Grazie a Dio

Film 2019 | Drammatico +13 137 min.

Titolo originaleGrâce à dieu
Anno2019
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia
Durata137 minuti
Al cinema4 sale cinematografiche
Regia diFrançois Ozon
AttoriMelvil Poupaud, Denis Ménochet, Swann Arlaud, Éric Caravaca, Francois Marthouret Bernard Verley, Martine Erhel, Josiane Balasko, François Chattot.
Uscitagiovedì 17 ottobre 2019
TagDa vedere 2019
DistribuzioneAcademy Two
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,31 su 40 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di François Ozon. Un film Da vedere 2019 con Melvil Poupaud, Denis Ménochet, Swann Arlaud, Éric Caravaca, Francois Marthouret. Cast completo Titolo originale: Grâce à dieu. Genere Drammatico - Francia, 2019, durata 137 minuti. Uscita cinema giovedì 17 ottobre 2019 distribuito da Academy Two. Oggi tra i film al cinema in 4 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,31 su 40 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Grazie a Dio tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un uomo scopre che il prete che ha abusato di lui quando era giovane lavora ancora a contatto con i bambini. Decide che è il momento di agire. Il film è stato premiato al Festival di Berlino, In Italia al Box Office Grazie a Dio ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 134 mila euro e 69,8 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,31/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,53
PUBBLICO 3,40
CONSIGLIATO SÌ
Un film sorretto da una lucida esigenza, senza costruzione melodrammatica o retorica pamphlettistica.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 8 febbraio 2019
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 8 febbraio 2019

Alexandre vive a Lione con la sua famiglia. Un giorno viene a sapere che il prete che abusava di lui quando faceva parte del gruppo degli scout officia sempre a contatto con i bambini. Inizia allora la sua personale battaglia con l'aiuto di François ed Emmanuel, anch'essi vittima del sacerdote, per raccontare le responsabilità del prete. Col passare del tempo e con l'aumento del numero delle vittime del sacerdote che decidono di venire allo scoperto si forma un associazione che decide di costituirsi in giudizio legale.

François Ozon appartiene da tempo di diritto a quel ristretto numero di registi (vedi ad esempio Steven Soderbergh) le cui opere, se presentate a uno spettatore ignaro della loro filmografia, potrebbero venire tranquillamente attribuite a realizzatori diversi l'uno dall'altro.

Ozon resta un autore ma ha deciso di non chiudersi in una 'certa maniera di fare cinema'. In questa occasione è stato a lungo incerto se realizzare un documentario o una fiction, una volta venuto a conoscenza del caso Preynat grazie al sito La Parole Libérée. Online erano state raccolte le testimonianze e l'azione di quelli che un tempo erano stati bambini abusati da un sacerdote e che, grazie a uno di loro rimasto fedele alla Chiesa ma sconvolto dalla scoperta dell'impunità del sacerdote, aveva avviato la procedura di messa in stato di accusa del prelato. Quest'ultimo peraltro non ha mai negato gli addebiti considerandosi 'malato'.

Grazie agli incontri con i veri soggetti della vicenda, Ozon ha compreso che, dopo essere stati al centro di numerose inchieste televisive, avrebbero preferito una trattazione della loro storia così come avvenuto, negli Stati Uniti, con Il caso Spotlight. Questo ha dato al regista al contempo una libertà di trattamento ma anche la responsabilità di un rispetto fondamentale di fatti e persone. Ruotando fondamentalmente su tre personaggi molto diversi tra loro, la sceneggiatura (che ha come unico difetto quello della eccessiva lunghezza) riesce a dare una lettura delle vicende che non si lascia mai attrarre dal facile 'j'accuse' che confonda inevitabilmente alcuni uomini della Chiesa con la fede di chi ha subito i loro abusi.

Un sacerdote italiano sospeso a divinis qualche anno fa per reati analoghi in una sua lettera resa pubblica scriveva di "avere praticato e diffuso il male facendo vacillare la fede di molti".

Ozon coglie anche nella vicenda francese questa problematica così come non si ritrae dal mostrare come quei bambini non avessero spesso trovato, anche se in situazioni socioculturali molto diverse tra loro, un ambito familiare tale da permettere loro di confidarsi senza sentirsi aprioristicamente 'colpevoli' anziché vittime. Non c'è ombra di costruzione melodrammatica o di retorica pamphlettistica in questo film sorretto da una lucida esigenza di dare ulteriore e più ampia voce a uomini che da bambini hanno subito ciò che un bambino non dovrebbe mai subire.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 24 ottobre 2019
Ghisi Grütter

Il regista francese François Ozon scrive una sceneggiatura tratta da una storia vera: un caso di pedofilia nella chiesa francese tra gli anni ’80 e ’90, un religioso accusato di aver molestato 70 bambini. Confeziona questo bel film in modo misurato ed emozionante senza scadere nel melodramma. Alexandre Guérin è un giovane padre di famiglia cattolico, che vive a Lione [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 ottobre 2019
loland10

“Grazie a Dio” (Grâce a Dieu, 2019) è il diciottesimo lungometraggio del regista parigino François Ozon. Ennesimo film di inchiesta da veri fatti accaduti. Si è parlato de “Il caso Spotlight” francese. Tutto in risalto con nomi e cognomi. Tutto in tinte forti senza nascondere nulla. Pur tuttavia si ha l’impressione che il racconto e i suoi personaggi [...] Vai alla recensione »

sabato 19 ottobre 2019
toni mais

I bacchettoni del sesso le definiscono devianze o perversioni , la scienza prima e  Lars von Trier dopo  ( in Nynphomaniac ) ci spiegano che , in un rapporto sessuale , qualunque fantasia erotica è degna di essere soddisfatta a condizione che vi sia l'incodizionato consenso di chi vi partecipa ( due o più di due) . Largo spazio dunque al sesso , dal feticismo allo scambio [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 ottobre 2019
Flaw54

Film realistico su di un tema delicato: la pedofilia nella chiesa e lla protezione dei preti colpevoli. Tratto da un fatto vero accaduto in Francia affronta l'argomento in modo serio, realistico con una recitazione naturale da parte degli attori che ti avvince e ti fa riflettere sull'argomento. Un buon lavoro.

giovedì 14 novembre 2019
enrico danelli

Non è un film sui preti pedofili. Nella migliore tradizione di Ozon (Nella casa) il fiocus di questo film è sulle famiglie di chi è stato abusato da un prete pedofilo: su come hanno trattato il problema quando i figli erano piccoli, su come trattano adesso il problema quando i figli trovano il coraggio di denunciare i fatti di un tempo.

domenica 27 ottobre 2019
ralphscott

Anche in questa occasione l'opera di Ozon è asciutta, dritta all'obbiettivo. Se inizialmente la sceneggiatura prevede una ripetitiva serie di atti accusatori, la storia si fa più accattivante quando le vittime interagiscono tra loro ed emergono i problemi della loro quotidianità. L'importanza dell'ambiziosa battaglia di Alexandre è lampante, tuttavia mi rattrista [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 ottobre 2019
foffola40

Abusi di preti pedofili su ragazzini giovanissimi da parte del prete carismatico che organizzava soggiorni per gli scout.La voglia di riscatto comincia da uno dei malcapitati dopo circa trentanni dai fatti avvenuti. Da li piano piano vengono sollecitate altre dolorose confessioni di altre vittime, ci troviamo a Lione. Le gerarchie ecclesiatiche del momento accettano le confessioni ma in.

FOCUS
FOCUS
martedì 15 ottobre 2019
Tommaso Tocci

Definito da Le Monde "un grande processo" per le potenti testimonianze che ha visto esprimere e per l'alto profilo degli argomenti trattati, l'evento che ha ispirato il nuovo film di Francois Ozon è uno snodo vivo e cruciale nella società tanto francese quanto europea.

"Grazie a Dio" è l'espressione sciagurata che dà il titolo al film, usata dal Cardinale Barbarin per riferirsi al troppo tempo trascorso tra le molestie di alcuni giovani scout negli anni Ottanta da parte di Padre Preynat e la dolorosa rivelazione pubblica della storia, grazie alla tenacia di quegli stessi ragazzi ora divenuti adulti.

Ozon, da regista liquido e cangiante qual è, si è adattato con grazia allo sgomitare di arte e vita, cogliendo nel suo fluido divenire una vicenda che a causa di lungaggini giudiziarie ha portato il film e il processo a rincorrersi l'un l'altro: alla presentazione al Festival di Berlino, a Febbraio, il film si chiudeva con un cartello che raccontava di un verdetto ancora da annunciare. Oggi, il film esce in sala aggiornato agli eventi della primavera, riportando notizia delle dimissioni dallo stato clericale di Preynat e della condanna a sei mesi per Barbarin.

Eppure rimane una tessitura incompleta, non potendo estendere lo sguardo ai successivi sviluppi (sul ricorso di Barbarin, e sulla sua rinuncia alla guida della Chiesa di Lione) e finendo per risultare ancor più intimamente un film sull'assenza di chiusura. Ozon ne asseconda la natura in modo delicato, costruendo la sua storia con in mente non il climax ma il sinuoso percorso, raccontato con maestria attraverso i tre protagonisti che si passano il testimone, e attraverso archi narrativi disegnati alla perfezione. "Voglio che le persone della Chiesa mi vedano, e vedano la mia sofferenza" aveva dichiarato uno dei protagonisti durante il processo, esplicitando quello che è anche il tema del film di Ozon: il silenzioso riconoscimento di una dignità, che esige non tanto il desiderio di conseguenza, ma la legittimità dell'essere visti.

Essere visti è un atto che unisce le vittime al film stesso, minacciato di oscuramento da alcuni dei personaggi coinvolti nel processo sulla base della presunzione di innocenza e sul diritto di rappresentare personaggi reali (Ozon cambia i nomi dei protagonisti ma non dei colpevoli). Subito dopo la conquista del Gran Premio della Giuria alla Berlinale, Grazie a Dio si è trovato in un limbo che ne ha messo a repentaglio l'uscita nelle sale francesi. La difesa di Ozon si è basata su una sorta di auto-evidenza, rimandando al fatto che nulla nel suo film poteva essere meno noto della vicenda già pubblica, e che dunque ciò che è già noto non può essere dis-visto.

L'idea della visione come chiave della vicenda è centrale anche per l'imputato, quel Cardinale accusato indirettamente in quanto supervisore di Preynat. "Mai ho cercato di nascondere, e ancor meno di coprire, questi fatti orribili" aveva proclamato Barbarin, alla sbarra come colpevole surrogato, e dunque portatore di un valore simbolico di secondo livello. In questo processo, come nel film di Ozon, la catarsi viene non dalla condanna diretta ma dal confronto pubblico; la responsabilità non dall'atto, ma dal suo riconoscimento.

INCONTRI
lunedì 14 ottobre 2019
Paola Casella

Questa volta François Ozon si cimenta con un tema trattato di recente da due grandi film internazionali, Il caso Spotlight e La mala educacion: la pedofilia all'interno della Chiesa cattolica. Ozon ha dedicato molto tempo a quella che definisce una vera e propria inchiesta investigativa sul caso di alcuni abitanti di Lione che hanno denunciato le molestie subite da un prete quando erano bambini. Dopodiché ha scritto e diretto Grazie a Dio (guarda la video recensione), Orso d'argento Gran premio della giuria all'ultimo Festival di Berlino: un film denuncia dalla trama avvincente del tutto privo di facili sensazionalismi ed eccessi emotivi.

La parola è l'eroe del suo film?
La parola è stata protagonista di questa vicenda in tutte le sue forme, ed è una parola che libera - non a caso l'organizzazione lionese che è riuscita a fare breccia nel muro di omertà della Chiesa cattolica si chiama "La parola liberata". È una parola che toglie un peso dalle spalle di genitori, figli, compagni di vita, che lascia la sua traccia nelle innumerevoli mail fra le vittime e l'istituzione ecclesiastica, che nutre i discorsi delle vittime fino alla svolta finale. Quando ho iniziato a girare questo film non me ne rendevo conto, ma la parola è davvero la star di Grazie a Dio.

Spesso però, come si dice anche nel film, la Chiesa non ha voluto passare dalle parole ai fatti.
È vero, nonostante i cardinali e lo stesso Papa avessero usato termini duri e inequivocabili. Anche questo però ha un valore cinematografico, perché la parola è un soggetto interessante proprio nelle sue contraddizioni: pensiamo ai film di Rohmer dove tutti parlano moltissimo, fanno grandi discorsi sull'amore e poi si comportano in modo diametralmente opposto alle loro elucubrazioni verbali.

Pur raccontando una storia dai contenuti emotivi fortissimi, ha scelto di raffreddare la messinscena.
Cioè non ho fatto il grande melodramma hollywoodiano, vuol dire? (Ride) È vero, sono stato molto attento a rispettare la delicatezza delle situazioni reali e la complessità degli eventi, piuttosto che lanciarmi in scene madri di sicura presa sul pubblico. Non tutto è bianco e nero, ci sono sfumature nei sentimenti, alcune famiglie ad esempio hanno reagito male durante la battaglia che le vittime hanno intrapreso contro il loro molestatore, ed è stato giusto rispettare anche la loro parola. Come dice Renoir ne La regola del gioco, "Tutti hanno le loro ragioni". Il suo umanesimo ci ha insegnato che cambiando la prospettiva cambiano anche gli altri elementi del racconto.

In Grazie a Dio la Chiesa come istituzione sembra separare il concetto di peccato da quello di crimine.
Il problema della Chiesa è proprio quello di considerare la pedofilia un peccato per il quale c'è un'assoluzione, dimenticando la sofferenza che provoca nelle vittime. Ma la pedofilia va contro il messaggio di Cristo che invita i fedeli a proteggere i più deboli: e certamente i bambini sono una parte debole. Per questo molti cattolici sono furiosi contro l'istituzione ecclesiastica che tollera la pedofilia fra le sue fila.

Infatti in Grazie a Dio uno dei protagonisti specifica che la sua battaglia non è contro la Chiesa, ma per la Chiesa.
Molti membri dell'associazione "La parola liberata" non hanno perso la loro fede cattolica, ma la fede nell'istituzione ecclesiastica, che con la sua tolleranza nei confronti della pedofilia tradisce il messaggio di Cristo.

Il suo film mostra anche come le persone vicine alle vittime della pedofilia vengano a loro volta travolte dalla spirale di dolore.
Attraverso le mie ricerche ho scoperto che un bambino abusato diventa una bomba ad orologeria e spesso finisce per dar luogo a una distruzione famigliare dall'interno, che coinvolge tutti quelli che gli stanno attorno. Quando un ex bambino abusato decide di parlare gli equilibri saltano, e spesso assistiamo a divorzi, schieramenti, divisioni interne al nucleo domestico. Ma il silenzio fa danni anche peggiori, mi creda.

I protagonisti di Grazie a Dio sono quasi tutti uomini, ma ci sono anche numerose figure femminili di rilievo.
Ho sempre messo le donne al centro dei miei film, e anche qui ho voluto delineare molti ruoli femminili di spessore, anche se di contorno, perché le mogli e madri delle vittime sono state fondamentali nella battaglia combattuta a Lione.

Del resto il suo cinema spesso racconta uomini e donne oltrepassando gli stereotipi di genere.
Io non faccio differenze fra uomini e donne, specialmente quando scrivo e dirigo un film. Mi interessa raccontare personaggi intelligenti che fanno scelte ad alto rischio. E trovo che gli attori migliori siano quelli che riescono ad accogliere il proprio lato femminile, come hanno fatto in questo film Melvil Poupaud, Denis Ménochet e Swann Arlaud.

FOCUS
mercoledì 9 ottobre 2019
Marzia Gandolfi

Non è la prima volta che François Ozon affronta temi di risonanza sociale, la prostituzione con Giovane e bella, l'identità sessuale con Una nuova amica, ma è la prima volta che si appassiona a un grand sujet della società: il silenzio della Chiesa davanti ai preti pedofili. La materia è così forte che la messa in scena sembra invisibile ma non per questo meno virtuosa.

Potrebbe trattarsi di un film processo, un processo rimandato troppo a lungo, potrebbe trattarsi di un film inchiesta, adattato da una storia vera, potrebbe trattarsi ancora di un film sociale, un film importante su un soggetto tabù. Grazie a Dio è tutti questi film insieme ma è anche e soprattutto una storia di uomini che hanno in comune lo stesso trauma infantile e che dopo anni di rimozione si ritrovano risorgendo.

François Ozon disegna con un pudore estremo il ritratto di individui, dagli orizzonti sociali e culturali differenti, che finalmente trovano la parola: marito modello e padre di famiglia esemplare, Alexandre Guérin (Melvil Poupaud) è all'origine della rivelazione dell'affaire; battagliero irriducibile e fiero del suo ateismo, François Debord (Denis Ménochet) forma con Gilles Perret (Éric Caravaca) il tandem offensivo e costruttivo che non è mai riuscito a costituire con suo fratello; proletario instabile e irritabile, Emmanuel Thomassin (Swann Arlaud) è provato dal suo passato nella carne (è epilettico) e nella virilità. Turbati dall'iniziativa legale di Alexandre, non vogliono saperne niente di quella "vecchia storia" che gli ha spezzato l'infanzia e di cui diventeranno presto i paladini ostinati. Paladini di una lotta contro il crimine pedofilo in seno alla Chiesa. Perché oltre agli uomini al cuore del film c'è la Chiesa, struttura ieratica piena di faglie che permettono a individui pericolosi come padre Preynat di insinuarsi e prosperare.

Eppure Grazie a Dio, il cui titolo è improntato a un'inaudita gaffe sfuggita pubblicamente al Cardinale Barbarin ("Grazie a Dio questi crimini sono stati prescritti"), non è affatto un film antireligioso. Numerosi dei suoi protagonisti sono credenti e Ozon è sempre rispettoso con quelli che credono, concertando dibattiti senza fine sulla fede. Il carico contro la gerarchia episcopale si rivela tanto più aspro quanto più evita la caricatura. Attori sottili e messa in scena misurata sono sufficienti a François Ozon 'a far male'. Il regista si affida di fatto a dichiarazioni officiali e documenti autentici. Quello che interessa davvero al regista è il sistema Chiesa che fa passare il Male senza essere malvagio in sé. Philippe Barbarin è mostrato come un uomo di potere che sembra onestamente non comprendere la sua responsabilità e nemmeno temere la gravità della situazione. Una gravità che neanche padre Preynat sa misurare. La singolarità del suo caso è che il prete non ha mai negato le aggressioni e le violenze che gli vengono attribuite. Il carnefice rivede le sue vittime e parla loro con la gentilezza di un curato che si avvicina a un bambino, come se il tempo non fosse passato, come se niente fosse accaduto, niente di grave in tutti i casi. Pertanto mai padre Preynat contesta le accuse che confessa sistematicamente spiegando di essere malato, come se in qualche modo fosse anche lui una vittima. Preynat non è né furbo né calcolatore e si congeda dagli uomini che gli rimandano il suo crimine con la speranza sincera di poter continuare a mantenere una relazione cordiale e amicale. Condotta che lo rende ancora più spaventoso.

Il caso Preynat provocò un'ondata di choc nella diocesi lionese, affidata al Cardinal Barbarin nel 2002. L'altro prelato, pur conoscendo le 'voci', confermate da Preynat nel 2007, informò la Santa Sede soltanto nel 2015, dopo aver ricevuto la lettera accorata e risoluta di una delle vittime. Il cardinale si difese invocando la prescrizione dei fatti ma nel marzo 2019 è stato riconosciuto colpevole di omissione e condannato a sei mesi di prigione con la condizionale. Padre Preynat è stato condannato invece il 4 luglio 2019, cinque mesi dopo uscita del film di Ozon in Francia, alla dimissione dello stato clericale. Si tratta della più alta pena prevista dalla giustizia della Chiesa. Per la prima volta, l'autore francese sceglie di raccontare dei personaggi veri, di evocare una storia vera e dei fatti gravissimi.

Frasi
Quello che mi aspetto è una sanzione della chiesa nei suoi confronti
Una frase di Alexandre Guérin (Melvil Poupaud)
dal film Grazie a Dio - a cura di MYmovies.it
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 17 ottobre 2019
Eugenio Renzi
Il Manifesto

Grazie a Dio è uscito in Francia il 20 febbraio scorso. La data era importante perché precedeva di un mese la sentenza del caso Preynat, che il film ricostruisce in maniera assai fedele. I fatti risalgono ad un periodo che va dalla fine degli anni ottanta all'inizio degli anni novanta. E riguardano un prete della diocesi di Lione, accusato di aver molestato sessualmente tre scout, i quali diventati [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 ottobre 2019
Emiliano Morreale
La Repubblica

François Ozon è uno degli autori più prolifici ed eclettici in circolazione. Otto film in dieci anni, commedie o drammi borghesi, adattamenti letterari in costume e thriller, presentati regolarmente nei maggiori festival. In quest' ultimo, che ha vinto l'Orso d'argento a Berlino, è come se il regista mettesse la sordina alla propria personalità, ponendosi al servizio del tema in maniera piana, quasi [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 ottobre 2019
Fulvia Caprara
La Stampa

Non solo la denuncia implacabile della rete che ha protetto, in Francia, sacerdoti accusati di pedofilia e per questo processati. Non solo le prove magistrali degli attori che interpretano le vittime di abusi, da Melvil Poupaud a Denìs Menochet. Non solo il ritmo serrato e appassionante del miglior cinema d'inchiesta. La differenza, in Grazie a Dio di François Ozon, Gran Premio della Giuria all'ultima [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 ottobre 2019
Teresa Marchesi
Huffington Post

"Grazie a Dio tutti questi fatti sono prescritti": parole testuali dell'arcivescovo di Lione, Philippe Barbarin, alla conferenza stampa sul caso di pedofilia ecclesiastica che nel 2016 ha scatenato un terremoto nell'opinione pubblica francese. Parole 'violente', più ancora che indecenti, secondo Francois Ozon, che ne ha ricavato il titolo del suo film Gran Premio della Giuria all'ultima Berlinale, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 2 ottobre 2019
Alessandra De Luca
Ciak

Alexandre, quarantenne, fervente cattolico, felicemente sposato e padre di cinque figli, scopre che quel Padre Preynat che abusò di lui non solo non è mai stato allontanato dalla Chiesa, ma continua a lavorare con i bambini. E proprio alla Chiesa si rivolge per avere spiegazioni, scrivendo al cardinale Philippe Barbarin che si affretta a condannare l'accaduto e a promettere provvedimenti, ma di fatto [...] Vai alla recensione »

sabato 2 novembre 2019
Sara Del Corona
Marie Claire

Nel 1986 padre Preynat aveva fondato un gruppo scout alla periferia di Lione. Lì attingeva per i suoi scopi pedofili. E questa è la ricostruzione di come, dal coraggio di un ex abusato, sia esploso in Francia uno degli scandali più grandi della Chiesa cattolica. Un film d'inchiesta che racconta dando alle vittime consistenza e dignità, e al loro dolore molte sfumature.

lunedì 21 ottobre 2019
Enrico Danesi
Giornale di Brescia

Lione, 2012. Il bancario Alexandre, padre di 5 figli e fervente cattolico, scopre che il sacerdote che lo aveva molestato quando era piccolo, opera ancora a contatto con i bambini: si rivolge dunque alle autorità ecclesiastiche, che però tergiversano. Allora sporge denuncia a quelle civili, che individuano altre vittime disposte, dopo iniziali reticenze, a testimoniare.

domenica 20 ottobre 2019
Alberto Cattini
Gazzetta di Mantova

"Grâce à Dieu", 18esimo lungometraggio di François Ozon, Gran Premio alla Berlinale, nasce dal sito francese "La Parole Libérée" che dal 2015 raccoglie le storie di coloro che boy scout di Sainte-Foy-lès- Lyon, furono vittime degli abusi sessuali di padre Bernard Preynat, senza che le alte gerarchie della chiesa, tra cui il cardinale di Lyon, Philippe Barbarin, intervenissero a destituirlo.

domenica 20 ottobre 2019
Michele Gottardi
Il Mattino di Padova

Gran premio della Giuria al Festival di Berlino 2019, "Grazie a Dio" di François Ozon torna sul tema dei preti pedofili che ha avuto grande eco anche al cinema con "Il caso Spotlight" (Premio Oscar nel 2015). Qui siamo a Lione, e la vicenda è come sempre reale pur nelle sfumature narrative dello schermo: Alexandre, cristiano praticante, famiglia numerosa e tutta educata nelle scuole cattoliche dai [...] Vai alla recensione »

domenica 20 ottobre 2019
Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Grazie a Dio (Grâce à Dieu, Francia e Belgio, 2018, 137') non è una versione francese di Il caso Spotlight (2015). Il film di Tom McCarthy e questo di François Ozon affrontano la stessa terribile questione, la pedofilia nella chiesa cattolica e le reticenze della gerarchia, per non dire delle complicità. Il primo lo fa da un punto di vista per così dire esterno, mettendo a confronto due istituzioni, [...] Vai alla recensione »

sabato 19 ottobre 2019
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Ancora in attesa del processo, colpevole di decine di atti di pedofilia su bambini scout affidati, padre Preynat di Lione è fuori dal clero da tre mesi, mentre va in appello il cardinale Barbarian condannato per averlo coperto. Al primo film d'inchiesta, autore eclettico di sfumature metaforiche, identità nascoste e risvolti onirici (Swimming Pool, 8 donne e un mistero) François Ozon segue in crescendo [...] Vai alla recensione »

sabato 19 ottobre 2019
Valerio Caprara
Il Mattino

Alleluja (per restare in tema). L'eclettico e prolifico Ozon ridiventa bravo e buono: quando, infatti, in «Giovane e bella» adombrava come la scelta della prostituzione part time da parte di una risoluta ninfetta non fosse indotta da alcuna costrizione sociale o espropriazione sessuale era stato bollato come un provocatore misogino degno della lapidazione del #MeToo.

sabato 19 ottobre 2019
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Parliamo di cinema, per il resto - peccati del clero, giustizia terrena e divina - non siamo titolati. Le metamorfosi di Franois Ozon sono state tante, l'ultima è la più sorprendente. Ha cominciato scimmiottando le sit-com (con una famiglia che usava le zucchine non solo in cucina). Ha travestito da donna Romain Duris in "Una nuova amica". Ha raccontato i segreti dell'editoria in "Angel".

venerdì 18 ottobre 2019
Matteo Galli
Close-Up

Ciò che lo spettatore internazionale, non esattamente attentissimo alla cronaca giudiziaria su casi di pedofilia all'interno della chiesa cattolica, apprende solamente in esergo, poco prima che inizino i titoli di coda, lo spettatore e cittadino francese, e ancor più, lo spettatore e cittadino della regione di Lione, lo sa ancor prima che il film di François Ozon, intitolato Grâce à Dieu abbia inizio: [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 ottobre 2019
Massimo Lastrucci
Ciak

Giugno 2014, Lione. Quando Alexandre Guérin (40 anni, padre di 5 figli) scopre che Padre Bernard Preynat, l'uomo che lo ha molestato sessualmente quando era un ragazzino e militava negli scout cattolici, è tornato a officiare la Messa nel territorio, scosso dall'indignazione e preoccupato perché quel pedofilo ancora si trova a occuparsi di fanciulli, scrive una lettera di denuncia a Monsignor Barbarin, [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 ottobre 2019
Didier Peron
Libération

Il film di François Ozon, Orso d'argento a Berlino, racconta la lotta delle vittime degli atti del prete pedofilo Bernard Preynat negli anni ottanta e novanta per far conoscere le violenze subite e denunciare l'omertà della chiesa cattolica. Grazie a Dio è stato girato quando Preynat, sotto inchiesta dal 2016, non era ancora stato giudicato. Uno degli avvocati del prete ha sollevato la questione della [...] Vai alla recensione »

venerdì 18 ottobre 2019
Alessandra De Luca
Avvenire

Nel 2015 nasce a Lione il sito "La Parole Libérée", che riunisce le vittime di abusi da parte di padre Bernard Preynat. Il religioso non aveva mai negato i suoi crimini, aveva chiesto perdono per i suoi orribili peccati, ma non era ancora stato processato nonostante le moltissime accuse a suo carico. In Grazie a Dio Ozon affronta la spinosa questione senza cadere nella tentazione di spettacolarizzare [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 ottobre 2019
Marina Visentin
Cult Week

Alexandre Guérin (Melvil Poupaud), protagonista di Grazie a Dio, il nuovo film di François Ozon, vive a Lione, è decisamente benestante, ha cinque figli ed è un fervente cattolico. Da bambino, tra la fine degli anni Ottanta e i primi Novanta, è stato pesantemente molestato da un sacerdote. Un'esperienza che ha condizionato la sua vita, anche se non lo ha allontanato dalla fede in cui ancora si riconosce. [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 ottobre 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Un boy-scout vittima durante un campo estivo dell'attenzione sessuale di un prete e oggi padre di famiglia a Lione con 5 figli e cattolico praticante, decide finalmente di rendere nota questa violenza di un tempo alle autorità ecclesiastiche, sperando di ottenere l'allontanamento del prelato, ora importante figura della Chiesa. Sull'onda di questa denuncia, altre persone escono allo scoperto, dando [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 ottobre 2019
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

Grazie a Dio c'è Francois Ozon. Lo scandalo della pedofilia dentro la Chiesa cattolica, in questo caso francese, anzi lionese, con schizzi morali e responsabilità politica direttamente sul Vaticano, rivive impietoso e devastante in un apparente piccolo film antispettacolare fatto di campi e controcampi, dialoghi fitti, primi piani. Grazie a Dio, appunto, è il titolo.

giovedì 17 ottobre 2019
Stefano Giani
Il Giornale

Grazie a Dio, Ozon esiste e lotta insieme a noi e a quanti hanno a cuore la salvezza della Chiesa dagli abusi sui minori. Tre storie e altrettante testimonianze di uomini in carne e ossa che attaccano un prete e il cardinale di Lione, colpevoli rispettivamente di molestie e di aver occultato fatti veri. Denunce costate la riduzione al laicato del primo e solo 6 mesi di carcere al secondo.

mercoledì 16 ottobre 2019
Aldo Spiniello
Sentieri Selvaggi

Quasi a dimostrazione della versatilità del suo sguardo, Ozon affronta in Grazie a Dio (Orso d'argento alla 69° Berlinale) l'attualità più scottante, gli abusi sui minori perpetrati per anni da padre Bernard Preynat, nel silenzio imbarazzato dei vertici della diocesi di Lione. Ma il punto focale del film non sono tanto i "fatti" (accaduti fino agli inizi degli anni '90), evocati da brevi flashback [...] Vai alla recensione »

martedì 15 ottobre 2019
Valeria Vignale
Tu Style

"All'inizio volevo fare un film sulla fragilità maschile". Poi Frangois Ozon si è imbattuto nel caso Bernard Preynat e negli uomini che, solo in età adulta, hanno trovato la forza di accusarlo. Quel sacerdote li aveva molestati da ragazzini spingendoli al segreto, segnando per sempre la loro autostima, la fiducia nella Chiesa, la vita sessuale e coniugale.

martedì 15 ottobre 2019
Giulio Sangiorgio
Film TV

Lione. Le vittime d'abuso sessuale di un sacerdote (padre Bernard Preynat) trovano oggi, da adulti, il coraggio di fare sentire la propria voce: una voce che chiede giustizia, e non può offrire perdono. Ozon ricostruisce con un film di fiction fatti realmente accaduti, seguendo il modo in cui la parola liberata (così si chiama, in francese, il movimento di denuncia) si propaga, si sostiene, mette alla [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 ottobre 2019
Alessandro Uccelli
Cineforum

«Grazie a Dio, i fatti a cui si fa riferimento sono tutti prescritti». Queste parole si lascia sfuggire il Cardinale Barbarin, legato di Lione e primate delle Gallie, durante la conferenza stampa che lo obbliga a prendere posizione pubblica rispetto a fatti, gravissimi, di pedofilia. Un giovane giornalista gli fa notare allora senza attendere neppure un secondo che si sta parlando di crimini reiterati [...] Vai alla recensione »

domenica 13 ottobre 2019
Fabio Ferzetti
L'Espresso

Alexandre ha una quarantina d'anni, cinque figli, una moglie devota come lui, un'agiata vita borghese nella borghesissima Lione. Ma un giorno un ex compagno di scuola gli chiede se pure lui da piccolo fu molestato da padre Preynat, e quell'inferno sepolto si riapre di colpo. François è massiccio, facondo, ateo, anche lui felicemente sposato. Quando la madre lo chiama per dirgli che la polizia vuole [...] Vai alla recensione »

venerdì 15 febbraio 2019
Enrico Azzano
Quinlan

Alexandre vive con moglie e figli a Lione. Un giorno scopre che il prete che lo ha molestato quando era un boy scout lavora ancora con ragazzi e bambini. I ricordi a lungo rimossi riaffiorano dolorosamente. Sconvolto, Alexandre trova finalmente il coraggio di agire contro il prete. La sua ricerca di ulteriori vittime porta Alexandre a François ed Emmanuel.

lunedì 11 febbraio 2019
Simone Porrovecchio
La Rivista del Cinematografo

François Ozon è riuscito a fare del suo Grâce à Dieu, sullo scandalo degli abusi nella diocesi di Lione, un film imperturbabile, quasi privo di ambizioni, scarno e preciso come un buon documentario. Un film solido, in grado di far riflettere dall'inizio alla fine, che non cede alla polemica. Ancorata a una sceneggiatura scritta con cura e a dialoghi incisivi al punto giusto, la vicenda raccontata [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 febbraio 2019
Simone Soranna
Duels.it

(ri)Ordinare i fatti non è solamente una prerogativa dell'ultimo film di François Ozon quanto una tendenza che il cinema civile più contemporaneo sembra avere assunto come bussola con cui provare a orientarsi nel labirintico, frenetico e impalpabile presente storico. Si pensi a lavori quali Sully (2016), The Post (2017) oppure Il caso Spotlight (2015), che di questo film diventa ovviamente il parametro [...] Vai alla recensione »

sabato 9 febbraio 2019
Alessandra De Luca
Avvenire

Dopo l'americano Il caso Spotlight, premio Oscar nel 2015, arriva un altro film, questa volta francese, a denunciare la piaga degli abusi sessuali nella Chiesa. Si tratta di Grace à Dieu di François Ozon, in concorso ieri a Berlino, che, ambientato a Lione, porta sullo schermo una storia vera, quella della nascita del sito La Parole Libérée, che dal 2015 riunisce le vittime di abusi da parte di padre [...] Vai alla recensione »

sabato 9 febbraio 2019
Cristina Piccino
Il Manifesto

Un festival politico. È da sempre una rivendicazione per la Berlinale anche se spesso nella selezione questa specificità si ferma ai soggetti forti, ai temi di attualità. Bastano oggi per un cinema politico? O serve qualcos'altro? C'è su questo una bella riflessione nella mostra del Forum Expanded, AntiKino (The Siren's Echo Chamber), dove dalla bandiera americana un po' stracciata, installata da James [...] Vai alla recensione »

sabato 26 ottobre 2019
Gianni Canova
Elle

Qualcuno lo definisce l'equivalente francese di Il caso Spotlight, il film che nel 2015 vinse l'Oscar denunciando gli abusi sessuali su minori compiuti da oltre 70 sacerdoti dell'arcidiocesi di Boston. Grazie a Dio di Francois Ozon si ispira infatti a un'analoga storia vera: quella di padre Bernard Preynat, molestatore seriale di piccoli scout nella Lione anni Ottanta, un sacerdote ormai più che settantenne [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO RECENSIONE
mercoledì 2 ottobre 2019
A cura della redazione

Alexandre vive a Lione con la famiglia. Un giorno viene a sapere che il prete che abusava di lui quando era un piccolo scout officia sempre a contatto con i bambini. Inizia allora la sua personale battaglia con l'aiuto di altre due vittime per raccontare [...]

POSTER
giovedì 19 settembre 2019
 

Alexandre vive a Lione con la sua famiglia. Un giorno viene a sapere che il prete che abusava di lui quando faceva parte del gruppo degli scout officia sempre a contatto con i bambini. Inizia allora la sua personale battaglia con l'aiuto di François ed [...]

TRAILER
mercoledì 18 settembre 2019
 

Alexandre vive a Lione con moglie e figli. Un giorno, per caso, scopre che il prete dal quale era stato molestato da piccolo lavora ancora a contatto con i bambini. Decide così di agire, supportato da altre due vittime del parroco, François e Emmanuel. [...]

NEWS
mercoledì 11 settembre 2019
 

Un uomo scopre che il prete che ha abusato di lui quando era giovane lavora ancora a contatto con i bambini. Decide di avviare una battaglia contro di lui. Vai all'articolo »

winner
gran premio della giuria
Festival di Berlino
2019
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati