•  
  •  
Apri le opzioni

Natalie Dormer

Natalie Dormer è un'attrice inglese, produttrice, è nata il 11 febbraio 1982 a Reading (Gran Bretagna). Natalie Dormer ha oggi 40 anni ed è del segno zodiacale Acquario.

Talento, grinta e bellezza dietro un'espressione incantevole

A cura di Olivia Fanfani

Folti e morbidi capelli castani, grandi occhi marroni e pelle candida, Natalie Dormer si presenta come un'attrice poliedrica difficile da etichettare.
Capace di misurarsi nei ruoli più disparati: da sensuale cospiratrice d'inizio Cinquecento a cinica e sanguinaria regina di Approdo del Re, da direttrice televisiva e sceneggiatrice - nella vita reale -, la giovane inglese si è confermata negli anni un talento fuori dal comune.

Una partenza che sa di farsa
Nata a Reading, nel Berkshire, l'11 febbraio 1983, Natalie Dormer ha studiato danza classica e jazz presso la Scuola di Danza della sua città per poi trasferirsi, compiuti diciotto anni, a Londra per studiare recitazione alla Webber Douglas Academy of Dramatic Art.
Diplomata nel 2004, ha ottenuto dopo appena sei mesi il suo primo ruolo di attrice non protagonista in Casanova di Lasse Hallström, dove interpreta Victoria, giovane promessa sposa di Giacomo Casanova (Heath Ledger) a cui però il ragazzo preferirà ben presto la sfacciata Francesca (Sienna Miller).
Con questo primo ruolo i suoi tempi comici impressionano in tal modo Hallström, da convincerlo a far aggiungere nuove scene che dessero maggior risalto al personaggio di Victoria, originariamente poco influente, e a scritturare Natalie con un contratto per i tre successivi film con la Disney/Touchstone Pictures, contratto mai stato onorato.
Soprannominata da molti la nuova Keira Knightley, nel 2005, l'attrice ottiene una piccola parte in Distant Shores e il ruolo di protagonista in un film indipendente che non ha mai visto la luce per problemi finanziari. Nonostante l'innegabile talento riconosciuto all'unanimità da tutti coloro con cui ha lavorato, concluse le riprese di Casanova, è uscita dal circuito delle audizioni per un periodo relativamente lungo, 9 mesi, in cui ha messo da parte la carriera di attrice per lavorare come cameriera fino al 2006, quando si è presentata l'opportunità di una piccola apparizione nell'episodio The Falls, della serie Rebus.

La risalita con Anna Bolena
Il ritorno sulle scene è sancito, nel 2007, dal ruolo di Anna Bolena nella serie TV I Tudors, che Natalie ha interpretato nelle prime due stagioni, fino al 2008, tornando nel 2010 come guest star in una sequenza onirica della quarta stagione. La sfortunata seconda moglie di Enrico VIII è resa dalla giovane con caratteristiche che vanno ben al di là della sensuale cospiratrice e rendono la regina un personaggio intrigante, più ascrivibile al tragico eroe ribelle che alla vittima inerme di un marito dispotico. Subito messa sotto pressione, Natalie ha dovuto interpretare, come primo ciak in assoluto, la scena dell'esecuzione di Anna - ovviamente in sequenza non cronologica con i fatti della serie - ritrovandosi così a dover camminare sul patibolo che conduce alla morte. Un momento definito dall'attrice "inquietante e straziante insieme" per la consapevolezza del valore iconico del personaggio che, dopo aver avuto un enorme effetto polarizzante sulla popolazione, sancisce con solenne dignità il proprio fallimento. Grazie a questo ruolo Natalie è stata candidata ai canadesi Gemini Awards come miglior attrice in una serie drammatica.

Dal Cinema al teatro
Divisa negli anni successivi tra televisione, cinema e teatro, la giovane e attrice è stata Olga in City of Life di Ali F. Mostafa, e successivamente Moira Nicholson in Miss Marple: Perché non l'hanno chiesto a Evans?, episodio dell'adattamento per la televisione del romanzo di Agata Christie. Tagliata dal montaggio finale di Senza apparente motivo, di Sharon Maguire, in cui interpretava la fidanzata di Ewan McGregor, nel marzo del 2009 ha fatto il suo debutto sul palcoscenico teatrale del London's Young Vic col ruolo di Mizi nella commedia scritta da Arthur Schnitzler, Sweet Nothings, con cui è stata in tour per l'Europa fino all'anno successivo.
Nell'estate del 2009 prende una pausa dai palcoscenici per prestare la voce alla drammatizzazione del romanzo di Sarah Dunant, Sacri Cuori in onda su Radio BBC.
Fortemente voluta da Madonna nel suo W.E. - Edward e Wallis, la ritroviamo sul grande schermo nei panni della regina madre, Elizabeth Bowes-Lyon, tormentata dalla scandalosa storia d'amore, nei primi anni del '900, fra la divorziata Wallis Simpson e il Re del Regno Unito Edoardo VIII, per cui egli abdicò in favore del fratello.

Margaery Tyrel per Game of Thrones
Forte delle importanti collaborazioni della sua seppur breve carriera, nel 2011, Natalie non si lascia sfuggire la possibilità di lavorare accanto ad attori del calibro di Chris Evans, Hugo Weaving, Samuel L. Jackson e Hayley Atwell nel Blockbuster Hollywoodiano basato sui supereroi dei fumetti Marvel Captain America: il primo vendicatore, diretto da Joe Johnston.
Terminate le riprese, la BBC la scrittura per due nuove serie TV: Silk e The Fades, in cui interpreta rispettivamente Niamh Cranitch, figlia brillante di un giudice della Corte Suprema, e Sara, una ragazza col potere di predire il futuro. Sarà però HBO a portare alla ribalta la giovane nel ruolo di Margaery Tyrell, nella seconda stagione della serie fantasy Il trono di spade, che le fa guadagnare una nomination agli Screen Actors Guild Awards insieme ai suoi colleghi del cast. Personaggio imperscrutabile, Margaery, è messa spesso in difficoltà dalle relazioni di potere che è costretta ad assecondare per la rinascita del proprio regno. Un gioco di ruoli che fa vacillare più volte l'austera principessa, irremovibile nel fidarsi solo della vecchia regina madre, sua nonna Lady Olenna Tyrell.
Alternando le riprese della serie al teatro, nel marzo 2012, Natalie torna in scena al London's Young Vic, nel ruolo di protagonista in Miss Julie di Patrick Marber, senza per questo farsi attendere troppo da HBO che nel frattempo la scrittura per il ruolo di Irene Adler nei tre episodi finali della prima stagione della serie TV Elementary, rilettura in chiave moderna di Sherlock Holmes, con Jonny Lee Miller e Lucy Liu nei panni della versione femminile di Watson.

Il grande cinema
Caratterizzata da un forte spirito di iniziativa e da una dirompente positività, la Dormer, dopo aver girato il finale della terza stagione de Il trono di spade, nel 2013 ha scritto il soggetto per un cortometraggio intitolato The Brunchers, per poi cimentarsi in un mix di dolcezza malizia e sensualità nel film Rush di Ron Howard, in cui interpreta l'infermiera Gemma. Al fianco di Jennifer Lawrence, il 2014 è per lei il momento della ribelle Cressidra nel film Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte I seguito a gennaio 2015 da Il canto della rivolta - Parte II. Per entrambi l'attrice ha dovuto subire una profonda trasformazione. Il personaggio, descritto nel libro come una donna dalla testa rasata e tatuata con rampicanti verdi, grazie a Dorman acquista caratteristiche non propriamente specifiche del romanzo originale, con l'attrice disposta a rasarsi solo il lato sinistro della testa. Nello stesso anno vestirà i panni della sensuale studentessa in Posh di Lone Scherfig, dramma che racconta l'assurdità crudele delle confraternite universitarie anglosassoni.

Ultimi lavori
Tra le interpretazioni del 2015 incontriamo l'interessante Seymour Worsley in The Women in Red e, finalmente, il suo primo ruolo da protagonista in The Forest di Jason Zada, un film horror uscito i primi di Gennaio 2016. Qui interpreta due gemelle fisicamente identiche ma profondamente diverse, che le danno la possibilità di dimostrare quanto dietro a corsetti e frasi civettuole l'attrice riesca ad abitare anche personaggi moderni, segnati da traumi e cicatrici con cui è difficile fare i conti. In attesa di vederla ancora nei panni della regina Margaery nella sesta stagione de Il trono di spade e nell'ultimo capitolo della saga di Hunger Games, Natalie ha già confermato la sua presenza in una nuova produzione cinematografica: In Darkness, thriller psicologico diretto da Anthony Byrne e basato su uno script della stessa Dormer. Infine, a settembre la troveremo sul grande schermo nel thriller psicologico di Stefan Ruzowitzky Patient Zero.

Curiosità
Spesso ripresa dagli insegnanti della scuola di recitazione perché pensava troppo, ammette che lo stop forzato del 2005, dopo Casanova, sia stato una lezione fondamentale per una resa attoriale più viscerale e meno cerebrale. Al momento vive da sola nel sud di Londra, ma vola regolarmente avanti e indietro con Dublino per vedere il suo ragazzo irlandese, il regista Anthony Byrne (33), conosciuto sul set de I Tudors.

Ultimi film

News

Regia di Paco Cabezas. Una serie con Natalie Dormer, Daniel Zovatto, Adriana Barraza, Jessica Garza, Rory Kinnear. Dal 5...
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati