•  
  •  
Apri le opzioni

Elena Anaya

Elena Anaya è un'attrice spagnola, è nata il 17 luglio 1975 a Palencia (Spagna). Elena Anaya ha oggi 46 anni ed è del segno zodiacale Cancro.

Elena y el Sexo

A cura di Fabio Secchi Frau

Sembrava essere la più innocente, invece si è lasciata andare a scene degne di Tinto Brass. Sul web impazzano le sue immagini osé, strappate dal film che lega Lucia al sesso. Lei è l'imperdibile attrice spagnola Elena Anaya, lanciata (e i cinefili horror lo sanno di sicuro) nel film dark Van Helsing, nell'originale ruolo di una delle mogli vampire del Conte Dracula.

Origini e formazione
Ultima di tre fratelli, la sua infanzia ha fatto da sfondo alla separazione dei suoi genitori. Durante l'adolescenza, invece, si appassiona a molti sport, fra cui il karate e le immersioni subacquee, senza mai provare una vera passione per lo studio. Ragion per cui, dopo aver ultimato gli studi obbligatori, si mette subito a lavorare come cuoca e donna delle pulizie di una pensione per studenti, lasciando la scuola di Cadice, dove studiava. Eppure, torna fra i "banchi di scuola" quando prende in considerazione il suo futuro come attrice: allora presenta la domanda d'accesso per la RESAD, ovvero la Real Superior School of Dramatic Art di Madrid, dove seguirà le lezioni di Manuel Moron.

Debutto a Madrid
La sua prima vera esperienza recitativa è nel cortometraggio Adiós Naboelk (1995) di Mar Sampedro, ma quando la sua manager, Katrina Bayonas, le dice di presentarsi per il provino del lungometraggio Africa (1996) di Alfonso Ungria, Elena corre a competere con altre attrici per ottenere la parte e ci riesce. Trasferitasi ormai ufficialmente nella capitale, divide un appartamento con due ragazze francesi e continua a studiare e lavorare come attrice, ma passate le prove d'ingresso per la RESAD, viene espulsa quando il regista Fernando Leon de Aranoa la chiama per partecipare alla commedia Familia (1996). Dato che è un'opportunità unica, Elena non se la sente di rinunciare. Ma consapevole di quanto sia importante ultimare la sua istruzione si iscrive alla scuola di recitazione dell'attore Juan Carlos Corazza.

Il ruolo vincente e l'America la reclama
Nominata ai Goya come miglior attrice non protagonista per il film Lucìa y el sexo (2001), nella parte di Belén, viene inserita da Pedro Almodovar nel cast di Parla con lei (2002).
L'America si accorge immediatamente di questo astro nascente iberico e la reclama a gran voce e, al richiamo, Elena risponde. Nel 2004 lavora con Terence Stamp in Dead Fish e, lo stesso anno, è diretta da Stephen Sommers nell'horror avventuroso Van Helsing con Hugh Jackman, Kate Beckinsale, Richard Roxburgh, David Wenham e Robbie Coltrane. La sua parte è quella di una delle demoniache mogli di Dracula. Successivamente, nel 2006, è accanto a Meg Ryan in In the Land of Women, poi appare anche in un videoclip del cantante pop Justin Timberlake dimostrando, oltre alla passione per la settima arte, anche quel pizzico di glamour che non guasta mai. Nel 2007 partecipa all'action di cappa e spada, con Viggo Mortensen, Il destino di un guerriero, e alla commedia Il bacio che aspettavo, ancora una volta al fianco di Meg Ryan. E dopo una parte nel deludente Savage Grace e dopo aver interpretato diversi ruoli tra Europa e America, nel 2011 torna in patria diretta dal maestro Almodòvar in La pelle che abito, nel quale affianca Antonio Banderas. Nel 2016, il giovane Matías Bizet la dirige nel ruolo di una madre distrutta dal dolore per la perdita di un figlio in La memoria del agua di Matias Bize. Negli ultimi anni la vediamo nel film Wonder Woman di Patty Jenkins, ma anche diretta da Woody Allen in Rifkin's Festival.

Ultimi film

Commedia, (USA, Spagna - 2020), 92 min.
Azione, Avventura, Fantasy - (USA - 2017), 141 min.
Drammatico, (Spagna - 2011), 120 min.

Focus

INCONTRI
mercoledì 21 settembre 2011
Ilaria Ravarino

Metti una mattina con Pedro Almodóvar. Caffè e pasticcini in terrazza, un affaccio mozzafiato su Roma, una giornata calda, pigra e clemente. Lui, il Maestro, si presenta puntuale in camicia a fantasia maculata e grandi occhiali da sole che, educatamente, si toglie per salutare la stampa. Lo seguono i suoi attori, il figliol prodigo Antonio Banderas tornato a recitare per lui dopo 20 anni, e la minuta Elena Anaya: ma gli applausi sono tutti per il regista spagnolo

News

Il quesito è pertinente. Di Pino Farinotti.
La pelle come contenitore dell'Io, nella teoria psicanalitica e nell'ultimo Almodovar.
Il regista a Roma con Banderas ed Elena Anaya per presentare il suo nuovo film.
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | Serie TV | Dvd | Stasera in Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | TROVASTREAMING
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati