Quo Vado?

Film 2016 | Commedia +13 86 min.

Anno2016
GenereCommedia
ProduzioneItalia
Durata86 minuti
Regia diGennaro Nunziante
AttoriChecco Zalone, Eleonora Giovanardi, Sonia Bergamasco, Maurizio Micheli, Ludovica Modugno Antonino Bruschetta, Paolo Pierobon, Azzurra Martino, Lino Banfi, Luciano Marinelli (II).
Uscitavenerdì 1 gennaio 2016
DistribuzioneMedusa
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 2,88 su 121 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Gennaro Nunziante. Un film con Checco Zalone, Eleonora Giovanardi, Sonia Bergamasco, Maurizio Micheli, Ludovica Modugno. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2016, durata 86 minuti. Uscita cinema venerdì 1 gennaio 2016 distribuito da Medusa. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,88 su 121 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Quo Vado?
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Il comico Checco Zalone, campione di incassi con i precedenti Cado dalle nubi, Che bella giornata e Sole a catinelle, torna al cinema con una commedia. Il film ha ottenuto 4 candidature e vinto un premio ai Nastri d'Argento e 2 candidature a David di Donatello. In Italia al Box Office Quo Vado? ha incassato nelle prime 7 settimane di programmazione 65,2 milioni di euro e 22,3 milioni di euro nel primo weekend.

Passaggio in TV
lunedì 26 febbraio 2018 ore 21,20 su PREMIUMCINEMA

Consigliato sì!
2,88/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,88
PUBBLICO 2,75
CONSIGLIATO SÌ
Storia accattivante, battute gustose e satira in musica. Ma la comicità di Checco è più addomesticata e meno deliziosamente iconoclasta che in passato.
Recensione di Paola Casella
martedì 29 dicembre 2015
Recensione di Paola Casella
martedì 29 dicembre 2015

Checco è stato allevato dal padre con il mito del posto fisso. A quasi 40 anni vive quella che ha sempre ritenuto essere la sua esistenza ideale: scapolo, servito e riverito dalla madre e dall'eterna fidanzata che non ha alcuna intenzione di sposare, accasato presso i genitori, assunto a tempo indeterminato presso l'ufficio provinciale Caccia e pesca, dove il suo incarico consiste nel fare timbri comodamente seduto alla scrivania. Ma le riforme arrivano anche per Checco, e quella che abolisce le province lo coglie impreparato: il suo status di single relativamente giovane lo rende idoneo alla richiesta "volontaria" delle dimissioni, a fronte di una buonuscita contenuta.

Quo Vado? arriva al cinema in una quantità spaventosa di copie, subito dopo l'uscita di Star Wars, dei cinepanettoni e de Il ponte delle spie.

Ma Checco, consigliato dal senatore che l'ha "sistemato", non cede alle richieste della "liquidatrice", la granitica dirigente Sironi e lei, al fine di liberarsene, lo spedisce in giro per tutta l'Italia, nelle sedi più disagiate e scomode. Checco si adatta e non molla. Alla Sironi non resta che tentare un'ultima carta: mandare l'impiegato al Polo Nord, in mezzo alle nevi perenni e agli orsi bianchi. Per fortuna al Polo c'è anche Valeria, una ricercatrice di grandi ideali e di larghe vedute che cambierà il destino del nostro eroe e gli farà scoprire i piaceri (e le responsabilità) di una vita civile.

Alla sua quarta commedia per il grande schermo Luca Medici racconta un'altra avventura del suo alter ego, quel "cozzalone" pugliese in perenne equilibrio fra conformismo e anarchia, cartina di tornasole dei vizi e dei difetti del popolo italico. Questa volta però il suo spiritaccio sembra edulcorato e, nonostante la storia accattivante e il fuoco di fila di battute gustose, viene meno la sua verve più genuinamente polemica e più "involontariamente" politica. Il risultato è una commedia divertente, ben congegnata dal punto di vista narrativo e ben recitata da tutto il cast (a cominciare da Medici) ma più addomesticata, e meno deliziosamente iconoclasta, delle precedenti. Per dirla con Checco: siamo convinti? Nì.
Quo Vado? arriva al cinema in una quantità spaventosa di copie, subito dopo l'uscita di Star Wars, dei cinepanettoni e de Il ponte delle spie. Ma se la prima parte del film, quella in cui Zalone (e il suo regista-autore Gennaro Nunziante) lanciano frecciate alla Tav, ai centri di accoglienza, ai "condannati alla partita Iva" e ai prepensionatori in carriera faceva sperare in una vena più caustica e critica, quest'ultima finisce con lo stemperarsi in un buonismo incongruente con l'essenza comica di Checco, capace di volgarità mirata e di irriverenza verso ogni forma di perbenismo. Quell'essenza che appare invece in tutta la sua carica satirica nelle due canzoni che Checco canta a commento del film, "I am an Italian boy" "mafia, pizza e maccheroni" e "La prima Repubblica", quella che "non si scorda mai".

Sei d'accordo con Paola Casella?
QUO VADO?
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
iTunes
-
-
-
-
Infinity

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,29 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 3 gennaio 2016
giulio

Baterebbe solo un dato (anzi due) per zittire anche il più strenuo detrattore di quello che ritengo personalmente essere un genio della comicità italiana: 7 milioni di euro incassati il primo giorno e altrettanti il secondo! E' come dire che, anche se uno pu' anche odiare personalmente vasco rossi, ma non puo' negargli un certo successo nazional popolare che pure deve avere [...] Vai alla recensione »

sabato 9 gennaio 2016
AKJones

Geniale Checco e il suo entourage. Questa volta mi hanno sorpreso. Diffidate delle recensioni di chi non ha visto il film e mai lo vedrà per non essere costretto ad affermare che si tratta di un un buon prodotto cinematografico. Non ha la pretesa di essere un "Opera Omnia" sociologica, filosofica o culturale ma sicuramente è un passo avanti nella narrazione artistica di Checco Zalone.

giovedì 7 gennaio 2016
mauro

Il film di Zalone va preso sul serio! Vorrei partire dai titoli di coda, precisamente da quando si dice che il film è stato realizzato anche con il contributo statale! Io ne ho abbastanza di chi per ridere o piangere tratteggia l'italiano medio come, se non camorrista o maffioso, comunque dipendente da queste organizzazioni criminali ed il resto dell'Europa, come civile e progredita, [...] Vai alla recensione »

venerdì 15 gennaio 2016
sabasaba

Pur avendo dichiarato pubblicamente che dopo aver amato "Cado dalle Nubi", accettato "Che bella giornata" e detestato "Sole a Catinelle" mai avrei visto "Quo Vado", complice una serata di solitudine mi sono arreso alla curiosità. Da dove cominciare? Punto prima questa storia del posto fisso e dei cosidetti privilegi ha fatto la puzza.

giovedì 7 gennaio 2016
Nexus

Film con una trama un pò (tanto) deboluccia. Forse accadeva in passato (in qualche luogo) ma oggi solo nel mondo dei sogni succede che i dipendenti pubblici non lavorino e ricevano ceste di doni da cittadini ossequienti. E' una favola consunta (come la famiglia patriarcale felice di una volta). Nella realtà attuale i lavoratori del settore pubblico sono sempre di meno e mal pagati [...] Vai alla recensione »

domenica 10 gennaio 2016
MAURIDAL

 una triste risata dalla prima repubblica, luca medici in arte checco zalone non è il principe de curtis in arte totò, questo lapalissiano postulato, basterebbe per dimostrare che il film di medici/zalone non raggiunge le vette di comicità che sarebbero alla base del successo da fenomeno raggiunto invece dal film . Eppure il pubblico è accorso numeroso, da record [...] Vai alla recensione »

martedì 19 gennaio 2016
redrose

Sono andata anche io a vedere Zalone. Ebbene si. Non perché avessi una pistola puntata alle tempie, né perché mi pagavano per dire la mia, ma volevo dirla lo stesso. In fondo il successo alla fine si basa anche sul tam tam. Vado perché sono curiosa. Ed in ogni caso per poter dire che un piatto di spaghetti è scotto o al dente, lo devi comunque assaggiare.

lunedì 4 gennaio 2016
Emyliu`

Dopo aver visto dei bei filmoni d'autore, inauguro il Nuovo Anno con La Prima di un divertente filmotto di quello che si è rivelato il miglior autore italiano di cinepanettoni. Vincendo l'iniziale pregiudizio si potrà facilmente capire il perchè questo nuovo film di Checco Zalone stia sbancando ai botteghini. Gli italiani hanno bisogno di distrarsi dalle pesanti problematiche della nostra era, dal [...] Vai alla recensione »

domenica 3 gennaio 2016
cpettine

Checco Zalone nella sua quarta fatica ci porta in giro per l’Italia, anzi in giro per l’italietta, quella dei tanti vizi e delle poche virtù. Col solito savoir-faire il comico pugliese ci fa ridere (a crepapelle, o a catinelle) delle nostre debolezze, dei paradossi italici, dei cinismi della politica, che taglia le vecchie province e ingrassa i nuovi municipi, delle scorciatoie della gente comune che [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 giugno 2017
Pier Ronchetti

Alla sua quarta prova sul grande schermo, Zalone conferma le sue doti comiche, la sua arguzia, il suo personaggio ingenuo e pasticcione alle prese con una società spesso rude ed egoista. Per decreto legge saltano le Regioni, e al Nostro salta una delle poche certezze della vita: il posto fisso. Nel disperato tentativo di mantenerlo, Checco accetta le disumane condizioni imposte dal capoufficio: [...] Vai alla recensione »

martedì 16 febbraio 2016
thekinglamon

No, qui non si ride. Checco Zalone porta sugli schermi dell'italia il suo film più politico, dove in ogni sua battuta si può ritrovare una critica allo stato o ad altro. Zalone ha un posto fisso, Zalone vive con i suoi, il lavoro di Zalone è amato dalle donne, Zalone ama questa vita. Tutto si stravolge con una riforma che lo riguarda, che non cambia la vita a nessuno se non [...] Vai alla recensione »

lunedì 20 giugno 2016
Cipolla Profumata

Un film divertente e simpatico, non si va oltre. La "Fissa" del Posto fisso, un singolare viaggio nella civiltà norvegese,una famiglia moderna nonostante l'amore eterno verso la madre ed un buon pizzico di solidarietà. Checco non ci fa mancare quasi nulla per 90 minuti di spensieratezza, peccato che le battute non siano ficcanti come al solito.

domenica 10 gennaio 2016
Giadas

Ovviamente la pellicola è più che leggerà, ma chi va a vedere questo genere di film sa di non trovarsi una candidatura per gli Oscar. Comunque mi aspettavo molto molto peggio. Come sempre la comicità di Zalone sa di "terrone" ma neanche più di tanto, vertendo invece questa volta sulle stranezze e sui costumi dell'italiano medio. Il fuoco è posto sul cosiddetto "posto fisso", quel contratto a tempo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 febbraio 2016
mara65

Cosa resta di tutto il film? Cosa ricorderemo? Che gli statali sono tutti fannulloni, alla faccia degli infermieri che medicano ogni giorno i nostri anziani, alla faccia delle forze dell'ordine che ci difendono dai delinquenti impuniti dalle leggi di questo governo; lo stesso che usa due pesi e due misure...con i delinquenti e con gli statali. Comunque il film è gradevole nel primo tempo. [...] Vai alla recensione »

sabato 9 gennaio 2016
Domenico Maria

Trovo sostanzialmente,almeno in più punti condivisibile quanto scritto da Paola Casella, a proposito, diciamo così, di una "zalonata" meno riuscita e personale; Condivido invece in toto la sostanza, da appassionato di lirica,classica e arte in generale, quello che scrive paolo francesco, che forse, secondo me, come si diceva di un celebre critico musicale, "intinge un po' troppo la penna nel veleno".Si [...] Vai alla recensione »

martedì 5 gennaio 2016
Rescart

Dei quattro film di Checco nazionale, questo è l’unico che non ho visto. Premessa necessaria per giustificare l’assenza di un giudizio, ovvero numero di stelline, da parte mia. La trama è quella che è, il tema scottante è trattato con l’ironia che tutti si aspettano. Insomma niente di nuovo sotto il sole con o senza catinelle di Luca Pasquale Medici, alias Checco Zalone.

lunedì 2 maggio 2016
muttley72

Visto il film solo oggi ...in dvd. Il film che ha battuto ogni record di incasso in Italia... continua nella fortunata tradizione comica tracciata da Zalone nei suoi film precedenti. In questo film l'argomento centrale sono i "dipendenti pubblici con posto fisso", appoggiati dai politici che li hanno fatti assumere e che sono lavoratori poco produttivi.

giovedì 28 aprile 2016
RAFFELE

Anche Totò veniva a galla da un minestrone italico ricco di sapori, modi, gesti veraci, ipocriti o furbacchioni. La sua napoletanità, piazzata a Milano al cospetto di un vigile urbano incredulo o nella casbah di Algeri faceva sorridere ancora di più per il contrasto (qualche frase volgaruccia in dialetto scappa a tanti di noi se perdiamo la pazienza ad Oslo, poi ne ridiamo fra [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 febbraio 2016
Marce84

Il quarto film del duo Checco Zalone-Gennaro Nunziante è un’altra commedia di successo: è un successo non solo in termine di incasso, ma anche di qualità del film. Perché quest’ultimo film è più maturo rispetto ai precedenti. Probabilmente si ride di meno ed è meno irriverente e provocante, ma è più consapevole nel suo intento [...] Vai alla recensione »

venerdì 12 febbraio 2016
Antonello Villani

Quo vadis, Zalone? Dritto in banca, verrebbe da dire. D’altra parte Croisette e red carpet all’Academy Awards sono off limits anche per chi ha sbaragliato la concorrenza con incassi milionari. Davvero imbarazzante la commediola sul travet che lotta con le unghie e con i denti per salvare il posticino statale che gli garantisce quaglie, salumi, formaggi ed ogni prodotto della nostra buona [...] Vai alla recensione »

lunedì 4 gennaio 2016
uomoqualsiasi

L'ultimo film del comico pugliese prosegue sulla falsa riga dei precedenti; Zalone si affida ad un canovaccio ormai consolidato,impersonifica piuttosto bene (la fisionomia lo aiuta molto in tal senso) il cittadino italiano comune mettendone in mostra difetti e contraddizioni in chiave satirica ma sempre all'interno del "politicamente corretto". Fino a qualche anno fa i comici prediligevano soprattutto [...] Vai alla recensione »

venerdì 22 luglio 2016
no_data

Io, davvero, non riesco veramente a concepire come possa essere possibile che un film del genere incassi 65 MILIONI DI EURO!! Probabilmente farò gli stessi discorsi di Victorlaszlo88 ma VOGLIO FARLA questa recensione;   I film di Zalone sono sempre state delle commediole carine, divertenti ma nulla più, davvero, non riesco proprio a capire come facciano sti film a incassare [...] Vai alla recensione »

martedì 5 gennaio 2016
Nino Pell.

La comicità di Checco Zalone sicuramente non è più una novità ed anche in questo film egli conferma il suo personalissimo modo di essere solo all'apparenza un comico leggero. In "Quo vado" infatti si sorride, ma allo stesso tempo si riflette e, magari, ci si immedesima nella mentalità dell'italiano medio.

martedì 12 gennaio 2016
Flyanto

L'ultima pellicola di Checco Zalone "Quo Vado?" sta riscuotendo e continuerà a riscuotere anche in seguito uno straordinario successo dovuto effettivamente al fatto che tale prodotto risulta ben confezionato denotando una piena maturità che il comico pugliese ha finalmente raggiunto. In essa il protagonista interpreta il ruolo dell'italiano medio con l'aspirazione [...] Vai alla recensione »

sabato 2 gennaio 2016
grillaldo

Si ride, ma anche di cuore. Ben fatto, probabilmente centrerà i "target" che si è prefissi (ovviamente, ma senza retorica, commerciali). Uno specchio sul prototipo dell'"italiano" abbarbicato alle mammelle (quale novello Romolo o Remo) della isterilita lupa italiota. Ha anche qualche slancio innovativo, qualche passaggio gustoso di comicità, addirittura [...] Vai alla recensione »

lunedì 11 gennaio 2016
ScheMa

...spinto all'inverosimile… un successo pilotato al massimo, basta vedere in quante sale è uscito (operazione di marketing ben riuscita) la gente corre a riempire le sale, tutti ne parlano nel bene o nel male… il film è semplice dalla trama simpatica e ironica… si ride sui luoghi comuni e sulle mezze verità all'italiana… si passa un ora [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 giugno 2016
gianleo67

Unico esubero di un programma di razionalizzazione dei costi della Pubblica Amministrazione, il sedentario e indolente Checco si vede costretto ad accettare le più scomode ed improbabili destinazioni pur di conservare il suo agognato ed irrinunciabile posto fisso. La sua battaglia contro una ostinata ed agguerrita funzionaria ministeriale incaricata di liquidarlo, lo porterà in giro per l'Italia e [...] Vai alla recensione »

giovedì 7 gennaio 2016
enzo70

  La comicità di Checco Zalone ed il suo straordinario successo nelle sale cinematografiche sono una risposta alla crisi ed ai toni cupi dei ritmi dell’informazione di questi anni. Zelone funziona perché riesce ironicamente a raccontare l’Italia ma non la massacra, anzi, il suo italiano medio, quello del posto fisso a tutti i costi, è una brava persona, che [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 gennaio 2016
ANDREA GIOSTRA

Ripetersi non è mai facile, ma i veri fuoriclasse si vedono proprio da questo: dal saper ripetere le imprese che li hanno resi famosi e gli hanno portato gloria! Nell'antica Grecia la “kûdos” (gloria) rappresentava una “forza magica” concessa dagli dèi ai Guerrieri in modo da garantire la loro superiorità sull'avversario, ma significava [...] Vai alla recensione »

mercoledì 20 gennaio 2016
Maramaldo

Un giorno, neanche lontano, vi pentireste, tacciati come sarete di scarsa intelligenza. Ricordatevi di quanti comici, un tempo etichettati come insulsi e scurrili, furono in seguito rivalutati da grossi critici e rivisitati da ancor più grossi autori. Tenete pure presente che Luca Medici ed il suo compare Gennaro Nunziante toccano argomenti seri.

domenica 3 gennaio 2016
Alexcold83

La scarsa qualità dei film commedia di quest'anno (il 2015 in questo senso è da dimenticare), la scarsissima controprogrammazione e la feroce pressione pubblicitaria targata mediaset ha contribuito a creare il clima da "l'evento imperdibile dell'anno", con una "allucinazione collettiva" che vede Zalone il nuovo messia della risata "a prescindere". [...] Vai alla recensione »

sabato 16 gennaio 2016
Paolo_Francesco

..al cinema ci si va per "non pensare" o per "pensare".. chi va a vedere Zalone (poverini eh) ci va per "non pensare".. il vero problema è che poi escono dalla sala e credono di aver pensato.. e allora iniziano i loro ragionamenti come se fossero entrati al cinema per vedere un prodotto che fa "pensare".

lunedì 11 gennaio 2016
a.Mac

In un film di Zalone intitolato "cado dalle nubi" c'è un dialogo alla fine che svela un po' il segreto del suo successo attuale; è quando la produttrice di una casa discografica, malgrado l'evidente consapevolezza di trovarsi di fronte ad un cantante alla "karaoke", Zalone, vuole a tutti costi lanciarlo sul mercato perché, dice :"...è straordinariamente mediocre.

venerdì 1 gennaio 2016
Vapor

Di recente un giornalista di QN, tale Silvio Danesi, come frase di lancio del suo articolo su questo film ha scelto la seguente affermazione: "Tra Chaplin e Sordi". E' stato un piacere, ciao a tutti vi voglio bene..come se foste normali. Addio

venerdì 1 gennaio 2016
Flaw54

Sono uscito perplesso di fronte al nuovo film di Zalone : la comicità si è affievolita e si è incanalata in molti stereotipi della commedia italiana, ma il film mantiene alcuni spunti accattivanti ed una certa vivacità di fondo. ancora non riesco a dare un giudizio preciso.

lunedì 18 gennaio 2016
Ella40

La  Recensione utilizza Translator  Zelon linguage:  Vabbè dai... io vi stimo tutti e vi ho voluto bene mentre con il mio amico regista pensavamo di ridere con voi portandovi alla significativa  riflessione di " non piangere sul latte versato". Voi avete versato 10 euri a "testa"  e di ciò vi ringrazio anche a nome di tutti [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 gennaio 2016
vandamme84

avevo scritto una recensione in maniera molto più esaustiva in cui spiegavo il mio giudizio ma mi è stata inspiegabilmente cancellata. Per cui do una sola stella dicendo solamente che è un film ridicolo, in cui Zalone non fa che ripetere già quello già visto nei suoi precedenti film. Farà la fine di Aldo Giovanni e Giacomono. Comunque la cosa che ho trovato insopportabile è che questo film occupa [...] Vai alla recensione »

sabato 2 gennaio 2016
ugone

Lo sconsiglio perché non è realistico....io sono rimasto allibito  dal film....è  solo un film furbo fatto solo per fare incasso.

venerdì 1 gennaio 2016
joker 91

Film mediocre adatto ad un popolo mediocre con sceneggiatura mediocre adatta ad un uomo medio da terza media.... in Italia ce ne sono tanti. Nella sala vedevo disperati che avevano bisogno di ridere strozzati dalle tasse,vedevo persone assenti di cultura con una predisposizione alla volgarità spaventosa(sia giovani che anziani),le classiche persone che mettono il piede in sala una volta l'anno [...] Vai alla recensione »

domenica 17 gennaio 2016
vandamme84

film assolutamente pessimo. A giudicare dalle battute o dagli sketch per cui la gente ride in questo film c'è da mettersi a piangere perchè si capisce quanto è caduto in basso il cinema italiano (e cono esso il livello dello spettatore medio) che fino agli anni 90 ha saputo sempre fornire ottimi film di sana comicità. Del resto con l'avvento del nuovo millennio l'italiano medio si è abituato solo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 13 gennaio 2016
RinoGaetanoforever

Con una comicità fin troppo macchiettistica,zalone riesce con la solita tecnica della sdrammatizzaione di qualsiasi tema,anche il più delicato,ad arruffianarsi il pubblico medio,sempre più ignorante,televisivo e con una marea di luoghi comuni nella testa. La novità del primo film,giustifica l'interesse,arrivati al quarto,tra una risatina e l'altra,ci si annoia di [...] Vai alla recensione »

domenica 3 gennaio 2016
Juri Moretti

Checco Zalone con quo vado mi ha veramente deluso è diventato più volgare, anche se la storia era interessante ed ha un cast niente male, ma il tutto viene sfruttato male e diventa ripetitivo e noioso. Peccato perché poteva essere un film divertente con una comicità intelligente e una storia interessante. Speriamo che il prossimo film di Zalone sia meglio di questo.

domenica 3 gennaio 2016
naupatto98

Si tratta di un film che ha un'idea molto buona perchè descrive e racconta diverse tipiche condizioni sociali , in particolare quella del posto fisso ma dal punto di vista della narrativa ha molte lacune.Infatti sebbene ci sia una brillante comicità ,il film ha una storia surreale e a volte cerca forzatamente di inserire condanne sociali perdendo quella semplicitá che aveva [...] Vai alla recensione »

domenica 24 gennaio 2016
Kira93

Più che un film è una serie di gag che sono divertenti si, fanno anche sorridere, ma dopo quaranta minuti circa inizia a stufare , la storia è semplice, banale, scontata e non riesce a intrattenere fino alla fine lo spettatore. Zalone sa far ridere quando vuole, peccato che non riesca a fare qualcosa di più serio.  Una commedia come la chiamo io "usa e getta" [...] Vai alla recensione »

sabato 9 gennaio 2016
ugone

Un successo costruito a tavolino. Film leggerino pieno di luoghi comuni. Sconsigliato 

giovedì 7 gennaio 2016
pier delmonte

Ma stiamo scherzando veramente? ammetto che questo di film mi e’ anche piaciuto, pero’ paragonare il fenomeno Zalone ai mostri sacri della nostra comicita’ (vedi Alberto Sordi) significa bestemmiare. Checco Zalone e’ identico ad ogni suo film, con quella sua ciondolante comicita’ , sempre la stessa, (tra parentesi… emh emh, io in questo Quo Vado ho riso poco e mi e’ sembrato pure il pubblico in sala!), [...] Vai alla recensione »

domenica 3 gennaio 2016
lofamo

Resta il mistero di come si combinino certe eccitazioni collettive coordinate come il volo degli storni. Di questo film s'è cominciato a sentire e leggere giorni prima dell'uscita  come d'un evento salvifico, zalone è stato esaltato come risorsa miracolosa del paese, "meno male che zalone c'è". Era sotteso che il genio,  l'ironia e la capacit&agra [...] Vai alla recensione »

sabato 2 gennaio 2016
ugone

Film satirico che si regge solo sulla simpatia di zalone che usa luoghi comuni a go go.. .sconsigliato 

sabato 2 gennaio 2016
Claudio1982

Battute scontate. Trama prevedibile. Una comicità che distorce la reale realtà dei fatti. Trama forzata giusto per coprire l'ora e mezza di film. Molte volte Zalone per cercare di fare ridere fa delle facce con smorfie che ormai hanno stancato. La cosa preoccupante è che la gente in sala rideva . Se questo film fosse stato recitato da uno sconosciuto con più carisma [...] Vai alla recensione »

sabato 9 gennaio 2016
Paolo_Francesco

..l'italiano medio (e insufficiente in tante materie, sport a parte) ha bisogno di materiale di serie Z (toh, proprio come Zalone) per muoversi e pontificare.. quest'ennesimo mediocre film (perché un autore mediocre può solo produrre roba mediocre) ha successo solo perché ha puntato su due elementi: 1. la povertà intellettuale degli italiani che non sanno essere [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
domenica 3 gennaio 2016
Roy Menarini

Se qualche mese fa non fosse uscito il ribaldo e intelligentissimo Italiano medio di Maccio Capatonda, probabilmente Quo vado? ci parrebbe un film migliore. Viste le notevoli differenze in termini di audience quantitativa (almeno per ora), solo una piccola parte degli spettatori di Zalone si sarà accorta che stavolta un nuovo comico, più ruspante, magari più rozzo, ma più lungimirante, era riuscito a raccontare il virus dell'italianità meglio di Checco.

Frasi
"Allora mettiamo caso che tu ogni mese prendi un cinghiale: a gennaio una freccia, un cinghiale; febbraio, una freccia, un cinghiale... poi arriva dicembre, tiri la tua freccina... e trovi due cinghiali! Ti è mai successo? Si chiama tredicesima... se il tuo cuore non conosce questa gioia allora taci, perché i tuoi déi ti hanno condannato alla partita IVA"
Una frase di Checco (Checco Zalone)
dal film Quo Vado? - a cura di Mea
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Grande Checco Zalone, una miniera di risate (e quattrini). È bravo, simpatico e sa amministrarsi con giudizio. Proprio come l'irresistibile personaggio al centro del suo quarto film, il migliore di tutti. Un tipo abitudinario che ha sempre avuto per traguardo il posto fisso. Finché il taglio delle province lo costringe a scegliere: addio scrivania o trasferimento lontano da mamma e papà.

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Quante volte durante l'ennesimo, sfiancante talk show di battibecchi su politiche sociali e crisi permanenti, senati aboliti o rinnovati, mobilità per o trincea casa-lavoro-casa, provincia sì provincia no, abbiamo cambiato canale pensando la vendetta: una giorno una risata vi seppellirà!Eccola. "Quo vado?"è la risposta simpatica e divertente, esorbitante e civilista, non qualunquista, all'insofferenza [...] Vai alla recensione »

Paolo D'Agostini
La Repubblica

«La prima repubblica non si scorda mai» canta Checco facendo il verso al Celentano polemico e interventista. Checco Zalone, coautore con il regista Gennaro Nunziante, ha realizzato una specie di inno comico ma qua e là anche graffiante alle meraviglie perdute del posto fisso. Attribuendogli, con il consueto gusto del paradosso, il valore di una virtù civica basilare, lungamente garante dell'equilibrio [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Dal paesino pugliese al Polo Nord. Dal calduccio del posto fisso al gelo del pack artico. Dall'italica autoindulgenza all'ipercorrettezza scandinava. Dagli incontri ravvicinati con i prosciutti e i sottolio conservati dai colleghi nei loro confortevoli uffici (pubblici), a quelli con le foche e gli orsi della stazione di ricerca in Norvegia, dove l'inamovibile impiegato di una Provincia pugliese, ufficio [...] Vai alla recensione »

NEWS
TROVASTREAMING
martedì 5 dicembre 2017
 

Checco è stato allevato dal padre con il mito del posto fisso. A quasi 40 anni vive quella che ha sempre ritenuto essere la sua esistenza ideale: scapolo, servito e riverito dalla madre e dall'eterna fidanzata che non ha alcuna intenzione di sposare, [...]

NEWS
mercoledì 18 gennaio 2017
Andrea Chirichelli

Il 2016 si è concluso e si tirano le somme. Per il cinema italiano è andata molto bene, ma, come dire, l'utilizzo del doping ha aiutato parecchio a raggiungere risultati mai visti prima. Il doping ha un nome e un cognome: Checco Zalone.

NEWS
mercoledì 4 gennaio 2017
Andrea Chirichelli

Quali sono stati i vincitori del 2016 nei principali mercati internazionali? Ecco una rapida panoramica dei mercati più importanti. Cina: ha stravinto The Mermaid, con l'incasso monstre di 526 milioni di dollari.

NEWS
martedì 14 giugno 2016
 

La comicità di Checco Zalone approda in Canada. L'attore barese con il regista Gennaro Nunziante ha portato il film Quo Vado? a Toronto e Montreal per l'Italian Contemporary Film Festival (ICFF). Il film, in anteprima per il Nord America, ha inaugurato [...]

BOX OFFICE
lunedì 11 gennaio 2016
Andrea Chirichelli

Box Office Italia Record su record per Checco Zalone: il secondo weekend porta 12 milioni nelle casse di Quo vado?, che arriva a 50 milioni di euro e diventa il quarto incasso italiano di tutti i tempi (fonte Cinetel).

CELEBRITIES
lunedì 4 gennaio 2016
Fabio Secchi Frau

Prima di diventare Valeria Nobili, splendida ricercatrice che tra i ghiacci del Polo Nord farà perdere la testa al Checco di Quo Vado?, il nome di Eleonora Giovanardi è indissolubilmente legato a Status, serie web co-prodotta da MYmovies.

BOX OFFICE
domenica 3 gennaio 2016
Andrea Chirichelli

Ieri Checco Zalone ha concesso il bis e aggiunto altri 6.8 milioni ed un totale che in appena 2 giorni tocca quota 14 milioni di euro con quasi 2 milioni di spettatori. Quo Vado? chiuderà sicuramente il periodo festivo con oltre 30 milioni.

BOX OFFICE
sabato 2 gennaio 2016
Andrea Chirichelli

Il film Quo Vado? polverizza il record detenuto dall'ultimo episodio di Harry Potter, che era partito con 3.4 milioni e con la stratosferica cifra di 6.9 milioni di euro diventa il film col miglior esordio di tutti i tempi in Italia.

CELEBRITIES
giovedì 31 dicembre 2015
Mauro Gervasini

Antenna 3. Al di fuori della Lombardia può sembrare sigla oscura, in verità fu una televisione libera, ma libera veramente, che tra gli anni 70 e i primi 80 del secolo scorso si diede come mission la ricerca di talenti comici.

winner
miglior produzione
Nastri d'Argento
2016
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati