 5 maggio 2021
fabriziog

Il cinema è tornato! "Nomadland" (Premio Oscar 2021 come Miglior Film) diretto dalla cinese naturalizzata statunitense Chloé Zhao (Miglior Regia) è strepitoso! La fotografia di Joshua James Richards è la vera trama, narrata lungo i solchi espressivi del volto intenso di una gigantesca Frances McDormand, Premio Oscar come Migliore Attrice Protagonista(vi ricordate [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 maggio 2021
Ghisi

Il film è tratto da un articolo di Jessica Bruder pubblicato su Harper’s Magazine nel 2014 - diventato libro tre anni dopo con il titolo Nomadland. Un racconto d’inchiesta - ed è reduce dall’aver ottenuto tre Oscar 2021 per il miglior film, per la migliore regia e per la migliore attrice protagonista. Aveva già vinto il Leone d’Oro alla della 77esima Mostra [...] Vai alla recensione »

mercoledì 20 gennaio 2021
Eugenio

Nomadland,vincitore del Leone d’oro al Festival del cinema di Venezia di questo tormentato 2020 appena trascorso, è un film di confine, nel senso letterale del termine, dal quale sembra non poterci essere via di ritorno, un’Espiazione alla Mc Ewan dolente e terribile, un esilio privo di casa, affetti familiari e futuro. Il luogo del senso diventa sottile e incerto come la capacit&agr [...] Vai alla recensione »

domenica 9 maggio 2021
Writer58

"Nomadland"  è una proposta che coniuga un approccio sobrio, quasi da documentario, con un afflato poetico che illumina i paesaggi e i gesti quotidiani. Giocato sul contrasto tra  radici, identità stanziale e ricerca di nuovi orizzonti, tra meccanismi espulsivi e strategie di sopravvivenza, appare come un'opera  bella e coinvolgente, premiata per i suoi [...] Vai alla recensione »

domenica 9 maggio 2021
jaylee

Il vincitore dell'Oscar 2021, scritto e diretto da una regista cinese (Chloe Zhao), simbolo di una Hollywood che bene o male si rinnova e si apre al mondo esterno: seconda donna a vincere la statuetta, prima donna asiatica. Non come il coreano Parasite di Bong Joon-Ho del 2019, Nomadland, però è girato in USA (in ben 7 stati) con attori americani, in cima a tutti [...] Vai alla recensione »

sabato 8 maggio 2021
Luca Scialo

La regista cinese Chloé Zhao, al suo terzo lungometraggio, traspone l'omonimo libro della giornalista Jessica Bruder Nomadland - Un racconto d'inchiesta, pubblicato nel 2017.La scelta della Zhao è però quella di svuotare la storia del taglio politico che c'è sul libro, cercando invece una matrice più ottimistica. La protagonista Fern, interpretata da una sempre straordinaria Frances McDormand, si adatta [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 maggio 2021
cardclau

  Questo film di Chloé Zhao è il benvenuto perché ben condotto, con un’attrice protagonista in un ruolo molto difficile, dagli elementi di pensiero piuttosto articolati, clamorosamente privo di effetti speciali, in un cinema (americano) dove negli ultimi anni, spesso, questi tendono a sostituirsi all’impoverimento delle idee.

venerdì 7 maggio 2021
cardclau

  Questo film di Chloé Zhao è il benvenuto perché ben condotto, con un’attrice protagonista in un ruolo molto difficile, dagli elementi di pensiero piuttosto articolati, clamorosamente privo di effetti speciali, in un cinema (americano) dove negli ultimi anni, spesso, questi tendono a sostituirsi all’impoverimento delle idee.

venerdì 7 maggio 2021
cardclau

  Questo film di Chloé Zhao è il benvenuto perché ben condotto, con un’attrice protagonista in un ruolo molto difficile, dagli elementi di pensiero piuttosto articolati, clamorosamente privo di effetti speciali, in un cinema (americano) dove negli ultimi anni, spesso, questi tendono a sostituirsi all’impoverimento delle idee.

mercoledì 5 maggio 2021
Fabrizio Friuli

Tutto ruota intorno ad una sessantenne americana che decide di attraversare gli Stati Uniti occidentali, avvalendosi del suo furgone/ dimora , dopo aver lasciato la città del Nevada chiamata Empire ,  avendo perso sia il lavoro sia il marito durante la crisi economica mondiale riconosciuta come Grande Recessione. Durante il suo percorso Fern ha modo di conoscere altre persone che , come [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 maggio 2021
fabriziog

Il cinema è tornato!"Nomadland" (Premio Oscar 2021 come Miglior Film) diretto dalla cinese naturalizzata statunitense Chloé Zhao (Miglior Regia) è strepitoso!La fotografia di Joshua James Richards è la vera trama, narrata lungo i solchi espressivi del volto intenso di una gigantesca Frances McDormand, Premio Oscar come Migliore Attrice Protagonista (vi ricordate il personaggio centrale di "Tre manifesti [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 maggio 2021
Nexus

La nazione dei grandi spazi e delle solitudini immense. Persone che non hanno più una casa né un lavoro stabile. Certezze spazzate via dalla crisi economica e dalla desertificazione industriale a seguito anche di fallimenti e/o processi aziendali di delocalizzazine delle produzioni. Scheletri impolverati di capannoni ed aziende.

mercoledì 21 aprile 2021
JonnyLogan

Empire, nel Nevada, è ormai una città fantasma da quando la locale fabbrica dedita alla produzione di cartongesso è stata chiusa trascinando al fallimento l’economia urbana. Per questo Fern, sessantenne rimasta vedova, decide di caricare il proprio van e andare finalmente alla ricerca di una vita migliore.   Dai freddi panorami del Nevada, stato con scorci meno noti [...] Vai alla recensione »

sabato 17 aprile 2021
GUSTIBUS

Sicuramente il film di Chloe'Zhao riprende l'America dei due volti.Qui la poverta'dovuta ad un lavoro perso nel 2008 per la crisi economica .Fern(F.Mc.Dormand)e'la protagonista che rimasta sola rende un piccolo furgone-camper e parcheggiando nell'America lontana/rurale cerca di vivere facendo lavoretti,cercando sempre di reagire ad una vita da nomade.

domenica 24 gennaio 2021
gianleo67

Persi lavoro e marito in un colpo solo, la non più giovane Fern inizia una carriera improvvisata di lavoratrice stagionale a bordo di un furgone attrezzato lungo le vie dell'Ovest americano. La sua radicale decisione di non mettere più radici si traduce nelle difficili scelte di rinuncia agli affetti stabili e ad una vita errabonda nel limbo pittoresco dei diseredati d'America.

sabato 8 maggio 2021
Writer58

Dopo 14 mesi di assenza dalle sale e una moltitudine di film visti su Netflix e in streaming, ho varcato con qualche emozione la soglia di un cinema. Contento di aver scelto per questo nuovo inizio "Nomadland", mi è parso che una pellicola su un'esistenza girovaga e  liberata dalle consuetudini abituali fosse un buon contrappasso per il periodo di restrizioni e limitazioni [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 aprile 2021
Andrea1974

Alla frontiera, tra documentario e film. Alla frontiera, tra viaggio ed eterno ritorno. Alla frontiera, tra soluzione e sospensione. Alla frontiera, tra comunità e solitudine. Alla frontiera, tra claustrofobia e  spazi immensi. Alla frontiera, tra sentimento e ossessioni. Alla frontiera, tra amicizia e solitudine. Alla frontiera, tra senso e ossessione.

lunedì 26 aprile 2021
djtigi

Nomadland è' un film molto ben fatto e molto ben recitato su un tema poco conosciuto, peccato che non succede nulla dall'inizio alla fine. E' l'ennesimo esempio di come l'arte quando è triste viene apprezzata dai critici

domenica 9 maggio 2021
Paperinik

Davvero nulla da segnalare. Forse la cosa più apprezzabile è la colonna sonora. Per carità: i film brutti sono altri. Ma solo in un anno in cui basta fare un film per essere candidato all'oscar una pellicola del genere meriterebbe una mezza candidatura. Il fatto che abbia vinto, anche al netto del desolante precedente di Shakespeare in love, lascia davvero perplessi.

sabato 8 maggio 2021
dereoel

Ho appena finito di vedere il pluripremiato titolo di Chloé Zaho, Nomadland e sono rimasto piacevolmente colpito dal film ma anche un po' dubbioso su alcuni aspetti.  il film è fatto bene, la Mcdornand è strepitosa e mette a segno un'altra prestazione spaziale dopo quella di Mildred Heyes in " Tre manifesti ad Ebbing, Missouri " .

mercoledì 5 maggio 2021
miciu

l'ho visto ieri ma l'ho trovato pesante e noioso nessuna novità banale  poi  ben fatto ben recitato 

domenica 25 aprile 2021
denilson

L'acclamato Nomadland ha un grosso problema di fondo: è sostanzialmente un documentario ma pretende di essere un film.Ogni scena è totalmente sconnessa dalla successiva ed è solo funzionale al racconto dello stile di vita di una nomade (Fern). Peccato che Fern sia la miliardaria Frances Mcdormand (non è un documentario, appunto).. se allora la regista, nel suo romanzo cinematografico, non è in grado [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 aprile 2021
Marti21

Il cinema che conta, quello che rimane. Una storia piena di umanità e verità.

lunedì 26 aprile 2021
djtigi

Nomadland è' un film molto ben fatto e molto ben recitato su un tema poco conosciuto, peccato che non succede nulla dall'inizio alla fine. E' l'ennesimo esempio di come l'arte quando è triste viene apprezzata dai critici

mercoledì 17 marzo 2021
gian.ab

di una noia mortale

martedì 20 aprile 2021
luigi de bernardis

Film super premiato, ahimé!  Non sono riuscito a guardarlo fino alla fine, nonostante ero preparato alla mattonata. Sono convinto non sia piaciuto nemmeno a tutti quelli che l'hanno premiato, purtroppo non é la prima volta che questi "pseudo giudici" osannano qualcosa di veramente brutto. Trovo che l'insorgere di questi giudizi penalizzino di molto i veri film, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 17 marzo 2021
gian.ab

noioso.

Frasi
"Dovrei paragonarti a un giorno d'estate?
Tu sei più amabile e più tranquillo.
Impetuosi venti scuotono le tenere gemme di Maggio,
E il corso dell'estate ha fin troppo presto una fine.
Talvolta troppo caldo splende l'occhio del cielo,
E spesso la sua pelle dorata s'oscura;
E ogni cosa bella la bellezza talora declina,
spogliata per caso o per il mutevole corso della natura.

Ma la tua eterna estate non dovrà svanire,
Né perder la bellezza che possiedi,
Né dovrà la morte farsi vanto che tu vaghi nella sua ombra,
Quando in eterni versi nel tempo tu crescerai:
Finché uomini respireranno o occhi potran vedere,
Queste parole vivranno, e daranno vita a te."
Fern (Frances McDormand)
dal film Nomadland - a cura di Marco
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 8 maggio 2021
Marianna Cappi
La Voce di Mantova

Celebrato col Leone d'oro e poi con l'Oscar, "Nomadland" rischia di presentarsi come il capolavoro che non è. È però un film riuscito nel suo intento narrativo e poetico, che commuove e corteggia la riflessione sociale incoraggiandola senza imporla. Un film, infine, che anche sotto l'etichetta Disney non tradisce il percorso personale della regista Chloe Zhao e anzi s'inserisce in esso con grande coerenza. [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 maggio 2021
Furio Spinosi
Cinemonitor.it

Uscita di Disney+ Star, simultanea con le (poche) sale riaperte, "Nomadland" è l'avventura on the road di Fern, interpretata dalla sempre versatile e amabile Frances McDormand, qui vincitrice del premio Oscar come miglior attrice protagonista, insieme alla regista Chloé Zhao e il film stesso. La Zhao, che ha uno stile inconfondibile che sposa componenti narrativamente intimiste e familiari, dunque [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 maggio 2021
Gianni Canova
We Love Cinema

Ci vogliono quasi due ore per vederla piangere. Prima, persa nel vuoto cosmico del paesaggio americano, nomade per scelta e non per necessità, Fern nasconde tormenti e sentimenti dietro l'apparente impassibilità del volto dell'attrice che le dà vita, la grandissima Frances McDormand. Volto enigmatico, volto laconico, volto sfingeo. Segnato da increspature, da piccole rughe, da deboli e quasi impercettibili [...] Vai alla recensione »

sabato 1 maggio 2021
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Super vincitore agli Oscar (il film) e super vincitrice la regista di Pechino, mandata quando aveva quindici anni a studiare in Inghilterra. Applauditi e celebrati come se fossero l' ultimo film e l' ultima regista rimasti al mondo. Il cinema non è stato benissimo, ultimamente, ma raccontare le donne che vivono nei camper, un po' per necessità un po' per spirito d' avventura, non pare la strada giusta [...] Vai alla recensione »

sabato 1 maggio 2021
Serena Nannelli
Il Giornale

Nomadland, dopo il Leone d'Oro a Venezia e i tre recentissimi Oscar nelle categorie più importanti (Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Attrice Protagonista), è senza dubbio un film che non lascia indifferenti. La visione non è folgorante come si conviene ai capolavori, del resto il livello a cui annoverare questo titolo non è quello, però già trovarsi un paio d'ore immersi in una siffatta meditazione [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 aprile 2021
Andrea Chimento
Il Sole-24 Ore

Tra le novità svetta anche il trionfatore degli Oscar, vincitore di ben tre statuette, tra cui miglior film e miglior regia: «Nomadland» di Chloé Zhao. Adattamento del libro omonimo della giornalista Jessica Bruder, il film racconta di una donna rimasta sola, che ha da poco perso il marito e il lavoro. Lascerà la sua città per attraversare gli Stati Uniti a bordo di un furgone, facendo la conoscenza [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 aprile 2021
Piero Zardo
Internazionale

E così Nomadland di Chloé Zhao ha vinto anche il premio Oscar, anzi ne ha vinti tre: film, regia e miglior attrice protagonista, l'inimitabile Frances McDormand. La cerimonia degli Academy awards, spogliata da molte componenti "spettacolari", non sarebbe stata neanche male (bella la location nella Central station di Los Angeles) se non fosse stato per l'esagerazione di intermezzi pubblicitari, alcuni [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 aprile 2021
Andrea Giordano
L'Eco di Bergamo

Esperienze umane e paesaggi dell'anima."Nomadland", vincitore del Leone d'Oro nel 2020 alla Mostra di Venezia, confermatosi agli Oscar, conquistando i riconoscimenti di miglior film, regia e miglior attrice protagonista, consacrando di fatto un film, dal 30 aprile finalmente in sala, e su piattaforma Disney+, più che mai rivelatore dell'ultima stagione.

giovedì 29 aprile 2021
Alessandra De Luca
Ciak

Fern e una sessantenne che all'indomani del crollo economico di una citta aziendale nel Nevada, Empire, legata alla produzione di cartongesso, e della prematura morte dell'amatissimo marito, carica i bagagli sul proprio furgone e si mette sulla strada alla ricerca di una vita al di fuori della societa convenzionale, come una nomade dei tempi moderni.

giovedì 29 aprile 2021
Maurizio Porro
Cult Week

In fondo Nomadland, miglior film e miglior regia (di Chloé Zhao) agli Oscar 2021 (esce da oggi, 29 aprile, sia nelle sale, sia sulla piattaforma Disney+) è il manifesto della più antica poetica americana, quella della frontiera, quindi del viaggio, del continuo spostamento, esteriore e interiore. Ai tempi di Cimarron di Anthony Mann a guidare la carovana verso l'Ovest c'erano Glenn Ford e Maria Schell, [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 aprile 2021
Alessandra De Luca
Avvenire

All' indomani del crollo economico di una città aziendale nel Nevada e della prematura morte del marito, la sessantenne Fern carica i bagagli sul proprio furgone in cerca di una vita al di fuori della società convenzionale. I viaggi si alternano ai lavori saltuari, gli incontri occasionali si aggiungono al tempo trascorso all' interno di "comunità mobili", e la donna si interroga sul senso della propria [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 aprile 2021
Cristina Piccino
Il Manifesto

Agli Oscar Chloe Zhao ha raccontato un gioco che lei e il padre facevano quando era bambina in Cina, quello cioè di ricordarsi poesie e testi classici per recitarli insieme. Uno in particolare, ha detto, le è ancora molto caro, e dice: « Le persona alla nascita sono tutte buone». Sembrerebbe quasi una risposta agli attacchi arrivati dalla Cina nei suoi confronti per passate dichiarazioni critiche sul [...] Vai alla recensione »

martedì 27 aprile 2021
Roberto Silvestri
Film TV

Una vedova, sfrattata dalla casa sul deserto, di proprietà della compagnia di cartongesso che l'ha licenziata, getta i ricordi coniugali in un box e gira solitaria, malinconica, introversa e libera col suo camper malandato tra Nevada, Arizona, South Dakota, Nebraska e California. Cita Shakespeare - dava lezioni private per arrotondare il salario -, è indocile alla pietà familiare, non ai ritmi di lavoro [...] Vai alla recensione »

domenica 13 settembre 2020
Luca Barnabé
Duels.it

«Mamma dice che sei una homeless», osserva una ragazzina al supermercato. «No, direi più che sono una houseless» replica sicura Fern, Frances McDormand. Fern, la protagonista di Nomadland di Chloé Zhao, non si considera senza home, ma piuttosto senza house. Per gli anglosassoni la differenza è abissale. Fern non è sprovvista di un proprio "nido", in cui rifugiarsi, trovare riparo e tentare di proteggersi [...] Vai alla recensione »

sabato 12 settembre 2020
Francesco Alò
Il Messaggero

L' impero americano è ormai una città fantasma. Fern (Frances McDormand) nel 2012 parte da lì: Empire, Nevada, dove viveva con il marito prima del collasso Usa. È una vedova ex insegnante poi precaria per Amazon, commessa fast food e impiegata in un magazzino di quarzo. Viaggia, incontra, parla, alla guida del minuscolo camper. Per una bimba è senzatetto, per la sorella un nuovo pioniere.

sabato 12 settembre 2020
Alessandra Levantesi
La Stampa

Di Nomadland invece, colpisce e convince tutto; e con un solo titolo in gara, il cinema americano si conferma ancora una volta il più grande. Alla base del film c' è un libro inchiesta della giornalista Jessica Bruder che, a bordo di un furgone, ha viaggiato in lungo e largo il Grande Paese raccogliendo le testimonianze dei tanti (quasi tutti bianchi!) che, costretti causa la crisi economica o traumatiche [...] Vai alla recensione »

sabato 12 settembre 2020
Alessandro Aniballi
Quinlan

Con questo suo terzo lungometraggio, Nomadland, vincitore addirittura del Leon d'Oro a Venezia 77, Chloé Zhao porta avanti il suo discorso sui miti americani, lei che è cinese, ma naturalizzata statunitense, e in particolare sul western: nel primo - Songs My Brothers Taught Me - infatti aveva affrontato la miserevole condizione contemporanea degli indiani d'America; nel secondo - The Rider - si era [...] Vai alla recensione »

sabato 12 settembre 2020
Peter Bradshaw
The Guardian

Nomadland è un ispirato ibrido tra documentario e fiction, come il precedente film di Chloé Zhao, The rider. È un film gentile e compassionevole che s'interroga sull'anima stessa degli statunitensi, che fa aderire attori non professionisti alla storia di una donna non più giovane, allegra e intraprendente interpretata alla grande da Frances McDormand.

sabato 12 settembre 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

E allora valeva almeno la pena di aspettare l'ultimo giorno della Mostra, per avere un'accoppiata di film in Concorso che riscaldano l'occhio, la mente e il cuore del cinefilo. Certo non sospettavamo di soffrire cinematograficamente così a lungo. "Nomadland" di Chloé Zhao è un viaggio solitario di una donna, che dopo il crollo delle attività economiche nel Nevada e rimasta da tempo senza marito, decide [...] Vai alla recensione »

sabato 12 settembre 2020
Francesca Pistocchi
Close-up

Il cinema di Chloé Zhao si immerge nei suburbi del mondo: la giovane regista cinese ce l'aveva già dimostrato con The Rider, ambientato nei retroscena dell'America più desolata e impervia. Tratto dall'omonimo romanzo di Jessica Bruder, Nomadland s'addentra nei meandri di una solitudine perennemente inquieta, analizzando tutti volti di cui si compone l'emarginazione - non soltanto sociale, ma anche [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 settembre 2020
Gian Luca Pisacane
La Rivista del Cinematografo

L'America, il western, il cinema di Chloé Zhao. La sua è la rilettura di un genere, è la riscoperta dell'elemento fondativo di una nazione. Dalla sua macchina da presa sgorga l'eredità di John Steinbeck, di Cormac McCarthy. In The Rider - Il sogno di un cowboy si confrontava con Sam Peckinpah e L'ultimo buscadero. In Nomadland ci sono le pianure di John Ford, le montagne di Anthony Mann, le strade [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 settembre 2020
Teresa Marchesi
Huffington Post

"Nomadland"della cino-americana Chloè Zhao è il film più bello della Mostra? Sì. Senz'altro è il più nuovo. C'è un'attrice più brava di Frances McDormand, la bi-Oscar Mrs. Joel Coen del cui volto un bravo giornalista americano ha scritto che "è come visitare un Parco Nazionale"? No. Per regolamento a Venezia non si possono dare due premi allo stesso film.

venerdì 11 settembre 2020
Sergio Sozzo
Sentieri Selvaggi

La riflessione più inedita nel percorso di Chloé Zhao tra le strade d'America non è incarnata dall'abituale repertorio di paesaggi al tramonto, montagne millenarie, cieli stellati, bagni nei ruscelli e praterie innevate che il film attraversa, e probabilmente nemmeno nel veicolare la filosofia della cosiddetta VanLife di Bob Wells, guru del movimento di nomadi su quattro ruote che si spostano di Stato [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 settembre 2020
Pier Maria Bocchi
Cineforum

Alla domanda innocente di una giovane sua ex studentessa se lei sia davvero una homeless, Fern, la protagonista assoluta di questo film, risponde che in verità è una houseless. Non è la stessa cosa, no? Fern non è una barbona: è una che si muove in furgone, dal gelo del Nevada al caldo dell'Arizona, sosta, lavora stagionalmente da Amazon (che sia il primo film a mostrare il sistema di montaggio del [...] Vai alla recensione »

venerdì 30 aprile 2021
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Dopo l'aperitivo dei primi giorni di questa settimana, i cinema provano a battere un colpo lanciando nelle sale molti dei film che sono transitati nella notte (noiosa) degli Oscar. A partire da oggi (e da domani su Star, all'interno di Disney+), dal trionfatore Nomadland, tre statuette vinte nei premi più importanti, ovvero Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Attrice Protagonista.

giovedì 29 aprile 2021
Stefano Giani
CineSalotto

La grande recessione l'aveva lasciata vedova, senza uno straccio di avvenire ma lei, Fern, non era tipa da abbattersi. Non lo è mai stata nemmeno quando, giovanissima, aveva lasciato la famiglia perché quella del nomadismo è una vocazione. E l'affetto, mai tramontato per sorella e genitori, è sempre rimasto. Ebbene nemmeno l'ultimo rovescio ha piegato quella donna, spigolosa ma dal cuore generoso, [...] Vai alla recensione »

martedì 15 settembre 2020
Roberto Manassero
Film TV

Fran, la protagonista interpretata da Frances McDormand, si definisce houseless, senza abitazione, non homeless, senza casa. La casa è ovunque, nell'America del Southwest e della California: è il paesaggio, la strada, la comunità di viaggiatori che occupa le aree di sosta e compie lavori stagionali. Fran è una di loro, vive in un furgone, è vedova, viene da una città spopolata dalla crisi edilizia. [...] Vai alla recensione »

sabato 12 settembre 2020
Emiliano Morreale
La Repubblica

Chloé Zhao dirige l' attrice in "Nomadland". In concorso anche il road movie azero "In between dying" di Emiliano Morreale A coronare la serie di personaggi e interpreti femminili del festival arriva una delle più grandi attrici americane viventi, Frances McDormand, protagonista e produttrice di Nomadland di Chloé Zhao. Già nei film precedenti narratrice di un' America marginale, la regista segue qui [...] Vai alla recensione »

NEWS
BOX OFFICE
domenica 9 maggio 2021
Andrea Chirichelli

Vola Nomadland, che incassa quasi 72mila euro nella giornata di ieri, con più di 10mila spettatori, e sale ad un totale di oltre 712mila euro. Bene Woody Allen e il suo Rifkin's Festival, che ottiene quasi 33mila euro, con poco meno di 5mila spettatori [...]

BOX OFFICE
sabato 8 maggio 2021
Andrea Chirichelli

Il film di Woody Allen mantiene la seconda posizione mentre entrano in top ten le nuove uscite. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
giovedì 6 maggio 2021
Andrea Chirichelli

Il film di Chloé Zhao incassa altri 43mila euro e arriva a un totale di 560mila. Sul podio Minari e In the mood for love. Vai alla classifica »

BOX OFFICE
mercoledì 5 maggio 2021
Andrea Chirichelli

In the Mood for Love resiste al secondo posto con un totale di 50mila euro. Completa il podio Minari. Scopri la classifica »

BOX OFFICE
martedì 4 maggio 2021
Andrea Chirichelli

In the Mood for Love sale in seconda posizione scavalcando Minari. Debutta al quinto posto il francese DueScopri la classifica »

BOX OFFICE
lunedì 3 maggio 2021
Andrea Chirichelli

Gran domenica per Nomadland che incassa 130mila euro con oltre 18mila spettatori e sale a 429mila euro complessivi, decisamente un ottimo dato, vista la situazione generale. Minari incassa 23mila euro e arriva a quota 111mila, mentre sul podio si [...]

BOX OFFICE
domenica 2 maggio 2021
Andrea Chirichelli

Ancora in crescita gli incassi del boxoffice italiano. Nomadland ieri ha più che raddoppiato gli incassi rispetto al giorno precedente, con un sabato da 161mila euro, con oltre 22mila presenze nei cinema, per un totale di quasi 300mila euro, mentre [...]

BOX OFFICE
sabato 1 maggio 2021
Andrea Chirichelli

Il film premio Oscar prende il volo, mentre iniziano a crescere gli incassi al box office. Guarda la classifica »

BOX OFFICE
venerdì 30 aprile 2021
Andrea Chirichelli

Il film premio Oscar è un successo al box office. Al cinema anche l’Orso d’Oro di Berlino che debutta al quinto posto. Scopri la classifica »

OSCAR
lunedì 26 aprile 2021
Pino Farinotti

Pesa come un macigno l'assenza del giudizio popolare, il riscontro del box office, ma il film di Chloé Zhao è grande cinema tout court. Di Pino Farinotti. Vai all'articolo »

NEWS
lunedì 26 aprile 2021
 

Empire, stato del Nevada. Nel 1988 la fabbrica presso cui Fern e suo marito Bo hanno lavorato tutta la vita ha chiuso i battenti, lasciando i dipendenti letteralmente per strada. Anche Bo se ne è andato, dopo una lunga malattia, e ora il mondo di Fern [...]

OSCAR
lunedì 26 aprile 2021
 

Un po' a sorpresa, è l'attrice che interpreta Fern nel film di Chloé Zhao ad aggiudicarsi il prestigioso riconoscimento. Vai all'articolo »

OSCAR
lunedì 26 aprile 2021
 

Il film di Chloé Zhao si aggiudica la statuetta più prestigiosa della serata. Vai all'articolo »

OSCAR
lunedì 26 aprile 2021
 

La regista si aggiudica una vittoria storica per il film già Leone d'Oro. Vai all'articolo »

OSCAR
lunedì 26 aprile 2021
 

È trionfo. Avviene l’inimmaginabile al Dolby Theater. Parasite (guarda la video recensione) è il primo film non in lingua inglese di sempre ad aggiudicarsi l’Oscar più ambito, quello come miglior lungometraggio. [...]

OSCAR
lunedì 15 marzo 2021
Roberto Manassero

Il favoritissimo Nomadland (6 candidature) non dovrebbe lasciar spazio a Mank (10). Hollywood sceglie l’inclusione ma non ancora del tutto. Vai all’articolo »

NEWS
giovedì 4 marzo 2021
 

Dopo aver perso ogni cosa, una donna decide di vivere da nomade. Vai all'articolo »

TRAILER
lunedì 14 dicembre 2020
 

Regia di Chloé Zhao. Un film con Linda May, Frances McDormand, David Strathairn, Charlene Swankie. Prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

PREMI
sabato 12 settembre 2020
 

Il film si aggiudica il premio maggiore della Mostra del Cinema.
Vai all'articolo »

MOSTRA DI VENEZIA
sabato 12 settembre 2020
Paola Casella

Un cinema viscerale che non abbassa lo sguardo. In Concorso a Venezia 77. Vai all'articolo »

TRAILER
mercoledì 9 settembre 2020
 

Regia di Chloé Zhao. Un film con Linda May, Frances McDormand, David Strathairn, Charlene Swankie. In concorso a Venezia77 e prossimamente al cinema. Guarda il trailer »

winner
miglior film
Premio Oscar
2021
winner
miglior regia
Premio Oscar
2021
winner
miglior attrice
Premio Oscar
2021
winner
leone d'oro
Festival di Venezia
2020
winner
miglior regia
Golden Globes
2021
winner
miglior film dram.co
Golden Globes
2021
winner
miglior film
BAFTA
2021
winner
miglior regia
BAFTA
2021
winner
miglior attrice
BAFTA
2021
winner
miglior fotografia
BAFTA
2021
winner
miglior regia
Satellite Awards
2021
winner
miglior attrice in un film dram.co
Satellite Awards
2021
winner
miglior film dram.co
Satellite Awards
2021
winner
miglior film indipendente internaz.
British Independent
2021
winner
migliori film
National Board
2021
winner
miglior direttore della fotografia
National Board
2021
winner
miglior film
Critics Choice Award
2021
winner
miglior regia
Critics Choice Award
2021
winner
miglior scenegg.ra non origin.
Critics Choice Award
2021
winner
miglior fotografia
Critics Choice Award
2021
winner
miglior film
Spirit Awards
2021
winner
miglior regia
Spirit Awards
2021
winner
miglior fotografia
Spirit Awards
2021
winner
miglior montaggio
Spirit Awards
2021
winner
miglior regia
Directors Guild
2021
winner
miglior produttore di un film
Producers Guild
2021
winner
film dell'anno
AFI Awards
2021
winner
miglior film
NSFC Awards
2021
winner
miglior regia
NSFC Awards
2021
winner
miglior attrice
NSFC Awards
2021
winner
miglior fotografia
NSFC Awards
2021
SHOWTIME
    Oggi distribuito in 144 sale cinematografiche
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati