American Beauty

Film 1999 | Commedia drammatica 130 min.

Regia di Sam Mendes. Un film Da vedere 1999 con Kevin Spacey, Annette Bening, Thora Birch, Wes Bentley, Mena Suvari, Chris Cooper. Cast completo Titolo originale: American Beauty. Genere Commedia drammatica - USA, 1999, durata 130 minuti. - MYmonetro 4,10 su 114 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
American Beauty
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Mendes è un brillante regista teatrale (ha messo in scena a Broadway Blue room) e ora debutta al cinema con questo film straordinario. Il film ha ottenuto 8 candidature e vinto 5 Premi Oscar, ha vinto un premio ai Nastri d'Argento, 6 candidature e vinto 3 Golden Globes. Al Box Office Usa American Beauty ha incassato 130 milioni di dollari .

American Beauty è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente sì!
4,10/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 4,48
ASSOLUTAMENTE SÌ
Recensione di Fabrizio Caleffi
Recensione di Fabrizio Caleffi

Mendes è un brillante regista teatrale (ha messo in scena a Broadway Blue room) che debutta nel cinema con questo film straordinario. Spacey, americano in crisi, sogna la sua Lolita e cambia vita. L'immagine di Mena in un letto di rose è di quelle che non si cancellano più dall'inconscio. Bening disegna un'insopportabile nevrotica middle class: la moglie che abbiamo avuto e non vorremmo mai più riavere. Splendido cameo di un colonnello dei marine in gay outing.

Sei d'accordo con Fabrizio Caleffi?
AMERICAN BEAUTY
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
-
-
Infinity
-
-
-
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Amazon Prime Video
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 28 marzo 2009
Mikelangelo

Sono passati ben dieci anni da quando questo film faceva incetta di premi Oscar al Kodak Theatre, nella notte più calda di Los Angeles. E se è vero che il capolavoro può essere dichiarato tale se e solo se non viene scalfito dall'incedere inesorabile del tempo, allora dobbiamo ammettere che American Beauty è un autentico capolavoro. Il regista Sam Mendes non poteva avere un esordio più fulgido.

domenica 21 novembre 2010
pattie

 Carrellata di follia contemporanea dove nessuno è felice, nessuno è come sembra e nessuno ha chiaro quali siano o per lo meno quale dovrebbero essere le proprie priorità:  -ragazzine insicure che millantano esperienze sessuali (nascondendo la verginità come un disonore) perché pensano che il proprio ruolo sia necessariamente fare le "facili" [...] Vai alla recensione »

domenica 15 novembre 2009
Andy11

"Mi chiamo Lesther Burnham. Questo è il mio quartiere. Questa è la mia strada. Questa è la mia vita. Ho 42 anni. Fra meno di un anno sarò morto". Sono queste le prime parole di Lesther, protagonista e al contempo voce narrante, interpretato da un eccezionale Kevin Spacey, che entra ottimamente nella parte di un uomo tutt'altro che felice del proprio lavoro e della propria vita matrimoniale.

lunedì 3 settembre 2012
fab_y

All'inizio può sembrare una normalissima commedia americana con scene di vita quotidiana viste e riviste del prototipo della famiglia conformista e borghese: una figlia adolescente ribelle e arrabbiata in lotta con la famiglia e il mondo, un padre in crisi esistenziale che si ribella ai cliché borghesi che ha seguito per tutta una vita, una moglie che cerca disperatamente di star [...] Vai alla recensione »

martedì 1 novembre 2011
Bella Earl!

- Mai sottovalutare il potere della negazione - Lester Burnham è l'americano medio che, un giorno, da una svolta alla sua vita incontrando Angela, sedicenne e seducente bionda, migliore amica di sua figlia. Con una moglie fuori di sé che sogna di farsi un grande imprenditore immobiliare, nuovi vicini, e una figlia nevrotica, si accende una miccia che porterà a un'esplosione [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 gennaio 2011
monnnyticia

Proprio un bel film.. Di base regna una calma incalzante sullo sfondo della quale viene disegnata una nevrotica classe media che dalle luci della perfezione esplode fino alla morte. D'accordo con quanto scritto nella scheda, il personaggio più interessante è un marine gay in outing.

giovedì 19 novembre 2009
ivan91

Vincitore di 5 premi oscar nel 2000 compreso quello come miglior film e miglior attore protagonista(kevin spacey), questo film capolavoro di Sam Mendes e una forte denuncia contro la famiglia borghese americana che vive nel falso perbenismo, viene desrittta una famiglia che se la guardi all' esterno sembra una famiglia apparentemente normale, ma se guardi da "vicino" appunto questa e piena di problemi, [...] Vai alla recensione »

venerdì 25 settembre 2009
Gianly

L'inizio con il monologo di Lester (KEVIN SPACEY) con la telecamera a scendere sul quartiere, ci informa che tra meno di un anno sarà morto. Lester ci viene presentato in maniera scanzonata e ironica sulle notte di "Dead Already" ma non abbiamo minimanente idea di quello che ci aspetta. Forse è lecito chiedersi: cosa ci può offrire un film quando sappiamo già che il protagonista morira? L'effetto di [...] Vai alla recensione »

venerdì 4 gennaio 2013
Harry Manback

Non sono solito basare la grandezza di un film sulla quantità di premi vinti,  e non voglio farlo neanche adesso, però bisogna riconoscere che i cinque premi oscar assegnati ad "American Beauty" ,al contrario di come molti dicono, sono stati ampiamente meritati ! La regia è assolutamente fantastica, innovativa, la si può quasi sentire.

lunedì 29 febbraio 2016
Orion84

American Beauty è uno di quei film che tutti dovrebbero vedere almeno una volta nella vita, è un film che partendo da una famiglia normale, che appare perfetta per la società moderna, arriva a mostrarci quanta sofferenza e quanto buia può essere l'esistenza di noi tutti quando pieghiamo noi stessi alle regole non scritte della vita. Ognuno di noi può immedesimarsi in uno dei protagonisti del film, [...] Vai alla recensione »

lunedì 27 agosto 2012
stefano94

Lester, 42 anni, vivendo un matrimonio infelice si invaghisce di Angela, un'amica semi-ninfomane di sua figlia, Jane. Contemporaneamente Jane inizia una relazione con RIcky, vicino di casa, che rifornirà Lester di marijuana, mentre la moglie di Lester, Caroline, lo tradisce con uno yuppie suo collega. Molto meno complicato di quanto sembri, probabilmente uno dei film più belli degli [...] Vai alla recensione »

martedì 19 aprile 2011
Chrychry

American Beauty è la storia di un piccolo momento di bellezza che può risarcire e riscattare dal fango la misera vita dell’American Dream. La meravigliosa melodia di Thomas Newman accompagna un ironia drammatica che dall’inizio in poi ci invischia in sospetti e stupore, in realtà quotidiane raccontate con crudezza rigida e urla isteriche.

lunedì 8 giugno 2015
floyd80

 Un fulmine a ciel sereno...lo vidi per sbaglio in un soleggiato pomeriggio d'estate e ne rimasi affascinato. K. Spacey è da oscar, la regia è meravigliosa, la fotografia è stupefacente, la musica è celestiale e la sceneggiatura non fa un grinza. Un capolavoro del cinema americano.

sabato 21 febbraio 2015
benues

American beauty entra di diritto o per meglio dire è entrata di diritto 15 anni fa ,nella lista dei capolavori assoluti, sfornati dal cinema americano e non...e nel suo genere di sicuro quello che si definisce una pietra miliare,difficilmente ripetibile in questi termini....una black comedy che lascia in tutti noi un senso di frustrazione ma al tempo stesso di magnifica ossessione di quello che realmente [...] Vai alla recensione »

lunedì 1 settembre 2014
stefano bruzzone

Un mezzo capolavoro, anche nelle musiche azzeccatissime, con uno straordinario K.Spacey nei panni di un goffo americano medio il quale un bel giorno, folgorato dai complimenti ricevuti da parte di una compagna di classe della figlia, decide che ne ha piene le palle di tutti e ricomincia una nuova vita come si riportasse l'orologio biologico indietro di 30 anni.

venerdì 29 dicembre 2017
weachilluminati

  1999 ,American Beauty con Kevin Spacey stupendo, sì un affresco dove si dipinge tutta l'apparenza    che emerge  nel rispetto   di regole   strutture  della società. Cast: Kevin Spacey è Lester Burnham;Annette Bening è Caroline Burnham;Thora Birch è Jane Burnham ; Wes Bentley è Ricky Fitts ;Mena Suvari [...] Vai alla recensione »

sabato 1 aprile 2017
Fedezena

Emozionante, intrigante, divertente. Non è facile fare un film che tiene le persone incollate alla poltrona dall'inizio alla fine; in questo film ci sono riusciti, Audio, inquadrature, dialoghi, attori.. non ci sono momenti di noia, o momenti di eccessiva confusione.. è tutto perfettamente equilibrato.  E volendo, fa anche riflettere.

lunedì 29 febbraio 2016
Orion84

American Beauty è uno di quei film che tutti dovrebbero vedere almeno una volta nella vita, è un film che partendo da una famiglia normale, che appare perfetta per la società moderna, arriva a mostrarci quanta sofferenza e quanto buia può essere l'esistenza di noi tutti quando pieghiamo noi stessi alle regole non scritte della vita. Ognuno di noi può immedesimarsi in uno dei protagonisti del film, [...] Vai alla recensione »

martedì 23 febbraio 2016
Barolo

Veramente notevole questa pellicola di Mendes, che scava a fondo nelle dinamiche psicologiche di una famiglia americana  tipo,sfatando il mito del sogno americano, che s'infrange su un muro di ipocrisie,bugie,tradimenti e fallimenti.Spacey superbo, come uomo di mezz'età mediocre, afflitto da "lolitismo" Bening perfetta nel ruolo della nevrotica,arrivista fedigrafa e insoddisfat [...] Vai alla recensione »

sabato 10 gennaio 2015
SamN97

American Beauty è uno di quei film che capitano raramente. In esso riescono ad essere presenti allo stesso tempo e con le stesso successo tutti gli elementi che rendono un film un vero e proprio capolavoro: già dall'inizio, il gusto della citazione (Viale del Tramonto) e il progressivo richiamo al personaggio di Jack Lemmon de "L'appartamento" ci fanno capire che è [...] Vai alla recensione »

sabato 13 settembre 2014
williamd

Non saprei da dove iniziare per descrivere American Beauty...sicuramente mi è piaciuto. C'è una storia unica alla quale tutti i personaggi del film appartengono, ma tutti loro hanno anche una storia più personale. Ragionando logicamente tutte le storie sono un paradosso, uno più grande dell'altro, ma poi se ci pensiamo bene capiamo che sono molto più vicine [...] Vai alla recensione »

mercoledì 30 luglio 2014
Sabrina87

Il quadro è più o meno questo: la rappresentazione di uno spaccato di vita quotidiana... americana, nell'ambientazione, nei cliché, nei porticati delle case in legno, nei cheeseburger afferrati al volo da un distributore mentre si è in auto, nella fissazione spasmodica e maniacale per il raggiungimento del massimo obiettivo, retaggio di quella cultura "American Dream", in cui il benessere materiale [...] Vai alla recensione »

sabato 25 maggio 2013
jacopo b98

 Lester Burnham (Spacey), da morto, racconta il suo ultimo anno di vita in cui, innamoratosi di una compagna di scuola (Suvari) della figlia (Birch), cercherà in ogni modo di sedurla, mentre la isterica moglie (Bening) lo tradirà con un altro uomo (Gallagher) e il suo vicino di casa, ex-marine, gli dichiarerà la sua omosessualità prima di ucciderlo.

domenica 6 luglio 2014
WetMan

Quello che Alan Ball è riuscito a fare scrivendo la sceneggiatura di "American Beauty" ha dell'incredibile: è riuscito a narrare la storia di un grandissimo numero di personaggi seguendo un solo filone narrativo e senza l'ausilio della narrazione ad episodi, ed inoltre riuscendo ad affascinare per ognuna di quella vite così diverse ma, in fondo, anche così [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 maggio 2014
Freddie Lee

"American Beauty" non è solo un film,  è una poesia che ci viene narrata dalla calda voce di Pedicini (probabilmente la sua migliore prova di doppiaggio), accompagnata da una colonna sonora intensa ed emozionante e da una fotografia morbida e d'impatto. La regia non eccede in inutili virtuosismi, anzi si mantiene su toni pacati e morbidi, così come le prove [...] Vai alla recensione »

domenica 23 febbraio 2014
EvilDevin87

Questo film ne è uno degli esempi più lampanti. Un film che mostra come l'abitudinario possa corrodere e rovinare i rapporti umani fino al collasso. E' la debolezza e, contemporaneamente, la voglia di riscattarsi che muove ogni personaggio, ognuno dei quali è tanto semplice quanto incalzante ed efficace, e il film certo non richiedeva chissà che caratterizzazioni [...] Vai alla recensione »

sabato 28 febbraio 2015
Claudio92s

Questo film è sicuramente un cult del cinema, e con i suoi 5 oscar e un Kevin Spacey straordinario gode di una fama indiscussa, Ciò che particolarmente colpisce di questo film è l'incredibile diversità dei personaggi nei quali però si percepisce un qualcosa in comune: l'insofferenza per una vita nella quale la realtà lascia posto all'apparenza. I personaggi infatti hanno tutti dei limiti, mentali, [...] Vai alla recensione »

martedì 27 luglio 2010
chriss

Sono almeno cinque, come i premi Oscar vinti da questo film, le cose che mi hanno colpito. Vediamole: le riprese amatoriali fatte con la telecamera da Ricky Fitts; la moglie di Lester che si accascia sui vestiti quando il marito muore; la musica, degna di questo ottimo film; la moglie di Frank, Barbara, che fissa la stanza dicendo che c' è disordine; infine i petali che adornano la giovanissima [...] Vai alla recensione »

domenica 7 agosto 2011
Lady Libro

Un film senza dubbio particolare eppure così vicino alla realtà: Lester Burnham, un uomo insoddisfatto della propria vita e del proprio lavoro, ha una figlia, Jane, che lo odia e una moglie, Carolyn, che lo sottomette facilmente e lo critica spesso. La sua vita cambia completamente dopo l'incontro con Angela, un'amica di sua figlia, di cui s'innamora perdutamente [...] Vai alla recensione »

domenica 5 dicembre 2010
RONGIU

Sei un conservatore. Solo gli scrittori classici sono i tuoi preferiti. Mastichi sempre con la bocca chiusa. Non sbatti mai la porta. La tua casa è un museo. Non ti piace l'imprevisto. Sei eccessivamente critico. Sei un nobile. Sei senza peccato. Se, e solo se,  ti riconosci in tutto questo, ti prego: - “Alzati, vai via, non vedere il film.” [...] Vai alla recensione »

martedì 6 aprile 2010
TizianaStanzani

American beauty é uno straordinario film sulla vittoria di una generazione ormai adulta che è disposta a morire per i propri sogni, gli stessi che aveva gettato via, tanti anni prima, per colpa delle istituzioni. È la vittoria della coerenza sulla falsa dignità, è la vittoria della verità sull'idrocefalia delle forze armate.

sabato 19 settembre 2009
stefano2012

Spesso i film, malgrado si debbano prendere per quello che sono, riescono a modificare pensieri e quotidianità di persone. Ovvero, diventano delle icone. Punti di riferimento. Emozioni importanti o che rimangono impresse. Ebbene, per me questo film con il passare del tempo rimane come una vera e propria Icona cinematografica. Paragonabile a un vecchio e stimabile professore di scuola, o ad un amato [...] Vai alla recensione »

sabato 23 luglio 2011
paride86

 "American Beauty" è un ritratto quasi corale di più generazioni messe a confronto, strutturato su personaggi un po' scontati, ma riscattati da un'ottima interpretazione e da un intento caricaturale. Quello di Kevin Spacey è stato l'Oscar più meritato dei cinque che ha ricevuto. Bel film. Bel film.

lunedì 17 gennaio 2011
Nigel Mansell

L'ipocrisa dell'America svelata. Ci sono tutti i classici personaggi positivi (la coppia perfetta, il militare ecc.) ed uno uno vengono tutti denudati dall'ottimo regista. Solo il protagonista ha il coraggio di ribellarsi e fare autocritica. Il tutto qualche anno in anticipo rispetto alla crisi economica che ha definitavamente mostrato al mondo che il sogno americano della classe media [...] Vai alla recensione »

venerdì 5 febbraio 2010
holaaa

bellissimo una poesia,da guardare assolutamente

sabato 2 marzo 2013
Harry Manback

"American Beauty" è uno di quei film che tiene letteralmente incollati alla sedia mentre li si guardano, grazie al suo fortissimo impatto visivo e ad una messa in scena impeccabilmente teatrale.  Oltre a tenere incollati alla sedia però, sa anche farti venire i brividi lungo la schiena, specie durante i monologhi dei protagonisti, che sono, a mio parere, momenti di pura [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 febbraio 2013
DAMASTAH

Il film che ha acceso in me la passione del cinema. Lascia una traccia indelebile, impossibile dimenticarlo... come una cicatrice sul proprio corpo!

giovedì 27 dicembre 2012
Raltok

Uno dei miei film preferiti. L'avrò visto una decina di volta e non mi ha ancora stancato. Stupenda la collona sonora.

lunedì 19 dicembre 2011
pjmix

Forse un po' esagerato nella sua enfatizzazione, questo film riesce benissimo a spiegare quel senso di impotenza e di abitudine che prende la vita ad una certa età: sposarsi, mettere su famiglia, avere casa; tutte cose che a cui la maggior parte di noi ambisce e a cui si trova inevitabilmente legato. Ecco quindi che la figura di Kevin Spacey e di sua moglie rappresentano la "media" [...] Vai alla recensione »

giovedì 2 aprile 2009
holaaa

uno dei film più belli.... una metafora della vita.... riesce ad essere ironico,pungente,dolce....ci sono delle scene che non mi usciranno più dalla testa,sembra un film banale...ma ti fa pensare veramente 5 stelle meritatissime

domenica 24 aprile 2016
Cipolla Profumata

A tratti è tremendamente sincero. L'unica vera esagerazione è che "esplode" tutta la famiglia,se solo uno dei due genitori si fosse "contenuto" avrei messo una stella in più. Tuttavia è una pellicola ammirabile che desta grande interesse e veritiera. Può arrivare il punto in cui l'equilibrio diventa un limite insopportabile.

mercoledì 8 ottobre 2014
sofia90

Il minimo che posso dire è che questo film è un capolavoro in tutto. Cast, sceneggiatura, regia e non dimentichiamo la colonna sonora!La scena di Mena Suvari immersa nei petali di rosa è ormai un cult, ma per me la scena più significativa è quella della busta di plastica che danza nell'aria; perfino la musica in quella scena è tutto. Sam Mendes entra indisturbato in una famiglia americana apparentemente [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 giugno 2013
belbon

D'accordo con il recensore, ma per un film cosi' si poteva "spendere" qualche parola in più...Ma forse è stato colto da "crampite da penna"...

domenica 6 marzo 2011
Travis87

...mettere nella Scheda quello spoiler sul colonnello? eddai...

martedì 14 novembre 2017
xxx

Bellissimo.

venerdì 14 marzo 2014
brando fioravanti

La monotonia e l'insoddisfazione della famiglia medioborghese. Qua e la ci sono spunti di originalità, ma in se niente di nuovo. Il film cerca emozioni facili cercando immagini spettacolari associandolo alla buona capacità narrativa del regista su la bellezza infinita che cè nel mondo . Ma bisogna dirlo che l'effetto è incredibile.

martedì 19 aprile 2011
Chrychry

Bel Commento, soprattutto l'idea della maschera pirandelliana.

lunedì 24 maggio 2010
francescol82

Bellissimo film, da vedere.. la morale è che a volte - tante volte - l'apparenza inganna...

mercoledì 15 luglio 2009
Gianly

Quanto si differenzia quello che sembra da quello che è veramente? beffardo, crudele, ironico, spietato, divertente, ambiguo e chi più ne ha più ne metta. Pensare che non volevo andare a vederlo al cinema...e poi me ne sono innamorato, l'apparenza mi ha tratto completamente in inganno e durante il film ho vissuto emozioni uniche e irripetibili. Vederlo è come essere "smontati" e poi rimessi insieme, [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 settembre 2011
tiamaster

una tragicomedy straripante di spirito americano,i personaggi sono tutti molto estremi nelle loro caratterizzazioni,l'intreccio anche quello è portato all'estremo ma è proprio qua che il film vuole colpire:vuole far vedere come in una famiglia apparentemente normale ci possono essere dietro cose inimaginabili.ottimi attori dove kevin spacey e il migliore,il film si è preso meritati oscar,ogni personaggio [...] Vai alla recensione »

Frasi
Mai sottovalutare il potere della negazione…
Dialogo tra Lester Burnham (Kevin Spacey) - Ricky Fitts (Wes Bentley)
dal film American Beauty - a cura di JD
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Stefano Lusardi
Ciak

Perfetto. Non una nota stonata, mai un'inquadratura superflua. Così stupefacente da riconciliarci con una cinematografia, quella americana, che sembra aver dato il cervello all'ammasso. Invece American Beauty è di cristallina intelligenza. Un po' requiem per il Sogno Americano come si usava nei 70, un po' pura cattiveria in acido come in Happiness Ma se il film di Solondz era un condensato di sgarbata [...] Vai alla recensione »

Irene Bignardi
La Repubblica

Sembrerebbe tutto già visto: la critica della vita suburbana, il colletto bianco frustrato che si ribella ai miti e ai riti del quartiere residenziale e manda tutto al diavolo, la moglie ambiziosa e imperiosa che desidera solo mantenere le apparenze, la casa perfetta e le rose nel giardino davanti, la figlioletta ribelle in tempesta ormonale, i vicini strani, l'innamoramento dell'uomo adulto per la [...] Vai alla recensione »

Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Come sono belle le rose rosse di Carolyn. Nessun altro, nel quartiere, può vantare un roseto lussureggiante come il suo: superbi fiori di varietà American Beauty. Ed è questo il titolo scelto da Sam Mendes per il suo film: "Bellezza americana", con riferimento non solo ai profumatissimi steli, ma anche, e soprattutto, a uno stile di vita già in altri tempi chiamato "sogno americano".

Tullio Kezich
Il Corriere della Sera

"In vita mia non ho mai fatto una sola cosa che volevo" si lamentava il protagonista di Babbit (1922), un romanzo di Sinclair Lewis oggi tanto caduto nell'oblio che non lo vedo menzionato in nessuna delle recensioni di American Beauty. Definito "a real american original" da Todd McCarthy su Variety, il bel film di Sam Mendes giustifica la definizione perché non ha a monte un libro o una commedia ed [...] Vai alla recensione »

Emanuela Martini
Film TV

L'American Beauty è una rosa, una rosa rossa e snella coltivata con pignola passione da una moglie frustrata. La American Beauty è anche un'adolescente bionda, intravista dal protagonista tra le majorettes del college e subito idealizzata come una nuova Marilyn, ricoperta, nei sogni e nei desideri, di petali purpurei. Ma la "bellezza americana" è anche, sardonicamente, una vita suburbana agiata ma [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

"Tra un anno sarò morto", dice la voce fuori campo di Lester Bumham (Kevin Spacey). Ma in fondo, aggiunge, "sono già morto". L'io narrante di American Beauty (Usa, 1999, 121') parla da un luogo e da un tempo paradossali, che stanno oltre il film, al di là della sua vicenda. Qualcosa di simile accadeva in La fiamma del peccato di Billy Wilder. "Non ho avuto i soldi e non ho avuto la donna": così, all'inizio, [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Family life,sono passati quasi trent'anni dall'omonimo film di Ken Loach che, con piglio secco e documentaristico, ispirandosi alle teorie di Laing, scandagliava la nevrosi di un famigliola piccolo-borghese. Eppure la basica istituzione - con buona pace del Pontefice, di Ciampi e di D'Alema - continua a non passarsela troppo bene. Almeno per come la racconta il cinema, mentre in tv è tutta un'altra [...] Vai alla recensione »

Roberto Silvestri
Il Manifesto

Si può fare poesia, si può vivere davvero, a San Fernando Valley, l'al di là di Hollywood, il di dietro della più famosa collina del mondo? Eppure è il posto più brutto e invivibile del mondo, con tutte quelle casettine uguali, più centri commerciali, dove la middle class - che vi venne rinchiusa negli anni '50 ostaggio di un disegno residenziale "apartheid" - ha la soddisfazione psicolabile di non [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Che prenda qualche Oscar (come si dice) oppure che non li prenda, American Beauty, diretto dal regista teatrale debuttante nel cinema Sam Mendes, è un buon film molto ben recitato, una di quelle storie d'infelicità borghese negli Stati Uniti predilette dagli europei, una tragedia americana esemplare e schematica alla maniera di Arthur Miller. Naturalmente, la piccola famiglia ideale benestante ed elegante [...] Vai alla recensione »

Paola Cristalli
Quotidiano.net

Questo è il mio quartiere, questa è la mia vita. La voce di Kevin Spacey plana su una periferia americana d'autunno, giardini ordinati, viali di rami spogli, contorni netti, una luce immobile come in un quadro iperrealista che cominci però a perdere i colori. La sua vita (lo dirà poi al suo capufficio, con scherno freddo, nel momento in cui perde il lavoro), è qualcosa che ha a che fare con l'inferno. [...] Vai alla recensione »

Giovanna Grassi
Il Corriere della Sera

Parla il regista Mendes che ha diretto Spacey e la Bening nella pellicola favorita per i Globi d’oro. Il regista di "American Beauty": commedia feroce sulla crisi della famiglia borghese. Uscirà il 21 nelle sale italiane "American beauty", il film-evento prodotto dalla Dreamworks di Spielberg e diretto dall’inglese Sam Mendes, che ha incassato finora oltre 130 miliardi di lire.

Giovanna Grassi
Il Corriere della Sera

In Italia vietato ai minori di 14 anni. Kevin Spacey: "È una storia disperata, ma piena di poesia". Fa discutere il film che ha conquistato gli Usa. L’attore "La sua verità disincantata aiuta il dialogo tra padri e figli". Sesso, droga, valori offesi: è un capolavoro ma può contagiare i giovani. "American Beauty", il film di Sam Mendes candidato a una messe di nomination per i prossimi Oscar e che [...] Vai alla recensione »

Claudio Carabba
Sette

"Fra un anno sarò morto ...". Come nei vecchi classici, la voce narrante fuoricampo è postuma e malinconica. Quando American Beauty comincia, tutto è già avvenuto; il protagonista (mister Lester, uno strepitoso Kevin Spacey) è già stato ammazzato. La storia ci dice da chi, come e perché. Ma non conta solo la notte della tragedia: gli ultimi mesi dell'ordinaria vita di Lester sono la cronaca sentimentale [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano.net

La crisi di due famiglie della middle-class americana da cui escono sani soltanto due solitari teen-ager con un futuro incerto, ma sentimentalmente onesto. Con abilità drammaturgica e invenzioni visive (la fotografia di Conrad Hall viene dalla New Hollywood anni 70 e illumina la "bellezza nascosta" del titolo) l'esordiente Sam Mendes tocca al cuore la generazione maturata dal " grande freddo" valorizzando [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Le coppie in crisi, o anche solo traballanti, è bene che evitino un film del genere: potrebbe essere la spinta decisiva per la separazione. È vero che il cinema è un ritrovo per famiglie, ma stavolta genitori e figli dovrebbero vederselo per conto proprio: certe scene sono così crude da creare presumibili imbarazzi anche in nuclei affiatatissimi. Per dire di che pasta è fatto American Beauty basta [...] Vai alla recensione »

winner
miglior film
Premio Oscar
1999
winner
miglior regia
Premio Oscar
1999
winner
miglior attore
Premio Oscar
1999
winner
miglior scenegg.ra originale
Premio Oscar
1999
winner
miglior fotografia
Premio Oscar
1999
winner
miglior film straniero
Nastri d'Argento
2000
winner
miglior film
Golden Globes
2000
winner
miglior regia
Golden Globes
2000
winner
miglior scenegg.ra
Golden Globes
2000
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati