La prima cosa bella

Acquista su Ibs.it   Soundtrack La prima cosa bella   Dvd La prima cosa bella   Blu-Ray La prima cosa bella  
Consigliato sì!
3,57/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (ITALIA)
 dizionari * * * - -
 critica * * * 1/2 -
 pubblico * * * 1/2 -
   
   
La storia di due fratelli, di una mamma eccentrica e scomoda, e dell'amore che li unisce in una Livorno popolare. Dagli anni Settanta ai giorni nostri.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Commedia drammatica colma di sentimenti e spoglia di sentimentalismi
Marzia Gandolfi     * * * 1/2 -

Bruno Michelucci è infelice. Insegnante di lettere a Milano, si addormenta al parco, fa uso di droghe e prova senza riuscirci a lasciare una fidanzata troppo entusiasta. Lontano da Livorno, città natale, sopravvive ai ricordi di un'infanzia romanzesca e alla bellezza ingombrante di una madre estroversa, malata terminale, ricoverata alle cure palliative. Valeria, sorella spigliata di Bruno, è decisa a riconciliare il fratello col passato e col genitore. Precipitatasi a Milano alla vigilia della dipartita della madre, convince Bruno a seguirla a Livorno e in un lungo viaggio a ritroso nel tempo. Le stazioni della sua "passione" rievocano la vita e le imprese di Anna, madre esuberante e bellissima, moglie di un padre possessivo e scostante, croce e delizia degli uomini a cui si accompagna senza concedersi e a dispetto delle comari e della provincia. Domestica, segretaria, ragioniera, figurante senza mai successo, Anna passa attraverso i marosi della vita col sorriso e l'intenzione di essere soltanto la migliore delle mamme. A un giro di valzer dalla morte, sposerà "chi la conosceva bene" e accorderà Bruno alla vita.
È cosa nota ma è bene ribadirlo. Se si cerca un erede convincente della grande tradizione della commedia all'italiana, quello è indubbiamente Paolo Virzì. Lo è per attitudine, scrittura, sguardo. Per la modalità di immergersi nell'anima vera e nera del nostro paese, producendo affreschi esemplari e spaccati sociologici precisi. Archiviata la Roma dei call center e della solidarietà zero (Tutta la vita davanti), il regista livornese torna in provincia con una commedia drammatica e col professore depresso di Valerio Mastandrea, che spera un giorno di "ingollare" quella madre che non va né giù né su ma che ugualmente suscita un'irresistibile attrazione.
Indietro nel tempo e al centro del film c'è allora una mamma, l'affettuosa e "disponibile" Anna di Micaela Ramazzotti, idealmente prossima alla Adriana di Antonio Pietrangeli (Io la conoscevo bene), sedotta dalle persone e dagli avvenimenti ma trattenuta e contenuta dall'amore filiale. Se Adriana fosse sopravvissuta alle malignità di un cinegiornale e a un volo dalla finestra della sua camera, avrebbe adesso due figli e un cancro nella Livorno e nel cinema di Virzì. Perché Anna, mamma negli anni Settanta, è come Adriana vittima del torpore psicologico della provincia e della diffusa incomprensione maschile, da cui non sono immuni il figlio e il marito. A interpretarla nel tempo presente e nel letto di un hospice, centro di accoglienza e ricovero per malati terminali, è appunto Stefania Sandrelli, che trova per il suo personaggio (tra)passato un destino più dolce.
La prima cosa bella nel film di Virzì è proprio il personaggio di Anna che, libera e priva di pregiudizi, vive in uno stato di perenne disponibilità nei confronti della vita, offrendo agli uomini quello che può e ai figli quello che sente. Dotata di un'autenticità insolita e una femminilità impropria in un mondo di persone "normali", Anna è insieme amata e invisa al figlio, che ripudia il candore scandaloso della madre e trova rifugio senza pace nella fuga. Rientrato suo malgrado nella vita di provincia come un adolescente dopo l'ennesima evasione, Bruno indaga un'unità difficile da trovare dentro i silenzi e il dolore compresso. La famiglia rappresenta allora il cuore della commedia, condita con robuste iniezioni di popolarità e ghiotte cadenze toscane, dentro il quale ci tuffa e si tuffa il figlio dolente di Mastandrea, incontrando i fantasmi del passato e contrattando il proprio posto nel mondo.
La prima cosa bella si appoggia su un coro di attori efficaci nel sapere stare dentro e fuori i personaggi, finendo per dare forma a una felice e insieme scriteriata idea di famiglia. Dalla meravigliosa inadeguatezza di Mastandrea deriva poi l'equilibrio tra ironia e malinconia che è la cifra di una commedia colma di sentimenti e spoglia di sentimentalismi.

Premi e nomination La prima cosa bella MYmovies
il MORANDINI
La prima cosa bella recensione dal Dizionario Fumagalli - Cotta
Incassi La prima cosa bella
Primo Weekend Italia: € 1.336.000
Incasso Totale* Italia: € 6.612.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 17 ottobre 2010
Sei d'accordo con la recensione di Marzia Gandolfi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
81%
No
19%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
Premi e nomination La prima cosa bella

premi
nomination
Nastri d'Argento
5
11
European Film Awards
0
1
David di Donatello
3
18
* * * * *

Quando il cinema italiano ci sorprende

lunedì 18 gennaio 2010 di Viacolvento

Capita spesso di dover difendere il cinema italiano, in certe conversazioni più o meno salottiere, e spesso uno dei pochi argomenti spendibili sono i film di Virzì. Ebbene, stavolta Virzì ci ha fornito un vero e proprio assist per le nostre future conversazioni. La prima cosa bella è un film che scuote anche gli animi più insensibili e scettici. Lo segui col fiato sospeso, pronto a sorridere o a struggerti il cuore, per le sorti dei suoi buffi, dolenti, patetici, umanissimi adorabili personaggi. continua »

* * * * -

Ottimo esempio di film d'autore di questi anni

sabato 16 gennaio 2010 di Nino Pell.

Ottimo esempio di film d'autore del Cinema italiano di questi ultimi anni. Paolo Virzi si conferma regista talentuoso ed encomiabile creando, in questa sua opera, una trama caratterizzata da una pregevole rifinitura stilistica nella sceneggiatura e in un perfetto livello interpretativo degli attori, tutti eccellenti. Il regista Virzi, appunto, sembra delineare un perfetto profilo psicologico ai vari personaggi della vicenda. innanzitutto Bruno, giovane sensibile ed introverso, continuamente sospeso continua »

* * * - -

Il cinema del dolore

martedì 19 gennaio 2010 di Fabrizio Cirnigliaro

Paolo Virzì ritorna nella sua Livorno, ma questa volta decide di mettere da parte la politica e le “grandi” problematiche sociali. Grazie alla collaborazione di Francesco Piccolo e Francesco Bruni, gli altri sceneggiatori della pellicola, riesce a realizzare una commedia quasi perfetta, in cui si ride spesso, ma non mancano i momenti commoventi, emozionanti, senza essere mai banale. Ad uscirne sconfitta è l’immagine della donna nella società italiana, continua »

* * * * -

Quella strada chaimata. . . livorno

lunedì 18 gennaio 2010 di ASTERIONE

Sarebbe un grave errore ridurre l’ultimo film di Paolo Virzì (che deve molto alla linearità narrativa di “Quella strada chiamata paradiso”) ad un approdo intimistico del regista livornese; al contrario questo lavoro, pur distanziandosi – finalmente direi – dal tema ricorrente delle sue pellicole più note (la delusione delle aspirazioni politiche, la deriva culturale della società, la perfetta sincronia dei personaggi tratteggiati del regista continua »

Valeria-Bruno
"Almeno tu fossi diventato ricco e famoso."
"Invece povero e ignoto."
"Scemo..."
"Nemmeno. Normale, che è peggio."
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Bruno
Devi conoscere nostra madre, ha rovinato la mia vita, ha rovinato la sua vita .. rovinerà anche la tua!
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Anna Nigiotti in Michelucci (1970-1980) (Micaela Ramazzotti)
Scusami vieni,non ti volevo fare male Bruno!Amore dove vai?!Dove vai!?
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Shop

DVD | La prima cosa bella

Uscita in DVD

Disponibile on line da venerdì 8 agosto 2014

Cover Dvd La prima cosa bella A partire da venerdì 8 agosto 2014 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd La prima cosa bella di Paolo Virzì con Micaela Ramazzotti, Claudia Pandolfi, Stefania Sandrelli, Valerio Mastandrea. Distribuito da Warner Home Video, il dvd è in lingue e audio italiano, DTS 5.1 HD. Su internet prima cosa bella (Blu-ray) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 9,74 €
Prezzo di listino: 12,99 €
Risparmio: 3,25 €
Aquista on line il dvd del film La prima cosa bella

SOUNDTRACK | La prima cosa bella

La colonna sonora del film

Disponibile on line da venerdì 19 marzo 2010

Cover CD La prima cosa bella A partire da venerdì 19 marzo 2010 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film La prima cosa bella del regista. Paolo Virzì Distribuita da RTI.

INTERVISTE | Presentato a Roma il nuovo film di Paolo Virzì tra gli applausi della stampa.

Amori di mamma

martedì 12 gennaio 2010 - Marianna Cappi

La prima cosa bella: amori di mamma Tutto ha inizio nel 1971, quando Anna viene incoronata a sorpresa "la mamma più bella" dell'estate nello stabilimento balneare più popolare di Livorno. Nel corso del tempo e dell'ultimo film di Paolo Virzì, La prima cosa bella , farà in tempo a diventare anche la mamma più impegnativa, almeno per i figli Bruno (Mastandrea) e Valeria (Pandolfi). Micaela Ramazzotti e Stefania Sandrelli si dividono il ruolo di Anna Nigiotti Michelucci, il personaggio che il regista e gli sceneggiatori, Francesco Bruni e Francesco Piccolo, hanno rubato alla vita di provincia per portarlo sullo schermo.

NEWS | Il film di Virzì candidato italiano per il miglior film straniero.

In nomination per l'oscar

mercoledì 29 settembre 2010 - a cura della redazione

La prima cosa bella in nomination per l'Oscar Tra i nove titoli in lizza, la commissione dell'Anica (composta tra gli altri da Gabriele Salvatores e Dante Ferretti) ha scelto La prima cosa bella di Paolo Virzì come candidato italiano per il miglior film straniero agli Oscar 2011. La pellicola, uscita nelle sale lo scorso gennaio, è una commedia drammatica ambientata nella Livorno degli anni Sessanta che racconta il tormentato rapporto tra Bruno e sua madre.

   

BIZ

Voglia di mamma. Maschi e figli con poca fantasia

di Cristina Piccino Il Manifesto

Il riferimento, lo dice per primo il regista, è la commedia all'italiana, esplicitata dall'omaggio a Dino Risi che vediamo nel film sul set livornese di La moglie del prete in cui la protagonista è maldestra comparsa. Eccoci dunque nell'ambizione di un cinema sentimental-popolare d'altri tempi, quando in sala si rideva, si piangeva, e chissà? nascevano amori un tantino illeciti. Ma Paolo Virzì che di quella «commedia all'italiana» si sente erede contemporaneo - ammesso che oggi abbia un senso rifarla visto che si nutriva del suo tempo - sembra guardare più alla fiction televisiva. »

Cuore di mamma per l'amarcord di Virzì

di Valerio Caprara Il Mattino

«La prima cosa bella» si colloca subito tra i grandi film della stagione perché gioca di classe con i meccanismi della memoria personale e collettiva: al centro dell'amarcord di Paolo Virzì c'è un ritratto femminile degno della commedia all'italiana dei Monicelli o Pietrangeli, ma anche il connesso rapporto con la propria terra di un moderno ulisse raramente è stato colto con analoghi pudore e pienezza. Che Virzì sia un fuoriserie non lo avevamo mai dubitato, ma questo film ribadisce l'efficacia del suo dominio creativo su una materia tutt'altro che agevole. »

Mamma, risate e tanta commozione

di Paolo D'Agostini La Repubblica

Rinunciando ai richiami sociali e alle suggestioni ideologiche Paolo Virzì fa il suo amarcord livornese e familiare, la sua autobiografia giovanile per interposti personaggi (proprio come Tornatore ha fatto in Baarìa, come Rubini nella sua Puglia, come Placido nel "suo " Sessantotto). Virzì lo fa attraverso una storia corale che dura quarant' anni. Con al centro Bruno (Valerio Mastandrea), infelice introverso irrealizzato, che è fuggito via dalla ridondanza, dall' esuberanza, dalla contagiosa voglia di vivere di Anna. »

Gli effetti speciali di Virzì

di Paola Casella Europa

Se è vero, come sostiene Pedro Almodovar, che gli effetti speciali per noi europei sono le emozioni, il cinema italiano non poteva contrapporre un film più adatto allo strapotere computer generated di Avatar de La prima cosa bella di Paolo Virzì, che di emozioni tracima, e che nonostante (o forse proprio per) il sovraffollamento e le esagerazioni tipiche della personalità vulcanica e sentimentale del suo regista, è vitale quanto la foresta di Pandora nel kolossal di James Cameron. La sgarrupata storia della famiglia Michelucci dagli anni Settanta al presente non è la solita operazione nostalgia, o la solita sitcom televisiva, cui il nostro cinema ci sta purtroppo abituando, ma una sorta di romanzo picaresco girato da un regista che con la macchina da presa ci sa fare senza continuamente sbattercelo in faccia (ad esempio sono innumerevoli i lunghi piani sequenza, ma sfido un non addetto ai lavori ad accorgersene) e che ha sempre dato priorità alla sceneggiatura (qui affidata al dream team composto da Francesco Piccolo e Francesco Bruni, ma naturalmente Virzì ci ha messo le mani, oltre alla cofirma), come si conviene ad un ex alunno di Furio Scarpelli, metà del duo Age- Scarpelli, che ha reso grande la commedia all'italiana. »

La prima cosa bella | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Pubblico (per gradimento)
  1° | viacolvento
  2° | nino pell.
  3° | alespiri
  4° | asterione
  5° | claudia75
  6° | il sora
  7° | fabrizio cirnigliaro
  8° | ivanod
  9° | olgadik
10° | nsiotto
11° | siper
12° | tina galante tisbe
13° | lume_hc
14° | sprock93
15° | dano25
16° | enzo70
17° | doni64
18° | sixy89
19° | redrose
20° | marezia
21° | lucalip
22° | doctorw58
Nastri d'Argento (16)
European Film Awards (1)
David di Donatello (21)


Articoli & News
Backstage
1 |
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 | 18 | 19 | 20 | 21 | 22 |
Link esterni
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità