J. Edgar

Acquista su Ibs.it   Dvd J. Edgar   Blu-Ray J. Edgar  
Un film di Clint Eastwood. Con Leonardo DiCaprio, Naomi Watts, Armie Hammer, Josh Lucas, Judi Dench.
continua»
Biografico, durata 137 min. - USA 2011. - Warner Bros Italia uscita mercoledì 4 gennaio 2012. MYMONETRO J. Edgar * * * - - valutazione media: 3,22 su 139 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,22/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * * -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * 1/2 - -
   
   
   
Leonardo DiCaprio diretto da uno dei maestri del cinema internazionale, Clint Eastwood.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Con l'onestà estetica di chi non bara, un film alla ricerca di un bagliore di innocenza nell'America 'contemporanea'
Marzia Gandolfi     * * * * -

Nominato capo dell'FBI dal Presidente Calvin Coolidge, J. Edgar Hoover è un giovane uomo ambizioso nell'America proibizionista. Figlio di un padre debole e di una madre autoritaria, Edgar è ossessionato dalla sicurezza del Paese e dai criminali che la minacciano a suon di bombe e volantini. Avviata una lotta senza esclusione di colpi contro bolscevichi, radicali, gangster e delinquenti di ogni risma, il direttore federale attraversa la storia americana costruendosi una reputazione irreprensibile e inattaccabile. A farne le spese sono i suoi nemici, reali o supposti, tutti ugualmente ricattabili dai dossier confidenziali raccolti, archiviati e custoditi da Helen Gandy, fedele segretaria che rifiutò il suo corteggiamento e ne sposò la causa. Quarantotto anni di 'azioni' (il)legali, otto presidenti e un sentimento dissimulato dopo, quello per il collaboratore Clyde Tolson, Edgar detterà la sua biografia e le sue imprese: la rivoluzione investigativa, la consolidazione del Bureau, la 'deportazione' dei comunisti, la cattura di John Dillinger e George Kelly, le indagini lecite sui rapitori di Baby Lindbergh e quelle illecite sulle Pantere Nere o sul Movimento per i Diritti Civili di Martin Luther King. Una vita romanzata e smascherata al tramonto dalla coscienza di Tolson e dall'incoscienza del peggiore dei presidenti.
Il mondo è imperfetto e Clint Eastwood lo ribadisce ogni volta che può. Ad essere perfetto è il suo sguardo sul mondo, dove ancora una volta un criminale 'rapisce' un bambino e dove il bambino scomparso diventa l'immagine dell'innocenza di un Paese sulla soglia di una crisi. In J. Edgar, come in Changeling, a una mamma viene sottratto il figlio e la polizia è incapace di porvi rimedio. A indagare ci pensa lo zelante Edgar Hoover, ansioso di accreditare il valore dell'FBI e di raggiungere la notorietà, a cui ha sacrificato affetti e vita privata. Perché Edgar è un disadattato ossessionato dalla carriera e dalla conservazione del ruolo, che fa giustizia dei criminali e assicura alla giustizia il presunto colpevole del primo kidnapping della storia americana. Ma Edgar è pure la protervia del potere poliziesco e politico contro cui combatteva la madre ostinata di Angelina Jolie, è il distintivo che giustifica qualsiasi nefandezza, intercettazione, pestaggio, è l'uomo che spia, imbroglia e ricatta amici e avversari, è l'America paranoica che combatte i propri nemici diventando come loro e che disarma i 'radicali' impugnando le armi del terrore e condannandosi a morte.
Edgar Hoover secondo Eastwood è ancora il più grande talento recitativo nazionale, il protagonista di un racconto che affonda le sue radici nei miti fondativi della cultura e dell'immaginario americano. È il doppio di James Cagney, interprete di un G-Man e di un cinema che celebra i metodi scientifici dell'FBI e l'abnegazione dei suoi agenti contro il nemico pubblico, incarnato dallo stesso attore e incarnazione di un individualismo gangsteristico senza futuro. Leonardo DiCaprio, già interprete per Scorsese di una megalomane icona del sogno americano (The Aviator), presta il volto e la 'maschera' a un uomo distaccato che concepisce ogni relazione come una partita a carte, abituato a soffocare ogni passione e attento a evitare di compromettersi con le donne e con la vita. Eastwood lo chiude in un limbo di sentimenti raggelati lungo il contraddittorio confine tra legalità e illegalità, lasciando che lo spettatore, nel modo del cecchino di Un mondo perfetto, 'spari' su quello che crede di aver visto negli andirivieni cronologici. Nel percorso di imbruttimento, invecchiamento e corruzione a cui il regista sottopone il protagonista, si inserisce con un bacio rubato e un ballo mancato un inedito sentimento di pietas che inverte la direzione del film. Se Changeling avviava una storia d'amore che si faceva politica nel suo svilupparsi, J. Edgar impone il dramma emozionale tra Hoover e Tolson sugli aspetti politici, assicurando al protagonista l'empatia del pubblico e insieme rimanendo fedele alla sua identità originaria.
Con l'onestà estetica di chi non bara e non trucca perché sa che il trucco è già compreso nel mondo e nelle sue maschere, (s)mascherate da quelle senili di Leonardo DiCaprio, Armie Hammer e Naomi Watts, Clint Eastwood gira in costume una vicenda politica 'contemporanea'. Dentro una biografia emotivamente riservata e reticente, dietro una relazione a proprio agio negli interni, dove l'imbarazzo e la crescente attrazione divengono palpabili, dove un fazzoletto si fa vettore emotivo e fisico di una passione intercettabile, l'autore americano dimostra l'acume politico del suo cinema. Un cinema alla ricerca di un bagliore di innocenza nel cuore nero dell'America.

Incassi J. Edgar
Primo Weekend Italia: € 2.293.000
Incasso Totale* Italia: € 5.972.000
Ultima rilevazione:
Box Office di lunedì 27 febbraio 2012
Primo Weekend Usa: $ 11.470.000
Incasso Totale* Usa: $ 36.862.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 8 gennaio 2012
Sei d'accordo con la recensione di Marzia Gandolfi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
72%
No
28%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination J. Edgar

premi
nomination
Golden Globes
0
1
* * - - -

Una storia interessante, un film noioso

sabato 7 gennaio 2012 di Francesco

Una storia interessante raccontata da un film invece noioso. Non ci si addormenta nelle due ore e mezza solo perché la struttura narrativa, basata su una puntuale cadenza di flah-back, tiene in qualche modo desta l’attenzione. Ma è come guardare un fuoco che non si accende mai, con la fiamma sostenuta solo a colpi di compresse di “diavolina”… L’istanza narrattiva è quella della descrizione del potere: cinquant’anni di casi e di intrighi, più o meno divulgabili, sempre gestiti da un uomo solo. Attento continua »

* * * - -

Buon film biografico, fatto bene ben interpretato

venerdì 6 gennaio 2012 di Francesco84

Considero J.Edgar un buon film biografico, fatto molto bene, soprattutto riesce a descrivere un personaggio così complesso e controverso con lucidità, Eastwood riesce anche a rimanere imparziale nel fornire un quadro completo, sia professionale che umano di John Edgar, impresa questa tutt'altro che semplice. L'interpretazione di DiCaprio è davvero ottima, a conferma del fatto che è uno dei migliori attori sulla piazza, ormai completamente maturo. Dunque dopo i pregi del film perché dare solo 3 continua »

* * * * *

Da anni non si riescono più a fare film così...

venerdì 6 gennaio 2012 di brian77

Cinema allo stato puro. Su un personaggio così controverso, dove era facile cadere nell'urgenza ideologica, nella condanna inginata, nel pamphlet accusatorio (o chissà, all'opposto, nella difesa per assurdo), Clint riesce a mantenere uno sguardo complesso, compassionevole, umano, anche se tace poco (lo trovo renitente nel parlare dei rapporti con la mafia e dei ricatti plurimi che si dice ne subisse). E anche il quadro dell'America che ne viene fuori è straordinariamente complicato. Un'osservazione: continua »

* * * * -

Biopic di un'importantissima figura americana.

venerdì 6 gennaio 2012 di Bella Earl!

- Anche i grandi uomini si possono corrompere - J. Edgar Hoover è una figura importantissima per l'America contemporanea: da galoppino nel dipartimento di giustizia, a capo dell'FBI è protagonista di diversi arresti importantissimi nella storia americana: John Dillinger, Baby Face Nelson sono solo due dei suoi illustri arresti. Ma sarà la verità? O Edgar (come lo chiamava la madre) non era presente a nessuno di questi arresti e si prendeva soltanto il merito? Clint continua »

J. Edgar
"Anche i grandi uomini si possono corrompere!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
J. Edgar Hoover (Leonardo DiCaprio)
"Una società indifferente e riluttante ad imparare dal passato non ha futuro"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
J. Edgar Hoover (Leonardo DiCaprio)
"A volte occorre piegare un po' le regole per salvaguardare la sicurezza del Paese…"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Altre frasi celebri del film J. Edgar oppure Aggiungi una frase
Shop

DVD | J. Edgar

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 16 maggio 2012

Cover Dvd J. Edgar A partire da mercoledì 16 maggio 2012 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd J. Edgar di Clint Eastwood con Leonardo DiCaprio, Ed Westwick, Armie Hammer, Judi Dench. Distribuito da Warner Home Video. Su internet J. Edgar (Blu-ray) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,99 €
Prezzo di listino: 12,99 €
Risparmio: 3,00 €
Aquista on line il dvd del film J. Edgar

NEWS | Un film biografico sulla vita segreta del direttore del FBI.

Dicaprio in trattative per il film di clint eastwood

mercoledì 30 giugno 2010 - Marlen Vazzoler

Hoover: DiCaprio in trattative per il film di Clint Eastwood A metà giugno era stato detto che Leonardo DiCaprio aveva accettato di interpretare J. Edgar Hoover nella pellicola biografica prodotta dalla Warner Bros. Hoover, diretta da Clint Eastwood e sceneggiata da Dustin Lance Black (Milk). Inizialmente la sceneggiatura di Black era stata scritta per Ron Howard e Brian Grazer per la Imagine Entertainment e la Universal, ma quando Eastwood è entrato a bordo del progetto, la pellicola è passata alla Warner. La figura di Hoover è strettamente legata al lavoro che ha svolto presso l'FBI, di cui è stato direttore dal 1924 al 1972.

   

GALLERY | Online la fotogallery del film.

Eastwood e dicaprio raccontano la storia di hoover

giovedì 27 ottobre 2011 - Marlen Vazzoler

Eastwood e DiCaprio raccontano la storia di J. Edgar Hoover Non è la prima volta che Leonardo DiCaprio interpreta sul grande schermo la vita di un personaggio veramente esistito e controverso: nel 1995 è stato Jim Carroll in Ritorno dal nulla e Arthur Rimbaud in Poeti dall'inferno. Nel 2002 diventa il famigerato Frank Abagnale in Prova a prendermi, mentre tre anni dopo interpreta i panni del miliardario texano Howard Hughes in The Aviator. Non sorprende quindi la sua scelta di interpretare la controversa figura del fondatore dell'FBI, J. Edgar Hoover nel nuovo film di Clint Eastwood, J.

   

VIDEO | In esclusiva su MYmovies le parole del regista sul film.

L'intervista a clint eastwood

giovedì 29 dicembre 2011 - Nicoletta Dose

J. Edgar, l'intervista a Clint Eastwood Il regista americano Clint Eastwood rappresenta una garanzia di qualità. Il suo ultimo lavoro, J. Edgar, è l'ennesima prova del suo talento, e di quello di Leonardo DiCaprio che, nei panni del capo dell'FBI, trova l'occasione di dimostrare la sua bravura e puntare finalmente all'Oscar. La trama di J. Edgar è complessa, tanto quanto il protagonista. Dietro i segreti degli Stati Uniti d'America, si nascondono quelli di un uomo ambiguo, spesso dietro le quinte dei grandi fatti storici, ma anche in prima linea nella battaglia contro le ingiustizie sociali.

   

BIZ

La rubrica sul premio cinematografico più prestigioso del mondo.

Clint Eastwood tra gli aspiranti vincitori

martedì 8 novembre 2011 - Robert Bernocchi

Tre grandi registi, tre (speriamo) pellicole di qualità. Uno dei film più attesi in chiave Oscar è senza dubbio J. Edgar, la pellicola di Clint Eastwood con protagonista Leonardo DiCaprio sul famigerato e leggendario capo dell'FBI. Purtroppo, da quello che si capisce leggendo i primi pareri su Rotten Tomatoes, l'accoglienza non è stata esaltante. In effetti, ha ricevuto brutte recensioni da Variety, New York Magazine e Movie City News (David Poland è particolarmente deluso), mentre i giudizi pur positivi di Hollywood Reporter e di Emanuel Levy evidenziano diversi problemi e non sono certo entusiasti. continua »

   

La rubrica sul premio cinematografico più prestigioso del mondo.

Parere negativo su J. Edgar

martedì 1 novembre 2011 - Robert Bernocchi

Non convince neanche il parere negativo su J. Edgar, per cui viene messo sotto accusa il reparto marketing, che invece di puntare sugli aspetti eccitanti del film (in particolare, attori come Leonardo DiCaprio e Naomi Watts), lo farebbe apparire come una noiosa ricostruzione degna dell’History Channel. Per quanto riguarda Movieline, il parere su War Horse dimostra quanto potrebbero essere strampalate le discussioni sugli Oscar con tanti mesi di anticipo. Considerato finora il grande favorito, anche se nessuno l’ha visto, ora invece avrebbe perso posizioni perché avere lo status di frontrunner a questo punto è dannoso. continua »

   

Quinto potere, errori e stranezze della critica cinematografica.

Clint Eastwood censurato?

lunedì 17 ottobre 2011 - Robert Bernocchi

Giorgio Carbone su Libero parla del film di Clint Eastwood, J. Edgar. "Mike Kortan, il vice capo del Federal Bureau of Investigation ha annunciato di aver fatto causa a Clint e se occorre di esser pronto a bloccargli l'ultimo film. [...] 'Impediremo al film di uscire', ha dichiarato Kortan". Peccato che, sfogliando i giornali americani online, si scopre che Kortan confuta soltanto le teorie (discusse da decenni) sull'omosessualità di Hoover. E ovviamente si guarda bene dal minacciare di bloccare il film. continua »

   

News e anticipazioni dal mondo del cinema.

Il trailer di J. Edgar

martedì 20 settembre 2011 - Robert Bernocchi

Il vantaggio di chiamarsi Clint Eastwood è la possibilità di fare un film che punta chiaramente agli Oscar, ma senza dover per questo seguire la solita strada promozionale riservata a questo tipo di pellicole, passando magari a Venezia o a Toronto. J. Edgar è la storia del primo direttore dell’FBI, J. Edgar Hoover, una personalità complessa e ambigua, che ha segnato nel bene e nel male diversi decenni di storia americana. A interpretare il protagonista, Leonardo DiCaprio, affiancato da Armie Hammer nel ruolo del suo braccio destro. continua »

   

Il mondo intercettato a partire da Hoover

di Roberto Silvestri Il Manifesto

Nel 1993 il programma televisivo Frontline (il Report della tv commerciale Usa) raccontò cos'era il «metodo J. Edgar Hoover». Come cioè un funzionario pubblico non corrotto e irreprensibile, ossessionato da ogni forma, anche nel look, di ordine borghese e dalla religione della sicurezza, creatore del 1924 dell'Fbi, era riuscito a tenere sotto controllo il paese per mezzo secolo costruendo, perfezionando (e socializzando il sistema in tutti i paesi amici della democrazia liberale per eccellenza) un'efficiente «macchina del fango», capace di colpire a forza di dossier più falsi che veri chiunque desse fastidio all'american way of life, dai wobblies ai comunisti, dal Kkk ai nazisti dell'Illinois, dai gangster ai Black Panthers, dai Kennedy alle «anarchiche Jean Seberg e Jane Fonda» dall'«ipocrita Martin Luther King» ai politici, agli scrittori, ai quarterback estremamente strani come Joe Namath, ai sacerdoti e alle rock star troppo radicali, sia di estrema destra che di estrema sinistra (Jimi Hendrix e la sua stranissima morte per overdose), ma spesso (durante il maccartismo) anche fastidiosamente liberal, noi diremmo oggi di «centro sinistra». »

Un’ambigua leggenda dell’impero americano

di Curzio Maltese

L’incontro di un gruppo di autentici miti viventi del cinema, da Clint Eastwood al geniale sceneggiatore di Milk, Dustin Lance Black, da Leonardo Di Caprio alla straordinaria Judi Dench, ha creato una straordinaria attesa intorno a J. Edgar. In parte confermata, almeno per quanto riguarda la qualità della recitazione, ma in buona misura delusa. L’ultimo film di Clint Eastwood è un capolavoro mancato. Un gigante dai piedi d’argilla, che comincia come una grande epopea della società americana e finisce in una disperata storia d’amore, senza raggiungere mai la potenza emotiva e la grandezza civile di Million Dollar Baby, Mystic River o Gran Torino. »

Nemico pubblico

di Paola Casella Europa

Ecco un esempio di film d’autore che non ha avuto il coraggio delle proprie intuizioni, né sufficiente fiducia nell’intelligenza del pubblico. Si tratta di J. Edgar, il dramma di Clint Eastwood su J. Edgar Hoover, capo dell’Fbi per 50 anni. Le geniali intuizioni di Eastwood cominciano dal titolo del film, che è il nome proprio del protagonista stampato sulle locandine nella grafia dello stesso Hoover: una firma che è già una negazione identitaria, poiché abbrevia il primo nome (John) per dare spazio al secondo (Edgar), di per sé versione tronca di Edgard, e scritto con una mano incerta come quella di Lucio Battisti quando intitolava i suoi lp con una parola smozzicata in mezzo a una pagina bianca. »

di Manohla Dargis The New York Times

Anche se Clint Eastwood ci ha abituato alle sorprese nei suoi ultimi film, la tenerezza dei sentimenti al centro di J. Edgar è quasi sconcertante. Un Leonardo DiCaprio forte ma vulnerabile riesce a mettere a nudo l’umanità del creatore e primo direttore dell’Fbi, J. Edgar Hoover, restituendoci un ritratto pieno di simpatia – per l’uomo, non per le sue azioni – di un titano del novecento che riuscì a costruire intorno a sé una fortezza dell’informazione. Con un ritmo calmo, il film condensa in due ore e un quarto i quasi cinquant’anni di storia di Hoover all’Fbi, concentrandosi in particolare sul suo rapporto con Clyde Tolson (Armie Hammer), il suo vice e compagno di tutta una vita. »

J. Edgar | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Golden Globes (1)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 |
Shop
DVD
Uscita nelle sale
mercoledì 4 gennaio 2012
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità