Nido di vipere

Film 2020 | Drammatico, +13 109 min.

Titolo originaleBeasts Clawing At Straws
Anno2020
GenereDrammatico,
ProduzioneCorea del sud
Durata109 minuti
Al cinema31 sale cinematografiche
Regia diKim Yong-Hoon
AttoriJeon Do-yeon, Woo-sung Jung, Yuh Jung Youn, Seong-woo Bae, Hyeon-bin Shin Jeong Man-sik, Jin Kyung, Ga-ram Jung, Jun-han Kim, Jin-Woong Bae, Heo Dong-won, Jang Eui-Don, Kwon Hyuk-bum, Yong-hwa Jung.
Uscitagiovedì 15 settembre 2022
TagDa vedere 2020
DistribuzioneOfficine Ubu
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,73 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Kim Yong-Hoon. Un film Da vedere 2020 con Jeon Do-yeon, Woo-sung Jung, Yuh Jung Youn, Seong-woo Bae, Hyeon-bin Shin. Cast completo Titolo originale: Beasts Clawing At Straws. Genere Drammatico, - Corea del sud, 2020, durata 109 minuti. Uscita cinema giovedì 15 settembre 2022 distribuito da Officine Ubu. Oggi tra i film al cinema in 31 sale cinematografiche Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,73 su 16 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Nido di vipere tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 14 settembre 2022

I destini di quattro miserandi si intrecciano e il colore dei soldi diventa il rosso del sangue in un puzzle di vite grottesche. In Italia al Box Office Nido di vipere ha incassato 79 mila euro .

Consigliato assolutamente sì!
3,73/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,35
PUBBLICO 4,35
CONSIGLIATO SÌ
Un neo-noir senza scrupoli e a rotta di collo che guarda al cinema dei Coen e intrattiene con mestiere.
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 27 luglio 2022
Recensione di Emanuele Sacchi
mercoledì 27 luglio 2022

Attorno a una borsa Louis Vuitton piena di denaro, scoperta casualmente dall'impiegato di un hotel gravato dai debiti, ruota l'interesse di una serie di personaggi: una tenutaria seduttiva e letale, un assassino, un detective con una linea di condotta singolare e altri ancora. Tra doppiogiochismi e inganni a ripetizione, il sangue scorrerà copioso.

Si può girare un neo-noir che assomiglia a un milione di altri noir e uscirne vincitori? Sì, se questo proviene dalla Corea del Sud, sede di una cinematografia che, al di là dell'Oscar a Parasite, è da anni garanzia di qualità per il cinema di genere. In particolare di questo genere, il noir, in cui ha saputo assorbire la lezione del cinema americano e di quello di Hong Kong per trovare spesso forme nuove di grande interesse.

Nido di vipere - ma il titolo internazionale Beasts Clawing at Straws, letteralmente "Bestie che si aggrappano alla paglia", spiega tutto quel che c'è da sapere nel migliore dei modi - può vantare tutti gli ingredienti essenziali: valigie piene di soldi, donne fatali che non esitano a uccidere, indebitati in un gorgo di disperazione, tipi che si credono più furbi degli altri (ma si sbagliano). Niente che i fratelli Coen o Nicholas Ray non ci abbiano già mostrato, ma a volte anche il manierismo - se così lo si vuol chiamare - può rappresentare un godimento assoluto.

È lo stesso Kim Yong-hoon, regista al debutto che adatta un romanzo del giapponese Sone Keisuke, a riconoscere un'influenza in Fargo, ma è ancor più Non è un Paese per vecchi a tornare alla mente, per il plot basato sulla refurtiva maledetta e l'escalation di violenza spesso insensata che ruota attorno al bottino.

La struttura spezzata in capitoli, non necessariamente ordinati secondo un criterio diacronico, rimanda invece a Pulp Fiction e, prima ancora, a Rapina a mano armata di Stanley Kubrick.

Stabilito che non è quindi l'originalità il motivo di maggior interesse di Nido di vipere, a contare è soprattutto la credibilità della messa in scena e la capacità di intrattenimento. Sotto questo profilo il film di Kim garantisce il meglio possibile, affidandosi in toto a un cast di protagonisti e caratteristi consolidati. Su tutti spicca Jeon Do-yeon (The Housemaid), qui a briglia sciolta nel ruolo di femme fatale, sexy come Linda Fiorentino in L'ultima seduzione e crudele come Barbara Stanwyck in La fiamma del peccato.

Manipolatrice, senza scrupoli e del tutto amorale, Jeon è un piacere per gli occhi, che si impadronisce di ogni sequenza in cui è presente. Ma, attorno a lei, sono il ritmo serrato della sceneggiatura e il tono caricaturale e pulp della vicenda a farla da padrone e occupare nel migliore dei modi 110 minuti di film, con tanto di ciclicità tra incipit ed epilogo e continui colpi di scena che mettono a dura prova il punto di vista dei detective amatoriali presenti nel pubblico.

Se anziché il nuovo a tutti i costi cercate solido mestiere e garanzia di intrattenimento vecchio stile (ma con efferatezza nuova e tipicamente sudcoreana), Nido di vipere fa per voi.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 23 settembre 2022
ergo

Beasts Clawing at Straws: Capisco che il titolo originale non rendeva o era intraducibile, ma con Nido di Vipere si è banalizzato un po' tutto E infatti il film è già banale di suo, concettualmente e nelle dinamiche di sceneggiatura. Poco più del solito noir d'acchiappo/fuga, vagamente grottesco, nella lotta eterna tra sfigati e malavitosi per chi è [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 settembre 2022
ROSMERSHOLM

Ottimo film. Molto godibile per chi ama il genere. Una sceneggiatura dagli incastri spazio-temporali perfetti, grande regia e recitazione. Una prece per il cinemino italiano. 

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
lunedì 26 settembre 2022
Fabio Canessa
Il Tirreno

Il cinema coreano si conferma tra i più vitali del momento, dimostrando di possedere quella freschezza creativa che un tempo cercavamo nei film occidentali. Difficile stabilire se sia un film di genere o d'autore questa black comedy dalla sceneggiatura oliata e calibratissima nel dosare umorismo e tensione, che racconta la storia di una valigia piena di soldi (frutto dell'assicurazione sulla vita di [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 settembre 2022
Leslie Felperin
The Guardian

L'opera prima del coreano Kim Yong-hoon è un circo a tre piste, ricco di personaggi e di trame intrecciate, che ruota intorno a una borsa piena di soldi ritrovata in un armadietto dall'inserviente di una sauna. Con quei soldi spera di sfuggire alla sua vita faticosa, ma non è l'unico a voler mettere le mani su quella piccola fortuna. Alcuni espedienti narrativi non sono così brillanti e sorprendenti [...] Vai alla recensione »

sabato 17 settembre 2022
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Bella banda di parassiti, per rispolverare il clima di "Parasite" diretto da Bong Joon-ho, vincitore a Cannes nel 2019. Intorno a un borsone di Louis Vuitton pieno di banconote, e non di piccolo taglio a giudicare dagli zeri. Basta vederlo per desiderare di metterci le mani sopra. Il denaro basta guardarlo e già corrompe, sosteneva Mark Twain in uno dei suoi racconti.

sabato 17 settembre 2022
Nicola Falcinella
L'Eco di Bergamo

Un puzzle da comporre con attenzione, che richiede allo spettatore di non perdersi i dettagli e alla fine si rivela appagante. È il coreano «Nido di vipere», uno dei film di puro intrattenimento più interessanti di questo periodo. La sequenza iniziale, con mani ignote che con sicurezza e circospezione collocano una valigia firmata piena di banconote dentro un armadietto, dichiara molte delle intenzioni: [...] Vai alla recensione »

sabato 17 settembre 2022
Marianna Cappi
La Voce di Mantova

È possibile che un canovaccio che abbiamo già visto mille volte funzioni nuovamente alla perfezione per la milleunesima? "Nido di vipere" (in originale "Beasts Clawing at Straws"), esordio del sudcoreano Kim Yong-hoon, sembrerebbe dimostrare che lo è, a patto di puntare sull'iperbole, di affrescare una parabola senza scampo, e di divertirsi col genere e con qualche personaggio originale, affidato a [...] Vai alla recensione »

venerdì 16 settembre 2022
Nicola Falcinella
La Provincia di Como

Mani misteriose trasportano una valigia firmata e la depositano con attenzione dentro un armadietto, il numero 47, di uno spogliatoio. All'interno c'è l'equivalente di un milione di dollari in banconote. È la sequenza iniziale del film coreano "Nido di vipere", una delle uscite al cinema più interessanti della settimana, che dichiara già molto delle sue intenzioni: una situazione vista e rivista, che [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 settembre 2022
Mazzino Montinari
Il Manifesto

Una valigia dimenticata nell'armadietto di uno spogliatoio con tanti soldi al suo interno e svariate persone a contendersela. Questa in breve è la traccia di Nido di vipere scritto e diretto da Kim Yong-hoon. Opera prima coreana presentata in numerosi festival (Rotterdam, Busan, Sitges, il Far East di Udine) e premiata da giurie attratte dalla deformazione dei generi, da un cinema che mette insieme [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 settembre 2022
Maurizio Acerbi
Il Giornale

In mezzo al piattume di questo periodo, fa piacere che ci siano film ancora capaci di sorprendere. Come questo noir coreano che sembra pescare dal cinema dei Coen. Tutto ruota attorno a una borsa Louis Vuit-ton piena zeppa di denaro che cambierà le vite di vari personaggi, tra donne spietate, uomini indebitati, strozzini, detective amo- rali. Un colpo di scena via l'altro ben orche- strato e credibile, [...] Vai alla recensione »

martedì 13 settembre 2022
Marco Minniti
Asbury Movies

Uscito in patria nel 2020, dopo la première mondiale al Festival di Rotterdam, questo Nido di vipere ha avuto la sorte sfortunata di molti dei film prodotti a ridosso dell'inizio della pandemia di Covid-19. Una sostanziale invisibilità, quella di questo esordio del regista sudcoreano Kim Yong-hoon, che nel nostro paese è stata in parte interrotta dalla presentazione nell'edizione online del 2020 del [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 settembre 2022
Emanuele Bucci
Ciak

Una borsa piena di soldi, lasciata nell'armadietto di una sauna e trovata da un inserviente, è l'oggetto che congiunge tra loro le vicende di diversi personaggini in una città portuale della Corea del Sud. Tra i protagonisti anche un doganiere indebitato con un usuraio, una prostituta picchiata dal marito, un immigrato irregolare e una truffatrice. Tratto dal romanzo omonimo del giallista nipponico [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 settembre 2022
Mario Mazzetti
VivilCinema

Una città portuale della Corea del Sud, Pyeongtaek, dagli spazi sconfinati al- ternati a quartieri soffocanti; l'immancabile pioggia che cade su esistenze rese precarie da rovesci di fortuna e dalla vana promessa di seconde possibilità. Tracolli, inganni, difficoltà economiche e "polli" da spennare portano una galleria di personaggi a immaginare la svolta, a oltrepassare la soglia del crimine, approfittando [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 gennaio 2021
Andrea Chimento
Il Sole-24 Ore

La piattaforma Fareastream, nata da pochi mesi e interamente dedicata al cinema dell'Estremo Oriente, propone un'ottima selezione di film del passato (tra cui vari capolavori di Yasujiro Ozu), ma anche diversi titoli recenti particolarmente interessanti: tra questi «Beasts Clawing at Straws», esordio coreano che ha ricevuto parecchi premi nel corso del 2020.

lunedì 25 gennaio 2021
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Potrebbe piacere ai fratelli Coen, piacerà agli amanti del cinema coreano e, ancora, a quelli del thriller a incastri. Disponibile sulla piattaforma FareaStream, è Beasts Clawing at Straws ("Bestie che si aggrappano a tutto"), opera prima scritta e diretta da Kim Yong-hoon, a partire dall'omonimo romanzo (2011) del giallista giapponese Keisuke Sone.

martedì 19 gennaio 2021
Fiaba Di Martino
Film TV

Guida per riconoscere il tuo instant cult: una gustosa divisione in capitoli; un incipit spiazzante, un finale all'altezza e magari pure circolare; protagonisti, simboli e tormentoni d'immediata portata iconica; colpi di scena calibrati al millimetro, pur senza esagerare; un'autoconsapevolezza tale da permettersi il citazionismo, ma senza che i richiami prendano il sopravvento sulla materia originale. [...] Vai alla recensione »

sabato 4 luglio 2020
Davide Di Giorgio
Duels.it

Tanti personaggi in cerca di una borsa: all'interno sono infatti custoditi numerosi bigliettoni che potrebbero riscattare le loro vite mediocri. Parte dal più classico spunto noir questo sorprendente meccanismo a orologeria sudcoreano, presentato in anteprima italiana streaming al Far East Film online 2020, ispirandosi a un romanzo del giallista giapponese Sone Keisuke.

NEWS
NEWS
giovedì 14 luglio 2022
 

I destini di quattro miserandi si intrecciano e il colore dei soldi diventa il rosso del sangue in un puzzle di vite grottesche. Vai all'articolo »

TRAILER
venerdì 15 luglio 2022
 

Un disperato gioco senza esclusione di colpi tra omicidi, tradimenti, colpi di fortuna e sfortuna. Dal 15 settembre al cinema. Guarda il trailer »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati