Shame

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Shame   Dvd Shame   Blu-Ray Shame  
Un film di Steve McQueen. Con Michael Fassbender, Carey Mulligan, James Badge Dale, Nicole Beharie, Hannah Ware.
continua»
Drammatico, durata 99 min. - Gran Bretagna 2011. - Bim uscita venerdì 13 gennaio 2012. - VM 14 - MYMONETRO Shame * * * 1/2 - valutazione media: 3,50 su 121 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,50/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * 1/2 -
 critica * * * - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
Brandon ha un problema di dipendenza dal sesso che gli impedisce di condurre una relazione sentimentale sana e lo imprigiona in una spirale di varie altre dipendenze.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un lavoro singolare sul sonoro per una poetica che accosta bellezza e brutalità
Marianna Cappi     * * * 1/2 -

Brandon ha un problema di dipendenza dal sesso che gli impedisce di condurre una relazione sentimentale sana e lo imprigiona in una spirale di varie altre dipendenze. Nulla traspare all'esterno: Brandon ha un appartamento elegante, un buon lavoro ed è un uomo affascinante che non ha difficoltà a piacere alle donne. Al suo interno, però, è un inferno di pulsioni compulsive. Va ancora peggio alla sorella Sissy, bella e sexy, ma più giovane e fragile, la quale passa da una dipendenza affettiva ad un'altra ed è sempre più incapace di badare a se stessa o di controllarsi.
Dopo aver colpito indelebilmente gli occhi di chi ha visto il suo primo film, Hunger, colpevolmente non distribuito in Italia, il videoartista britannico Steve McQueen richiama con sé Michael Fassbender come protagonista di Shame, un film che è altrettanto politico, nelle intenzioni, per quanto non lo sia esplicitamente nel soggetto (com'era invece per la vicenda di Bobby Sands).
Alla prigionia del carcere, dove l'uomo è privato di tutto, si sostituisce qui una trappola mentale altrettanto incatenante e umiliante, favorita paradossalmente dalla libertà di potersi comprare tutto e subito: una escort, una stanza d'albergo o un film. È l'altra faccia della società "on demand" quella che McQueen racconta in questo dramma privatissimo solo all'apparenza, venato di una tristezza senza freni. La nudità di Fassbender, che apre il film, è soprattutto una condizione figurata e quando, man mano che il minutaggio avanza, l'interpretazione dell'angoscia si fa più dichiarata e arrivano le lacrime e le contorsioni, si ha quasi l'impressione che non aggiungano molto ma diano solo più senso a quelle prime sequenze, che già contenevano tutto.
Meno straordinario di Hunger, più imploso e grigio (non solo nella pigmentazione), Shame conferma la grande capacità di McQueen nella scelta delle inquadrature, il suo lavoro singolare sul sonoro, la poetica dell'accostamento di bellezza e brutalità, qui meno evidente ma non meno presente. Ma un grande dono viene senza alcun dubbio al film dal contributo di Carey Mulligan, che presta la sua bravura al personaggio tragico di Sissy e al suo sogno senza fondamento di un "brand new start", di poter ricominciare da capo lì a New York perché, come canta in una sequenza da brivido, "if I can make it there I'll make it anywhere". Ma è vero soprattutto il contrario.

Incassi Shame
Primo Weekend Italia: € 293.000
Incasso Totale* Italia: € 1.118.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 4 marzo 2012
Incasso Totale* Usa: $ 3.469.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 5 febbraio 2012
Sei d'accordo con la recensione di Marianna Cappi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
67%
No
33%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination Shame

premi
nomination
Festival di Venezia
1
0
Nastri d'Argento
0
1
Golden Globes
0
1
European Film Awards
1
0
BAFTA
0
2
* * * * -

Le prigioni di steve mcqueen

martedì 17 gennaio 2012 di Beatrice Fiorentino

Quanti sguardi tristi in questo film, opera seconda dell’inglese Steve McQueen, classe ’69, videoartista e scultore approdato al cinema nel 2008 con il film rivelazione Hunger. Tanti personaggi smarriti per un film che è molto più angosciante che “erotico” (nonostante l’ingiustificato clamore suscitato dalle scene più esplicite). Shame è la fotografia sobria e minimale della vita solitaria di un uomo che potrebbe avere tutto e che invece non ha niente. Distante dalle abili strategie di conquista continua »

* * * - -

Il sesso come dolore e assuefazione

mercoledì 18 luglio 2012 di osteriacinematografo

“Shame”, opera seconda del regista inglese Steve McQueen, è l’impietosa e glaciale rappresentazione cinematografica della vita di Brandon, un controverso single newyorkese: da un lato è un brillante e disinvolto uomo d’affari, dall’altro una persona arida e solitaria, incapace di coinvolgimenti emotivi, dedita al sesso in modo compulsivo e incontrollabile. Brandon conduce un’esistenza asettica e squallida, in cui il sesso viene vissuto e “utilizzato”come valvola di sfogo, come unico linguaggio continua »

* * * * *

La morte dei sentimenti

sabato 14 gennaio 2012 di renato volpone

Il film e' durissimo e racconta dell'incapacità di oggi di vivere sane relazioni umane. Il mondo del consumismo, anche sessuale, dell'individualismo, dell'era digitale, isola le persone impossibilitandole a costruire relazioni sociali, amicali, affettive di un certo rilievo. Brandon e sissy, fratello e sorella, vivono questo distacco sofferente, amandosi e odiandosi, ricercando uno il contino sfogo sessuale e l'altra surrogati disastrosi di relazioni affettive. Si riabbracceranno dolorosamente nel continua »

* * * - -

Triste, angosciante e claustrofobico.

martedì 4 marzo 2014 di ANDREA GIOSTRA

La “Sexual addiction” sembra essere solo il pretesto che Steve McQueen utilizza in questo film per raccontare la prigionia mentale di un giovane uomo newyorkese, attraente e ricco, vittima delle sue angoscianti compulsioni comportamentali finalizzate all’atto sessuale meccanico e soffocante al contempo. Non c’è alcun piacere, né fisico né mentale, nel rincorrere compulsive e incontrollabili eccitazioni e copulazioni depersonalizzate. Solo tormento e solitudine continua »

Sissy
"Brandon, sono Sissy. Ho bisogno di parlare con te. Rispondi a quel cazzo di telefono. Brandon, ho bisogno di te. Noi non siamo cattive persone, è solo che veniamo da un brutto posto. Grazie di avermi fatta restare..."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Michael Fassbender
"Sono le azioni che contano, non le parole."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Shame

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 6 giugno 2012

Cover Dvd Shame A partire da mercoledì 6 giugno 2012 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Shame di Steve McQueen con Michael Fassbender, Carey Mulligan, James Badge Dale, Nicole Beharie. Distribuito da Rai Cinema - 01 Distribution. Su internet Shame (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,99 €
Aquista on line il dvd del film Shame

SOUNDTRACK | Shame

La colonna sonora del film

Disponibile on line da martedì 28 febbraio 2012

Cover CD Shame A partire da martedì 28 febbraio 2012 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Shame del regista. Steve McQueen Distribuita da Sony Classical. Su internet il cd Shame è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 14,90 €
Prezzo di listino: 17,70 €
Risparmio: 2,80 €
Aquista on line la colonna sonora del film Shame

APPROFONDIMENTI | Uno dei registi più interessanti della sua generazione.

Steve mcqueen

mercoledì 19 febbraio 2014 - Mauro Gervasini

La politica degli autori: Steve McQueen Lo diciamo a maggior ragione dopo avere visto 12 anni schiavo, il film con Chiwetel Ejiofor e Michael Fassbender nelle sale dal 20 febbraio: Steve McQueen, britannico, classe 1969, è uno dei registi più interessanti della sua generazione. Questo non significa che non sia problematico, a volte controverso, anzi. Solo altri due lungometraggi all'attivo: Hunger (2008) a tutt'oggi il suo migliore, e Shame (2011). Anche, però, un passato e un presente da videoartista di fama mondiale. Sue installazioni sono (state) ospitate nei principali spazi espositivi del mondo (compresa una delle ultime alla Biennale di Venezia 2011, in contemporanea con il passaggio di Shame in concorso alla Mostra del Cinema al Lido).

   

APPROFONDIMENTI | Passioni e contraddizioni dello Shame di McQueen.

Il corpo e la metropoli

lunedì 16 gennaio 2012 - Roy Menarini

Il corpo e la metropoli Nel suo film precedente, purtroppo mai distribuito in Italia – Hunger – il videoartista e regista Steve McQueen portava frontalmente sullo schermo la sofferenza corporea di Bobby Sands e altri prigionieri irlandesi nell’atto di sopportare un mortale sciopero della fame. L’intuizione stava nel ribaltare di segno la tradizione del film di denuncia e spostare l’attenzione al dramma del corpo, sempre più consunto, sino a lasciare ischeletrito l’involucro e nuda l’anima del militante. Pareva, in quel film, piuttosto evidente l’influenza di Michel Foucault e del suo Sorvegliare e punire: il filosofo francese già nel 1975 spiegava come l’istituzione carceraria ponga un problema di potere disciplinare che coinvolge il corpo umano e la sua sofferenza, supplizio, punizione.

   

INTERVISTE | In concorso la seconda opera di Steve McQueen.

Film scandalo a venezia

lunedì 5 settembre 2011 - Giovanni Bogani

Shame, film scandalo a Venezia Da dove viene questo personaggio? Nel mondo di oggi, è facile avere delle ossessioni. Dei comportamenti compulsivi, dipendenze da droga, alcol, gioco. O sesso. Abbiamo la libertà, oggi. Ma è facile che tanta libertà diventi una prigione. Questo personaggio è così: un esempio di come tanta libertà possa diventare una prigione". Si chiama Steve McQueen, e giusto per quelli che possono sobbalzare a questo nome, è un artista visuale, ha quarant’anni, è nato in Inghilterra, è di colore. Insomma, niente a che vedere con l’ "altro" Steve McQueen.

GALLERY | Le foto del film-scandalo con Fassbender e Mulligan.

Fascino, poesia e sessodipendenza

lunedì 9 gennaio 2012 - Luca Volpe

Shame, fascino, poesia e sessodipendenza Girato a New York esattamente un anno fa, Shame è la seconda fortunata collaborazione – dopo Hunger, premiato a Cannes come migliore opera prima – tra Michael Fassbender e il regista inglese Steve McQueen. Qui Fassbender interpreta Brandon, fascinoso trentenne che nasconde sotto la sua pacata vita da dirigente newyorkese una maniacale ricerca di sesso occasionale. Una stravagante routine, stravolta, una mattina, dall'arrivo della sorella minore Sissy (Carey Mulligan), cantante ribelle e problematica.

BIZ

News e anticipazioni dal mondo del cinema.

Il red band trailer di Shame

mercoledì 30 novembre 2011 - Robert Bernocchi

È indiscutibile che Shame sia riuscito ad attirare l’attenzione degli addetti ai lavori. Dopo il passaggio alla Mostra del Cinema di Venezia (dove ha permesso al protagonista Michael Fassbender di aggiudicarsi la coppa Volpi), sta suscitando molta curiosità in America, anche per la decisione di farlo uscire senza tagli, affrontando così il temibile divieto Nc-17, che non permette ai minori di questa età di assistere alla pellicola in nessun modo. La Fox Searchlight, che distribuisce il film, ha presentato un trailer esplicito (anche se non tanto, considerando le sequenze presenti in Shame), magari anche per far capire al pubblico che non si tratta di una pellicola facile. continua »

   

Ecco gli otto film a cui prestare particolare attenzione.

Shame di Steve McQueen (Concorso)

lunedì 29 agosto 2011 - Robert Bernocchi

Hunger rappresenta uno dei maggiori pugni sullo stomaco inflitti allo spettatore da una pellicola negli ultimi tempi. All’inizio e alla fine, scene insostenibili di violenza inflitta dai poliziotti o provocata direttamente a se stessi da chi digiuna, con dialoghi pressoché ridotti a zero. In mezzo, un’infinita discussione tra due personaggi da cui è impossibile staccare gli occhi, ammirati per la loro prova. Shame replica l’accoppiata Steve McQueen – Michael Fassbender, ormai diventato uno dei maggiori attori viventi, che peraltro viene affiancato da Carey Mulligan. continua »

   

Morire di sesso e di vergogna

di Gianni Canova Duellanti

Non fatevi ingannare da chi blatera di “film-scandalo”. Non c’è nulla di “scandalistico”, in Sbame. Nessuna pruderie, nessun viagra audiovisivo. Shame mette in scena Thanatos, non Eros. Non insegue l’amore, corteggia la morte. E mostra quanto desiderio di morte ci sia in quell’ossessione d’amore (e di sesso, carne, godimento, piacere...) che sembra dominare tanta parte della società occidentale contemporanea. Brandon - trentenne, bello, ricco - è prigioniero della propria ossessione sessuale. Vive per il sesso. »

Chi ci spiegherà perchè quei due fratelli stanno tanto male?

di Roberto Nepoti La Repubblica

Quattro anni fa l’artista londinese Steve Rodney McQueen debuttò col folgorante Hunger. Ha impressionato molti anche il suo secondo film, Shame, presentato a Venezia: nera storia metropolitana del trentenne Brandon, uomo in carriera schiavo di una dipendenza ossessiva. Ammirato dalle donne, Brandon può consumare sesso unicamente associandolo a un senso di vergogna; così frequenta prostitute e siti porno, prima di finire la giornata masturbandosi davanti allo specchio. L’arrivo della sorellina Sissy, disturbata quanto lui, lo scaraventa in un abisso d’angoscia. »

di Paola Casella Europa

L’opera seconda di McQueen, premio Fipresci all’ultima Mostra di Venezia, spoglia nudo Brandon, il suo protagonista, magistralmente interpretato dal prim’attore del momento, più moralmente che fisicamente: il che è tutto dire, visto che Fassbender è in costume adamitico fin dalla prima scena. Nella presentazione del personaggio è contenuto già tutto il senso del film: contrariamente ad American Gigolo, che Shame ricorda molto da vicino e che mostrava Julian (Richard Gere) come un manichino senz’anima pronto ad indossare il suo guardaroba Armani, ma ce lo faceva vedere a figura intera, nella prima scena McQueen ci presenta Brandon a pezzi, fisicamente ed emotivamente, e sono pezzi di carne, esposti come nella vetrina di un macellaio. »

di Joe Morgenstern Wall Street Journal

Shame, il ritratto di un uomo in cerca di perdizione, è diretto dall’artista britannico Steve McQueen. Il film ci tiene in stretto contatto con il suo protagonista anche quando lui è disconnesso dalla realtà che lo circonda e da se stesso. Merito della notevole interpretazione di Michael Fassbender. Brandon, il protagonista, è un uomo con problemi di dipendenza dal sesso. Ma ridurre la sua vicenda a questo è una banalizzazione. I suoi problemi sembrano più che altro di chiusura verso il prossimo ed è evidente che hanno a che fare con la sorella Sissy (interpretata da una convincente Carey Mulligan), che a un certo punto irrompe nella sua vita. »

Shame | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | beatrice fiorentino
  2° | osteriacinematografo
  3° | writer58
  4° | 24luce
  5° | andrea giostra
  6° | renato volpone
  7° | numenoreano
  8° | hidalgo
  9° | cinemascoop.altervista.org
10° | mario conti
11° | ashtray_bliss
12° | monicac.
13° | kronos
14° | franzrosebud
15° | filippo catani
16° | lisadp
17° | germano f.
18° | ultimoboyscout
19° | kondor17
20° | mariagiorgia
21° | fabiana dantinelli
22° | catcarlo
23° | annu83
24° | vany74
25° | pinocantautore
26° | elisirr
27° | james oogway
28° | salvatore marfella
29° | rita branca
30° | leonardo malaguti
31° | toro sgualcito
32° | flyanto
33° | gianleo67
34° | boffese
35° | dandy
36° | stefanocapasso
37° | amandagriss
38° | jacopo b98
39° | albet
40° | pepito1948
41° | pepito1948
42° | edwood87
43° | elray
44° | gianmarco.diroma
45° | icutino
46° | stefano pariani
47° | molenga
48° | sassolino
49° | franky108
50° | goldy
51° | mantraliulai
Rassegna stampa
Gianni Canova
Festival di Venezia (1)
Nastri d'Argento (1)
Golden Globes (1)
European Film Awards (1)
BAFTA (2)


Articoli & News
Trailer
1 | 2 | 3 |
Video
1| 2|
Poster e locandine
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 | 23 | 24 | 25 | 26 | 27 |
Link esterni
Sito ufficiale
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità